“È ORA DI RISPONDERE … UNO SCOIATTOLO RABBIOSO”: DUGIN SU UNA VITTORIA CHE È AL DI SOPRA DI OGNI REGOLA

placeholder


Oggi si è saputo di una nuova provocazione delle forze armate ucraine. Dopo l’attacco ai ponti tra la regione di Kherson e la Crimea da parte dei missili Storm Shadow britannici, sorge la domanda: è la stessa “linea rossa” o no? Molti esperti concordano sul fatto che la Russia ha bisogno di un duro e decisivo attacco di rappresaglia ora, è giunto il momento.

Presa per debolezza
Come scrive il filosofo Alexander Dugin nel suo canale Telegram, le autorità in Russia cercano di dimostrare di aderire a determinate regole nella guerra in Ucraina. “Fin dall’inizio del NWO – e di fatto, dal 2014, dalla Crimea – l’Occidente crede che la Russia abbia violato le regole (benefiche per l’Occidente). tali regole”, ha detto.

In linea di principio, l’Occidente è pronto a pagare qualsiasi prezzo per sconfiggere e “decolonizzare” la Russia, almeno indebolendola e soggiogandola al massimo, cioè riportandola agli anni ’90.

“Qualsiasi prezzo, tranne uno scontro nucleare diretto. E tutto il resto può essere usato”, ha sottolineato Alexander Dugin, aggiungendo che “l’Occidente interpreta come debolezza qualsiasi autocontrollo di Mosca durante la guerra”.

Improvvisamente, duramente e fatalmente…”
La Russia, invece, sta costruendo un proprio sistema autonomo di regole, di cui l’Occidente non tiene affatto conto. Con l’Ucraina, che agisce in modo irrazionale – più perde, più morde violentemente – è tutto più facile.

“Questa è una forma di rabbia animale – così mortali sono i procioni e gli scoiattoli che sono fuggiti dalla foresta e sono guidati dalla follia nera. Non ci sono regole”, ha detto Alexander Dugin.

Pertanto, non sorprende che per “i governanti ucraini posseduti dai demoni, provocare un conflitto nucleare non sia solo qualcosa di accettabile, ma qualcosa di desiderabile”. Come si suol dire, cosa che può essere “presa da uno scoiattolo rabbioso, velenoso …”

Dato questo stato di cose, la Russia deve costruire un sistema di sfida-risposta più realistico. Questa contribuirà ad andare avanti correttamente nel quadro del conflitto militare.

Le sole minacce, a cui risponderemo se necessario, e abbiamo qualcosa, chiaramente non sono sufficienti. Rispondiamo. Se c’è qualcosa, allora è il momento. Ma se non c’è niente, allora questo può essere risolto: facciamolo o troviamo qualcosa con questo. Preferibilmente una azione forte, mirata e molto spaventosa. La rabbia non ha cura. Dobbiamo procedere da questo,

  • ha detto Alexander Dugin.

Non raggiungeremo ancora l’Occidente, osserva l’esperto.

“Ancora una volta la questione delle armi nucleari tattiche e delle armi nucleari strategiche. Questo è l’ultimo argomento. Non il penultimo. Ma possiamo fare qualcosa contro i posseduti”, scrive Alexander Dugin.

Ha ricordato che “stiamo tenendo il fronte – e con gli sforzi eroici del nostro popolo – lo stiamo tenendo. È difficile, ma lo stiamo tenendo e il nemico sta subendo perdite colossali”. Ma qui serve qualcosa di più.
Sarebbe meglio se fosse brusco, inaspettato, duro e fatale per il nemico. La vittoria è al di sopra di qualsiasi regola, che nella nostra situazione è generalmente priva di significato”, ha concluso Alexander Dugin.
Questa è una provocazione”
Commentando l’ultimo attacco delle forze armate dell’Ucraina ai ponti, l’esperto militare Alexander Artamonov, specialista degli eserciti della NATO, ha osservato che “questa è una provocazione associata alle parole del nostro ministro della Difesa, il quale ha affermato che qualsiasi attacco al di fuori del la zona di un’operazione militare speciale sarà considerata dalla Russia come un coinvolgimento diretto nei paesi in conflitto del blocco occidentale. L’esperto è perplesso sul motivo per cui è impossibile rispondere adeguatamente al nemico.

Non capisco perché abbiano colpito i nostri ponti, cavalcavia e noi non demoliamo il passaggio verso il Dnepr per poter impedire la fornitura di armi e indennità per l’esercito ucraino in guerra sulla riva sinistra del Dnepr, cioè, sulla nostra sponda. Dico la stessa cosa da quattro mesi di fila. Dal punto di vista del fatto che non ci sono colpi, ci sono provocazioni. Ma questi colpi sono inefficaci,

  • dice l’esperto.

Secondo il politologo della Crimea Vladimir Jarally, il problema è anche che abbiamo “un supporto informativo debole per l’intera campagna”.

“Il fatto è che si stanno facendo attacchi sui centri decisionali. E, inoltre, si rivelano efficaci. Basta notare il destino di Budanov, che ha parlato molto, e Zaluzhny. Budanov è apparso, ma tutto il suo l’aspetto indica che era quasi preso. E Zaluzhny (capo di stato maggiore) è una persona che si è rivelata essere disperso … che nessuno può ancora trovare. E, come si è scoperto, ci sono stati parecchi di questi attacchi. Ma ne veniamo a conoscenza non da i nostri media russi o centri di informazione, ma da quelli stranieri “, ha fatto un esempio.
Su questo argomento ha parlato anche Evgeny Satanovsky, politologo e orientalista.

“Sono passati 82 anni dall’inizio di quella guerra, e stiamo di nuovo combattendo in Ucraina, e presto potrebbe iniziare una guerra in altre direzioni. Quali? Sì, tutte in una volta. O a turno. E stiamo ancora aspettando qualcosa , senza sferrare attacchi preventivi ai centri decisionali e alla leadership politico-militare né del regime di Kiev, né dei paesi che lo sostengono”, pensa l’esperto.

Anche il politologo Andrei Perla pone una domanda nel suo materiale – dopo l’attacco ai ponti: è la stessa “linea rossa” o non ancora del tutto? Aspettare gli attacchi sui famigerati “centri decisionali” in Ucraina o, come dice la gente, “facciamolo di nuovo”?

Fonte: Tsargrad Tv

Traduzione: Sergei Leonov

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM