Discorso di Joe Biden: notare il lapsus freudiano: “Soldati americani che combattono in Russia”

Autore: Seth Ferris (*)

Si chiamerà il “Discorso per porre fine a tutti i discorsi” – almeno per porre fine all’umanità come la conoscevamo? Mi sembra un discorso di guerra, soprattutto quando si tratta di non chiedere alle truppe americane di combattere in Russia , subito corretto in “contro la Russia” o l’Ucraina. Subito dopo il lapsus freudiano, ha continuato a parlare delle repubbliche baltiche, un’altra regione sotto le cosiddette minacce – e come sempre dallo stesso spauracchio.

Nessuno dovrebbe lasciarsi ingannare da ciò che sta accadendo: a meno di intenzioni oneste e sullo sfondo di una crisi politica interna degli Stati Uniti, dove si registrano deficit di bilancio, una divisione economica spalancata tra ricchi e poveri, un’immigrazione clandestina fuori controllo e un rapido tracollo del sistema economico. Tanto per cominciare, l’integrità degli Stati Uniti rispetto ai fallimenti politici in Afghanistan, Iraq e Ucraina è in dubbio.

Se pensate che le cose siano andate male, con tutto quello che sta succedendo in Ucraina e in altri punti caldi, aggiungete ora Israele, Palestina, Libano e Iran… non avete ancora visto nulla!

Biden è come Woodrow Wilson, si presenta come uno che unisce, ma in realtà è un imperialista razzista che finge di essere un progressista ed è disposto a fare tutto il necessario per difendere il suo clan e i suoi interessi economici, anche se vuole il resto del mondo con lui.

Mi chiedo quanto benevola la storia sarà utile a Joe Biden e alla sua amministrazione, in confronto: “Woodrow Wilson era un visionario e sostenitore dell’autogoverno, oscurando il fatto che il suo razzismo e il suo paternalismo razziale guidavano gran parte delle sue politiche in patria e all’estero”.

In una lettera aperta al presidente Wilson datata settembre 1913, Du Bois scrisse:

“Signore, lei è presidente degli Stati Uniti da sei mesi e qual è il risultato?” mostrando la sua preoccupazione che il voto nero che contribuì a spingere Wilson nello Studio Ovale fosse stato “opportunamente dimenticato”, alla luce del sostegno di Woodrow Wilson alle politiche segregazioniste nel vecchio sud.
Diplomazia “flattop” delle cannoniere

Non c’è da meravigliarsi, da quando Biden è presidente, che i risultati del suo mandato siano stati così dubbi e, con l’arrivo di due gruppi d’attacco di portaerei al largo delle coste di Israele e della Striscia di Gaza, il Dipartimento di Stato americano ha emesso un “avvertimento mondiale” giovedì in allerta tra i “timori” che il conflitto Hamas-Israele possa diffondersi in tutta la regione, come se questo non fosse GIÀ il gioco di Washington; NON è nascosto .

Squadra navale USA nel Mediterraneo per affrontare Hamas?

Bisogna andare alla fonte di tale ispirazione per discorsi così colti e mirati, nel regno dello shock del timore reverenziale, il Consiglio Atlantico e la sua raccolta di esperti esultanti – poiché è chiaro qual è la loro intenzione, vale a dire, in qualche modo “a unificare i conflitti in Israele e Ucraina” come parte di una lotta più ampia per la democrazia e la libertà. Biden ha sostenuto che la leadership americana in queste crisi globali renderà gli Stati Uniti più sicuri”.

Non molti, almeno quelli che conoscono Biden e la sua sordida storia, credono che sia onesto con il popolo americano, ed è palesemente ovvio che stia usando i due conflitti separati come una fragile copertura per continuare con lo stesso fallimento nazionale ed estero. politiche che stanno mandando in bancarotta sia l’America che i suoi alleati, sia moralmente che finanziariamente.

Sì, potrebbe aver “dichiarato agli americani che questa [presunta] sicurezza avrà un prezzo, invitando il Congresso ad approvare un pacchetto di aiuti “senza precedenti” per Ucraina e Israele. Ma ha anche detto agli americani che il costo per abbandonare queste guerre sarebbe stato molto più alto”.

La motivazione è chiara: “in qualche modo” combinare le richieste di sempre più soldi per finanziare la lotta per “libertà e democrazia” e allo stesso tempo sostenere coloro che sono estranei all’argomento. Ha fatto del suo meglio per argomentare nel suo discorso secondo cui “entrambe le parti possono sostenere un pacchetto di aiuti Ucraina-Israele!”

Naturalmente, ciò che l’Occidente collettivo sta fornendo, secondo la brillante propaganda , e in tandem, soprattutto da parte degli Stati Uniti, è neutralizzare le cattive intenzioni di Russia, Iran e Cina, poiché collettivamente costituiscono il “Nuovo Impero del Male” nella la retorica dell’amministrazione statunitense e dei neoconservatori.

