Duro attacco della Cina contro la presenza USA in Siria

Cina: i crimini Usa in Siria sono solo la ‘punta dell’iceberg’

La Cina condanna i “crimini di guerra” statunitensi in Siria e richiede un’indagine su questi crimini da parte delle truppe statunitensi e la punizione per i loro autori.

Durante una conferenza stampa , il portavoce del ministero degli Esteri cinese, Zhao Lijian, ha lamentato questo venerdì che la crisi siriana all’inizio del suo undicesimo anno che “l’intervento militare statunitense in Siria non è mai terminato, causando profonde sofferenze al popolo siriano e creando orrendi disastri umanitari”.

Il portavoce cinese ha ricordato il crimine degli Usa nell’effettuare attacchi aerei contro la Siria nel 2017 sulla base di “un video falso e messo in scena di ‘caschi bianchi’ come prova” e ha aggiunto che nello stesso anno “le truppe Gli americani hanno lanciato quello che hanno definito la “campagna aerea più accurata della storia” a Raqqa, uccidendo fino a 1.600 civili.

“I crimini di guerra commessi dagli Stati Uniti in Siria potrebbero essere solo la punta dell’iceberg della loro belligeranza in tutto il mondo” , ha denunciato, riferendosi anche all’”invasione illegale degli Stati Uniti” in Iraq che “ha causato decine di migliaia di di vittime civili” e quella in Afghanistan che ha provocato “più di 100.000 vittime civili”.

Portavoce della RPC

Secondo Zhao, come suggerisce una ricerca della Brown University, le operazioni antiterrorismo statunitensi in 85 paesi e regioni negli ultimi 20 anni hanno causato tra 897.000 e 929.000 morti di guerra diretta e hanno creato oltre 38 milioni di rifugiati e sfollati.

“Gli Stati Uniti dovrebbero indagare seriamente su questi gravi crimini, punire rigorosamente i colpevoli e i cospiratori e mostrare la loro sincerità riparando le proprie strade con azioni concrete”, ha sottolineato.

In questo modo, ha risposto alla domanda su una recente dichiarazione del ministero degli Esteri siriano in cui ha condannato fermamente l’operazione degli Stati Uniti e delle Forze democratiche siriane (FDS), la milizia arabo-curda sostenuta da Washington nella provincia di Al- Hasaka nel nord-est della Siria e li ha accusati di aver commesso massacri contro civili e massiccia distruzione di infrastrutture, portando allo sfollamento di migliaia di famiglie.

Nella sua nota, il ministro degli Esteri siriano ha anche osservato che ciò che le forze statunitensi e i loro alleati, le SDF, hanno fatto equivaleva a “crimini di guerra e crimini contro l’umanità” e ha chiesto l’immediato ritiro delle forze statunitensi dalla Siria nord-orientale.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione: Luciano Lago

4 Commenti
  • Riccardo
    Inserito alle 11:06h, 29 Gennaio Rispondi

    Prima o poi questi anglo sionisti di merda dovranno andarsene dalla Siria, hanno sulla coscienza migliaia di morti e una ennesima sporca guerra voluta solo per interessi. È bene che la Cina avanzi e insieme alla Russia dovranno ridimensionare questa egemonia criminale di cui si sono macchiati i governi americani e i loro servizi europei. Finché non si ritirano non potrà esserci pace e l’Isis continuerà ad essere finanziata questi criminali.

    • mario
      Inserito alle 12:28h, 29 Gennaio Rispondi

      CONCORDO CON LE SUE AFFERMAZIONI……………………………

  • Nicholas
    Inserito alle 13:12h, 29 Gennaio Rispondi

    I terroristi che islamici, dovrebbero prendere coscienza.
    Non dovrebbero uccidere i loro fratelli musulmani, ma gli invasori occidentali.
    Le cose cambierebbero immediatamente.
    Finché , ciò nonostante n avverrà ci sarà sempre guerra in Medio Oriente

    • atlas
      Inserito alle 18:13h, 29 Gennaio Rispondi

      wahhabiti e salafiti sono giudei. Studia