E’ arrivato il momento di spostare la sede delle Nazioni Unite in Svizzera


di Wayne Madsen

Con una pericolosa amministrazione della destra neocon e primatista al potere a Washington, che rifiuta l’internazionalismo e la costruzione del consenso, è venuto il tempo per le Nazioni Unite di spostare il quartier generale e le missioni permanenti degli Stati membri in una posizione più neutrale.

Si può capire perché le Nazioni Unite si trovassero originariamente a New York. La famiglia Rockefeller donò il terreno a Turtle Bay sull’East River per la costruzione del quartier generale delle Nazioni Unite. Dopo la seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti erano in una posizione privilegiata per sostenere le Nazioni Unite, cosa che non erano riusciti a fare dopo la prima guerra mondiale quando Washington respinse l’adesione alla Società delle Nazioni.

Il quartier generale della Lega a Ginevra è stato un doloroso promemoria per alcuni membri delle Nazioni Unite che hanno visto la prima organizzazione internazionale al mondo dedicata alla pace fallire miseramente nel contenere la Germania nazista, l’Italia fascista e il Giappone imperiale. Per alcuni aspetti, sebbene l’ONU fosse l’organizzazione successiva alla Lega, nessuno voleva ricordare che era nel quartier generale della Lega in Svizzera dove l’imperatore etiope Haile Selassie supplicò i delegati di fermare la brutale invasione e occupazione italiana del suo paese.

I membri fondatori delle Nazioni Unite non volevano ricordare il predecessore senza denti delle Nazioni Unite. L’ONU era un’organizzazione con un Consiglio di sicurezza composto da cinque membri permanenti, autorizzati ad affrontare l’aggressione con la forza. Sfortunatamente, la nazione ospitante delle Nazioni Unite, in particolare sotto Donald Trump, ma anche in misura minore sotto Ronald Reagan, George HW Bush e George W. Bush, ha mostrato la sua volontà di ignorare le decisioni delle Nazioni Unite e di violare il Trattato tra Stati Uniti e Nazioni Unite e i diritti dei delegati di entrare e uscire liberamente da New York mentre conducono affari alle Nazioni Unite.

Il trattato USA-ONU, che non poteva essere violato da Trump senza l’approvazione del Congresso, quello che fu firmato a Lake Success, New York nel 1947. I firmatari erano il Segretario Generale delle Nazioni Unite Trygve Lie e il Segretario di Stato americano George Marshall. Il trattato garantiva la natura extraterritoriale del quartier generale delle Nazioni Unite a Manhattan. Inoltre, aveva garantito che gli Stati Uniti non avrebbero interferito con la rapida concessione di visti statunitensi ai diplomatici stranieri e al personale delle Nazioni Unite in transito attraverso il territorio degli Stati Uniti, al fine di promuovere le loro responsabilità rispettivamente nei confronti dei propri governi e delle Nazioni Unite.

Le politiche xenofobe e di estrema destra di Trump dirette contro musulmani, palestinesi e paesi, tra cui Cuba, Nicaragua, Iran e Venezuela, hanno provocato ripetute violazioni del trattato USA-ONU da parte delle zelanti autorità immigranti statunitensi. La recente minaccia dell’amministrazione Trump di negare i visti alla delegazione iraniana per partecipare alla sessione plenaria dell’Assemblea generale del 2019 a New York è un esempio emblematico, ma non l’unico. Restrizioni simili da parte dell’amministrazione Trump sono state imposte ai delegati dei membri delle Nazioni Unite Libia, Cuba, Russia, Venezuela e Nicaragua. Anche osservatori ufficiali della Palestina sono stati molestati e ai delegati del governo guidato dallo Houthi dello Yemen e dell’Abkhazia, membri non delle Nazioni Unite, è stato negato il visto degli Stati Uniti per difendere i loro casi dinanzi alle Nazioni Unite.

Il trattato USA-ONU prevede che il governo degli Stati Uniti faciliterà l’ingresso negli Stati Uniti e l’uso dei mezzi di trasporto disponibili di “persone provenienti dall’estero che desiderano visitare il quartier generale”. Ciò includerebbe membri di paesi terzi desiderando presentare una petizione o interagire in altro modo con le Nazioni Unite e le agenzie affiliate su base ufficiale. Di fatto, gli Stati Uniti hanno violato questa disposizione nel 1975, quando il segretario di Stato americano Henry Kissinger si è assicurato che i visti statunitensi fossero stati negati ai rappresentanti del Regno del Sikkim, del Sahara occidentale e di Timor Est, che desideravano perorare i casi delle loro nazioni in merito alle invasioni e alle occupazioni di India, Marocco e Indonesia, rispettivamente. Timor Est fu infine ammesso alle Nazioni Unite come stato membro,

La politica degli Stati Uniti nei confronti di una politica dei visti liberalizzata per membri, dipendenti, osservatori e ospiti delle Nazioni Unite è stata irregolare sin dalla fondazione delle Nazioni Unite. Nel 1968, l’amministrazione Lyndon Johnson concesse un visto al commissario per gli affari esteri della Repubblica secessionista di Biafra, Matthew Mbu, per visitare le Nazioni Unite per perorare il caso della sua nazione ai funzionari delle Nazioni Unite. Nel 1948, l’amministrazione Harry Truman negò i visti per due rappresentanti dei capi di stato principesco indiano – il musulmano Nizam di Hyderabad e il sikh Maharajah di Nabha – per fare appello alle Nazioni Unite contro l’aggressione da parte della nazione indiana indipendente, recentemente dominata dagli indù. Nello stesso anno, l’amministrazione Truman non riuscì a consentire a rappresentanti della Confederazione di Kalat in Baluchistan di fare appello alle Nazioni Unite contro l’annessione pakistana.

I fondatori originali delle Nazioni Unite avevano persino immaginato un aeroporto controllato dalle Nazioni Unite vicino al quartier generale delle Nazioni Unite che negherebbe alle autorità statunitensi di immigrazione il diritto di negare i visti ai delegati delle Nazioni Unite e ad altri ospiti che visitano le Nazioni Unite. Un simile aeroporto avrebbe goduto di uno status extraterritoriale con corridoi di viaggio senza ostacoli da e verso le Nazioni Unite.

Mentre era ministro degli Esteri venezuelano, il presidente del Venezuela, Nicolas Maduro, è stato sottoposto a una perquisizione invasiva nel 2006, quando è stato detenuto per 90 minuti all’aeroporto JFK di New York mentre tornava a casa da una riunione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite. La detenzione di Maduro fu una spedizione di pesca avviata dalla CIA. Maduro è stato interrogato sul suo presunto ruolo nel fallito tentativo di colpo di stato venezuelano del 1992 guidato dal presidente venezuelano Hugo Chavez.

Sebbene alla League of Nations mancasse una vera autorità di controllo per sostenere le sue risoluzioni, la nazione ospitante della Svizzera aveva svolto il lavoro di yesman nel facilitare l’ingresso nel quartier generale di Ginevra da parte di partiti ufficiali e ospiti. Il record statunitense sulla parità di accesso alle Nazioni Unite a New York è stato dolorosamente inadeguato. Le Nazioni Unite potrebbero facilmente spostare la propria sede a Ginevra, dove si trovano numerosi organi costituenti delle Nazioni Unite e agenzie specializzate, tra cui il Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite, l’Organizzazione mondiale della sanità, l’Organizzazione internazionale del lavoro, l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani, l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati. Si trovano anche la Conferenza delle Nazioni Unite per il commercio e lo sviluppo (UNCTAD), l’Organizzazione meteorologica mondiale (che è immune al ridisegno delle mappe meteorologiche con penne Sharpie nere di Donald Trump) e l’Unione internazionale delle telecomunicazioni.

Poiché la tradizionale politica estera della Svizzera è neutrale, è una scelta molto migliore ospitare le Nazioni Unite rispetto a New York. John Bolton, consigliere per la sicurezza nazionale recentemente licenziato da Trump, che era anche stato un ex ambasciatore americano presso le Nazioni Unite, una volta aveva fantasticato sulla demolizione dei primi dieci piani dell’edificio del Segretariato delle Nazioni Unite. L’avvocato personale di Trump, l’ex sindaco di New York Rudolph Giuliani, usava abitualmente il dipartimento di polizia di New York per molestare i delegati delle Nazioni Unite da paesi che non gli piacevano. Ai delegati e personale provenienti da Russia, Bielorussia, Corea del Nord, Laos, Iraq, Costa d’Avorio, Indonesia, Messico, Egitto, Kazakistan, Cina, Cuba, Cipro, Zaire e altri paesi sono stati regolarmente emessi biglietti di parcheggio e sono stati trainati e sequestrati i loro veicoli. Nel ventesimo anniversario, alcuni leaders furono espulsi da un concerto speciale Filarmonica di New York per i leader mondiali riuniti. Giuliani ha dichiarato che se le Nazioni Unite non apprezzassero le sue molestie nei confronti di dipendenti e diplomatici, potrebbero “lasciare la città”.

Nazioni Unite Sede

Non era stata la prima volta che un sostenitore repubblicano ed estremista israeliano di destra aveva detto alle Nazioni Unite di lasciare New York. Il delegato americano supplente Charles Lichtenstein si rivolse, in un conflitto diplomatico con l’Unione Sovietica nel 1983, quando gli stati di New York e del New Jersey impedirono all’aereo del Ministro degli Esteri sovietico Andrei Gromyko di atterrare all’aeroporto JFK di New York o all’aeroporto internazionale di Newark nel New Jersey. Vi era stata offerta l’alternativa della base aeronautica McGuire nel New Jersey. Tuttavia, il governo sovietico aveva respinto l’offerta in quanto violazione dei diritti dei trattati statunitensi concessi alle Nazioni Unite. Lichtenstein aveva risposto affermando che se gli Stati membri credessero che “non sono trattati con la considerazione ostile che è loro dovuta, dovrebbero considerare di rimuovere se stessi e questa organizzazione dal suolo degli Stati Uniti”, aggiungendo, “Non ostacoleremo la tua strada. I membri della missione degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite scenderanno al molo e vi saluteranno con affetto mentre salpate verso il tramonto. “

È tempo di onorare le richieste di Giuliani e Lichtenstein e spostare le Nazioni Unite da New York a Ginevra o in un’altra località non soggetta ai capricci dei fanatici neocon di destra come Trump, Giuliani, Bolton o il defunto signor Lichtenstein.

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Lisandro Alvarado

3 Commenti

  • atlas
    29 Settembre 2019

    mah, si è arrivati a ciò che più di una volta avevo indicato quì: le Nazioni Sovrane, quindi oppositrici in qualche modo a giudei e usa che abbandonino l’onu e formino un’altra organizzazione. Non si tratta, meglio chiudersi. Loro, i democratici, vogliono tutto

    ma pare che se non si sbatte la testa contro il muro …

  • Mardunolbo
    30 Settembre 2019

    Vero Atlas, condivido ! Per quel che serve l’ANO … Quante risoluzioni sull’aggressività israeliana sono state fatte ? Quale risultato ? A che serve il veto di nazioni vincitrici della seconda guerra ? 70 anni fa ?Tutta una buffonata ! Consideriamo che tra l’altro alcune nazioni sovrane sono fuori dall’Onu: come Taiwan , protettorato Usa ma usata come spina contro la Cina.

  • La soluzione
    30 Settembre 2019

    Russia e Cina devono abbandonare L’ONU E NON SOTTOSTARE PIÙ A QUESTI USURPATORI GUERRAFONDAI. CREARE UN CONTRASTO CON NAZIONI CHE VOGLIONO PROSPERITÀ E COMMERCIO. USARE LA STESSA DETERMINAZIONE NEI CONFRONTI OCCIDENTALI E CREARE SENZA SCRUPOLI L’USO DELLA FORZA CONTRO I GUERRAFONDAI.

Inserisci un Commento

*

code