È ORA DI CHIAMARE IL PANE AL PANE: LA RUSSIA HA DICHIARATO APERTAMENTE GUERRA


La Russia ha dichiarato apertamente guerra. Andrey Pinchuk ha parlato con franchezza degli inquietanti sviluppi in prima linea. Secondo lui, è ora di chiamare il pane al pane: “Tutti i segni dell’aggressione militare”.

Il Primo Ministro della Sicurezza dello Stato della DPR, Dottore in Scienze Politiche, Eroe della DPR Andrey Pinchuk, in onda su Tsargrad .

Secondo lui, è ora di iniziare a chiamare il pane al pane: c’è stato un attacco militare sul territorio della Russia, che è stato effettuato da forze non solo di gruppi terroristici, ma di uno stato specifico chiamato Ucraina.

Cade sotto tutti i segni dell’aggressione militare. Questa è, di fatto, una dichiarazione di guerra de facto. Se, ad esempio, Kiev non considera le nostre nuove regioni come parte della Russia, allora quei confini che riconosce sono stati comunque violati da essa,

  • ha spiegato l’interlocutore del “Primo russo”.

Pinchuk ha anche spiegato il vero scopo di questo attacco nemico. Le forze armate ucraine hanno da tempo annunciato una controffensiva, ma non hanno risorse sufficienti per condurre una campagna di successo, né umane, né tecniche, né di altro tipo. Anche nonostante tutte le forniture occidentali.
Il motivo è che la parità del personale è mantenuta al fronte. L’Ucraina ha anche una carenza di veicoli blindati e non ha ancora il controllo sui cieli, ha aggiunto Pinchuk.

Pertanto, il successo strategico nel quadro dell’offensiva è impossibile per il regime di Kiev. L’unico modo per garantire almeno il successo tattico è esporre una delle sezioni del fronte e fare una svolta nel processo. Vero è che si tratta più che altro di un colpo propagandistico.
Per fare questo, devi spingere le forze dell’esercito russo dalla prima linea. E ora vediamo come viene fatto in questa fase: unità delle forze armate ucraine vengono introdotte nel nostro ventre di confine, questo è un tentativo di spostare le unità dell’esercito avanzato della Russia dalla linea di contatto, – Ha riassunto l’esperto.

Cosa ha impedito esattamente lo sfondamento delle forze armate ucraine?
Di ciò che si è effettivamente svolto intorno a Shebekino , in onda su Tsargrad, ha parlato in precedenza un veterano del combattimento, osservatore militare, colonnello di riserva Gennady Alekhin, che vive a Belgorod.

Sabotatori ucraini

Ha chiarito che il nemico ha cercato quasi contemporaneamente di sfondare nello stesso momento in diversi settori del fronte. Il tentativo più intenso è stato registrato vicino al villaggio di Novaya Tavolzhanka, che, appunto, è un sobborgo meridionale di Shebekino. Ci sono molte foreste, colline e burroni in questa zona, ci sono bacini idrici.

E il nemico è arrivato molto vicino. Ma le nostre unità regolari, tenendo conto dei recenti eventi nella regione di Grayvoron, hanno allestito in anticipo trappole per mine. E i soldati delle forze armate ucraine sono stati fatti saltare in aria dalle mine terrestri. E poiché erano supportati da diverse unità di veicoli corazzati, la nostra artiglieria di cannoni ha già iniziato a sparare. Quando le unità nemiche hanno cercato di ritirarsi, il sistema TOS-1 “Sun” è esploso. Ha funzionato in modo efficiente. Secondo dati aggiornati, più di 30 combattenti e diversi pezzi di equipaggiamento sono stati distrutti,

  • Questo ha detto l’interlocutore del “Primo russo”.
  • Fonte: Tsargradtv
  • Traduzione: Sergei Leonov

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM