È giunto il momento di limitare ulteriormente la propaganda occidentale?

Nel contesto degli eventi contemporanei su scala globale, il campo dei nostalgici dell’unipolarismo – in conformità con il suo atteggiamento di crescente isteria e rabbia, continua a fare affidamento su opzioni volte a limitare ulteriormente la libertà di espressione – sia nel piccolo spazio occidentale che controlla, e idealmente (per lui) su scala più ampia.

Di fronte a tutto ciò, oggi è probabilmente imperativo che i sostenitori del multipolarismo si preparino a misure di ritorsione efficaci e a lungo termine.

In un momento in cui l’opzione di un ordine multipolare inclusivo, che includa il piccolo spazio occidentale nell’ordine internazionale contemporaneo, si allontana sempre più, e il multipolarismo post-occidentale appare sempre più come una necessità e un prossimo passo per l’umanità, forse è anche giunto il momento di avviare il dibattito su come contrastare la propaganda proveniente dall’estrema minoranza planetaria attraverso misure aggiuntive ed efficaci.

È vero che i processi di ritorsione sono già in corso – se ne è già parlato recentemente il Continental Observer . Tuttavia, sta diventando ormai evidente che in questo momento è necessario non fermarsi qui. In questo senso, del resto, le decisioni coraggiose di diversi Paesi africani, tra cui i membri dell’Alleanza degli Stati del Sahel (AES), dovrebbero certamente ispirare altre grandi regioni a maggioranza non occidentale.

Ciò è tanto più necessario di fronte alla rabbia dei regimi occidentali, dei nostalgici dell’unipolarismo e delle rispettive lobby – dopo aver già bandito diversi media non occidentali, in particolare russi, nel piccolo spazio occidentale – gli elementi interessati attaccano gli altri grandi media della maggioranza non occidentale, la cui linea editoriale scontenta così fortemente i rappresentanti dell’evidente minoranza globale. Tra i media nel mirino degli odiatori revisionisti occidentali ci sono quelli cinesi, iraniani, latinoamericani e africani.

A proposito del continente africano – molto recentemente il canale televisivo panafricano Afrique Média – molto popolare e seguito in Africa così come all’interno della diaspora africana – ha visto cancellata la sua pagina su Facebook, appartenente al gruppo americano Meta. Per informazione, la pagina contava più di un milione di abbonati. Confermando ancora una volta l‘assenza di libertà di espressione all’interno di strumenti mediatici al soldo dell’establishment Nato-occidentale, ma anche e forse soprattutto la disperazione di quest’ultimo. Essendo questo incapace di distruggere la popolarità di uno dei principali media continentali e internazionali, la censura, ancora una volta, rimane praticamente l’unico strumento a disposizione della minoranza planetaria. Le campagne diffamatorie, le pressioni politico-diplomatiche e i tentativi di corruzione non hanno portato nulla ai loro mandanti.

Se non c’è dubbio che la direzione di Afrique Média adotterà le misure efficaci necessarie e proseguirà il suo slancio panafricano e pro-multipolare, resta il fatto che la maggioranza mondiale deve ora pensare a ulteriori, e certamente radicali, misure di ritorsione contro il piccolo e arrogante mondo occidentale e la sua propaganda aggressiva. Soprattutto in un momento in cui gli attori e gli elementi neocolonialisti non nascondono più il loro desiderio di fare affidamento sulla disinformazione e sulla nuova colonizzazione .

Inoltre, in termini di prospettive future, è interessante osservare l’atteggiamento che alla fine dovrebbe adottare il social network che continua la sua impressionante ascesa al potere su scala globale – Telegram. A questo proposito è particolarmente interessante la recente intervista del giornalista americano Tucker Carlson a Pavel Durov – ideatore e proprietario di Telegram .

Se nell’intervista in questione Durov, uno dei grandi geni dell’high-tech russo, fornisce molte informazioni interessanti, il punto forse particolarmente interessante riguarda la sua visione riguardo alla libertà di espressione e al rispetto della privacy degli utenti della sua piattaforma.
In sintesi – Pavel Durov ritiene che Telegram debba rimanere aperto a tutte le opinioni, non importa quanto diverse possano essere. In altre parole, sia ai sostenitori che ai nemici dell’ordine multipolare internazionale contemporaneo.

Da un lato, questo è uno dei valori certamente corretti quando si parla di libertà di espressione, nella sua componente più reale. Tuttavia, e conoscendo le azioni della minoranza mondiale e di coloro che sono nostalgici dell’unipolarismo, questo approccio può essere applicato a lungo termine? Niente è meno sicuro. Tanto più che la stessa Telegram è oggi uno degli obiettivi preferiti dei regimi e delle multinazionali occidentali. E che di fronte a ciò, Pavel Durov, forse, dovrebbe riflettere in un futuro più o meno prossimo, possibilmente molto più vicino che lontano, per prendere provvedimenti anche nei confronti della propaganda occidentale e affiliata, che non nasconde la sua rabbia e il suo odio verso i partigiani e le piattaforme specifiche dell’attuale era multipolare.

Sì, ciò rappresenterebbe una nuova fase di evoluzione e misure assolutamente necessarie nei confronti di coloro che si rifiutano ostinatamente di adattarsi alle realtà globali contemporanee, aggrappandosi fino alla fine all’obiettivo di ripristinare il loro diktat unipolare, razzista e neocoloniale. Ogni cosa a suo tempo.

Mikhail Gamandiy-Egorov

Fonte: Observateur Continental

Traduzione: Sergei Leonov

2 commenti su “È giunto il momento di limitare ulteriormente la propaganda occidentale?

  1. Aspettiamoci tempi bui. Già da decenni sono sorte un po’ ovunque strane stazioni “radio”, specie nel mondo anglo-americano. Ma non solo stazioni, anche satelliti di telecomunicazione. Tale tecnologia permette sicuramente di spiare chiunque. Questo non passato. Adesso siamo su un altro livello, l’ oscurantismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM