Duro avvertimento dalla Russia: possiamo distruggere i satelliti della NATO in presenza di minaccia ai nostri confini

La Russia ha avvertito che può distruggere i satelliti della NATO con la sua nuova tecnologia “Star Warrior” per disabilitare i missili a guida occidentale.

La televisione di stato russa ha detto lunedì che i sistemi di difesa antiaerea, antimissile e anti-satellite (ASAT) di Mosca potrebbero distruggere 32 satelliti dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) nell’ultima provocazione delle tensioni in corso ai confini con l’Ucraina.

In questo contesto, ha riferito che con la tecnologia AST il paese euroasiatico è in grado di “accecare tutti i missili, aerei e navi, per non parlare delle forze di terra” della NATO guidate dal GPS americano (acronimo di Global Positioning System).
La Russia ha lanciato un duro avvertimento alla NATO per l’avvicinamento ai suoi confini

Il programma antimissile ASAT è stato testato su un satellite russo il 15 novembre, inviando schegge verso la Stazione Spaziale Internazionale (ISS) e provocando lo sdegno della “National Aeronautics and Space Administration “(NASA, per il suo acronimo in inglese) USA e Washington. “Questo è stato un avvertimento per l’Occidente”, ha sottolineato la televisione di stato russa.

“Questo è stato il completamento dei test del sistema anti-satellite russo, la cui accuratezza (il ministro della Difesa) Sergei Shoigu ha definito simile a un gioiello”, ha riferito il Ministero russo.

A questo proposito, Dmitri Kiselyov, il presentatore televisivo del canale televisivo russo 1 , ha affermato che l’attacco satellitare è stato un deliberato avvertimento all’Occidente di non oltrepassare le linee rosse tracciate dal Cremlino in Ucraina.

“In caso di deterioramento delle relazioni, la Russia potrebbe eliminare 32 satelliti GPS cruciali per le operazioni militari della NATO, compresa la localizzazione di attacchi missilistici” , ha affermato il giornalista russo, soprannominato “portavoce” dell’amministrazione russa, presieduta da Vladimir Putin.

Il missile anti-satellite russo Nudol, designato come “Star Warrior”, era stato testato almeno nove volte tra il 2014 e il 2020 prima del suo primo dispiegamento per distruggere un vero satellite la scorsa settimana, secondo il Center for Strategy and Technology Analysis con sede a Mosca. , la capitale russa.

Il suo dispiegamento è avvenuto in un momento in cui la NATO, in posizione interventista, ha trasferito migliaia di truppe nei paesi baltici e nella regione del Mar Nero, aree troppo vicine ai confini russi per quella che Mosca vede come una minaccia diretta alla vostra sicurezza.

Nota: Il messaggio della Russia non arriva per caso e potrebbe ribaltare l’equilibrio strategico fra la Russia e la NATO in Europa e non solo nel vecchio continente. La possibilità di accecare il sistema di controllo e di guida dei missili balistici USA è un fattore decisivo nel contesto di un conflitto e questo offrirebbe un indubbio vantaggio alla Russia. Dalle prime reazioni sembra che al Pentagono siano entrati in uno stato di nervosismo ed ansia.
Fino ad oggi gli avvisi di Mosca sulle linee rosse da non oltrepassare erano caduti nel vuoto ma questa nuova avvertenza diretta potrebbe sortire il suo effetto e raffreddare le velleità belliche degli strateghi Statunitensi.

Fonti: Hispan Tv – The Sun.co.uk

Traduzione e nota: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus