DISPACCIO AMERICANO TRAPELATO: L’INVASIONE ISRAELIANA DI RAFAH AVREBBE “CONSEGUENZE UMANITARIE CATASTROFICHE”


Con 1,5 milioni di palestinesi intrappolati a Rafah, un dispaccio diplomatico statunitense trapelato afferma che un’offensiva israeliana taglierebbe tutti gli aiuti e si impadronirebbe di un sistema sanitario già al collasso.

di Ken Klippenstein
UN DISPACCIO DIPLOMATICO inviato lunedì dall’ambasciata americana in Israele offre una valutazione insolitamente schietta della situazione umanitaria a Rafah, una città meridionale della Striscia di Gaza palestinese.

Il dispaccio, scritto da funzionari dell’Ufficio per l’Assistenza Umanitaria presso l’Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale, o USAID, mette in guardia sui potenziali effetti di un’invasione israeliana di terra a tutto campo di Rafah, dove circa 1,5 milioni di palestinesi, spinti a sud dall’evacuazione israeliana ordini, si stanno riparando dalla guerra di Israele contro Gaza.

Una potenziale escalation delle operazioni militari all’interno del Governatorato di Rafah, nel sud di Gaza, potrebbe comportare conseguenze umanitarie catastrofiche, tra cui vittime civili di massa, estesi spostamenti di popolazione e il collasso della risposta umanitaria esistente”, hanno avvertito numerosi operatori umanitari il Levant Disaster Assistance Response Team dell’USAID, “dice il rapporto via cavo.
Nei suoi “Punti chiave”, si legge nel dispaccio, “un’offensiva a Rafah probabilmente bloccherebbe l’ingresso e il trasporto di carburante e di assistenza umanitaria salvavita in tutta l’enclave, rendendo inutilizzabili le infrastrutture critiche e lasciando le persone a Gaza senza cibo, medicine, riparo , e acqua.”

Pur evidenziando le conseguenze di un’invasione di terra israeliana di Rafah, il dispaccio include anche un avvertimento più sottile: Rafah è ben oltre il punto di crisi – con le bombe israeliane che stanno già piovendo.

“A partire da metà febbraio gli operatori umanitari avevano riferito di un’escalation di panico e di un crescente collasso dell’ordine sociale a Rafah in mezzo all’aumento dei bombardamenti aerei”, dice il dispaccio. Il comunicato sottolinea che il sistema sanitario di Gaza è già in uno stato disastroso: “In vista dell’operazione militare proposta, l’impatto delle ostilità ha portato la capacità del sistema sanitario di Gaza oltre i suoi limiti”.
Contrassegnato come “sensibile ma non classificato”, il messaggio via cavo è stato inviato lunedì mattina dall’Ambasciata americana presso l’Ufficio per gli Affari Palestinesi di Gerusalemme ai funzionari del Dipartimento di Stato a Washington, con copie inviate, tra gli altri, al Consiglio di Sicurezza Nazionale, al Segretario della Difesa e alla CIA. .

Il dispaccio arriva mentre crescevano le richieste all’amministrazione Biden di opporsi a un’offensiva israeliana a Rafah e, ​​più in generale, di orchestrare un cessate il fuoco nella guerra che, dal 7 ottobre, ha visto la morte di circa 2.000 israeliani e 30.000 palestinesi.

Interrogato sul cablogramma, il Dipartimento di Stato non ha risposto immediatamente ad una richiesta di commento.

Un portavoce dell’USAID ha detto che l’agenzia non commenta i documenti interni e ha fatto riferimento a un’osservazione fatta la settimana scorsa da Samantha Power, l’amministratore dell’agenzia, in Cisgiordania. “Gli Stati Uniti sono stati chiari sul fatto che non possiamo sostenere una campagna a Rafah senza un piano credibile per proteggere i civili che vivono lì”, ha detto Power . “E non abbiamo visto alcun piano credibile per mettere in sicurezza queste persone che si trovano a Rafah, per fornire loro un alloggio adeguato e per trasferire le operazioni umanitarie”.

Palestinians line up for food in Rafah, Gaza Strip, Thursday, Nov. 30, 2023, during a temporary ceasefire between Israel and Hamas. (AP Photo/Hatem Ali)

Nessuna evacuazione possibile
Il 9 febbraio, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha ordinato all’esercito israeliano di preparare piani di evacuazione per Rafah in previsione di un’offensiva di terra. Ma i civili non possono andare da nessuna parte, un punto riconosciuto nel dispaccio diplomatico.

“Al momento, non sembrano esserci opzioni praticabili di evacuazione per gli 1,5 milioni di Rafah”, dice il dispaccio diplomatico.
Oltre la metà dei palestinesi nella Striscia di Gaza si stanno attualmente rifugiando nei dintorni di Rafah, che è aumentata di oltre sette volte la sua popolazione normale, osserva il dispaccio. Il Governatorato di Rafah, la più meridionale delle quattro regioni della Striscia di Gaza, si estende per circa 25 miglia quadrate, che secondo il dispaccio ha più o meno la stessa dimensione di Syracuse, New York, con i suoi 150.000 abitanti.

Palestinesi provenienti da altre parti di Gaza sono fuggiti a sud mentre le forze di difesa israeliane hanno iniziato la loro campagna militare in seguito agli attacchi guidati da Hamas del 7 ottobre. Israele ha affermato di aver aperto corridoi di evacuazione, anche se le notizie di combattimenti lungo le rotte erano di routine.

Secondo il cablogramma, quando gli sfollati interni, o IDP, attraversavano il governatorato a nord di Rafah, sono stati costretti a lasciare dietro di sé i loro averi.

“Nella direzione di Khan Younis, nel sud di Gaza, l’IDF ha ripetutamente controllato e spogliato gli sfollati interni della maggior parte dei loro averi”, dice il dispaccio, aggiungendo che i palestinesi “hanno trascorso mesi” ad acquistare beni di prima necessità a Rafah, come le coperte.

Nota: La situazione drammatica della popolazione palestinese a Gaza viene attentamente occultata dai media occidentali ma, negli altri paesi del sud del mondo, le immagini e le notizie arrivano ugualmente anche attraverso i social e questo sta suscitando una ondata di indignazione mondiale contro Israele e gli Stati Uniti, complici del massacro.

Fonte: The Intercept

Traduzione e nota: Luciano Lago

7 commenti su “DISPACCIO AMERICANO TRAPELATO: L’INVASIONE ISRAELIANA DI RAFAH AVREBBE “CONSEGUENZE UMANITARIE CATASTROFICHE”

  1. Sono cose di una spietatezza inaudita, fatte dai nazi adunchi e dai loro servi e complici statunitoidi e angli/ perfida albione …

    Poi parlano dei nazisti del novecento, che sono diventati un interdetto – il ben noto male assoluto – del loro schifoso PolCor e soprattutto della shoah da santificare, che è stata imposta agli schiavi come vera e propria “religione olocaustica”, per eternare il senso di colpa dell’Europa e mantenerla in catene (parole di Costanzo Preve)!

    Me ne fotto della shoah alla stragrande, perché so cosa sono e cosa rappresentano in questa realtà storica gli ebrei, nazi-adunchi, genocidi, speculatori, ladri di risorse, nemici della specie umana (di cui non fanno parte) e mentitori seriali … ma sono loro che di fatto governano l’impero del male, incistati nei suoi centri nevralgici washington, londra e new york.

    Cari saluti

    1. Caro EUGENIO, mi sono piaciute le parole di Costanzo Preve che citi, “imposizione della religione olocaustica per eternare il senso di colpa dell’Europa e mantenerla in catene” ! Per quanto riguarda il genocidio in corso a Gaza, siamo molto oltre il cosiddetto “male assoluto” imputato al terzo reich ! Allora la proporzione tra vittime naziste e italiani passati per le armi per rappresaglia era di 1 a 10 (via Rasella, 33 nazisti uccisi contro 335 italiani fucilati per rappreseglia) ! Mentre per i sionisti siamo ben oltre i 30 palestinesi assassinati per ogni vittima ebraica ! Cioè 30.000 civili assassinati fino ad ora, contro i 1.300-1500 sionisti morti il 7 ottobre, molti dei quali uccisi dal fuoco “amico” ! Ma per i governi europei e stampa asservita, la matematica è un’opinione !

      1. Tieni conto che di questi 1300-1400 ebrei morti durante l’operazione Alluvione Al-Aqsa, più di 300, forse 350, sono da imputare agli stessi ebrei, che hanno bombardato indiscriminatamente, uccidendo i loro …

        Cari saluti

  2. Che orrore. Mai vista una reazione così sproporzionata anche ad attacchi militari gravi. I sionisti mostrano un totale sprezzo della vita umana altrui, ma anche delle proprie leggendo i dossieraggi interni. Se la cosiddetta alleanza occidentale per Israele, non si muove al più presto per fermare la carneficina, NE SARA’ A TUTTI GL’ EFFETTI DIRETTAMENTE RESPONSABILE. Chi può agire per fermare e non lo fa’ e’ come chi non presta soccorso. Fa’ omissione ed e’:solo COLPEVOLE, propagande o meno sui patetici diritti di difesa dal terorismo. Meloni e le forze di governo, ma Pure PD, Conte ed opposizione varia. Europeisti. VERGOGNA siete individui laidi, non rappresentati del popolo.

  3. Gli americani ancora si rendono conto che I filo americani dicono di essere loro amici per restare al potere, gli ebrei come hoppenheimer , teller,rotschild e Israele in realtà usano gli americani per ammazzare hanno un odio e desiderio di uccidere gli altri e dominare gli altri,quando gli usa lo capiscono il mondo sarà normale.

  4. Gli anglosassoni con tutte le armi fornite agli israeliani e la protezione data loro in tutte le sedi internazionali sono pienamente responsabili delle mostruosità commesse in Palestina

  5. Quello che non comprendero’ mai è il non agire dei paesi islamici.Se tutti si fossero coalizzati militarmente come avrebbe potuto rispondere Israele? E sono sicuro che ne Usa ne G.b.avrebbero usato le armi ma la diplomazia.Comunque poveri civili destinati all’ecatombe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM