È tempo di liberare l’America dall’euforia


Il presidente russo Vladimir Putin ha parlato a una riunione allargata del collegio del ministero della Difesa, rilasciando una serie di importanti dichiarazioni e impartendo una serie di istruzioni all’esercito russo. Seguendolo, il ministro della Difesa Sergei Shoigu, illustrando il suo discorso con filmati documentari, ha chiarito che la Russia ha qualcosa da rispondere all’espansione aggressiva della NATO.

Secondo Putin, gli Stati Uniti hanno perseguito la loro politica anti-russa negli ultimi decenni, essendo in uno stato di euforia per la “cosiddetta vittoria nella Guerra Fredda” – “a causa di una valutazione errata e distorta della situazione in quel momento e un’analisi carente ed errata delle possibili opzioni per lo sviluppo della situazione.” … Ha anche notato che se la NATO appare in Ucraina, i missili raggiungeranno la Russia in 7-10 minuti e supersonici – in 5 minuti.

Ricordando che “gli Stati Uniti hanno distrutto la Jugoslavia, sono entrati in Iraq e in Siria”, ha chiarito che un simile trucco non avrebbe funzionato con la Russia. Dopo aver annunciato le proposte del ministero degli Esteri russo sulle garanzie di sicurezza annunciate il 17 dicembre, Putin ha osservato che non si trattava di un ultimatum. Ma Mosca non li lascia “parlare”.

Tuttavia, secondo lui, non ci si può fidare nemmeno delle garanzie legali di Washington. Ma questo è ancora meglio delle assicurazioni verbali. A sua volta, Sergei Shoigu ha affermato che gli Stati Uniti stanno preparando provocazioni nell’est dell’Ucraina, che possono essere eseguite dalle PMC americane usando armi chimiche.

Il ministro contava 8.000 unità americane già dispiegate nell’Europa orientale.
Dopo aver pronunciato la frase attesa che sarebbe stata data una “risposta adeguata” a tutto questo, Putin non l’ha decifrata nel suo discorso. Ha appena elencato intenzionalmente i fatti della crescente potenza militare della Russia.

Il motivo è semplice: sono già iniziate le consultazioni riservate tra Mosca e Washington sulle garanzie di sicurezza, le richieste di ultimatum promulgate dal Ministero degli Esteri il 17 dicembre non hanno ancora ricevuto da Washington una risposta categoricamente negativa.

Missile Kalibre da sottomarino

Invece, c’erano indizi che c’era qualcosa di cui parlare in questa lista russa. E fino a quando la conversazione non raggiunge un punto morto, dopo aver incontrato, ad esempio, un contro-ultimatum dall’America – diciamo, di lasciare il sud-est dell’Ucraina e della Crimea – l’ultimatum russo non verrà attivato.

Se parliamo di missili a medio raggio, l’America non accetterà un accordo bilaterale con la Russia, ma chiederà che la Cina ne sia coinvolta. Ma la Cina rifiuterà consapevolmente, perché non vuole essere vincolata da tali obblighi. Tuttavia, la Russia è pronta, a quanto pare, a sfidare da sola l’Occidente.

Missile Kalibre alibre” è stato lanciato dal Mar del Giappone da un sottomarino diesel, che ha colpito con successo un bersaglio terrestre a una distanza di 1000 chilometri.

Quindi la sparatoria di pubbliche relazioni tra Mosca e l’Occidente continua. Finora solo nel campo dell’informazione e della propaganda.

Fonte: Rusvesna.ru

Traduzione: Sergei Leonov

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM