Dopo Verona. La famiglia è di destra?


di Roberto Pecchioli

Il congresso delle famiglie di Verona ha chiarito molte cose. Il crinale amico-nemico è apparso più netto dopo l’isterica contromanifestazione preventiva, gli attacchi scomposti della grottesca troupe itinerante degli indignati di professione, l’imbarazzo umiliante della Chiesa cattolica, la presa di distanza dei cosiddetti moderati, la discesa in campo dell’intero corpo d’armata del sinistrume mediatico, culturale, politico.

Nell’anno del Signore 2019, la famiglia è di destra. Chi ci segue conosce la nostra idiosincrasia per il termine. Eppure, il nocciolo della questione, lo diciamo con tristezza, è tutto qui.

Altrettanto lo è affermare che il sole sorge ogni mattina e i bambini hanno un padre e una madre. Lo spettacolo devastante di odio, triviale intolleranza, la discesa in campo dell’anti Italia dinanzi al congresso delle famiglie dovrebbe aprire gli occhi a chiunque abbia occhi per vedere e cervello per pensare.

L’Occidente terminale ha trovato il suo nemico definitivo, l’ultimo da sgominare, la famiglia appunto. I bambini non devono avere un padre e una madre, addirittura non è bene che si distinguano tra maschietti e femminucce; la sessualità tra uomo e donna è solo uno tra i tanti “orientamenti”, il più fastidioso, giacché porta a nascite indesiderate. L’omosessualità è bellissima, l’eteropatriarcato è una schifezza.

La battaglia sui principi fondanti di una società è più importante dell’assetto economico. Abbiamo nemici numerosi, potentissimi. Alle Boldrini, Camusso e Bonino di sempre si sono uniti esponenti di centro e centrodestra. Sorprendono dichiarazioni come quella del governatore veneto Zaia, secondo cui “l’omofobia è una malattia, senza se e senza ma”, l’indifferenza ostile dei liberali, la timidezza dei preti.

I toni utilizzati dal nemico che ci vuole distruggere, nemico è chi il nemico fa, sono volgari, disgustosi e sovreccitati. La qualità di essere umano è revocata senza appello a chi non la pensa come loro. Sono razzisti etici, suprematisti, poiché la loro ragione è unica. Vivono in un’ignoranza fatta di luoghi comuni di terz’ordine: i richiami al Medioevo sono così numerosi e irritanti da rendere inutile ogni replica.

Corteo Pro famiglia Verona

Chi crede nella famiglia, non santifica l’aborto, è contrario all’omosessualismo, vive nel Medioevo. Niente di male, fu un millennio in cui operarono Benedetto da Norcia, Francesco d’Assisi, Caterina da Siena, Carlo Magno, Dante Alighieri, Federico II, Tommaso d’Aquino, il tempo in cui nacquero le università, in cui le conquiste della matematica e dell’ingegneria portarono alla costruzione delle cattedrali, ma anche alle grandi opere di irrigazione e ingegneria civile. Nel Medioevo furono inventate la scrittura musicale e la bussola e Giotto dipingeva meglio degli espressionisti astratti. Però non si abortiva legalmente e Pier Damiani poteva scagliarsi contro la sodomia del clero senza essere denunciato per omofobia.

I signori del progresso stanno lasciando nelle nostre mani una battaglia fondamentale, per nulla confessionale, anzi laicissima. Le idee di famiglia e di matrimonio sono un elemento centrale dell’ingresso delle comunità umane nella civiltà. Distruggerle significa regredire di migliaia di anni, uscire dal recinto della legge e precipitare negli istinti. Qui sta il punto: è il capitalismo nella sua versione terminale, il nemico assoluto. La famiglia è il bastione più forte contro la mercificazione globale.

Corteo contro la famiglia naturale a Verona

E’ il regno –l’ultimo- della gratuità, in cui si prende e si dà senza cartellino del prezzo. Prima hanno ricondotto tutto, matrimonio compreso, a un contratto con articoli e capitolati; ora passano alla fase ulteriore, nessun legame, tutto deve essere liquido, casuale. I figli sono prodotti da ordinare sul mercato, statura, colore della pelle, sesso, pardon genere. Osceni cataloghi sono disponibili in rete.

Hanno inteso mettere tutti contro tutti, uomini contro donne, giovani contro anziani, genitori (1, 2, 3 quanti ne vogliamo) contro figli. Nessuno deve essere ciò che è, ma quello che gli impone il sistema. Oggi sei donna, domani etero, dopodomani ti senti cinese e l’anno prossimo chissà. Importante è essere buoni consumatori.

Loro sono tutto amore, gli altri malvagi dispensatori di odio. Presto avremo le nozze a tempo, il problema è come fare con i figli. Ma esiste la soluzione: possono essere affidati a cooperative, imponendo di non farli crescere secondo istinto biologico naturale. Essenziale è che si estirpi la famiglia.

Lascia senza fiato il farmaco che inibisce lo sviluppo sessuale secondo natura prima della pubertà, da somministrare già a dieci-undici anni. Questi sono i frutti del “loro” amore, il segno del progresso.

Il congresso di Verona ha sintetizzato un progetto esistenziale che, volenti o nolenti, è un potente programma politico, un’entusiasmante grido in difesa della vita e della Patria. Chiede di sbarrare il passo a pratiche immonde come l’utero in affitto, alias gestazione per altri (sempre l’imbroglio politicamente corretto). Esige di stabilire il diritto per i bambini ad avere un papà e una mamma, a ricevere un’educazione che non metta in discussione la loro identità biologica, vivere un’infanzia e una prima giovinezza libere dalla precoce sessualizzazione. Chiede alla politica di istituire un fondo salva famiglie e di salvaguardare i diritti delle madri che decidono di non abortire, nonché di dichiarare ciò che è evidente, la natura di esseri umani dei nascituri. E’ incredibile rivendicare tali ovvietà, ma a questo siamo.

E’ un programma rivoluzionario ma non estremista, nè negatore dei diritti di chicchessia. Chi afferma il contrario è in malafede.

Siamo convinti di avere ottime ragioni e comunque vada la battaglia, noi lasceremo traccia, a differenza dei vili, degli opportunisti. Quando si rappresenta una giusta causa (quasi) perduta, bisogna tentare l’ultima sortita.

Fonte:

http://www.ilpensieroforte.it/dibattiti/2008-dopo-verona-la-famiglia-%C3%A8-di-destra

Il Pensiero Forte

22 Commenti

  • Kaius
    4 Aprile 2019

    Poche chiacchiere .
    L omofilia è una malattia psico sessuale come la pedofilia e la zoofilia.
    La sessualità è una sola e non si cambia,chi nasce maschio rimane maschio ,chi femmina rimane femmina,la biologia parla chiaro per sfortuna di questi deviati.
    Di conseguenza gli “orientamenti sessuali”non esistono ,sono una STRONZATA COLOSSALE inventata dalla feccia lgbt.
    Come non esistono questi “orientamenti” ,esistono le parafilie,ovvero le malattie psico sessuali come la pedofilia e l omofilia citata prima .
    “Omofobia ” come “pedofobia”è una parola inventata usata dai deviati e dalla feccia indottrinata ,visto che fino a prova contraria nessuno qui a paura di due froci che si ciucciano la cappella a vicenda o di un vecchio pervertito (spesso finocchio)che si fotte i bambini.
    No,ci sono solo odio e disgusto (legittimissimi,naturali e normalissimi)verso feccia malata,perversa,rozza e contro natura.
    La stessa feccia che al posto di curarsi ,vuole costringere i piccoli a fare le loro stesse schifezze

  • Kaius
    4 Aprile 2019

    Per non parlar poi di questo malato,anzi di questo deviato ,di questo pervertito “untore” di Zaia e di tutta la feccia femminista ,abortista e pedo/omofila che gli va dietro .
    In un paese normale questi satanassi schifosi,questa vergogna del genere umano ,sarebbero stati bruciati vivi nelle piazze ,sarebbero stati torturati a morte.
    Buttare un bambino ,un anima innocente ,nelle grinfie di due sporchi malati pervertiti sessuali,quando nei paesi dove questi schifosi possono toccare i bambini,gli abusi commessi su minori sono commessi al 95% da froci e gli episodi di violenza domestica sono commessi al 93% da lesbiche.Ma ci rendiamo conto o no con che gente dobbiamo avere a che fare?Ma la vera domanda è:Perchè perdiamo tempo a discutere con sti deviati ?Come siamo potuti cadere così in basso?
    Il congresso doveva iniziare con queste premesse.

  • Kaius
    4 Aprile 2019

    Che strano,avevo postato due commenti ma non li vedo più .
    Sono stati filtrati per caso?

  • Kaius
    4 Aprile 2019

    Ok tutto risolto ,è il cell che era crashato

  • Laura
    4 Aprile 2019

    Ma quale untore di Zaia?!?!
    State attenti a non buttare via il bambino con l’acqua sporca, perchè l’orientamento politico del sito non rappresentate di certo una alternativa. Non si abbaia così contro l’unico movimento positivamente attivo. Screditando la Lega, screditate voi stessi!

  • Max Dewa
    4 Aprile 2019

    Aggiungo: e’ notorio che gli Ebrei uccidessero I bambini cristiani per Berne I’ll sangue sopratutto nei periodi di pasqua ebraica che coincide con LA nostra cattolica ,usavano ( usano) I’ll sangue per fare il pane di Azzimo ,digitate” Neofito ex Rabbino PDF ” sangue Cristiano ,all’occorrenza pure Cristiani adulti andavano bene ,pure figli di rabbinical come Ariel toaff hanno scritto su questi depravati Ebrei digitate ” pasque di sangue PDF”

  • Mardunolbo
    4 Aprile 2019

    Mi piacerebbe vedere qui i commenti dei soliti miscredenti che vomitano risentimento contro i cattolici (veri) ed i cristiani o laici che hanno ancora il coraggio di dire “sì,sì-no,no” senza giri di parole, come è successo per molti partecipanti al convegno.
    Tra questi lo psichiatra Meluzzi che ha fatto un intervento magistrale praticamente senza fermarsi, finendo con una “citazione” di grande umiltà .Non sono cristiano-ortodosso come il sunnominato, ma quando vi sono giuste parole, è bene citare chiunque esso sia !
    Da vedere : https://www.youtube.com/watch?v=ItwmF2pIVPY

  • Will
    5 Aprile 2019

    Secondo me rispondere con dei commenti così violenti fa solo passare dalla parte del torto. Anche io molto di quello che succede lo vedo in modo sbagliato, ma non è che voglio bruciare tutti. Semplicemente non farei festeggiare nessun gay pride e non permetterei adozioni di bambini da parte di coppie gay, poi chiederei aiuti economici al governo solo per le famiglie tradizionali e non per quelle colorate ( che poi perché vengano così definite? Magari sarebbe meglio monocolore). Magari si stabilirebbe nuovamente il significato vero di famiglia senza articoli di giornale su 2 poliziotte o 2 sarti che si sposano che onestamente interessa a pochi.

    • Max Dewa
      5 Aprile 2019

      Meluzzi parla per assiomi e’ inutile ! Non smuove I’ll problema di fondo neanche di un millimetro ,IL suo sparare NeL mucchio e’ Masochistico avvilente demoralizza ancora di piu le masse che si sentono inermi non sapendo chi soon I responsabili ,Bastava che dicesse : LA massoneria Capitanata dalla Sinagoga ebraica vuole LA nostra fine ,attraverso I media tutti in mano Ebraica cercano di attaccare LA famiglia e I valori cristiani ,bisogna chiudere le logge massoniche ricettacoli di faccendieri politici Papponi delinquent I come I’ll Berlusca e mandare affanculo I Vari Elkann De Benedetti Mieli Bernabe Foa Augias Saviano Cairo,Fondo Elliot Mentana ecc ecc tutti ebrei che hanno I’ll monopolio dell’infornazione

  • Kaius
    5 Aprile 2019

    Non mi sembra di aver commentato in modo violento o aggressivo,anzi ho cercato di essere più oggettivo possibile.
    Inoltre dubito che sia giusto “tollerare” dei pervertiti sessuali psico sessualmente malati che vogliono mettere le mani sui bambini,come dubito nel dialogo e nella “tolleranza” di chi li supporta e di partorisce queste idee.
    Stesso discorso per abortiste,femministe,genderisti ecc.,che sono i primi a ricorrere alla violenza,all insulto,alla discriminazione ecc.
    Per non parlar poi delle ideologie delle categorie citate sopra,che meriterebbero il carcere a vita o la pena di morte solo per averle citate in pubblico e fatte arrivare al orecchio di un bambino.
    Insomma dialogare con questa gentaglia è inutile,forse anche dannoso…sanno benissimo di aver torto,sanno benissimo di avere un problema,come sanno benissimo di dire atrocitá che non stanno ne in cielo ne in terra.
    Ed è per questo motivo che si nasconderanno sempre dietro all insulto,alla propaganda,alla bombardamento mediatico,alle urla e alla contorta retorica,finchè le masse non accetteranno l inaccettabile e seppelliranno l ascia di guerra considerando tutto come “normale”(Finestra di Overton insegna).

  • Woland
    5 Aprile 2019

    “E pur conoscendo il giudizio di Dio, che cioè gli autori di tali cose meritano la morte, non solo continuano a farle, ma anche approvano chi le fa” (Romani 1, 32).

  • Sed Vaste
    5 Aprile 2019

    Aggiugo Meluzzi e’ un paraculo piu parla di mafia nigeriana che scuoia dissangua e mangia il cuore di Pamela e piu allontana I’ll mirino dai veri depravati degenerati che nei secoli hanno dissanguato miglia di cristiani per Berne I’ll sangue ,chiedetevi xche’ tutti sti film di ammirazione su Dracula o I film di sola violenza Tutto per accontentare Il Loro Dio sanguinario Jehovah che chiedeva in sacrificio animali e uomini le sinagoghe ebree traboccavano di sangue so chiamavano olocausti ,meluzzi e’ un paraculo che non dice niente di nuovo fa solo Delle gran filippiche per nascondere l’ebreo e I’ll massone si Sa che I massoni fanno sacrificing di sangue pure loro

  • Filippo
    5 Aprile 2019

    Quindi le scimmie, nostre antenate a meno che non vogliate credere alle fiabe, che si dedicano con passione all’attività sessuale libera e anche omosessuale, oltre a pisciarsi in faccia, a masturbarsi, e a quasi tutte le “trasgressioni” che ritrovate anche nell’uomo sono frutto dell’abominio di Dio? (ed è solo un esempio eh)
    Per favore dai, l’omosessualità è naturale.
    Questo non vuol dire che per un bambino non sia ( a parità di condizioni) meglio avere entrambe le figure (madre e padre), o che l’ideologia gender e del politicamente corretto sia da esaltare. Visti da fuori sembrate tanto due facce della stessa medaglia

    • atlas
      7 Aprile 2019

      scrivi pure tutte le troiate che vuoi, ma se venite a baciarvi davanti a me … c’è guerra

  • Kaius
    5 Aprile 2019

    In veritá l omofilia è una malattia psico sessuale unicamente umana,non esiste in natura,al contrario della pedofilia e della necrofilia.
    Ai tratta di una credenza popolare assai diffusa ma assolutamente falsa,nata forse dall osservazione di animali domestici che cavalcano altro dello stessoo sesso:cani maschi su cani maschi o montoni su altri montoni compiendo atti apparentemente copulativi.Siccome tale credenza induce ad accreditare l omofilia umana a tali atteggiamenti,è bene chiarire alcuni fatti da un punto di vista laico e scientifico,senza condizioni etico-religiose che non interessano al biologo.
    Contrariamente a quello che dice la propaganda omofilia,l omofilia nel regno animale NON esiste.
    Il motivo ?L evoluzione non può premiare una devianza o una patologia se questa non da discendenza.Da Darwin si sa che l evoluzione premia gli individui più adatti alla riproduzione in modo che quest ultimi trasmettano i propi geni,tutti gli altri vengono tagliatii e estromessi dal
    gioco come perdenti e condannati all estinzione.

  • Kaius
    5 Aprile 2019

    Ma analizziamo piû da vicino quei sedicenti atti copulativi che si osservano in molte specie mammifere.
    È vero che è molto comune vedere un animale maschio o femmina cavalcare un altro dello stesso sesso più giovane o più debole,MA in realtá non si tratta assolutamente di atti sessuali,bensi si atti simbolici(come mettere le mani intorno al collo di un tipo) con cui l animale dominante ribadisce la sua autoritâ e la sua superioritâ sul più debole,nel caso dei maschi infatti NON c è alcuna erezione o eiaculazione.A dimostrare che questi atti siano PURAMENTE SIMBOLICI è dimostrato dal fatto che tutti questi individui,maschi o femmine che siano,mostrano altrimenti una corretta sessualitá,ed anche questo è un dato inoppugnabile che da solo vieterebbe qualsiasivoglis parallelo con l omofilia umana,la quale è generalmente irreversibile

  • Kaius
    5 Aprile 2019

    Come dimostrato dal fondatore dell Etologia K.Lorenz,il comportamento animale è costituito da un certo numero di moduliip autonomi uguali nei due sessi,ma indipendenti l uno dall altro e perfino dalla stessa funzione cui sembrerebbero essere destinati naturalmente;moduli che l animale deve in “esercizio” anche quando non servono,per evitare una possibile atrofizzazione.
    Alcuni esempi sono:in gatto immobile e pronto per catturare un topo,un altro è quello che lo spinge a catturarlo anche se non ha fame,un altro è quello che gli fa ghermire la preda ormai morta dopo averla gettata in aria,fingendo che sia ancora viva,appunto per esercitare il modulo del ghermire;ma tuttiip questi moduli,che allo stato di riposo possono essere esercitati separatamente o alla rinfusa,si coordinano subito in una sequenza logica al momento del bisogno,cioè quando il gatto ha volontá di sfamarsi.
    A questa famiglia di moduli appartiene anche l atto del “cavalcare”.Ogni padrone di un cane conosce troppo bene gli atti copulativi che spesso il suo o la sua beneamina compie su cani dello stesso sesso,ma anche quelli più imbarazzanti che maschi e femmine compiono abbracciandosi alle gambe delle persone,ove nessuno vorrá affermare che le gambe costituiscano oggetti sessuali!Quest ultimo caso è dunque la dimostrazione che il modulo viene esercitato indipendentemente dalla funzione.Tali atti sono molto diffusi tra le pecore,sopratutto tra gli agnelli,col gioco devono esercitarsi alla funzione che un giorno dovranno espletare da adulti,ma mai nessun pastore si è sognato di considerarli espressioni di omofilia,dato che al di fuori di quei giochi TUTTI manifestano una sessualitá assolutamente sana e normale.
    Ecco senza volerlo abbiamo toccato lo squisito tema del gioco,che per gli individui più giovani è l esercizio di tutti i moduli.

  • kaius
    5 Aprile 2019

    Come ha dimostrato il fondatore dell’Etologia K. Lorenz, il comportamento animale è costituito da un certo numero di moduli autonomi uguali nei due sessi, ma indipendenti l’uno dall’altro e perfino dalla stessa funzione cui sembrerebbero essere destinati naturalmente; moduli comportamentali che l’animale deve tenere costantemente “in esercizio” anche quando essi non servono, pena la loro atrofizzazione. Alcuni di essi cadono comunemente anche sotto gli occhi del profano: uno è ad esempio quello che spinge il gatto a stare immobile alla posta pronto ad acchiappare il topo, un altro è quello che poi lo induce a catturarlo anche se non ha fame, un altro ancora quello che gli fa ghermire la preda ormai morta dopo averla gettata in aria, fingendo che sia ancora viva, appunto per esercitare il modulo del ghermire; ma tutti questi moduli, che allo stato di riposo possono essere esercitati separatamente e alla rinfusa, si coordinano subito in una sequenza logica al momento del bisogno, quando cioè scatta nel gatto la volontà di sfamarsi.
    A questa grande famiglia di moduli comportamentali appartiene anche l’atto copulativo del “cavalcare”. Ogni proprietario di cane conosce anche troppo bene gli atti copulativi che spesso il suo o anche la sua beniamina compiono su cani dello stesso sesso, ma anche quelli più imbarazzanti che maschi e femmine compiono abbrancandosi alle gambe delle persone, ove nessuno vorrà affermare che le gambe costituiscano oggetti sessuali; quest’ultimo caso è dunque la dimostrazione più schiacciante che il modulo viene esercitato indipendentemente dalla funzione. Tali atti sono molto diffusi anche nei greggi di pecore, soprattutto fra gli agnelli, che col gioco devono esercitarli in vista della funzione che un giorno dovranno espletare da adulti, ma mai nessun pastore si è sognato di considerarli espressioni di omosessualità, dato che al di fuori di quei giochi tutti manifestano una sessualità normale. Senza volere abbiamo toccato l’interessante tema del gioco, che per i giovani individui è l’esercizio di tutti i moduli 

  • kaius
    5 Aprile 2019

    Spiacente ma al mondo non esiste niente di piu sporco e innaturale dell omofilia(forse la zoofilia).
    E’ ovvio che la natura crea maschio e femmina non per casualità, con organi compatibili fatti appositamente per fare sesso che serve a dare continuità alla specie per questo motivo esiste (organi sessuali sono pene e vagina non pene e retto) e che un maschio che non si comporti da maschio ha qualche problema psicologico di certo, va contro la sua natura di maschio… si direbbe, no? L’attrazione sessuale,la sfera emotiva , l’erezione è il sistema naturale creato per maschio/femmina, se uno ha erezione per un altro paio di palle pelose, il sistema psichico e neurormonale ha qualcosa che non va,e malato si direbbe ? E’ ovvio poi che il didietro è un organo dell’apparato digerente e non sessuale,serve a defecare ad espellere aria, non è fatto per essere penetrato, non è lubrificato e da problemi di lacerazioni, infezioni batteriche (emorroidi,stipsi,ragadi anali) e atrofia prostatica, è la cloaca la parte finale dell’intestino eiaculare sperma all’interno di essa ha lo stesso “valore” di inserire il pene in un buco di un albero o in un cane…. va contro la natura dell’organo, lo scopo per cui è fatto. Questo non lo dice la fede la religione ma in modo particolare la scienza è la natura…

  • Mardunolbo
    5 Aprile 2019

    Ottimi commenti di Kaius, cui mi allineo senza scrivere altro ! E’ sufficiente !
    Riguardo al Meluzzi, mi spiace per i commenti velenosi,ma ha chiarito abbastanza su indeterminati individui che ci vogliono tutti “consumatori”. Se arrivasse a dire quel che è la verità, che secondo me conosce bene, sarebbe impedito in ogni circostanza e la tv se la sognerebbe ! Questa è la situazione ! Chi ha orecchie per intendere, intende bene. Chi non le ha farebbe orrori di scandalo e si strapperebbe le vesti al sistema “kaifa”

    • atlas
      7 Aprile 2019

      Meluzzi è un massone. Guardato poi in primo piano mi sa di sudato. Orrore

      • atlas
        7 Aprile 2019

        cmq, Grazie a DIO sono Musulmano

Inserisci un Commento

*

code