Droni russi attaccano i siti di contrabbando del petrolio rubato alla Siria dai miliziani filo turchi

BEIRUT, LIBANO (21:45) – Per la seconda volta in un mese, droni sconosciuti hanno colpito i siti di contrabbando di petrolio delle forze turche nelle campagne di Aleppo.

Secondo i rapporti, domenica sera i droni si sono avvicinati ai siti di contrabbando di petrolio delle forze sostenute dalla Turchia nella città di Tarheen.

I droni armati, probabilmente delle forze aerospaziali russe, hanno poi lanciato una raffica di missili sui siti di contrabbando di petrolio, provocando massicce esplosioni all’interno della città.

Sebbene il ministero della Difesa russo non abbia commentato questi attacchi, si ritiene che siano i loro droni ad attaccare questi siti petroliferi, come hanno avvertito in precedenza sul contrabbando delle risorse naturali sottratte alla Repubblica araba di Siria.


Nota: Il saccheggio delle risorse petrolifere della Siria, fatto dalle forze statunitensi, assieme a quelle turche e curde, non può essere tollerato dai siriani che si trovano in grave crisi economica ed energetica dopo circa 10 anni di guerra. Per questo la scelta della Russia è quella di guastare il business e punire i responsabili del contrabbando, non potendo attaccare direttamente i siti dei giacimenti che si trovano sotto il controllo delle forze USA.
Le forze occupanti USA, su ordine del Pentagono, hanno occuipato i siti petroliferi nel nord est della Siria ed impediscono al governo siriano di rientrare in possesso delle proprie risorse petrolifere.

Fonte: Al Masdar News

Traduzione: Luciano Lago

11 Commenti
  • antonio
    Inserito alle 23:09h, 25 Gennaio Rispondi

    ladri, infami, si gloriano di essere il paese della libettà e della civiltà, ma il Karma li dissolverà come i sodomiti biblici

  • Ubaldo Croce
    Inserito alle 23:42h, 25 Gennaio Rispondi

    E così sarà Antonio. Il karma lì seppellirà.

  • Arditi, a difesa del confine
    Inserito alle 07:57h, 26 Gennaio Rispondi

    ma che cazzo è sto “karma” ? tutti buddisti siete diventati in Italia ? pfui

    il Signore li punirà, questo si deve dire, non il “karma”…..

    pregate San Andreas

  • Eugenio Orso
    Inserito alle 10:39h, 26 Gennaio Rispondi

    Né il karma nè il signore puniranno …
    E’ l’uomo che deve punire l’uomo, in nome di un Etica non religiosa superiore.
    Etica che può essere anche quella rivoluzionaria ….

    Cari saluti

    • Hannibal7
      Inserito alle 13:09h, 26 Gennaio Rispondi

      Ben detto egregio sig. Eugenio…
      E lasciatelo in pace dove sta il Signore….tanto lui vede…ma a quanto pare non provvede

    • atlas
      Inserito alle 14:49h, 26 Gennaio Rispondi

      ma più punizione di così Eugenio ? Che siamo tutti innocenti in galera ? Io faccio l’Orazione prevista, 5 volte, faccio il Ramadhan dal 1993…

      più prego e sempre a me lo mette in culo Il Signore … è un anno che non vedo le mie donne in Tunisia. E va sempre peggio. Le cinesi non valgono l’unghia incarnina delle mie tunisine. E PORCA LA HARRIS

    • Kaius
      Inserito alle 16:29h, 26 Gennaio Rispondi

      L uomo deve punire la feccia(che umana non è) in nome di una Giustizia retta dalla Morale che è religiosa/naturale/logica.

      • atlas
        Inserito alle 16:54h, 26 Gennaio Rispondi

        per me … nelle Due Sicilie ritornino i Borbone e in italia il Fascismo

        Dio. Patria e Famiglia. Fanculo le puttane, pure di quelle mi sono rotto il cazzo

  • giorgio
    Inserito alle 11:09h, 26 Gennaio Rispondi

    Pienamente d’accordo sig. Eugenio …… prima o poi la nostra sete di giustizia sarà soddisfatta ……

  • michele
    Inserito alle 18:55h, 26 Gennaio Rispondi

    Si stA aprendo un’epoca interessante,la passata ancora in corso….non se ne poteva più,certo ci sono un mare di incertezze……ma è la vita…..vediamo dove l’essere umano vuole andare…..se avrà consapevolezza…..o telepecora totale! Stiamo andando al punto di svolta…

Inserisci un Commento