DRAGHI È STATO VOLUTO DALL’ASSE BERLINO-PARIGI-BRUXELLES?

di Thomas Fazi.
«Uomini dell’entourage di Sergio Mattarella, la Commissione europea di Ursula von der Leyen e le cancellerie di Berlino e Parigi hanno spinto per la sostituzione di Draghi subito dopo la lettura della prima bozza [del Recovery Plan]», dice un anonimo tecnico del MEF intervistato da “Domani”.

Ovviamente la retorica è sempre la solita: il Recovery Fund rappresenta un’occasione storica per l’Italia e i nostri cari partner europei erano preoccupati che non sapessimo sfruttare al meglio tutti questi fantastiliardi messi generosamente a disposizione dall’Europa, e quindi hanno pensato bene di togliere di mezzo Conte per mettercene uno più competente. Il tutto ovviamente nel nostro interesse.

Inutile dire che si tratta di una narrazione risibile. Come diciamo da tempo, il Recovery Fund non serve di certo ad aiutare l’Italia a risollevarsi economicamente, ma anzi serve a stringere ancora di più il cappio della UE attorno al collo del nostro paese. Potremmo definirlo un MES all’ennesima potenza.

Tanto per cominciare i soldi del Recovery Fund non sono né una montagna, né regalati. Il grosso dei fondi sono prestiti che andranno, ovviamente, restituiti; ma anche i cosiddetti “trasferimenti a fondo perduto” in realtà non sono tali: alla fine li dovremo rimborsare quasi tutti. Insomma, la UE si limiterà a ridarci indietro i nostri stessi soldi, come già avviene per i “normali” fondi europei.

Macron Merkel ad Aquisgrana

Inoltre, il governo ha già fatto sapere che solo i trasferimenti verranno utilizzati per finanziare spese aggiuntive. Parliamo di circa 80 miliardi in sei anni: meno del deficit aggiuntivo stanziato dal governo nel solo 2020. Briciole. È lo stesso governo ad ammettere queste avranno un impatto irrisorio sull’economia: 0,3, 0,4 e 0,8 per cento del PIL nei prossimi tre anni.

Come se non bastasse, in cambio degli spicci europei dovremo anche impegnarci a tagliare la spesa pubblica per assicurare la sostenibilità del debito.

Ma arriviamo alla questione centrale, quella che interessa veramente ai nostri “amici” europei. I fondi del Recovery Fund prevedono condizionalità molto stringenti: non solo è la Commissione a decidere sostanzialmente come devono essere spesi i soldi, ma la loro ricezione è subordinata al rispetto delle raccomandazioni specifiche per paese della Commissione, che vanno da sempre nella stessa direzione: tagli della spesa pubblica, compressione del salari, deregolamentazione dei mercati del lavoro ecc.

In questo consiste, alla fine, il Recovery Fund: l’usurpazione definitiva di quel minimo di autonomia di bilancio – e dunque di democrazia – che ci era rimasta e l’accentramento di ulteriore potere nelle mani di istituzioni anti-democratiche quali la Commissione europea. Altro che “opportunità storica”!

Detto questo, se veramente vogliamo dare credito alla teoria per cui l’operazione Draghi sarebbe stata orchestrata dall’asse Berlino-Parigi-Bruxelles, il motivo non è certo quello per cui temevano che Conte non avrebbe speso i soldi nell’interesse dell’Italia, ma semmai perché temevano che non li avrebbe spesi nella maniera auspicata dalla UE (ovvero dal capitale nordeuropeo, ovvero dalla Germania).

Ma se le cose stanno così, allora Conte è una vittima della sua stessa retorica. Col senno di poi, aver investito così tanto politicamente nel Recovery Fund – uno strumento che ha come unico obiettivo il commissariamento de facto dell’Italia – appare come un errore strategico colossale.

Se oggi, infatti, Draghi – letteralmente l’incarnazione vivente del vincolo esterno – può presentarsi come il salvatore della patria che può garantire l’arrivo e il “buon uso” dei fantastiliardi dell’Europa, è precisamente perché Conte in primis ha avallato fin dall’inizio la logica del vincolo esterno, presentando il Recovery Fund come un generoso regalo di mamma Europa che lo scolaretto Italia avrebbe dovuto fare di tutto per meritarsi e “spendere bene”, e anzi senza i quali saremmo stati perduti. Tra l’altro illudendosi di poter scegliere come spendere i soldi.

Insomma, Conte – sospinto da MoVimento Cinque Stelle e PD – non ha fatto che alimentare l’idea dell’Italia come nazione minus habens incapace di gestire se stessa e perennemente bisognosa dell’aiuto (e a volte della “rieducazione”) di qualche “provvidenziale” attore esterno, per definizione più civilizzato e capace di noi.

Questa è precisamente la narrazione che ha prodotto una classe dirigente completamente subalterna all’Europa e strutturalmente incapace di difendere gli interessi del paese, e che ci ha ridotti in quello “stato di minorità” che è proprio di chi sente la necessità di affidare ad altri le decisioni circa le proprie priorità e il proprio destino. Non sorprende che a farne le vittime, oltre ai comuni cittadini, siano spesso proprio i politici italiani, dediti da anni ad un’operazione di autodenigrazione di se stessi e del loro paese.

Conte Merkel

Se per mesi hai ripetuto la fandonia secondo cui il Recovery Fund – nei fatti due spicci concessi a debito in cambio di condizionalità peggiori del MES, come spiego nel dettaglio qui – rappresenta «la più grande occasione nella storia del paese», c’è poco da sorprendersi che oggi il popolo acclami l’arrivo dei “competenti” per gestire questa «opportunità storica». Che dire? Chi di vincolo esterno ferisce di vincolo esterno perisce.

Un ultimo appunto: indipendentemente dal fatto che il retroscena in questione sia vero o no, non si può non rimanere sorpresi di come ormai giornali “liberali” e “democratici” come “Domani” discutano apertamente del fatto che l’Europa e le principali cancellerie avrebbero pianificato, in combutta col presidente Mattarella, la rimozione di un governo e la sua sostituzione con uno più gradito, come se fosse la cosa più normale del mondo.

Ormai abbiamo completamente introiettato la nostra condizione di colonia dell’impero UE a trazione franco-tedesca. Povera patria.

Tratto da Il Paragone.it

19 Commenti

  • Eugenio Orso
    12 Febbraio 2021

    Certo che draghi, più o meno come monti nel 2011, è stato mandato dall’asse del male neocapitalista con la complicità interna di mattarella e renzi!
    Non credo che ci possano essere dubbi in proposito.
    draghi ha alle sue spalle tanta potenza (distruttiva da great reset …) che persino i grilloidi 5 … volte svergognati e non stellati, mentre si stanno azzanando fra loro per il ridicolo e taroccato “voto in rete” Rousseau, non lo tirano mai direttamente in ballo.
    Se ci avete fatto caso, il finto “agitprop” pentasvergognato “dibba”, motiva la sua uscita dal mov(imento di pancia) con la presenza inaccettabile di forca Italia nel futuro governo e, finora, non ha osato attaccare direttamente draghi, credo per paura di essere fulminato…

    Cari saluti

    • atlas
      12 Febbraio 2021

      datemi un ‘Dittatore’ GIUSTO per le Due Sicilie, la mia Nazione. Vorrei la reincarnazione di Saddam Hussein se possibile

  • antonio
    12 Febbraio 2021

    cavallo di troyka, per innondarci di titoli tossici del nord Europa e degli Stati Uniti che ci obbligheranno ad accettare in cambio di spiagge, laghi, dolomiti, negozi alberghi , acquedotti, dighe, autostrade, ferrovie, aeroporti ecc.
    un poveretto senza cervello, ma tinto e sorridente, come i suoi padroni

  • antonio
    12 Febbraio 2021

    le banche Rotsc – Rock hanno 2 milioni di miliardi in $ di titoli tossici, il pil mondiale è 70 mila miliardi di $, capite voi che stanno in piedi grazie alle minacce dei bombardieri B 52 e le basi militari di occupazione che impongono il dollaro,
    devono però cominciare a smazzare ai cretini i loro rottami finanziari, come nel 1929, nel 1971, nel 2001 e nel 2008, ci daranno cartaccia in cambio di oro argento e tutto quello di buono che abbiamo, col finto-virus, che è solo un veleno tossico aerosolizzato nei cieli, ci hanno bloccati economicamente perchè non potessimo reagire,
    la solita tattica ladra infame dei biblici-testamentitori

    • Idea3online
      12 Febbraio 2021

      Riguardo al Testamento Sacro cosa disse Dio:

      In mezzo a te c’è chi accetta soldi per spargere sangue, altri prestano il proprio denaro a un interesse esagerato: opprimono il prossimo per arricchirsi. E io, il loro Dio, il Signore, sono completamente dimenticato. Ecco che cosa ho costatato.

      Ezechiele 22:12

  • giorgio
    12 Febbraio 2021

    La sua analisi, Antonio, è totalmente condivisibile ….. niente da aggiungere ……

  • atlas
    13 Febbraio 2021

    nuova squadra dei draghi: portatori sani diventano asintomatici. Portatori d’odio diventano antidemocratici. L’antifascismo rimane com’è: come il covid, a vita

  • atlas
    13 Febbraio 2021

    Draghi per me ha gli occhi di un serpente cattivo, con Berlusconi a mio avviso sarà una dittatura profondamente ingiusta

    in realtà tutti i sistemi politici sono dittature. Dipende poi dalle Leggi dettate da chi detta Legge se la dittatura, per Leggi naturali e retta ragione, è giusta o ingiusta. E ognuno poi ha la sua personale visione di cosa sia giusto o ingiusto. Molto dipende se è una persona buona o cattiva. Io credo che la democrazia sia una dittatura ingiusta e credo che il Socialismo sia una dittatura giusta. Due Sicilie Nazione Sociale e Sovrana, libera dall’italia democratica, dalla UE e dalla nato, con la Russia. Con o senza il RE Borbone

    (solo con un miracolo)

  • Anonimo
    13 Febbraio 2021

    Draghi ha detto,prendere o lasciare. E noi lasciamo. Lasciamo con grande calma, con profondo convincimento. Adieu-adieu!

    https://www.youtube.com/watch?v=C222jj9EvYM

  • nichelasse
    13 Febbraio 2021

    Oramai spero solo nella III guerra mondiale e che le bombe russe ci mandino tutti al creatore

  • giorgio
    13 Febbraio 2021

    I venduti ai banchieri e alla finanza globalista, Pd Renzi 5 stelle, hanno “convertito” sulla via di bruxelles la Lega e resuscitato lo zombie Berlusconi ….. voltando la faccia (da culo) ai propri elettori ….. che sono emeriti imbecilli e si meritano di prendere pesci in faccia dai propri partiti di “riferimento” …. ma l’arroganza e l’opportunismo della partitocrazia è senza limiti, senza pudore …..
    Come può sopportare un elettore di pd e leu di stare in un governo con Salvini, Brunetta ecc. …… e viceversa naturalmente ….. e un grillino come può mandare giù un governo servo dei mercati sostenendolo insieme e Berlusconi e Renzi ?
    Qualcuno inizia ad accorgersi che parlamento democrazia elezioni sono un paravento ? una facciata “buonista” grazie alla quale prospera l’elite finanziaria che ci domina ? E’ questo il governo indicato dagli elettori alle ultime politiche, con una lista di ministri da galleria degli orrori ?
    Siamo alla ennesima porcata inciucista all’italiana …. messa in piedi dalla finanza internazionale con la complicità dei servi locali Mattarella e Renzi e a seguire dell’intero parlamento che acclama il salvatore-affossatore della patria …..
    Nel codice penale tutto questo non è contemplato come alto tradimento ….. ma nel mio personale codice, e in quello di molti altri, si !

  • Anonimo
    13 Febbraio 2021

    Per fare un po’ di cronaca (sub) politica, essendo certo che Atlas si incazzerà un poco, riporto la dichiarazione sui “social” formale, manierista e falsamente spreranzosa dell’omunculus vito crimi, del 7stalle (+1 conte escluso dal governo e +1 grillo nel backstage):
    “Buon lavoro al Presidente Mario Draghi che dovrà guidare il Paese in questa difficile fase storica. Il MoVimento 5 Stelle garantirà il suo sostegno all’esecutivo con lealtà e correttezza. Auguro buon lavoro, in particolare, ai 4 ministri del MoVimento e a Roberto Cingolani, nuovo Ministro per la Transizione Ecologica, il dicastero che abbiamo fortemente voluto e che caratterizzerà l’intera azione di questo governo. Questo è il governo della transizione ecologica.”
    tutto questo mentre il 7stalle è in pieno marasma e si sta spaccando, con prospettiva di dissoluzione futura e collasso di consensi. Ma tanto, a sostenere draghi c’è tanto mercenariato che coprirà i “vuoti” lasciati dai grilloidi protestari come “dibba”/lezzi/toninelli, che forse voteranno contro draghi e i loro stessi … ex compari di merende parlamentari, oggi ministeriali e “governativi2 troika
    Il consenso succube e comprato non mancherà mai, in questo parlamento che più che bivacco di manipoli (Dux buonanima) dovrebbe diventare Vespasiano per le pisciate (pecunia non olet!).
    Del resto, ci sono i piddioti (anche questi nel marasma), l’Italia vergogna del treccartaro di Firenze, i liberti e ungulati “estremi-sinistroidi” di speranza abbonato al ministero della sanità (culo sulla sedie siempre! faccetta da moribondo), poi forca Italia con berlusconi icona gerentologica, la sega di giorgetti ultra-liberista, con salvini che ancora si agita, e altre frattaglie sub-politiche minori, alle quale daranno forse vice-ministri e sotto segretari …
    draghi pare blindatissimo , dal punto di vista demokrattikko, ed è pronto a cominciare la mattanza, nonostante le convulsioni dei grilloidi/Rousseau.

    Cari saluti
    .

  • Eugenio Orso
    13 Febbraio 2021

    Per fare un po’ di cronaca (sub) politica, essendo certo che Atlas si incazzerà un poco, riporto la dichiarazione sui “social” formale, manierista e falsamente spreranzosa dell’omunculus vito crimi, del 7stalle (+1 conte escluso dal governo e +1 grillo nel backstage):
    “Buon lavoro al Presidente Mario Draghi che dovrà guidare il Paese in questa difficile fase storica. Il MoVimento 5 Stelle garantirà il suo sostegno all’esecutivo con lealtà e correttezza. Auguro buon lavoro, in particolare, ai 4 ministri del MoVimento e a Roberto Cingolani, nuovo Ministro per la Transizione Ecologica, il dicastero che abbiamo fortemente voluto e che caratterizzerà l’intera azione di questo governo. Questo è il governo della transizione ecologica.”
    tutto questo mentre il 7stalle è in pieno marasma e si sta spaccando, con prospettiva di dissoluzione futura e collasso di consensi. Ma tanto, a sostenere draghi c’è tanto mercenariato che coprirà i “vuoti” lasciati dai grilloidi protestari come “dibba”/lezzi/toninelli, che forse voteranno contro draghi e i loro stessi … ex compari di merende parlamentari, oggi ministeriali e “governativi2 troika
    Il consenso succube e comprato non mancherà mai, in questo parlamento che più che bivacco di manipoli (Dux buonanima) dovrebbe diventare Vespasiano per le pisciate (pecunia non olet!).
    Del resto, ci sono i piddioti (anche questi nel marasma), l’Italia vergogna del treccartaro di Firenze, i liberti e ungulati “estremi-sinistroidi” di speranza abbonato al ministero della sanità (culo sulla sedie siempre! faccetta da moribondo), poi forca Italia con berlusconi icona gerentologica, la sega di giorgetti ultra-liberista, con salvini che ancora si agita, e altre frattaglie sub-politiche minori, alle quale daranno forse vice-ministri e sotto segretari …
    draghi pare blindatissimo , dal punto di vista demokrattikko, ed è pronto a cominciare la mattanza, nonostante le convulsioni dei grilloidi/Rousseau.

    Cari saluti

    • atlas
      13 Febbraio 2021

      per me caro Eugenio ……… se vuoi perdere tempo a scrivere di democrazia e di esseri come Brunetta … io mi vesto e vado dalle massaggiatrici cinesi, è tutta zona gialla, le birrerie dovrebbero essere aperte, prima bevo un pò

      buon Sabato Fascista

      • Eugenio Orso
        13 Febbraio 2021

        Eppure il nano Bagonghi brunetta (senza offesa per la nota famiglia circense di nani) è un’espressione degenerata, per quanto minore e grottesca, della nostra epoca di “Kali Yuga” e dovrebbe essere analizzato … vincendo il naturale ribrezzo.

        Cari saluti

  • Arditi, a difesa del confine
    13 Febbraio 2021

    agghiacciante vedere su twitter la gente che rimpiange conte, un uomo piccolo che ha rinchiuso 60 milioni di persone e ne ha fatte morire 100.000

    purtroppo però il peggio deve ancora venire,il rettiliano ho paura ci farà rimpiangere l’avvocato con la pochette

  • giorgio
    13 Febbraio 2021

    Chi pensava avessimo toccato il fondo con Conte si sbaglia di grosso …. se prima la tirannia dei mercati finanziario sanitaria agiva con il tramite della politica zerbino, ora agisce in modo diretto guidata da uno dei suoi massimi esponenti ….. è arrivato il domatore con la frusta senza mediazioni …..
    Non è un luogo comune che al peggio (in liberal democrazia) non c’è limite ……

    • atlas
      13 Febbraio 2021

      per la redazione è ‘finta democrazia’ …

      figuriamoci quella ‘vera’ … che ci vuoi fare, siamo davvero molto pochi; appena finisce la partita del Napoli (A TUTTI QUEI ‘DUO SICILIANI’ CHE STANNO TIFANDO JUVE: SIETE IL PEGGIO DELLA RAZZA ANIMALE) esco, direzione ‘centro benessere’

Inserisci un Commento