Due morti ed oltre settanta infetti, 50.000 isolati . L’Italia il paese europeo più infettato dal “corona virus”

Le autorità di governo in Italia hanno adottato misure straordinarie di fronte alla rapida diffusione del covid-19, comprese le restrizioni all’ingresso e all’uscita delle aree interessate o alla sospensione di tre partite di calcio di serie A.
Il governo italiano ha deciso di adottare misure straordinarie contro lo scoppio del coronavirus covido-19 che si sta diffondendo attraverso le regioni settentrionali e ha già lasciato due morti e quasi 80 infetti, il che rende l’Italia il paese europeo più colpito per l’epidemia.

Secondo per l’ultimo aggiornamento fornito dalle autorità in modo fino a che punto hanno confermato 79 casi di coronavirus , di cui due mortali: un uomo di 78 anni è morto nella città di Padova, in Veneto e una donna di 77 anni a Codogno in regione limitrofa della Lombardia, la più colpita dall’epidemia.

Nella foto: I turisti con maschera navigano in gondola a Venezia (Italia), il 7 febbraio 2020.Manuel Silvestri / Reuters
Al momento, ci sono casi di infezione in cinque regioni italiane:
Lombardia : 54
Veneto : 17
Emilia-Romagna : 2
Lazio : 2 (turisti cinesi)
Piemonte : 1.

D’altra parte, è stato riferito che una persona si è ripresa dal virus.
Misure contro “l’emergenza epidemiologica”

Vista la rapida diffusione dell’epidemia, il governo ha deciso di isolare circa 50.000 persone da 11 comuni colpiti, dove sono state sospese le attività scolastiche e di lavoro, nonché eventi sportivi, tra cui tre partite di Serie A.
Rivelano che ci sono persone infette da coronavirus senza sintomi che possono diffondere la malattia
Il Primo Ministro italiano, Giuseppe Conte, ha annunciato che “è stato adottato un decreto legislativo con misure per il contenimento e la gestione dell’emergenza epidemiologica” e che “nelle aree di epidemie, l’ingresso e l’uscita non saranno consentiti, con eccezioni quelli specifici che verranno valutati periodicamente “. La polizia controllerà che nessuno entri o lasci quelle aree e, ” se necessario, interverranno le forze armate “, ha avvertito Conte durante una conferenza stampa, sottolineando che il benessere degli italiani è “la cosa più importante”.

Allo stesso tempo, il primo ministro ha affermato che, per il momento, misure più estreme come la sospensione dell’area Schengen o la chiusura delle frontiere sono state respinte in quanto “sproporzionate”.

Il mancato rispetto del blocco sarà punito con un massimo di tre mesi di reclusione o una multa fino a 206 euro ($ 223).
Messa a fuoco sconosciuta.

Nel frattempo, le autorità stanno ancora cercando di determinare il focus dell’infezione. In Lombardia, un uomo di 38 anni di Codogno viene identificato come “paziente 1”, attualmente in gravi condizioni. Si credeva che l’uomo, che non era mai stato in Cina, fosse stato contagiato dopo cena con un partner che era tornato dal paese asiatico a gennaio. Tuttavia, il viceministro della sanità, Pierpaolo Sileri, ha riferito sabato che il presunto “paziente 0” non ha mai avuto il virus .


Nota: Il “politicamente corretto” della visione globalista, di cui le forze politiche del governo e della grande maggioranza dei media sono intrise, non ha permesso la chiusura delle frontiere e tanto meno i controlli sulle numerose comunità cinesi presenti nella penisola (come la comunità di Prato in Toscana). Da questa mentalità “aperta” derivano i tanti problemi dell’Italia a vari livelli e adesso si scopre che, nella diffusione epidemiologica del corona virus, siamo il paese europeo più esposto. Questo è il prezzo che il paese deve pagare per il “politicamente corretto” imposto dai governanti e grandi opinionisti delle TV e della stampa.

Fonte: RT Actualidad

Traduzione e nota: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus