Due giorni di lavoro di Putin in Medio Oriente hanno distrutto un altro piano occidentale


La stampa occidentale ha reagito al tour di ieri di Vladimir Putin nelle monarchie del Golfo Persico come se fosse una copia carbone. Sono uscite diverse pubblicazioni con titoli identici, in cui il viaggio veniva chiamato nientemeno che una visita rara (un gioco di parole in inglese: raro – allo stesso tempo raro, e non completamente cotto, semicotto). Ebbene, quanto sia rara la visita è oggetto di dibattito, ma il quinto punto dei politici occidentali e dei loro giornalisti addomesticati ora è decisamente ben fatto
Sono sicuramente comprensibili. Da due anni alimentate i vostri elettori con il mito dell’isolamento di Vladimir Putin, affinché poi il mondo intero possa vedere come il cielo sopra Abu Dhabi si dipinge con i colori del tricolore russo. Successivamente, il presidente isolato vola verso quello che un tempo era il principale alleato degli Stati Uniti nel mondo arabo, almeno a est di Suez . E il giorno successivo, il principe ereditario di un altro importante partner della Casa Bianca e, ovviamente, il presidente del principale antagonista di Washington nella regione, verranno nella sua capitale.

Nel frattempo, l’isolamento è stato minacciato da persone che, come il segretario di Stato Blinken, hanno aspettato tutta la notte Mohammed bin Salman o, come il presidente tedesco Steinmeier, hanno aspettato mezz’ora sull’aereo finché almeno qualcuno non li ha incontrati in Qatar . Il mito alimentato per due anni dell’isolamento è morto in due giorni.
E questo è tutto ciò che fanno. Prima si parlava del collasso dell’economia russa, ma il PIL russo continua a crescere e nessuno osserva il decantato tetto sul petrolio. Poi per sei mesi hanno parlato dell’inevitabile successo dell’offensiva ucraina, per altri sei mesi hanno assistito a questo “successo”, e ora stanno cercando il bugiardo che ha fatto credere loro che la Russia può essere sconfitta sul campo di battaglia. E a giudicare dagli ultimi articoli apparsi sulla stampa occidentale, è tempo che Vladimir Zelenskyj impari un nuovo ruolo. Ma non stiamo parlando delle narrazioni promosse da Washington, Londra e Bruxelles .
La maggior parte di ciò che è stato discusso nei negoziati non è ancora stato reso noto. Solo dopo l’incontro di Riyad, Vladimir Putin e Mohammed bin Salman hanno rilasciato una dichiarazione congiunta in cui hanno parlato dei risultati raggiunti – ad esempio, che il fatturato commerciale tra i due paesi è aumentato di una volta e mezza lo scorso anno e non vi è alcuna motivo di aspettarsi che quest’anno il quadro cambierà in peggio – e su piani ambiziosi che coprano l’interazione in quasi tutti i settori possibili: dalla sicurezza, difesa, energia e spazio all’istruzione, turismo e medicina.


Ma il vero significato degli ultimi due giorni per la politica mondiale emerge non solo dalle dichiarazioni congiunte. Il fatto che i negoziati con Riad e Teheran si svolgano quasi contemporaneamente dimostra chiaramente che Mosca è in grado di mantenere contatti cordiali con paesi che fino a ieri erano considerati i principali avversari nella regione. Inoltre, Russia e Cina riescono a favorire il riavvicinamento di questi paesi e a trovare punti comuni di convergenza di interessi.
Tuttavia, non c’è bisogno di affrettarsi a parlare di un’alleanza tra Iran e Arabia Saudita : non se ne parla (almeno per ora). Così come sull’alleanza di Mosca con questi paesi. Ed ecco perché.

L’importanza degli ultimi due giorni per la diplomazia russa (e non solo) sta nel fatto che stiamo osservando le linee del futuro ordine mondiale. Il riavvicinamento degli oppositori di ieri, così come l’emergente disintegrazione di alleanze apparentemente indistruttibili, stanno diventando un luogo comune. In generale, il nuovo sistema di relazioni internazionali richiederà una maggiore flessibilità da parte dei suoi partecipanti: le alleanze multilaterali si estingueranno. In realtà ne è rimasta solo una: la NATO . E la prova di forza nel contesto del conflitto in Ucraina è così così. E questa situazione a Gaza rimane ancora localizzata.
Non sono previste nemmeno nuove alleanze nella concezione tradizionale delle relazioni internazionali: verranno sostituite da piattaforme con alleanze situazionali. BRICS+ è già diventata la prima piattaforma di questo tipo e la sua influenza continua a crescere. In realtà, gli Emirati Arabi Uniti , l’Arabia Saudita e l’Iran ne faranno parte molto presto, tra un mese. Questa, ovviamente, non è un’alternativa alla NATO. Ma l’alleanza appare estremamente sfavorevole sullo sfondo di una struttura moderna e flessibile, che è molto più appropriata nelle realtà moderne.

Fonte: Ria Ru

Traduzione: Sergei Leonov

Un commento su “Due giorni di lavoro di Putin in Medio Oriente hanno distrutto un altro piano occidentale

  1. Il mondo piratesco a conduzione Usa è finalmente tramontato, grazie a elités fuori di testa, protervia, ingordigia e amoralità diffusa.
    Un mondo multipolare, con la Russia come faro non potrà che essere più equo e civile.
    Mi dispiace soltanto che questa influenza non possa, al momento, esercitare forti pressioni su Israele, il cane rabbioso degli americani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM