È troppo tardi, l’ora degli egemoni è già passata


di Andrei Martyanov

Ah, Carol King. Nelle notizie :

L’UE vuole utilizzare i soldi delle sanzioni contro la Russia per finanziare la ricostruzione dell’Ucraina. Ma prima bisogna trovare i soldi, e la situazione giuridica non è chiara, come dimostrano documenti inediti. Ma Bruxelles ha trovato un trucco .

Ma, ma… ora concludono che l’UE non può toccare questi fondi e che devono essere restituiti alla Russia una volta terminate le ostilità, ammesso che li trovino. Come cantava Carole King, è troppo tardi. L’Occidente combinato ha rubato quei soldi dalla Russia e ora qualsiasi tentativo di giocare ‘giudizialmente’ è ridicolo – è troppo tardi. L’UE ha dimostrato di cosa si tratta e non c’è niente da dire: l’UE pagherà per il ripristino del Paese 404, compresi i territori che sono stati annessi alla Russia, e ciò non avverrà “investendo” i fondi della Russia nel I piani fasulli dell’UE e l’utilizzo degli interessi di quei fondi per pagare il ripristino del 404. L’UE, come gli Stati Uniti, non è in grado di raggiungere un accordo, e questo è tutto.

Sulla stessa linea, il grande capo della CIA Burns ha osservato :

Il ruolo dominante degli Stati Uniti nel mondo non può più essere garantito, perché il Paese sta vivendo un periodo di cambiamento “che accade solo due volte in un secolo”, ha detto Bill Burns, direttore della Cia. Parlando al Baker Institute all’inizio di questa settimana, Burns ha affermato che mentre Washington “ha sempre una carta migliore da giocare rispetto a qualsiasi altro rivale”, non è “più l’unico ragazzone del quartiere. La nostra posizione geopolitica al vertice della classifica sul tavolo non è garantita”.
Il capo della CIA ha sottolineato i crescenti legami tra Cina e Russia, che secondo lui rappresenteranno una “sfida tremenda” per la sua agenzia negli anni a venire. Secondo Burns, Pechino “non ha solo un posto a tavola; vuole prendere il controllo della tavola”, mentre la Russia cerca di “sconvolgere il tavolo”. »

Buona fortuna cercando di “spiare” la Russia o la Cina. Ma ho una notizia per la CIA e il suo World Book of Facts: gran parte dei dati economici sulla Russia là dentro sono fondamentalmente stronzate scritte dai seguaci dei “metodi” di Wall Street, proprio come, del resto, i dati sull’economia USA che è molto più piccola di quanto raffigurato. Dovrebbero dimenticare di usare il dollaro USA come misura di qualsiasi cosa dell’economia reale perché non è altro che un gioco di prestigio pseudo-economico usato dagli Stati Uniti per gestire le istituzioni finanziarie. E sì, il tavolo è stato completamente ribaltato ed è cosa fatta. Ma anche il FMI non può più nascondere i fatti , anche se manomette i propri dati:

” Il Fondo monetario internazionale (FMI) ha alzato la sua stima della crescita economica della Russia nel 2023, ha affermato il Fondo nel suo rapporto World Economic Development Prospects pubblicato il 12 aprile. Il FMI prevede che il PIL nazionale russo crescerà dello 0,7% nel 2023, in calo rispetto a una precedente previsione di crescita dello 0,3% per quest’anno. Si prevede inoltre che la crescita sarà dell’1,3% l’anno prossimo, inferiore alla precedente previsione del 2,1%, poiché le sanzioni continuano a farsi sentire. L’inflazione in Russia è stata in media del 13,8% l’anno scorso, secondo il FMI. L’inflazione dovrebbe scendere al di sotto del tasso obiettivo del 4% della Banca centrale russa (RCB) nei prossimi mesi, a causa di effetti di base deboli, ma aumenterà di nuovo nella seconda metà di quest’anno a circa l’8%, secondo il BCR. Il Fondo prevede che l’inflazione scenderà al 7% nel 2023 e al 4,6% nel 2024. »

Sapete cosa sta alimentando questa crescita? No, non l’economia dei servizi: questa si è in qualche modo ridotta perché non ci sono abbastanza saloni termali e società di “coaching di successo”. La vera crescita è nell’economia reale (suggerimento: è intorno al 4-5% almeno), che spazia dai trasporti e dalla costruzione navale all’industria aerospaziale e mineraria. Sai, i beni tangibili che permettono all’umanità di vivere e prosperare.

Nel frattempo, ecco i risultati dell'”attività” del FMI in Argentina (tra molti altri paesi):

Non per niente l’Argentina vuole entrare a far parte dei BRICS. È molto meglio che essere lo schiavo finanziario del FMI. La Russia l’ha vissuta negli anni ’90 – uno dei temi preferiti dai banchieri occidentali è l’austerità, perché qualche avvoltoio finanziario di New York, Miami o Los Angeles non può permettersi l’ultima Lamborghini o una casa per le vacanze a Martha’s Vineyard.

PS La Germania ha approvato il trasferimento all’Ucraina dei MiG-29 che ha dato alla Polonia nel 2002.

Fonte: https://smoothiex12.blogspot.com/2023/04/and-its-too-late-baby-now-its-too-latec.html

Traduzione: Gerard Trousson

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM