"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Ecco come il “democratico” occidente maltratta i giornalisti russi

di   Eugenio Cipolla

Quando un paio di anni fa la Rada, il parlamento ucraino, ritirò gli accrediti ai giornalisti russi, a seguito della situazione in Donbass, fummo tra i pochi a denunciarlo, facendo notare come tutti coloro che si erano impegnati per la libertà di stampa dopo gli attacchi al settimanale parigino Charlie Hebdo, avessero in quell’occasione tenuto un profilo molto basso, disinteressandosi della questione.

La mossa della Rada, chiaramente patrocinata da Petro Poroshenko, non fu solo uno sgarbo alla Russia e Vladimir Putin, ma anche una grave limitazione della libertà di stampa, che purtroppo ha creato un precedente che nelle ultime settimane si sta ripetendo sempre nei confronti dei giornalisti, sempre con il consueto silenzio del sistema occidentale.

Ne sanno qualcosa quelli di Russia Today che in pochi giorni hanno ricevuto dagli Stati Uniti d’America (qualcuno la definisce la più grande “democrazia” del mondo) un uno due incredibile. Prima da Mark Zuckeberg, che attraverso Facebook ha bloccato la pagina del canale tv russo. «Per noi si tratta di censura politica», ha detto Maria Zakharova, portavoce del ministero degli Affari Esteri russo. La tempistica d’altronde fa venire più di qualche dubbio. Perché se è vero che Russia Today avrebbe violato alcune norme sul copyright, è ancor più vero che la tempistica con la quale si è impedito al più grande network russo in lingua inglese di documentare con foto e video l’insediamento di Donald Trump è piuttosto sospetta.Ma i regali a stelle e strisce riservati a Russia Today non finiscono qui, perché a Washington DC, durante le proteste contro l’insediamento di Trump, sfociato in scontri tra facinorosi e polizia, è stata arrestato Alexander Rubinstein, giornalista dell’emittente russa di base tra la capitale Usa e New York.

Rubinstein stava documentando la manifestazione, quando all’improvviso è stato arrestato dalla polizia americana con l’accusa di coinvolgimento nei disordini. «Il nostro dipendente è libero – ha detto il servizio stampa del canale – e nel mese di febbraio dovrà affrontare la prima udienza. Gli avvocati ci hanno consigliato di astenerci da qualsiasi commento». Rubinstein però rischia 10 anni di carcere e una multa di 25 mila dollari. Questo nonostante subito dopo l’arresto abbia rivelato la propria identità e spiegato cosa ci faceva lì.

Tornando da dove siamo partiti, ossia dall’Ucraina, oggi si è registrato un nuovo episodio di discriminazione ai danni di giornalisti russi. Durante una visita ufficiale a Helsinki, dove ha tenuto un incontro bilaterale con il presidente della Finlandia, Sauli Niinisto, Petro Poroshenko si è rifiutato di rispondere alle domande poste dai giornalisti russi. L’episodio, raccontato da Interfax Ucraina, è avvenuto nel corso della conferenza stampa successiva all’incontro. Quando un giornalista russo ha preso la parola per fare una domanda a Poroshenko, il presidente ucraino si è rifiutato di fornire una risposta, limitandosi ad affermare:«Smettete di uccidere gli ucraini e liberate il nostro territorio!».

Poroshenko è sembrato irremovibile anche qualche istante dopo, quando ad un successivo tentativo da parte dei giornalisti russi di avere risposte dal capo di stato ucraino, ha detto che non rilascerà più interviste ai media vicini al Cremlino, mentre la Russia sta occupando il territorio ucraino. Comportamento prevedibile quello del presidente ucraino, non certo come quello del suo omologo finlandese, rimasto in silenzio di fronte a questo siparietto, nonostante il suo paese sia, nella classifica di RSF al primo posto nel mondo per la libertà di stampa.

Jan 24, 2017 22:29 Europe/Rome

Fonte: Pars Today

 

*

code

  1. Mardunolbo 8 mesi fa

    I politici occidentali fanno a gara a chi è più imbecille e servo della finanza. Le nazioni del Nord, nutrite a socialismo pratico con protestantesimo e massoneria di massa, sono le più serve all’immigrazione ed incapaci di risolvere la violenza degli immigrati che ormai spadroneggiano quanto possono davanti ad una polizia sgomenta ed impreparata. Vedere su you-tube la massa di video sulle violenze degli immigrati in Finlandia, Svezia e Norvegia…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Giorgio 8 mesi fa

    Non mi sembra il pulpito adatto per lanciare la predica, si deve prima offrire il buon esempio, poi eventualmente passare alle reprimenda.
    Condivido il senso del commento di chi mi ha preceduto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Paolo 8 mesi fa

    Scusate se vado fuori tema ma quando ho letto charlie hebdo non ho potuto trattenermi: le vignette fatte sui disastri che ci hanno travolto meritano un’altra visitina in redazione…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Citodacal 8 mesi fa

      Eh, ma poverini! Così si nega la libertà di satira… (e poco importa se la satira vera sia ironica e intelligente, ovvero tutto il contrario di quel mostrare glutei pelosi che invece caratterizza la rivista francese). Contrariamente a quanto si ritiene, il ruolo originario del buffone di corte non era quello di mettere il monarca alla berlina in modo farsesco, o sollazzarne il gusto in via servile, quanto piuttosto l’indicar lui, attraverso il riso e la comicità, le proprie manchevolezze ed idiosincrasie nel governare il regno: con ogni severo appunto detto così per ridere, soltanto a un imbecille sarebbe giunta l’incontrollata volontà di far spiccare la testa dal busto del giullare (dunque un ruolo, quest’ultimo, tutt’altro che superficiale), che altro non riportava, per ilare via, se non l’umore verace e inconfessabile del regno al proprio re.

      Rispondi Mi piace Non mi piace