Diretto. |Almeno un morto e diversi feriti in un attentato terroristico compiuto da diversi aggressori a Vienna


Un uomo si sarebbe suicidato con una cintura esplosiva, secondo vari media.
Uno degli aggressori armati nella sparatoria vicino alla sinagoga di Vienna viene sorpreso a sparare.

La Polizia ha evidenziato tramite il proprio account sul social network Twitter che “sono stati registrati colpi” nel centro della città, prima di aggiungere che “ci sono feriti”. “Stai lontano da tutti gli spazi pubblici o dai trasporti pubblici. Non condividere video o foto”, ha detto. Pochi minuti prima, la polizia aveva denunciato una “grande operazione” nel centro della città.

DATI CONFERMATI DALLA POLIZIA. Come confermato dalla polizia di Víena, la sparatoria è avvenuta in sei diversi ambienti, inclusi due ristoranti e nelle vicinanze della sinagoga; una persona è morta e diversi sono rimasti feriti, compreso un ufficiale gravemente ferito. Uno dei sospettati è stato ucciso dagli agenti, anche se non conferma se si tratta di un secondo deceduto.

Attentato a Vienna

DIVERSI ATTACCANTI. Secondo testimoni oculari, diversi aggressori hanno partecipato alla sparatoria, uno dei quali è morto dopo aver attivato una cintura esplosiva. La polizia ha chiesto ai cittadini di non avvicinarsi alla scena e di non condividere le immagini del dispiegamento della polizia. Si è anche avvicinato alla comunità ebraica per chiedere loro di non scendere in strada.

https://twitter.com/emily_habsburg/status/1323366540054593545?ref_src=twsrc%5Etfw%7Ctwcamp%5Etweetembed%7Ctwterm%5E1323366540054593545%7Ctwgr%5Eshare_3&ref_url=https%3A%2F%2Fwww.20minutos.es%2Fnoticia%2F4440897%2F0%2Fvarios-heridos-en-un-tiroteo-en-las-inmediaciones-de-la-sinagoga-principal-de-viena%2F

LA SINAGOGA ERA CHIUSA. La comunità ebraica di Vienna ha indicato che la sinagoga era chiusa al momento dell’inizio della sparatoria.

UN UFFICIALE DI POLIZIA SERIAMENTE FERITO. Il quotidiano Kronen Zeitung riferisce che un agente di polizia è rimasto gravemente ferito e che uno degli aggressori si è fatto saltare in aria.

Fonte: 20minutos.es

Traduzione e sintesi: L.Lago

9 Commenti

  • atlas
    2 Novembre 2020

    DI MAIO: l’europa deve reagire

    loro se la ridono, loro se la suonano e loro se la cantano. Io sono all’estero, a Milano, quì non vedo nessun italiano che si organizza in nuclei di difesa spontanea civile, che per riconquistare gli spazi dei nativi esce in gruppi. Ci sono zone totalmente in mano a stranieri che fanno quello che vogliono. E credo sia così in tutta europa. L’esercito e polizie, loro li fanno entrare, loro sono pronti a reprimere solo gli italiani e qualsiasi reazione popolare e nazionale viene bollata come reato di tipo ‘razziale’

    nelle Due Sicilie il problema c’è ma non si vede, per ora. Gli stranieri non ci si fermano, per vari motivi, ma si deve vigilare; e a giudicare dai tanti sinistri che abbiamo, nemmeno da noi c’è da stare tranquilli, anche se si è sempre più compatti che in italia e nel resto d’europa

  • Monk
    3 Novembre 2020

    Devono militarizzare l’Europa; questi muslim sono stati lanciati dalla mente occulta con la scusa delle sette vergini, coglioni loro che crepano per favorire i loro stessi aguzzini e tricoglioni noi che non ci facciamo rispettare, adesso mi sono rotto il cazzo e vado a dormire con mp3 metal alla facciazza di tutti e spero di sognare Harris mentre suona il basso.

  • atlas
    3 Novembre 2020

    ma porco giuda, a sentire il ministro dell’interno dell’Austria, solo in Francia c’è stata una timida reazione, sà consigliare solo di stare a casa, non uscite perchè ci sono i wahhabiti, praticamente dice: noi non siamo capaci di fare il nostro lavoro. Non è che dice ‘adesso andiamo a espellere gli stranieri che sono quì a portare terrore, chiuderemo le loro associazioni sovversive’, no …

  • atlas
    3 Novembre 2020

    tutto viene dalla Turchia di merdogan secondo me, forza Francia, forza Austria, forza Germania, forza Grecia, fanculo la nato e gli ameri cani

    • franco
      3 Novembre 2020

      Forza di che, dal momento che sono i governi che li fanno entrare mettendo a repentaglio la nostra vita e il nostro modo di vivere, poi hanno anche la faccia tosta di andare a prendersi lo stipendio pagato con le tasse del Popolo oltre a laute ricompense su conti esteri pagate da chi vuole distruggere la nostra vita e instaurare la dittatura, se non ci organizziamo per noi é finita, questo é solo l’inizio.

      • atlas
        3 Novembre 2020

        concordo appieno. Ma in Europa siamo pur sempre degli ordini costituiti…di merda. Cmq non è la Turchia di merdogan a doverci dettare condizioni;, anche perchè ci sono gli usa dietro; io una bella guerra Francia/Grecia contro la Turchia ce la vedo bene, benissimo

  • robyt
    3 Novembre 2020

    La NATO sono anche i francesi però… cioè, se i francesi non vogliono stare con la Turchia nella NATO, perché non ne escono o non fanno uscire la Turchia, dopotutto loro hanno anche il potere di veto.

    • atlas
      4 Novembre 2020

      ‘vedremo’. Grecia e Turchia hanno un conto in sospeso che non si chiuderà facilmente. Dipenderà da come si evolverà la situazione nel Mediterraneo, se si è coriacei ad andare avanti o se ci si fermerà per paura dei ‘gillet gialli’ e dei wahhabiti manovrati da Washington e altre imposizioni atlantiche all’Europa che timidamente vuole alzare la testa

      per ora a pagare sono solo cittadini innocenti

      (le religioni non c’entrano proprio UN CAZZO)

      • atlas
        4 Novembre 2020

        tranne quella ebraica

Inserisci un Commento

*

code