Diplomatico russo a Pompeo: ” mr. Pompeo, falla finita e smetti di fare il poliziotto del mondo”

L’assistente rappresentante della Russia alle Nazioni Unite, Dmitry Poliansky, ha assicurato che il suo paese continuerà a commerciare con l’Iran, invitando il segretario di Stato americano Mike Pompeo a impedire al suo paese di svolgere il ruolo del “poliziotto del mondo”.
Questo avvertimento è arrivato in un tweet scritto lunedì da Poliansky in risposta alla minaccia avanzata dal segretario di Stato americano Mike Pompeo di impedire il commercio con la compagnia di navigazione iraniana.
Il vice ambasciatore delle Nazioni Unite della Russia, Dmitry Polyansky, ha risposto a Pompeo con un tweet esortando gli Stati Uniti ad aiutare la pace in Medio Oriente non provocando l’Iran. “E per favore cambia le parole” sanzioni “e” punizione “nel tuo vocabolario in” dialogo “e” impegno “. Questo aiuterebbe molto! Rendi gli USA di nuovo rispettati!”, Ha aggiunto.

“Ancora una volta, stai andando nella direzione sbagliata”, ha scritto Poliansky nella sua risposta a Pompeo … È un male per l’America sostituire il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e svolgere il ruolo di “poliziotto del mondo”. Attualmente stiamo commerciando con l’Iran e continueremo a farlo, l’America non può dire a noi o ad altri cosa dovremmo fare. Meglio per voi mettere fine all’umiliazione dell’America con questi inutili tentativi “

Mike Pompeo furibondo per il fallimento della sua campagna contro l’Iran

.
La scadenza dell’embargo sulle armi di domenica è stata, infatti, la causa prossima della decisione degli Stati Uniti del mese scorso di andare avanti con il cosiddetto “snapback” delle sanzioni internazionali in Iran. Gli americani hanno tentato senza successo di convincere il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite a estendere l’embargo, ma hanno subito un’umiliante sconfitta quando solo un paese del pannello di 15 membri lo ha sostenuto.

Il Dipartimento del Tesoro americano, nell’ambito di una serie di misure illegali, ha annunciato ieri, lunedì, l’imposizione di sanzioni relative all’Iran, a 5 compagnie di navigazione di Hong Kong e ad un gruppo di investimento cinese.
Ha inoltre imposto sanzioni a 3 persone per i loro rapporti con l’Iran.

Sanzioni e sempre sanzioni, la musica suonata dall’Amministrazione di Washington è sempre la stessa ma è una musica ormai stonata che il mondo si è stancato di ascoltare……hanno commentato alcuni diplomatici al palazzo delle Nazioni Unite.

Fonti: CTNewsca/worldAl Alamtv.net

Traduzione: Fadi Haddad

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM