Dominique Delawarde: “L’esercito americano è incapace di condurre e vincere una guerra ad alta intensità”

Il generale francese (2S) Dominique Delawarde, ex capo del servizio “Situation-Intelligence-Electronic Warfare” presso lo Stato maggiore di pianificazione operativa congiunta, esprime la sua opinione su un articolo pubblicato sulla realtà dell’esercito americano .

L’esercito americano è la scelta giusta per la Francia e l’Europa? Dominique Delawarde pone la domanda: il presunto signore supremo “protettivo” degli Stati Uniti che la governance dell’UE ha scelto per noi è quello giusto?In un semplice articolo, l’ottimo sito online Dedefensa.org riassume lo stato attuale dell’esercito americano senza il quale non può esserci una classica guerra ad alta intensità (tipo Ucraina) contro un avversario preparato e solido (come la Russia, o tipo Cina o Iran) che sia possibile e vincibile.

“Il titolo dell’articolo? L’esercito americano come negli anni ’40”, prosegue, precisando che “questo articolo descrive un esercito americano in decadenza che è solo l’ombra di quello che avrebbe potuto essere”. “L’articolo si basa su un’intervista con il generale americano Paul E. Valleley, di Stand Up America “, spiega Dominique Delawarde. “I numeri dell’esercito americano non erano così bassi (452.000 soldati) dal 1940”, rivela il sito anglofono che attacca l’ideologia wokista: “È molto interessante vedere confermato da una voce istituzionale l’effetto catastrofico sulle forze militari, causate dalle politiche sociali della sinistra progressista, – wakeism, LGTBQ+, ecc.”

“Dopo aver scritto numerosi rapporti sullo stato dell’esercito americano durante il mio mandato negli Stati Uniti e aver seguito da vicino la questione, confermo pienamente il contenuto di questo articolo”, insiste l’esperto militare francese. “Per me, l’esercito americano è oggi incapace di condurre e vincere una guerra ad alta intensità contro un nemico serio (Russia, Cina e Iran) e ancor meno contro tutti e tre i gruppi, anche nel quadro della NATO”, afferma, confermando l’analisi dei media anglofoni.

“Questo esercito americano è notevolmente indebolito. Questa carenza di personale non è dovuta alla mancanza di risorse finanziarie o a diritti di personale di bilancio insufficienti. Questo è dovuto alla mancanza di volontariato dei giovani cittadini statunitensi che sono riluttanti a mettersi in gioco e a lottare per qualsiasi cosa, nonostante i ponti d’oro dati loro dalle organizzazioni di reclutamento incaricate di convincerli a servire il loro Paese”, ha affermato. insiste.
Il Continental Observer ha anche riferito che “i giovani americani non vogliono arruolarsi nell’esercito americano per morire”.

US. Army in disfacimento

“La disastrosa gestione della crisi Covid da parte delle Forze Armate statunitensi ha causato la partenza di decine di migliaia di soldati che non torneranno. Non solo questo esercito è diventato scheletrico nel tempo, ma è ora disperso in circa 1000 basi sparse in tutto il pianeta”, ricorda. In queste condizioni, l’esperto militare francese deduce: “Una guerra ad alta intensità richiede sempre una concentrazione di forze che sembra difficile da ottenere in un momento in cui gli Stati Uniti (e la NATO) si permettono di sfidare contemporaneamente la Russia in Ucraina, la Cina nell’Asia orientale e l’Iran nell’Asia occidentale. “Chi bacia troppo, con mezzi scheletrici, abbraccia male”, scherza.

La NATO e i suoi alleati vengono messi in scacco dalla Russia. “Un aumento di potere dell’esercito americano, in un contesto molto sfavorevole al reclutamento di professionisti, richiederebbe il ripristino della coscrizione obbligatoria negli Stati Uniti e, incidentalmente, nei paesi membri della NATO. Inoltre, ci vorrebbe un buon anno per preparare le forze per uno scontro ad alta intensità e probabilmente molto più tempo per mettere in linea attrezzature e munizioni sufficienti in qualità e quantità sufficienti. Dovremmo anche essere in grado di stanziare i massicci finanziamenti necessari, il che è lungi dall’essere possibile nell’attuale stato delle economie occidentali”, analizza Dominique Delawarde.

“Questi possibili preparativi non passerebbero ovviamente inosservati ai nostri potenziali avversari, che si attiverebbero per affrontarli con il vantaggio che hanno ancora oggi”, considera.

“Evidentemente gli USA (seguiti ciecamente dalla NATO) hanno commesso un grave errore di giudizio volendo imporre la loro legge contemporaneamente a Russia, Cina e Iran proprio nel momento in cui il loro esercito non è mai stato così poco numeroso e così disperso sul territorio. dell’intero pianeta e in un momento in cui la sua gioventù non è mai stata così restia a combattere in terre lontane per qualsiasi cosa”, insiste.

Dominique Delawarde trae la seguente conclusione: “Il bluff del blocco occidentale quindi non ha funzionato. Non ha funzionato e non funzionerà perché il mondo intero oggi conosce la realtà dei mezzi limitati che l’Occidente della NATO ha a sua disposizione per imporre la propria volontà sia militarmente che economicamente.

“Quindi perderemo le partite (e anche quelle) in cui siamo entrati in modo molto avventato. Questa è una certezza, e il passare del tempo renderà la sconfitta sempre più dolorosa e sempre più irreversibile per l’Occidente e per la NATO, sia militarmente che economicamente. Il nostro estremismo totale non sarà gratuito. Dovremo pagarne il prezzo”, avverte.

“La lezione da imparare? Questo perché prima di iniziare una guerra con la speranza di vincerla, devi essere sicuro di esserti preparato seriamente e di scegliere un avversario adatto a te. Questo è ciò che noi (USA, UE, Francia) non abbiamo fatto”, conclude Dominique Delawarde. “Capacità e ambizioni sembrano ora essere affidate ai dipartimenti di comunicazione, produttori esclusivi di simulacri e diverse tecniche di narrazione”, si indigna l’autore.

Fonte: Dedefensa.org .

Pierre Duval

Traduzione: Gerard Trousson

8 commenti su “Dominique Delawarde: “L’esercito americano è incapace di condurre e vincere una guerra ad alta intensità”

  1. Qui si trova la conferma che l’occidente è immiserito e che le sue “èlite” fessacchiotte sono idiote e dilettanti.
    Quando manca l’intelligenza, la rovina arriva. Auguri di una fine prossima e dolorosa.

    1. Evidentemente non hanno mai letto nemmeno il libro: “Le sottigliezze dell’incomparabile Nasrudin” dell’Afghano Idries Shah

    1. E’ proprio cosi caro NUCCIO VIGLIETTI, gli USA dopo le due atomiche sul Giappone, hanno devastato Corea negli anni 50, Vietnam e Cambogia negli anni 60-70, con defolianti, bombe al fosforo, agente orange, e bombardamenti indiscriminati, ma quando hanno dovuto camminare nel terreno nemico le hanno prese di brutto ! Come in Afghanistan e Iraq 20 anni fa, è vero il mullah Omar e Saddam non ci sono più, ma dall’Afghanistan sono scappati a gambe levate, e in Iraq non controllano quasi più nulla, solo alcune basi usate per sabotare la saldatura tra i componenti dell’asse della resistenza, idem per Siria e Yemen ! il sogno anglo americano di dominio mondiale sul resto del mondo somiglia ad un PALLONCINO che si sta sgonfiando rapidamente sia a causa delle contraddizioni insuperabili insite nel loro criminale modello di società e sia perchè colpito dalle “FRECCETTE” lanciate da Russia, Cina, Iran, Iraq, Siria, Yemen, Hezbollah e altri ! Non ci sono dubbi, assisteremo presto alla deflagrazione finale !

  2. Non hanno nemmeno la saggezza della Bibbia che suggerisce: prima di fare la guerra valuta se sei più forte, altrimenti cerca di accordarti col nemico. Ma sono indemoniati senza la saggezza e le benedizioni di chi conosce la Parola. La condanna eterna li aspetta. Amen

  3. in USA molte funzioni strategiche tradizionalmente affidate ai militari sono state privatizzate, e i privati agiscono da privati e puntano al proprio profitto. Vincere la guerra non è necessariamente il loro obiettivo primario.

  4. Non sono stati citati i bombardamenti aerei, spesso indisciminati mietendo vittime civili, che hanno caratterizzato le azioni criminali usa nel mondo, negli ultimi decenni … Peccato, perché se gli statunitoidi contano sul F35 per mostrare superiorità, stanno freschi, a causa del costo, in genere superiore a cento milioni di dollari per esemplare, del numero insufficiente e del fatto che non di rado queste baraccacche “tecnologiche” cadono da sole!

    Cari saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM