Dichiarazione di Balfour. Miti del sionismo e crimini

Il giorno 2 di Novembre ricorreva l’anniversario della dichiarazione di Balfour, ovvero quel documento che consisteva nella lettera che il ministro degli Esteri del Regno Unito, Arthur Balfour, inviò, il 2 Novembre del 1917, a Lord Walter Rothschild, uno dei principali leader della comunità ebraica nel paese, in cui sosteneva che il suo governo si sarebbe impegnato per creare uno stato ebraico in Palestina. Era un testo brevissimo, 67 parole in tutto, che però ebbe enormi conseguenze. Per i sostenitori di Balfour e del sionismo, la data della dichiarazione è da decenni un giorno da festeggiare. Per i suoi critici, un atto di cinismo politico che produsse una delle più gravi ferite inflitte al Medio Oriente da una potenza occidentale.

Il regime israeliano continua a giustificare la sua presenza colonizzatrice e occupante e i crimini contro il popolo palestinese, ricorrendo ai miti sulla “Terra Promessa”.

È improbabile attribuire un grado di serietà a questo tipo di argomenti, soprattutto se si considera che questa terra: la Palestina, era abitata migliaia di anni fa da vari popoli, tra i quali spiccava, per lo più e permanentemente, il popolo palestinese. Gli ebrei erano uno dei popoli, che nelle loro incursioni militari si trovavano nella zona, dove in un arco di tre secoli svilupparono l’insediamento di alcuni settori, per poi scomparire storicamente nel flusso di guerre, invasioni, distruzioni e assimilazioni. Ciò che è significativo è che gli attuali colonizzatori e occupanti della Palestina non hanno alcun rapporto con quegli abitanti poiché sono stranieri, la maggior parte dei quali europei dell’Est.

Gli storici israeliani come Shlomo Sand, parlano nelle loro opere non solo dell’invenzione degli ebrei, ma anche dell’invenzione della terra d’Israele, nell’idea di smantellare quei miti che di solito coprono la presenza di stranieri di fede ebraica e persino atei Sionisti in Palestina, con tutto quel carico di pregiudizi, suprematismo e razzismo con cui è solitamente accompagnato. Shlomo Sand distrugge nel suo libro “The Invention of Israel”il concetto di un certo diritto storico-religioso esercitato per giustificare l’usurpazione delle terre palestinesi in una miscela tra concezioni neo-evangeliche (messianiche) e sionismo (nel quadro politico opportunistico che tale fatto genera). Per Sand “questa invenzione ha reso possibile la colonizzazione del Medio Oriente e la creazione di Israele, ma costituisce anche la più grave minaccia alla sua stessa esistenza come patria nazionale ebraica.

Manifestazione di palestinesi

Una mitizzazione del concetto di patria, che va oltre i diritti di milioni di esseri umani. Creare un amalgama di idee, miti, storie, favole, narrazioni religiose per formare un’idea di etnia, che avrà come supporto inestimabile, in primis dell’appoggio di potenze come l’Impero britannico e poi, il mondo occidentale e la sua crisi di coscienza dopo la fine della seconda guerra mondiale e il ruolo attivo dell’imperialismo statunitense. Sostegno che fisserà il lavoro delle potenze occidentali per stabilire una punta di diamante egemonica, nel Levante mediterraneo in generale e in Palestina in particolare.
Questo ha consentito di gettare le basi per la geopolitica di un sionismo, che accresce avidamente un processo di insediamento interno, generando una politica di rapacità basata su obiettivi di espansione concordati con l’approvazione e il sostegno delle potenze occidentali, non solo in Palestina, ma in tutto il Medio Oriente.
Una politica volta all’appropriazione delle risorse naturali, alle rotte di distribuzione e commercializzazione delle risorse energetiche e al controllo delle rotte marittime che consentirebbero il controllo generale: Stretto di Hormuz, Bab al Mandeb e il Canale di Suez.

Tutto quanto sopra, sotto la favola di avere “una patria nazionale ebraica” in una terra promessa, il che renderebbe possibile stabilire quella terra promessa a un popolo ebraico fittizio. E sto parlando dell’immaginario, basato sulle idee sviluppate da Shlomo Sand e molti altri ricercatori dal punto di vista dei “nuovi storici israeliani” che sfugge ai miti ed entra nell’espressione di fatti, azioni, realtà e non favole . In un brillante paragrafo su questa affermazione dal libro di Sand “The Invention of the Jewish”si nota che “Ogni Stato-nazione moderno ha una narrazione delle sue origini, trasmessa sia dalla cultura ufficiale che da quella popolare; Tra queste storie nazionali, tuttavia, poche sono state così scandalose e controverse come il mito nazionale israeliano. Il noto racconto della diaspora ebraica del I secolo d.C. e la rivendicazione di una continuità culturale e razziale del popolo ebraico fino ad oggi, risuonano oltre i confini di Israele. Nonostante il suo uso abusivo per giustificare l’insediamento di ebrei in Palestina e il progetto della Grande Israele, sono state fatte pochissime ricerche accademiche sulla sua accuratezza storica “.

Per coloro che nella versione spagnola del libro hanno avuto il coraggio di pubblicarlo nonostante le pressioni del sionismo, è evidente che “In questo libro coraggioso e appassionato, Shlomo Sand mostra che il mito nazionale di Israele ha le sue origini nel XIX secolo, non nei tempi biblici in cui molti storici ebrei e non ebrei ricostruirono un popolo immaginario per plasmare una nazione futura. Sand seziona la storia ufficiale con la meticolosità di un medico legale e svela la costruzione del mito nazionalista e la conseguente mistificazione collettiva ”.

Scuola palestinese dei primi anni del 900 che dimostra l’esistenza di una Palestina che aveva delle sue scuole e istituzioni di buon livello rispetto ad altri paesi del mondo arabo

È chiaramente una contraddizione parlare di una divinità generosa, di diritti di proprietà da essa concessi secondo criteri di preferenza etnica, insieme a obiettivi politici di “ritorno” a una terra in una terra che non può nemmeno dimostrare che ci sia alcun legame con essa. , oltre i miti, le favole e le storie tipiche della filmografia sionista, che ha avuto un’enorme espansione grazie ai grandi conglomerati cinematografici, televisivi e di stampa che aiutano a consolidare questa visione “sionista-ebraica” del mondo sostenuta da una Protestantesimo evangelico, che sostiene questa vera messa in scena di farci credere che i colonizzatori e gli occupanti della Palestina lo hanno fatto perché questa era “una terra senza popolo per un popolo senza terra”.
Vergognosa menzogna che si consolida in virtù di una storiografia dominata dal sionismo che rende invisibile il popolo palestinese, la sua storia, cultura, cibo, vestiario, archeologia, il suo sviluppo come popolo che da millenni popola il levante mediterraneo. Vedi: Vecchie foto contro vecchie bugie

Un documento distruttivo
È in questo insieme di argomenti ed esempi forniti, che ci consente di affermare che la Dichiarazione Balfour, la cui lettera originale compie 103 anni, è stata uno strumento politico, che ha contribuito a consolidare una falsa idea sul territorio e sulle aspirazioni di dominio di un Il sionismo europeo insieme al dominio dell’Impero britannico prima e dell’imperialismo americano dopo la fine della seconda guerra mondiale. Questa dichiarazione, espressa sotto forma di lettera, rafforzerà enormemente il piano sionista di colonizzare la Palestina e avanzerà l’idea di creare una “casa nazionale ebraica” che sarà una realtà a costo dei diritti di milioni di palestinesi, una popolazione nativa. di questo territorio.

La Dichiarazione Balfour costituisce la dichiarazione scritta di intenti che si riferisce specificamente a una lettera inviata dal ministro degli Esteri britannico Arthur James Balfour al barone Lionel Walter Rothschild, leader della comunità ebraica di Gran Bretagna e Irlanda, il 2 Novembre 1917, in modo che il contenuto fosse conosciuto e discusso all’interno della Federazione Sionista. Una manifestazione che falsamente ha fondato una colonizzazione che sarebbe stata portata avanti dai coloni ebrei europei, incoraggiati dalla leadership sionista.

Questa lettera afferma: “Caro Lord Rothschild. È mio piacere rivolgerti, a nome del governo di Sua Maestà, la seguente dichiarazione di simpatia per le aspirazioni degli ebrei sionisti, che è stata presentata e approvata dal Gabinetto. Il governo di Sua Maestà vede favorevolmente l’istituzione in Palestina di una casa nazionale per il popolo ebraico e farà del suo meglio per facilitare la realizzazione di questo obiettivo, essendo ben chiaro che non verrà fatto nulla che possa danneggiare i diritti civili e religiosi comunità non ebraiche in Palestina o i diritti e lo status politico di cui godono gli ebrei in qualsiasi altro paese. Le sarei grato se potesse portare questa dichiarazione all’attenzione della Federazione Sionista. Cordiali saluti, Arthur James Balfour ”.

E ha accennato alla falsità del suo contenuto – come ho fatto ogni volta che mi riferisco al ruolo di Balfour – perché appunto, lo stesso Arthur James due anni dopo, nel gennaio 1919, sottolinea, con tutta l’ipocrisia che si manifesta in queste lettere , le vere intenzioni del sionismo e gli interessi strategici dell’Impero britannico. La realtà ha mostrato che i desideri espressi da Balfour nella lettera del novembre 1917, che “i diritti civili e religiosi delle comunità non ebraiche esistenti in Palestina sarebbero stati rispettati e non danneggiati” erano semplice ipocrisia e forte sostegno alla Movimento sionista, per avviare un processo di colonizzazione della terra in Palestina. Balfour stesso,

Resistenza all’occupazione israeliana

Voglio ribadire un’idea ,che non può avere interpretazioni e l’ha affermato con piena convinzione. La storia sostiene questo e il fatto permanente che sotto la macro della dichiarazione Balfour, un’ideologia come quella sionista, Israele ha appoggiato una politica di razzismo, apartheid e crimini contro il popolo palestinese. In precedenti resoconti l’ho mantenuto e riaffermato in quest’anno 2020, centotre anni dopo che il signor Balfour ha pugnalato un pugnale alle spalle del popolo palestinese e dell’Asia occidentale in generale che “la Gran Bretagna, in un’assurdità storica, in una decisione abusiva e un criminale ha promesso di cedere un territorio che non era di sua proprietà a terzi – ebrei europei – i cui legami con la regione erano inesistenti, il che implicava l’approvazione di un piano di colonizzazione, che in sostanza portava il segno del razzismo. Popolando una terra abitata con stranieri,

La Dichiarazione Balfour è servita da quadro per il sionismo per aumentare la sua ambizione e appetito territoriale e realizzare i suoi piani di insediamento lì, per coloro che divennero credenti alienati di un mito che rendeva pratico il controllo e il saccheggio del territorio palestinese. Ideologia che comincia anche a tessere la falsificazione storica che ha fatto pensare al mondo che loro – civilizzatori occidentali con diritti di proprietà concessi da una divinità – quello che stavano facendo nel loro discorso di convinzione, non era colonizzare, invadere terre, segregare e usurpare, ma Hanno semplicemente occupato una terra arida, senza popolazione – sebbene 700mila palestinesi vivessero lì, con terra, raccolti, con famiglie che avevano le loro radici fino all’inizio della storia. Un mito in tutti i sensi della parola, che fino ad oggi insegnano come dogma di fede, affidandosi a scavi archeologici per dimostrare il loro mito religioso, nei processi di schiacciamento culturale del popolo palestinese. Tutto ciò ha avuto il suo processo catalitico con la Dichiarazione Balfour.

Una dichiarazione usata come l’asse delle richieste legali e politiche sioniste che questa dichiarazione ha esibito come quei conquistatori spagnoli, che hanno mostrato in terre che avrebbero chiamato americani, il cosiddetto Requisito di Palacios Rubio agli indigeni che non sapevano nulla di questi stranieri venuti all’estero per sostenere che queste nuove terre – appartenevano per diritto divino alla monarchia spagnola. Un requisito mortale, come questa Dichiarazione Balfour, è considerato da Walid Khalili, membro dell’Istituto per gli studi palestinesi come “Il documento politico più distruttivo del XX secolo per il Medio Oriente.

di Pablo Jofre Leal

Fonte: Hispan Tv

Traduzione: Luciano Lago

9 Commenti

  • giorgio
    4 Novembre 2020

    Ottima ricostruzione …… Niente da aggiungere ….. Se non l’auspicio di una rapida fine dell’entità sionista …

  • Teoclimeno
    4 Novembre 2020

    Egregio Signor GIORGIO, vorrei fosse domani, ma andrebbe bene anche stasera. Molti cordiali saluti. TEOCLIMENO

  • Teoclimeno
    4 Novembre 2020

    “I Protocolli dei savi di Sion” risalgono al 1903. Anche se si continua a sostenere che fossero un falso, sono la prova più evidente che l’idea culminata nella “Dichiarazione Balfour”, circolava già da tempo negli ambienti ebreo-sionisti.

  • Teoclimeno
    5 Novembre 2020

    La tragedia palestinese dovrebbero essere di monito per gli italiani: siamo destinati a fare la stessa fine. Memento gente, memento…è in atto la sostituzione etnica del nostro popolo.

    • atlas
      5 Novembre 2020

      a me sarebbe bastato che gli italiani fossero rimasti a casa loro

      solo la Capitale Napoli dà 800 miliardi di € all’anno SOLO di iva a questa gentaglia. I nostri soldi devono rimanere a Napoli, per noi, per la nostra Società. Si paga la tangenziale e i soldi vanno ai Benetton. DEVE finire. E col progetto ‘città metropolitana’ da estendere a tutte le Due Sicilie FINIRA’

      fratellanza del cazzo, non esiste alcuna fratellanza

      • Teoclimeno
        5 Novembre 2020

        La storia a quanto pare si sta ripetendo: quelli che hanno distrutto il Regno delle Due Sicilie, sono gli stessi che adesso stanno distruggendo l’Italia. Il nemico è comune per chi la vuol capire.

        • atlas
          5 Novembre 2020

          il Regno delle Due Sicilie non è affatto distrutto, magari è moribondo, ma l’italia è morta

          se Gesù, quando verrà, vorrà passare da noi ci dirà ‘alza la testa e ricomincia a camminare come si deve’ come fu per Lazzaro. Tu li conosci i ‘lazzari’ ? E la loro resistenza ai francesi ?

          (a me meno mi nomini italia e italiani meglio è sono termini che ho rimosso da tempo, neanche il carcere mi ha piegato)

  • Teoclimeno
    5 Novembre 2020

    Le suggerisco di armarsi di santa pazienza: Gesù Cristo non si è mai visto, è solo nella testa dei creduloni come lei. Creda quello che vuole, basta che mi lasci in pace.

Inserisci un Commento

*

code