Biden fa sembrare tutto così semplice, aggiungendo benzina sul fuoco dicendo che “sta inviando una richiesta urgente al Congresso per un sostanziale pacchetto di aiuti sia per Israele che per l’Ucraina, che richiederà il sostegno sia dei democratici che dei repubblicani per diventare legge. .”

Perché gli americani dovrebbero interessarsene?

Biden parla di diritti, ma quali diritti e a spese di chi, coloro che si trovano nel fuoco incrociato o coloro che devono pagare per gli scontri a fuoco, le guerre e i conflitti di politica estera sono solo una complicazione, e la storia palestinese è più simile a una storia dell’Arcipelago Gulag, uno scritto da Solzhenitsyn nel raccontare il destino di un sistema di lavoro forzato e sparso che collegava prigioni e campi di lavoro che nacque poco dopo la presa del potere da parte dei bolscevichi in Russia nel 1917.

Come Daniel Fried, illustre membro della famiglia Weiser presso il Consiglio Atlantico ed ex assistente del Segretario di Stato americano per l’Europa, descrive così accuratamente nel suo discorso.

Forze israeliane in attesa

Non ha fatto molte altre cose nel discorso, e i critici si divertiranno a sottolineare vari “avrebbe potuto dire”. Questo è stato un discorso per raccogliere il sostegno degli Stati Uniti a un’agenda internazionalista e il finanziamento a Israele e Ucraina per sostenerla.

Era un discorso radicato nella fiducia nella leadership americana nel mondo, nella convinzione che l’interesse nazionale degli Stati Uniti richieda non solo accordi transazionali ma uno scopo più alto. È un caso difficile da presentare allo scettico pubblico statunitense, con il cinico isolazionismo che ritorna come forza politica per la prima volta da generazioni, ma in modo critico.

Potrebbe essere ricordato come il discorso che segnò il suo destino e che fu un punto di svolta nel panorama politico americano. Perché la popolazione degli Stati Uniti e di gran parte del mondo dovrebbe preoccuparsi dei problemi autoinflitti che paesi come Ucraina e Israele (se si vuole accettare come paesi legittimi, o come stati nazionali, dato che ora è tutto discutibile) si sono fatti carico? Condividere e sostenere le loro politiche apertamente razziste e genocide?

I loro destini, a livello politico, vengono decisi da altri, e le popolazioni, compresi i palestinesi, sono solo pedine di un grande gioco da tavolo. Non è, come ha affermato Biden, che “la leadership americana è ciò che tiene insieme il mondo”, ma è esattamente il contrario. Non è che in teoria questo sia vero, ma in pratica, visto che, coloro che rivendicano un livello morale elevato, sono ben lontani da questo.

Come afferma Matthew Kroenig, vicepresidente e direttore senior dello Scowcroft Center for Strategy and Security dell’Atlantic Council.

Tuttavia, alla fine, credo che il discorso non sia stato all’altezza. Biden aveva bisogno di spiegare cosa spera di ottenere in Israele e Ucraina, come intende farlo e perché l’esito di questi conflitti è importante per le preoccupazioni degli americani comuni sul tavolo della cucina. Non l’ha fatto.

Quindi, è chiaro che i valori americani vengono erosi dall’apatia, dal declino culturale e dalla decadenza morale, al punto che molte persone e persino paesi si stanno svegliando per vedere il cambiamento di direzione come la causa principale di gran parte della decadenza in patria e all’estero. – e per non parlare di una serie di questioni sociali ed economiche.

È questo un punto di inflessione, di deflessione o di riflessione?

Sì, Biden ha sottolineato che le decisioni che prendiamo oggi influenzeranno i decenni a venire, poiché ci troviamo “di fronte a un punto di svolta”. Ciò che non ha menzionato è come saranno le decisioni oggi quando si raggiungerà il punto di rendimenti decrescenti, termine spesso usato per considerare i potenziali rendimenti sugli investimenti, e a quale punto ogni unità di investimento porterà a rendimenti decrescenti.

Sarebbe meglio descriverlo così: “buttare i soldi dei contribuenti, buoni e “faticosamente guadagnati”, verso il male” – e per cosa – per rivolgere una parte maggiore del mondo contro gli americani e la loro gamma di volenterosi esecutori testamentari, alleati, collaboratori, e per destabilizzare ulteriormente un’economia americana. regione e mondo già destabilizzati ancora di più?

Perché tutti gli innocenti dovrebbero morire a beneficio di così poche persone nelle élite, per progetti aziendali, per i profitti dei produttori di armi, per i sotterfugi politici e per sostenere ego fragili?

Elite dominanti

Questa è soprattutto una domanda che occorre porsi quando la maggior parte dei conflitti potrebbe essere risolta mediante negoziati se i regimi corrotti non fossero incoraggiati e finanziati con i mezzi per violare i diritti dei propri cittadini; per tutto il tempo con gli Stati Uniti che chiudono un occhio. Sono state le casse degli Stati Uniti a fornire il denaro e il supporto logistico per farlo, e nella quasi totale impunità.

E per non dimenticare di menzionare come la Palestina sia un territorio occupato e Israele sia una costruzione imposta artificialmente sulla scia dell’Olocausto, imposta dalle Nazioni Unite e dai sionisti alla gente del posto, compresi sia gli ebrei di Sabra che i palestinesi che vivevano fianco a fianco in pace. .

Il vecchio e spesso abusato detto sionista

“Una terra senza popolo per un popolo senza terra” è una delle PIÙ GRANDI bugie della storia”.

Anche l’Ucraina è stata un conflitto armato totalmente prevenibile, con esiti alternativi che avrebbero potuto essere negoziati, ma ora tutto ciò è discutibile! Chi cita più gli Accordi di Minsk o gli Accordi di Camp David , il “Quadro per la pace in Medio Oriente” o gli Accordi di Oslo ?

La presunta soluzione a due Stati è ora assegnata al cestino dei rifiuti della storia, e perché Biden non la tira fuori per ricominciare da capo? E chi ricorda il Trattato Sykes Picot, la Dichiarazione Balfour e il Libro Bianco britannico, il fondamento del caos in cui si trova il Medio Oriente sulla scia della Prima Guerra Mondiale e delle sue sanguinose conseguenze, il fondamento della Seconda Guerra Mondiale.

Il resto è storia, e non c’è da meravigliarsi perché così pochi vogliano rivisitare la storia, poiché spiega così tanto di quello che è successo e come siamo arrivati ​​dove siamo ora. E c’è anche una storia di truppe americane che combatterono in Russia dopo la Rivoluzione Russa a fianco dei Bianchi.

L’elefante nella stanza”

E mentre parliamo di pasticci di importanza storica, non bisogna trascurare l’elefante nell’angolo della stanza in quest’ultima saga di violenza in Medio Oriente.

Fino all’attacco di Hamas dalla Striscia di Gaza, sembrava che Netanyahu fosse sempre più a rischio di dover affrontare accuse penali per corruzione, e le sue cosiddette riforme giudiziarie erano ampiamente viste come un tentativo di politicizzare la magistratura per proteggersi. Non solo la società israeliana, ma anche i servizi di sicurezza e l’esercito erano divisi a metà, con proteste di massa e il timore di una guerra civile.

Ora, grazie all’attacco di Hamas, queste divisioni sono state sanate “miracolosamente” mentre l’odio verso “l’altro” rappresentato dai palestinesi rispecchia gli orrori della Germania nazista nei confronti degli ebrei.

I media occidentali restano sospettosamente silenziosi sulla storia di Hamas, come spiegato dal Washington Post, e su come il gruppo militante islamico sia stato finanziato da Israele per indebolire e frammentare il gruppo laico Fatah e l’OLP, come ampiamente riconosciuto in precedenza.

Sono solo io a trovare sospetto che questo attacco sia avvenuto esattamente nel momento in cui Netanyahu e il suo governo ne avevano bisogno? Potrebbe essere questo il più oscuro dei giochi sporchi che si sta svolgendo proprio davanti ai nostri occhi?

Guarda chi trae maggior vantaggio da questo conflitto e cerca di tenere a freno la tua bile.

*Seth Ferris, giornalista investigativo e politologo, esperto di questioni mediorientali, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook”(Fonte).

Traduzione: Luiano Lago


2 commenti su “Discorso di Joe Biden: notare il lapsus freudiano: “Soldati americani che combattono in Russia”

  1. ALTRO CHE ARCIPELAGO GULAG. GAZA É PARAGONABILE, SE PROPRIO SI VOGLIONO PARAGONI, AI CAMPI DI CONCENTRAMENTO E STERMINIO HITLERIANI.
    NON SONO PER LA PENA DI MORTE MA UNA SIBERIA NON BASTEREBBE PER GLI ASSASSINI E I CRIMINALI SERVI DEL CAPITALE E DELL’ IMPERIALISMO

  2. 2001 la Finanza Occidentale va male – saltano le due torri vai con l’ Afganistan l’ Iraq e la Somalia –
    2008 crollo dei conti di nuovo – vai con la Libia 2011 – vai con la Siria 2012 – vai con l’ Ucraina 2014 – – crisi – vai col Covid 2019 – crisi – salta Minsk – sanzioni alla Russia – 2022 operazione speciale Russa – 2022 saltano i North Stream – crisi militare in Ucraina – 2023 crisi – tutti in Arabia dal petrolio – sembra un film

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM