E chi sarebbero i negazionisti?

di Antonio Catalano

Il dato storico, la verità dei fatti accaduti va rimossa, nessun inciampo è ammesso, negare innanzitutto, negare e poi negare, altro che negazionismo col quale si vogliono bollare posizioni critiche e scomode al sistema. E così accade che il presidente Mattarella l’altro giorno a New York, intervenendo all’assemblea generale delle Nazioni Unite, pronuncia un discorso curiale, di quelli graditi all’ambiente di corte, in questo caso la Nato, che sempre più oscenamente confeziona il “discorso pubblico” occidentale nel modo a essa utile e funzionale.

L’essenza del discorso di Mattarella si esprime in queste sue parole: «La Russia si è assunta la grande responsabilità storica di aver riportato la guerra sul suolo europeo». Riportato la guerra sul suolo europeo? Eppure il nostro presidente 25 anni fa era ministro della Difesa nel governo D’Alema quando l’Italia decise di partecipare con propri aerei e portaerei ai bombardamenti della Serbia in quella operazione Nato (neanche autorizzata dall’Onu) chiamata “Allied Force”. Smemorato? O semplicemente che negare l’evidenza è ormai la linea di condotta delle nostre corrotte e subalterne classi dirigenti europee?

La guerra alla Serbia (ultimo frammento di una Jugoslavia che andava smantellata perché di impedimento all’avanzata verso est della Nato) fu condotta a suon di quelle che spudoratamente, e vigliaccamente, furono chiamatebombe umanitarie”, in ossequio alla nascente religione neopagana del diritto-civilismo.

Fonte: Antonio Catalano

18 commenti su “E chi sarebbero i negazionisti?

  1. Il 1999 fu l’ anno della svolta. Da allora l’ egemonia occidentale ha svoltato per unidirezionalita’ del diritto internazionale a proprio favore. Trasformandosi di fatto, nelle loro menti bacate, nei detentori del diritto divino supremo di decidere universalmente cio’ che e’ bene, e ciò che e’ male. Attaccare o giudicare senza giustificazione valida o fabbricandone di false addirittura.

  2. L’ autore dell’ articolo fa BENISSIMO a ricordare il ruolo di Mattarella nel concedere le basi italiane per l’ attacco alla Serbia. Daltronde si sa, la famiglia Mattarella gestisce il potere almeno da 4 generazioni. Come diceva Trosky l’ Alta Burocrazia sa benissimo chi deve servire per mantenere il posto onde garantirsi la rendita per se ed eredi.

  3. Non lo nomino neanche questo lacché indecoroso. Posso solo ricordare che la NATO ha perso 220 AVIOGETTI ABBATTUTI sulla Yugoslavia…………………..
    a tutti i costi dirigevano verso l’Adriatico, dato che i feroci Serbi li terrorizzavano. Miloscevich si è arreso per il ricatto all’americana: o ti arrendi o ti distruggiamo le città. E già, infatti le sue FF. AA. erano intatte ! Non solo, 2 cacciabombardieri Serbi avevano attaccato, bombardo l’aeroporto di Tirana e distruggendo 60 tra aviogetti e elicotteri della NATO, la Jervolino si salvò per poco. Erano così intimoriti ed istupiditi gli americani che due elicotteri
    Apache si sono tamponati in volo alla frontiera del Paese ! Sono morti ! La paura fa 90 ! Questa è stata un’altra vittoria di Pirro. Con militari tanto scadenti e pavidi non si va da nessuna parte !

  4. Ci siamo scoperti un presidente guerrafondaio. Há ribaltato le responsabilita e le ha scaricate totalmente sulla dirigenza russa. Questo per lui evidentemente significa che il cencioso mondo libero deve correggere, armi alla mano, l’affronto con cui lá Rússia há bloccato l’espansione della NATO.

  5. Mattarella è nella linea di tutti i presidenti scelti dal regime multipartitico a Pensiero Unico, con la sola, parziale eccezione di Cossiga: stessa retorica, stessa tendenza a intervenire per esercitare un controllo o condizionamento della politica al di fuori delle prerogative costituzionali cui richiamarsi in modo strumentale, stessa funzione di garanzia degli interessi e direttive, programmi e agende di organismi sovranazionali e finanza internazionale. Non lo scopriamo adesso. Le solenni tirate, i discorsi da patriarca che trasuda anni di esperienza storica tradotta in saggezza da offrire alla nazione, il suo preteso ruolo di fattore di equilibrio, la presunta terzietà, rispetto alla “bassa” politica quando vincono elettoralmente forze sgradite ai poteri forti dell’economia e dei padroni del discorso pubblico e padrini del personale con funzioni di rappresentanza, l’acquiescenza alla cessione, esproprio o svuotamento della sovranità popolare: eh, Mattarella! Abbiamo imparato a conoscerlo. E il perpetuo lavaggio d’incenso a opera degli addetti al servizio speciale che operano nella “grande stampa”, l’adorazione da parte del popolo/pupo erudito all’uopo ogni volta che le luci della ribalta si accendono sui bulli e pupilli dei gruppi di potere, come fu per le “bimbe di Conte”, versione social delle gloriose Figlie di Maria, non incantano, non attaccano: stancano, esasperano, disgustano.

    1. Scusami WHITE WARRIOR, perchè parli di parziale eccezione di Cossiga ? Non ti pare anche lui un altro oltranzista atlantista ? Per non parlare di Gladio e delle sue squadracce infiltrate nelle manifestazioni degli anni 70, responsabili di assassinio nei confronti di tanti militanti (disarmati) sia di “destra” che di “sinistra” ! E del resto lo ha ammesso lui stesso. Dichiarazioni di Kossiga tratte dal suo libro “Fotti il potere”, 2010: “La contestazione, la violenza politica e il terrorismo minacciavano l’autorità dello Stato e tutti i partiti a cominciare dal Pci mi chiedevano di riportare l’ordine con ogni mezzo. C’era solo un modo per farlo: usare la forza. Fu per questo che, dopo aver infiltrato nelle organizzazioni più estremiste alcuni agenti provocatori, diedi ordine di lasciare liberi i manifestanti di mettere a ferro e fuoco le città. Dopo due o tre settimane la gente non ne poteva più e così, forte del consenso popolare, potei scatenare la repressione” ! E infine il ruolo “ambiguo” durante il sequestro Moro, nel quale agì collaborando con i servizi USA ! Più delinquenziale di cosi !

  6. La stampa servile ricorda che il fratello del capo dello Stato è stato ucciso dalla mafia. Nessuno ricorda che il capo dello Stato, quello che interpreta la repubblica come una monarchia, figlio di Bernardo Mattarella, uomo di potere, massimo indiziato come mandante della strage di “portella delle ginestre”. Il potere giudiziario deve ancora dirci i mandanti di quella strage. Al processo uno dei banditi rivolto al giudice presidente “vussignuria, nua, banditi mafius carrabbnieri, dalla stessa parte. Il bandito avvelenato prima che riveli i nomi dei mandanti. La strage primo maggio 1947 fatta da chi spara con fucili di precisione. La decima max del principe Valerio Borghese agli ordini dei servizi Usa e Gb assassinano i contadini che festeggiano la festa del lavoro. Lo Stato, rimasto fascista, scarica tutto sulla banda giuliano. Inizia la strategia della tensione. I colpi di Stato senza carri armati. Gli americani hanno arruolato fascisti mafiosi e massoni. L’ Italia insanguinata dalle stragi di Stato. La “mummia” ministro della difesa, contro gli ordinamenti internazionali, fornisce le basi per bombardare Belgrado. Cinquecentomila morti civili. Tecnicamente si chiamano crimini di guerra, crimini contro l’intera umanità. Dove e quando il mandato di cattura? L’ipocrisia di questi soggetti non ha misura!

  7. Grandiosa analisi. Soprattutto per descrivere lo squallore della nostra storia politica, e la spazzatura umana che ci governa. Il tutto grazie alle ingerenze Usa. Saluti

  8. Mattarella è il classico politico italiano ex DC di fede politica catto-fascista – mafiosa -Pro-USA che da bravo piccolo dittatore “democratico” disonesto e criminale apparentemente sembra corretto in realtà prende sempre posizioni da ultras della tifoseria liberista-fascista -scafista -schiavista -guerrafondaia Pro-USA-Pro-Israeliana- Pro NATO o UE .
    Qualsiasi posizione criminale che il regime USA – che il regime Europeo- Capitalista -Liberista finto-ecologista-schiavista scafista guerrafondaio decida di attuare a danno del popolo italiano del popolo russo o palestinese o altri popoli Mattarella sempre farà propaganda schifosa a tali atrocità !
    Tutti i politici criminali ed incapaci per restare sempre a galla devono fare gli stronzi e dar sempre ragione ai poteri forti che agiscono dietro le quinte !

  9. Come già commentato sopra, il presidente Mattarella ha scordato che al Senato, la sera del 24 marzo 1999 disse da vice-presidente del governo D’Alema: “sono iniziate le operazioni della NATO” (il bombardamento della Serbia). Il governo italiano decide così, violando la Costituzione e le norme di intervento della NATO, di entrare in guerra bombardando la Serbia, uno Stato sovrano e indipendente. Complimenti presidente, se penso che una volta c’era Pertini alle presidenza della Repubblica, quanto è caduta in basso l’Italia con lei presidente! L’Italia … la Mia povera Italia
    https://ilmanifesto.it/litalia-divento-la-base-di-un-conflitto-armato

  10. Lo schifo che provo nel sentire il berciare propagandistico e menzognero del vile merdarella è troppo, mi chiedo però: cosa contano le parole di un infimo servo, di un lacchè, oltretutto traditore degli interessi vitali del proprio paese?

    Cari saluti

    1. Ciao Eugenio, invece che sotto la triade divina, siamo sotto la triade delle 3M fecali! Merdoni, Merdetto e Merdarella! Cari saluti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM