Draghi e il suo governo portano l’Italia in Guerra per volontà di Washington


di Luciano Lago

Alla fine è arrivato il momento della verità e si capisce a chi obbedisce questo governo ed a quali interessi risponde: Draghi manda l’Italia in guerra per compiacere il “grande fratello” USA.
Non possiamo qualificare se non come mortificante lo spettacolo offerto dalla seduta del Parlamento italiano convocato in seduta comune per ascoltare il discorso del fantoccio ucraino della NATO, Zelensky, mentre questi perorava la causa del suo paese che lui stesso ha portato al massacro ed alla distruzione per volontà dei dei suoi patrocinatori statunitensi.
In questa occasione si è visto quale sia il livello della attuale classe politica in Italia che ha mostrato definitvamente la sua inadeguatezza in un momento drammatico della Storia, rivelando la mancanza di una visione ed una prospettiva degli interessi del paese e degli effetti nefasti di decisioni errate prese con superficialità ed incoscienza.
Il peggio è stato rappresentato dal discorso bellicoso di Mario Draghi, il super banchiere che, con le sue decisioni di partecipare alla guerra contro la Russia, pretende si servire gli interessi delle centrali guerrafondaie a scapito dell’interesse del paese.
Dal Dipartimento di Stato USA è arrivata la direttiva: entrate in guerra contro la Russia, inviate armi, soldati italiani ed mezzi militari ai confini dell’Ucraina. Il governo Draghi è scattato sull’attenti ed esegue senza discutere ma anzi con l’entusiasmo del cobelligerante.

Le conseguenze di questa decisione, presa a scapito di qualsiasi razionalità e buon senso, presto ricadranno sui cittadini italiani e saranno molto pesanti con l’evolversi della situazione.
L’Italia avrebbe potuto interporsi per svolgere un ruolo di mediazione fra le parti e far negoziare una tregua, un armistizio ed obbligare le parti al tavolo delle trattative, risparmiando altri massacri e distruzioni. Il governo italiano avrebbe potuto agire sulle istituzioni della UE per opporsi alle decisioni insensate di Bruxelles riguardo alle sanzioni ed alle misure contro la Russia, per facilitare un sospensione delle ostilità e trattare la pace.
Tuttavia anche la UE si è dimostrata per quello che è: un organismo fallito che marcia al traino di interessi esterni che sono a Washington e che sono quelli di prolungare a tutti costi la guerra per renderla una piaga aperta in Europa che indebolisca la Russia e l stessa Europa per favorire gli interessi geopolitici degli Stati Uniti.
Dopo aver sospinto l’adesione dell’Ucraina alla NATO ed essere rimasti sordi gli avvisi lanciati più volte da Putin, gli Stati Uniti mostrano la loro vera faccia, quali portatori del caos in Europa, in modo analogo di come hanno svolto questa funzione in Medio Oriente ed in Asia. Creare il caos e far sprofondare Europa e Russia nel pantano della guerra. L’Italia di Mario Draghi e di Di Maio ci è cascata in pieno.

Questa deriva è stata favorita dal conformismo di una parte importante del denominato ceto intellettuale, da giornalisti e presentatori delle TV e della carta stampata, tutti a suonare il piffero della Nato ed a dare manforte ad una interpretazione distorta e falsata degli avvenimenti.


Così si è potuta svolgere la incredibile sceneggiata dell’ex comico Zelensky davanti al Parlamento Italiano in seduta comune, in ossequio di quel personaggio che è il presidente di uno stato fantoccio degli Stati Uniti in Europa, il cui esercito è in mano dal 2014 a neo-nazisti dichiarati e in cui leggi liberticide hanno messo fuorilegge partiti e oppositori, altro che democrazia. Senza ricordare quali siano i crimini di cui si è macchiato il governo ucraino nelle regioni russe del Donbass, gli stessi crimini che hanno determinato la decisione di Putin di intervenire militarmente contro l’Ucraina. Non è un caso che tutti i media filo NATO si sono impegnati a cancellare le prove di questi crimini lasciate sul web.

Ormai la frittata e fatta e l’Italia è entrata in guerra come cobelligerante contro la Russia. Soltanto gli stupidi non hanno compreso che, per conseguenza di queste decisioni, il “bel paese” costellato di basi USA e NATO con missili puntati contro la Russia, diventa un bersaglio legittimo per le armi nucleari russe in caso di allargamento delle ostilità.
Nel frattempo, a seguito delle sanzioni, i costi dell’energia, dei materiali, del cibo renderanno sempre più misera la vita della popolazione italiana che, quando si sveglierà dal torpore, saprà chi ringraziare.

21 Commenti
  • Vindelp
    Inserito alle 08:30h, 23 Marzo Rispondi

    Siamo in guerra dal 1948, essendo colonia americana, e in barba all’art. 11 abbiamo sempre abbiamo mandato soldati e armi in tutte le guerre americane. Oggi con le 113 basi americane e strutture come il Muos saremo i primi bersagli in Europa. e con l’aumento del contributo alla NATO al 2% del Pil arriveremo a pagare quasi 40 miliardi di euro l’anno togliendo chiaramente diversi miliardi di euro alle spese per la Sanità. Il “governo dei migliori” a spennarci e portarci nel disastro totale è a pieni motori per la gioia dei beoti italici

  • Antonio
    Inserito alle 08:31h, 23 Marzo Rispondi

    Era già successo per la Libia: bastò una telefonata da Obama e Napolitano e l’Italia si trovà a rinnegare un trattato di amicizia con la Libia ancora fresco di inchiostro. Fu un tradimento che ancora brucia sul nostro onore e i nostri interessi…

    • Ubaldo Croce
      Inserito alle 09:15h, 23 Marzo Rispondi

      Caro Antonio,parole sacrosante le tue,che condivi in pieno . Non potevi dire meglio.

    • Ubaldo Croce
      Inserito alle 09:16h, 23 Marzo Rispondi

      …condivido in pieno …

    • mondo falso
      Inserito alle 09:35h, 23 Marzo Rispondi

      vigliaccheria italiana

  • Veronika giovine
    Inserito alle 08:46h, 23 Marzo Rispondi

    Signor Lago, quale eloquente e, purtroppo, veridica espressione di ciò che sta accadendo e che sicuramente accadrà in questa Europa, fedele amico a quattro zampe degli USA. Quale desolazione constatare che a dirigere il coro di pecore, ci sono i media mainstream che sicuramente tessono già le lodi di tale decisione! Che disgrazia sapere che un articolo come il Suo, seppur riesca a scuotere l’opinione pubblica e a svegliarla dal torpore, facendo riversare i cittadini nelle strade per protestare, non servirà a nulla! Perchè da quanto ormai questa democrazia, di cui tanto vanno fieri i nostri leader, che ne esportano le grazie a colpi di mortaio, non presta la benchè minima attenzione alla volontà delle popolazioni? Popolazioni che suddetti leader (o meglio dire SUDDITI?) dovrebbero servire e che invece, in Italia, ormai nemmeno verngono eletti? Quasi rimpiango l’immorale ed immortale Berlusconi. Checchè non se ne dica, egli sapeva almeno non tradire gli amici: come non mandò l’esercito italiano ad annientare il perfido Gheddafi ai tempi, non avrebbe permesso tale scempio nei confronti di Putin. E da questo, quale scempio si rivelerà per gli Italiani? Che dai Russi verranno messi tutti nello stesso calderone e considerati fautori di questo disastroso intervento! Grazie per il Suo pezzo!

    • maurizio diana
      Inserito alle 10:49h, 24 Marzo Rispondi

      Buongiorno,
      Guardi i titoli assolutamente vergognosi e falsi del ” Giornale ” di Berlusconi in prima pagina, si comprenderanno molte cose , lo faccia per qualche giorno ……. ( e per fortuna che è amico di Putin …..)
      Berlusconi non ha mai fatto nulla per il popolo italiano, MAI !!!
      Non è difficile da capire, neanche un pò…. !!
      Buona giornata

      Maurizio

  • Nuccio Viglietti
    Inserito alle 09:37h, 23 Marzo Rispondi

    Una grande giornata per italico parlamento… peccato funestata improvvida assenza… di Fedez!…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  • Farouq
    Inserito alle 09:48h, 23 Marzo Rispondi

    Gli abitanti di Mriupol e non solo vengono considerati dagli ucraini come russofoni e quindi non ucraini, si spiegano così molte cose, impediscono a loro di lasciare la città e vengono usati come scudi umani

  • Punto
    Inserito alle 10:26h, 23 Marzo Rispondi

    E gli italiani che fanno? continuano a farsi i caxxxi propri con il mantra” tengo famiglia.”
    Che schifo! Colpa nostra se questo paese è diventato una merda.
    Ci vuole una bella rivoluzione e occupare il parlamento.

  • Michele
    Inserito alle 11:11h, 23 Marzo Rispondi

    Scudi umani reali…..non come ….Saddam….Gheddafi…..Milosevic….e altri…

  • Pippo
    Inserito alle 12:08h, 23 Marzo Rispondi

    Che coppia , Biden con quella faccia da capo del kkk , con quella malcelata cattiveria amplificata da quella che potrebbe sembrare una demenza senile se fosse non la volontà di portare la guerra su piani sempre più alti . Draghi , se restavi a fare il bancario al massimo potevi finire nel girone degli usurai , adesso , quando andrà all’inferno ti meriti un posto in quello degli assassini , per le armi che fornisci con la gente in più che contribuisci ad ammazzare e tutto il dolore che provoca , e in quello dei traditori , traditore della costituzione e della volontà del popolo italiano , la cui maggioranza grazie a Dio non vuole la guerra.

  • natalino
    Inserito alle 13:52h, 23 Marzo Rispondi

    In stile batracomiomachia i due si alleano per sconfiggere Rodipane re dei topi.
    Solo che oggi Rodipane non é la Russia ma sono gli eroici boys e non siamo davanti ad un poema satirico di Leopardi.
    Il guerriero batrace (Draghi da l’idea del batrace) si sta alleando nel caso attuale con il ratto che sta rodendo le risorse del mondo per garantire i suoi privilegi.
    Quando arriverá il momento dell’incontro-scontro con il serpente d’acqua, nella mia opinione, il batrace si deffilerá e fará annegare il topo. Rientra nelle dinamiche del comportamento dell’italiano medio (guerriero batrace a immagine e somiglianza del suo primo ministro): cobelligerare con chi all’apparenza é piú forte salvo poi abbandonarlo nel momento della difficoltá.
    E fin qui non ci sarebbe niente di sconveniente: Il compagno di viaggio non é dei piu raccomandabili ed é proprio da tenere alla larga. Il guaio é che abbiamo stretto dei legami talmente forti (molto, molto piú forti di quelli con i teteschi nella 2^ guerra mondiale) che l’abbandono non sará un semplice addio, Ci strapperá pezzi della nostra carne e dovremo subire amputazioni perché quel legame é stato realizzato come una saldatura,
    La seconda guerra mondiale ci sembrerá una passeggiata in confronto a quella che sta arrivando.

  • Giorgio
    Inserito alle 16:35h, 23 Marzo Rispondi

    Mi permetta dott. Lago di “rubarle” il copiright di questa sua felice definizione :
    Governi e media occidentali preda di delirio libidinoso filo atlantista ……..

  • Gabriella
    Inserito alle 16:58h, 23 Marzo Rispondi

    Che spettacolo vergognoso sta offrendo l’Italia ! Come siamo potuti cadere così in basso? L’Italia, e l’Europa in generale, avrebbero tutto l’interesse a cooperare con la Russia.
    ITALIA FUORI DALLA NATO !

    • maicol
      Inserito alle 18:55h, 23 Marzo Rispondi

      Con Chi vorresti allearti Cina o Russia

      • Giorgio
        Inserito alle 10:00h, 24 Marzo Rispondi

        Va bene chiunque …..
        USA NATO = MALE ASSOLUTO …..

    • mondo falso
      Inserito alle 22:11h, 23 Marzo Rispondi

      60 anni di televisione e benessere economico di superfluo e vizi ci hanno fatto impazzire

  • maicol
    Inserito alle 18:54h, 23 Marzo Rispondi

    Anatolj Chubais, inviato russo alle Nazioni Unite per le questioni climatiche, si è dimesso in dissenso con Mosca per la guerra.

  • antonio
    Inserito alle 14:23h, 24 Marzo Rispondi

    alpini ed appennini – con muli e siringhetto – comandati dal genio dei fagioli ?

  • antonio
    Inserito alle 14:28h, 24 Marzo Rispondi

    mandiamo Draghi e tutti i ministri con le famiglie a tirare molotov ai russi – faran morire dal ridere non solo i russi ma pure gli ucraìni – e così l’ Ucraìna diverrà nostra senza colpo ferire

Inserisci un Commento