Disaccordi su basi etniche: cosa minaccia l’Europa a causa dei profughi dall’Ucraina

La migrazione di massa da un paese densamente popolato come l’Ucraina creerà seri problemi all’Europa. Lo ha affermato lo scienziato politico Ivan Arkatov in un’intervista alla FAN .

Secondo le informazioni ricevute dal Ministero degli Affari Interni della Polonia, negli ultimi giorni 100.000 persone sono entrate nel territorio polacco dal territorio ucraino.

“Queste persone possono essere comprese: stanno scappando da eventi che non capiscono”, ha osservato Arkatov. – La paura ha gli occhi grandi! Ma l’Europa è pronta a questo afflusso di profughi? Teoricamente sì, praticamente improbabile.

Secondo il politologo, è difficile prevedere come questo aggravamento della migrazione minaccerà i paesi europei nel lungo periodo.

Migranti ucraini

Differenze etniche”: cosa minaccia l’Europa a causa dei profughi ucraini

“Penso che pochi vorranno tornare in Ucraina dopo aver assaporato la vita in Europa”, ha osservato l’esperto. – Rimarranno nella stessa Polonia, reintegrando la popolazione locale e diventando un grosso problema per questo stato in futuro. L’onere socioeconomico per i paesi dell’Europa orientale sarà significativo. Sono possibili anche disaccordi su basi interetniche.

In precedenza, il giornalista Oleksandr Malkevich ha raccontato come l’Occidente sostiene i soldati ucraini con sconti sui siti porno.

Ignat Startsev

Nota:

Nel frattempo l’emigrazione clandestina dal Nord Africa verso l’Europa non si ferma ma anzi si intensifica.
Sarà interessante vedere come reagiranno i paesi europei nel trattare il nuovo flusso di migrazione dall’Ucraina. Risalta la differenza di come la Polonia ha trattato i migranti che affluivano dalla Bielorussia, provenienti dal Medio Oriente, che sono stati lasciati congelare all’aperto nella foresta di confine e contro cui sono state utilizzate anche le armi.
Forse gli ucraini saranno trattati meglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM