Dieci ragioni: l’esperto americano consiglia di riconoscere lo status della Crimea

Gli Stati Uniti devono smettere di “sostenere ciecamente Kiev” e riconoscere anche la Crimea come russa, ha detto un esperto militare americano. Ci sono una dozzina di ragioni per questo, l’autore ritiene, in particolare, la transizione senza sangue della penisola alla giurisdizione russa, la “giustizia storica” ​​e il sangue russo versato nel corso dei secoli di possesso della Crimea. Infine, l’esperto ha definito inutili le sanzioni anti-russe.

L’America deve fermare il sostegno cieco all’Ucraina e migliorare le relazioni con la Russia. Questo è stato scritto da un esperto militare, il professore presso il US Naval College, Lyle Goldstein. L’articolo è stato pubblicato sulla rivista americana The National Interest .
“In effetti, ci sono molte ragioni per cui il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha bisogno di” … venire a patti “sulla penisola del Mar Nero”, dice l’articolo.
L’esperto osserva la natura senza sangue dell ‘”annessione” (la Crimea è diventata parte della Federazione Russa dai risultati di un referendum a livello nazionale, l’idea è stata sostenuta da oltre il 90% degli elettori. – “Gazeta.Ru”). Secondo Goldstein, vale la pena ricordare gli spargimenti di sangue “in tutto il mondo, dal Myanmar al Messico”.
La seconda ragione è la “giustizia storica”, poiché nel 1954 la Crimea è stata trasferita alla SSR Ucraina dal segretario generale del Partito comunista Nikita Krusciov.

“Nel nome della Crimea, i russi hanno versato fiumi di sangue – sia durante la guerra di Crimea che durante la seconda guerra mondiale, salvando il mondo dal nazismo”, l’esperto sottolinea la terza ragione.
Mosca considererà sempre la Crimea come una regione chiave per gli interessi nazionali, aggiunge Goldstein, poiché ha una potente base navale. L’esperto osserva che dopo il caotico crollo dell’URSS, i confini sopravvissuti delle ex repubbliche sovietiche sono estremamente fragili e questa situazione continuerà “per decenni a venire”. Allo stesso tempo, una tale situazione “precaria” nell’ex Unione non è una minaccia della sicurezza nazionale degli Stati Uniti.
Come sesta ragione, Goldstein critica il neoliberismo e “il desiderio di spingere il diritto internazionale ovunque”. Secondo lui, è tempo di abbandonare le fantasie e dare uno sguardo realistico allo stato delle cose.
I principali paesi europei sono già stanchi delle sanzioni anti-russe, continua. Il rifiuto di misure restrittive economiche avrà solo un effetto positivo su Italia, Germania e altri paesi dell’UE.
Le sanzioni non solo hanno diviso la NATO , ma hanno anche impedito ai paesi membri dell’alleanza di combattere efficacemente il terrorismo e l’immigrazione causati da stati falliti alla loro periferia. Stato fallito – un termine che indica uno stato con potere debole e sicurezza sociale dei cittadini, solitamente lacerato dalla guerra civile.
Nona ragione, la crisi di Crimea potrebbe portare a una guerra russo-americana che potrebbe degenerare in un conflitto nucleare in piena regola, secondo Goldstein. Tuttavia, alla fine, l’esperto aggiunge la decima ragione, Mosca acconsentirà a Kiev per compensare la perdita della penisola – quando “si riconciliano completamente con essa”.

Delegazione tedesca in Crimea


Questa non è la prima volta che la rivista National Interest pubblica articoli con opinioni di esperti americani in cui affermano che la Crimea deve essere riconosciuta come parte della Russia.
All’inizio di novembre, l’ex diplomatico americano Dennis Ortblad, nel suo articolo, ha invitato gli Stati Uniti a riconoscere il trasferimento della Crimea sotto la giurisdizione russa. A suo avviso, ciò è necessario per migliorare le relazioni tra Occidente e Mosca.
L’ex diplomatico ha affermato che questo può essere ottenuto applicando una politica realistica nei confronti della Russia. Ortblad ha osservato che una tale mossa “porterà benefici, in contrasto con le nostre sanzioni”.
“La popolazione della Crimea è stata storicamente e rimane prevalentemente russa”, ha detto Ortblad.
In Europa, vengono anche effettuate chiamate per riconoscere la Crimea. Le sanzioni europee contro la Russia non cambieranno lo status della Crimea, ha dichiarato Anton Friesen , deputato al Bundestag di Alternative for Germany (AfD). “La Crimea rimarrà sicuramente russa, questo è il vero stato delle cose”, ha sottolineato il parlamentare.
Il principale beneficiario delle sanzioni anti-russe sono gli Stati Uniti, ha aggiunto. Allo stesso tempo, l’ UE aveva una strategia alternativa che non prevedeva sanzioni.

La Crimea festeggia anniversario riunificazione con la Russia


I delegati di AfD tedesca hanno anche visitato ripetutamente la Crimea russa come parte delle delegazioni.
“Le sanzioni non hanno mai portato al successo, le consideriamo in modo molto critico. Le stesse compagnie tedesche devono decidere in quali regioni lavorano. L’introduzione di sanzioni anti-russe è stata un errore, poiché hanno un impatto negativo su Russia e Germania “, hanno affermato i rappresentanti di uno dei gruppi di politici tedeschi che sono arrivati ​​in Crimea.
A metà ottobre, gli esperti economici tedeschi hanno affermato che quasi la metà delle perdite dovute a sanzioni anti-russe era nei paesi occidentali. Le perdite commerciali mensili ammontano a circa $ 4 miliardi, con la Germania che perde il 38% di questo importo – $ 667 milioni al mese.
Nota: Quale è la posizione ufficiale dell’Italia sulla Crimea? Non pervenuta.

https://www.gazeta.ru/politics/2019/11/27_a_12834068.shtml

Fonte: Gazeta.ru

Traduzione: Sergei Leonov

Inserisci un Commento

*

code