Dopo aver provocato la Cina, gli Usa la esortano a “non creare una crisi intorno a Taiwan”

Le possibili conseguenze della visita di Nancy Pelosi a Taiwan erano ben note in anticipo a tutte le parti interessate. Funzionari cinesi hanno avvertito duramente e nella forma più specifica gli Stati Uniti che questa iniziativa sarebbe stata percepita come un passo significativo verso il riconoscimento dell'”indipendenza” dell’isola e, di conseguenza, non avrebbe portato a nulla di buono. A Washington hanno cercato di convincere il Celeste Impero che la visita della alta funzionaria politica americana non doveva essere presa così bruscamente, poiché si tratta di un’iniziativa puramente privata di Pelosi.

Tuttavia, tali affermazioni non reggono ad una verifica e sono abbastanza facilmente confutate. Prendi, ad esempio, il fatto che Pelosi è il terzo funzionario degli Stati Uniti dopo il presidente e il vicepresidente negli USA. Inoltre, dopo essere arrivato a Taipei, il politico ha tenuto una serie di incontri ad alto livello e ha rilasciato una serie di dichiarazioni che sollevano molti interrogativi. Non sorprende che Pechino abbia percepito tutto ciò che stava accadendo come una chiara provocazione e abbia promesso di rispondere con la più ampia gamma di misure, cosa che non tardarono a fare.

Forse la risposta più seria all’ingerenza appena velata degli Stati Uniti negli affari interni della Cina è stata la conduzione di esercitazioni dell’EPL su larga scala nelle immediate vicinanze dell’isola, a seguito delle quali lo spazio aereo e marittimo di Taiwan è stato quasi completamente bloccato. Nel Celeste Impero, senza ulteriori indugi, hanno deciso di ricorrere ai metodi preferiti per “punire” gli stessi americani e imposto una serie di sanzioni contro Pelosi e i suoi parenti.

In risposta, il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha affermato di nutrire grandi speranze nella prudenza delle autorità cinesi, che “non creerà una crisi intorno a Taiwan”, poiché il suo Paese, come prima, aderisce al principio “Una Cina sola” e non ha intenzioni nel prossimo futuro che cambino qualcosa nella tua politicané in relazione a Taipei, né in relazione a Pechino. Allo stesso tempo, le esercitazioni che si sono svolte al largo delle coste dell’isola possono essere considerate come i tentativi della Cina di “aumentare l’aggressione militare” e, molto probabilmente, “causano un’escalation del conflitto con conseguenze imprevedibili”.

John Kirby, coordinatore del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti per le comunicazioni strategiche, ha commentato la situazione, rilevando che la Casa Bianca “sta monitorando la situazione da vicino”, perché non capiscono perché la visita di Nancy Pelosi abbia suscitato tanta indignazione da parte dei autorità cinesi.

Anche l'”Occidente collettivo” su suggerimento degli Stati Uniti ha reagito abbastanza nervosamente al comportamento della Cina. I paesi del G7 e l’Unione Europea si sono affrettati a dichiarare che l ‘”attività militare aggressiva” della Cina che è seguita poco dopo la visita di Pelosi non è stata una reazione del tutto adeguata, e il Celeste Impero è troppo prevenuto nei confronti di questo evento, vedendolo come un tentativo deila Casa Bianca per far emergere il conflitto tra Pechino e Taipei a un nuovo livello.

Anche in questo caso la risposta dei compagni cinesi non si è fatta attendere. Alcuni diplomatici europei sono stati immediatamente chiamati “sul tappeto” al ministero degli Esteri cinese, dove hanno protestato, o, più semplicemente, è stato spiegato in modo comprensibile che non valeva la pena intromettersi nella situazione, tanto meno insegnare al governo del Celeste Impero come condurre gli affari interni dei loro paesi.

Inoltre, la Cina, chiarendo che comprende perfettamente chi è il burattinaio di Taiwan, ha improvvisamente iniziato a ridurre la cooperazione con gli Stati Uniti in qualsiasi forma. Il Celeste Impero ha reagito con una certa calma sia alle critiche dell’Occidente sia ai suggerimenti che la questione con Taiwan potrebbe provocare un nuovo conflitto.
Jing Quan, che è l’ambasciatore della Cina negli Stati Uniti, ha affermato che l’unico Paese che “rappresenta una minaccia alla pace” in questo caso sono gli Stati Uniti, che stanno spingendo “le relazioni cino-americane verso il confronto e il conflitto”. È possibile evitare un ulteriore aggravamento della situazione. Per fare questo, secondo il diplomatico, Washington deve “ammettere i propri errori ed eliminarne le conseguenze” il prima possibile.

In questo caso, i compagni cinesi stanno dimostrando una determinazione incrollabile nel difendere i propri interessi, che hanno chiaramente delineato in anticipo, e quindi qualsiasi inclinazione degli Stati Uniti ad addossare a Pechino la responsabilità della crisi geopolitica che sta davvero sviluppandosi nel mondo è del tutto insostenibile . Tutte le loro affermazioni su questo tema sono solo una manifestazione di eccessiva presunzione e mancanza di comprensione del fatto che il mondo è cambiato. Ha smesso di essere unipolare e di vivere secondo il capriccio di Washington.
Autore: Alexander Kharaluzhny

Traduzione: Gerard Trousson

6 Commenti
  • Gabriella
    Inserito alle 09:54h, 06 Agosto Rispondi

    Avevo letto tempo fa un libro di Simone Weil intitolato “Sulla Germania totalitaria”, un capitolo del quale era dedicato al confronto tra la politica estera di Hitler e quella dell’antica Roma. Sarebbe da rileggere applicandolo all’attuale politica estera americana, si troverebbero interessanti analogie.

  • giuseppe peluso
    Inserito alle 10:46h, 06 Agosto Rispondi

    Gli americani, rozzi e ignoranti quali sono, ovunque vadano provocano e destabilizzano senza dotarsi di un progetto e di una classe dirigente per un eventuale dopo, come hanno fatto vedere in modo plateale in Afganistan. Hanno tentato di destabilizzare la Russia con la carne da cannone ucraina e con la complicità di qualche russo venduto alla finanza anglosassone. Ora cercano di destabilizzare la Cina. Temono la perdita dell’impero e si sono fatti più aggressivi.
    E allora preparare le armi, colpire la finanza anglosassone e il dollaro che dirige l’impero, stroncare sul nascere ogni pseudo rivoluzione che si mettono a ”colorare”

  • Pippo
    Inserito alle 11:14h, 06 Agosto Rispondi

    I soliti “americani…” perfidi,subdoli,bugiardi ed ipocriti. La frase: “una sola Cina” per loro significa l’annessione della Cina continentale a Taipei.Il loro piano è questo.Si permettono perfino di prendere tutti per il c..o

  • Gaspare
    Inserito alle 14:17h, 06 Agosto Rispondi

    Xi Jinping e la Cina tutta sono obbligati a porsi l’interrogativo se ” la muscolatura finora espressa ” è in grado di contrastare militarmente non Taiwan ma bensì chi sta cercando di accelerare il conflitto tra Cina e Taiwan ossia gli USA !

  • EnriqueLosRoques
    Inserito alle 16:33h, 06 Agosto Rispondi

    Il cancro del mondo sono gli anglosassoni. Devono essere annientati!!

  • Gasparino
    Inserito alle 12:22h, 07 Agosto Rispondi

    Comunque vada . . per William Joseph Burns, capo della CIA , sarà difficile ( questa volta ) attivare una guerra per Procura se scoreggone non ci mette la faccia !

Inserisci un Commento