DISTRUTTO DALLE FORZE RUSSE IL SISTEMA DI DIFESA AEREA PATRIOT A KHERSON

L’esercito russo ha ancora una volta preso di mira il sistema di difesa aerea a lungo raggio MIM-104 Patriot di fabbricazione americana delle forze di Kiev.

Le riprese video pubblicate sui social media il 22 febbraio mostrano tre attacchi mirati che hanno colpito i magazzini vicino all’insediamento di Chernobaevka a Kherson. Un camion HEMTT 8×8, tipicamente utilizzato per trainare le stazioni di lancio M90x dei Patriots, può essere visto entrare in uno dei magazzini prima degli attacchi. Fonti russe hanno affermato che lì era conservata anche una stazione di controllo dell’impegno AN/MSQ-104, un componente chiave del sistema di difesa aerea.

Nell’attacco ai magazzini vicino a Chernobaevka sono stati utilizzati un missile a guida di precisione non identificato e quelle che sembrano essere due bombe aeree FAB-500M-62 dotate di moduli di planata e correzione.
L’Ucraina ha ricevuto tre batterie complete donate insieme ad altri quattro lanciatori. Due batterie e due lanciatori sono stati donati dalla Germania e una batteria dagli Stati Uniti con altri due lanciatori donati dai Paesi Bassi. Il tutto per un costo di molti milioni di dollari.

Si dice che i sistemi forniti a Kiev siano un mix di missili attivi hit-to-kill PAC-3 per intercettare missili balistici, con una gittata di soli 30-60 chilometri, e missili semi-attivi PAC-2 con testata a frammentazione esplosiva per contrastare minacce aeree con una portata fino a 160 chilometri.

Sistemi difesa aerea Patriot

L’esercito russo ha preso di mira più di una volta componenti dei sistemi Patriot ucraini. Recentemente, rapporti hanno rivelato che le forze di Kiev hanno integrato i missili del sistema con radar di comando e controllo dell’era sovietica nell’ambito di un programma chiamato “FrankenSAM”. Questo spiega perché di tanto in tanto vengono ancora lanciati alcuni missili.

Secondo quanto riferito, le forze di Kiev hanno utilizzato un missile Patriot per abbattere un aereo militare russo Il-76 il 24 gennaio, uccidendo più di 60 prigionieri di guerra ucraini che erano a bordo.

Nel complesso, la fornitura di sistemi Patriot non ha avuto alcun impatto sul campo di battaglia. Le forze aerospaziali russe continuano a dominare i cieli nella zona delle operazioni militari speciali. Nel frattempo, le restanti difese aeree delle forze di Kiev stanno lentamente crollando.

Fonte: South Front

Traduzione: Luciano Lago

:

6 commenti su “DISTRUTTO DALLE FORZE RUSSE IL SISTEMA DI DIFESA AEREA PATRIOT A KHERSON

  1. Mai avuto nessun dubbio che l’ esercito russo potesse facilmente distruggere i sistemi di difesa naziNato. La direzione da prendere prioritariamente, oltre a Kharviv-Zhaporizhija a nord est, sia Kherson-Odessa. Mettere in sicurezza il mar nero conquistando l’ unico porto marittimo importante ucraino. Odessa. Cio’ comporterebbe un doppio vantaggio, azzerare gl’ attacchi alla flotta militare russa e compromettere quasi del tutto i rifornimenti militari via mare al regime nazista di Kiev. Slava Rossi!

  2. Inizialmente usavano i fallimentari “patriot” a kiev, per difendere i palazzi del potere ukronazi, poi le hanno sparse sul territorio, ma sono poche e sostanzialmente inefficaci, perché non incidono sull’esito del conflitto/ OMS.

    Cari saluti

  3. Da un sondaggio appena effettuato risulta che solo sei italiani su cento accordano qualche chances agli ucraini nonostante il lavaggio del cervello ,che ci è stato praticato ; negli altri stati europei la percentuale è di poco superiore ad eccezione della Polonia, che si vuol mangiare un pezzo di Ucraina. Alle prossime elezioni i tanti dirigenti europei servi degli americani , a cominciare dalla Von der Leyen, dovranno iniziare a rispondere delle ingentissime somme di denaro sprecate e delle centinaia di migliaia di morti in guerra.Una nuova Norimberga ci vorrebbe per Von der Leyen, Draghi, Macron, Borrell, Stoltenberg e gli altri

  4. Zelenskyller annuncia “sorprese” per contro i Russi organizzate dal suo stato maggiore su ordine e gestione tecnica, si può ipotizzare ragionevolmente, dei suoi datori di lavoro sporco, soldi e armamenti: speriamo le sorprese i Russi le facciano a lui e ai suoi tenutari.

  5. Un sacco di soldi spesi per fare del male!
    Ma sarebbe così complicato pagare gli stessi “farabutti” per produrre trattori anziché carri armati?
    Se l’Ucraina avesse investito sui mezzi agricoli anzichè militari sarebbe diventata ricca se un decimo dei soldi spesi per gli armamenti fossero stati investiti nell’agricoltura…..che invece è stata distrutta dalla guerra! LA cosa triste è che nessuno li ha obbligati, si sono fatti convincere….
    Why? Perché? Warum? ……

    1. Mi scusi, visto che con questo pseudonimo avevo iniziato a scrivere io tempo fa, potrebbe almeno firmarsi con uno diverso, a suo piacimento, visto soprattutto che mi sembra che abbiamo opinioni opposte…non ho capito, gli Ucraini si sono fatti convincere ad essere attaccati?
      Dopo aver perso Donbass e Crimea dovevano pensare all’agricoltura, giusto? Pensa un po’ che fessi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM