“Dietro il finanziamento del terrorismo ci sono le autorità americane e francesi”

Mentre Russia e Cina optano per un mondo giusto, all’interno del Consiglio di sicurezza dell’ONU, altri vogliono imporre la loro egemonia finanziando guerre e terrorismo, ha assicurato un analista maliano a Sputnik Africa. Inoltre, l’organismo delle Nazioni Unite deve subire una riforma per consentire la rappresentanza del continente africano.

Sostenendo il terrorismo internazionale, gli Stati Uniti e la Francia minano il lavoro del Consiglio di sicurezza dell’ONU, ha dichiarato a Sputnik Africa Adboul Diallo, analista ed editorialista maliano, capo di Radio Couleurs Média .

” Le autorità americane e quelle francesi sono alla base del finanziamento del terrorismo perché oggi il terrorismo è diventato per loro un affare, quindi il Consiglio di Sicurezza non ha svolto il suo ruolo nella lotta contro questa piaga “, ha dichiarato tornando il presidente algerino il quale afferma che questo organismo dell’ONU manca di efficacia contro la piaga del terrorismo.

Altrimenti “ non saremmo qui oggi ”, continua l’esperto maliano. “ Invece di questa lotta contro il terrorismo, loro [gli altri membri del Consiglio di Sicurezza, ndr] competono solo all’interno dello stesso Consiglio di Sicurezza contro Cina e Russia ” .

Secondo Diallo, mentre alcuni vogliono il meglio per i loro paesi, sviluppo e benessere, altri vorrebbero imporre la loro supremazia al mondo intero:

“ Vediamo che Cina e Russia sono paesi che vorrebbero dare un altro modello invidiabile al mondo intero per quanto riguarda il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Ma gli altri, gli altri tre membri permanenti, non vogliono questo, vogliono imporre la loro supremazia ”.

D’altro canto, l’organismo soffre della mancanza di rappresentanza della comunità internazionale nel suo insieme, motivo per cui necessita di essere riformato. Ad esempio, “ l’Africa stessa non c’entra ”, anche se “ ha voce in capitolo ”.

Situazione in Niger e nel Sahel
Adboul Diallo richiama l’attenzione sul fatto che i paesi colpiti dal terrorismo sono proprio quelli che vogliono essere sovrani, come il Burkina Faso, il Mali e il Niger.

“ Oggi, bisogna riconoscerlo, il Burkina Faso vive gli stessi problemi, gli stessi mali del Mali. Il Mali sta vivendo gli stessi problemi del Niger. Burkina Faso, Niger e Mali sono stati finora impegnati insieme nella lotta al terrorismo ”.

Africani conro il colonialismo

Oltre a questi paesi del Sahel, è anche l’Algeria che si oppone all’intervento militare in Niger, come molte altre nazioni che aspirano ad una democrazia che “ non è mai esistita ”, nota l’analista.

“ Quindi, se l’ECOWAS vuole intervenire militarmente in Niger, si troverà davanti alle forze armate del Mali e anche del Burkina Faso (forse anche dell’Algeria). Quindi questo non è possibile. Secondo lui ci saranno solo dichiarazioni, comunicati pubblicizzati. Ma dubito fortemente che ci sarà uno scontro tra l’ECOWAS e l’Alleanza degli Stati del Sahel (AES) ”, ha indicato.

Stop ai finanziamenti dall’Ucraina
In questo contesto, ha fatto bene anche il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa a ricordare, a margine dell’Assemblea generale dell’ONU, questo gioco ipocrita di alcune nazioni che vorrebbero finanziare guerre invece di finanziare la pace, programmi di lotta alla povertà o azioni umanitarie positive, nota Adboul Diallo.

L’esperto prende come esempio l’Ucraina, che non ha mezzi logistici per affrontare la Russia, ma che è sostenuta da Stati Uniti, Francia e altri paesi europei per la continuazione di una guerra ad oltranza.

Tuttavia, se l’Occidente volesse davvero che questa guerra finisse, non dovrebbe più finanziare l’Ucraina, vale a dire non fornire più armi da guerra a Kiev.

“ Quindi l’Occidente è interessato a finanziare il conflitto perché gli fa comodo, perché le principali industrie produttrici di armi sono negli Stati Uniti. E la Francia funge da operatore telegrafico affinché gli Stati Uniti possano creare guerre e conflitti in tutto il mondo ”.

L’Africa, un continente ricco di materie prime

Commentando le parole del presidente della Nigeria Bola Ahmed Tinubu, secondo cui “ l’Africa non è altro che la chiave del futuro del mondo ”, l’analista ha evidenziato le ricchezze di cui dispone il continente.

“ Soprattutto perché molte materie prime provengono dall’Africa per l’emergere di molti paesi in tutto il mondo, molte grandi potenze sono interessate a queste materie prime in tutto il mondo .”
Ma è per rubare all’Africa che l’Occidente crea conflitti e guerre, sostiene Diallo.
“ In Niger, immaginiamo che lì venga sfruttato l’uranio e che il Niger stesso non possa trarne beneficio […]. Ma immaginiamo che questo uranio venga utilizzato in Francia nelle centrali nucleari mentre lo stesso Niger non ha nemmeno l’elettricità ”.

Per il geopolitico, i conflitti in Africa vengono creati affinché gli africani facciano appello agli occidentali come i vigili del fuoco. “ E poi, per ipocrisia, faranno finta di aiutarci. Ma il loro obiettivo è impoverirci ”, ha concluso.

Dal 19 al 26 settembre si svolgerà a New York la settimana ad alto livello dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite. La delegazione russa è guidata dal ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov.

Fonte: Sputnik Africa

Traduzione: Gerard Trousson

2 commenti su ““Dietro il finanziamento del terrorismo ci sono le autorità americane e francesi”

  1. l’ Italia è stata preda del terrorismo droga e sequestri CIA dal 1965 al 2000 .. finchè non è stata sottomessa ed espropriata della sua economia e della sua moneta e della sua democrazia … poi è toccato all’ Jugoslavia etc etc

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM