Diabolico doppio pensiero… Washington pubblicizza il genocidio israeliano dei palestinesi come autodifesa

In palese sfida all’opinione mondiale e al diritto internazionale, lo stato israeliano continua il suo massacro quotidiano di civili a Gaza. Dopo quasi quattro settimane di bombardamenti aerei ininterrotti, il bilancio delle vittime ha superato le 9.000 unità, con altre migliaia di dispersi sotto le macerie.

Il numero effettivo delle vittime al momento della stesura di questo articolo potrebbe essere vicino a 15.000.

L’UNICEF, l’organizzazione delle Nazioni Unite, questa settimana ha descritto Gaza come un “cimitero per i bambini”. Si stima che ogni giorno vengano uccisi o feriti circa 400 bambini. I feriti non hanno modo di essere curati poiché gli ospedali sono chiusi per mancanza di carburante e rifornimenti.

In scene strazianti, le famiglie cercano disperatamente di riportare alla luce i bambini sepolti sotto i detriti di cemento. Troppo spesso le loro grida svaniscono con una morte agonizzante.

Il mondo è testimone di un’epoca di crudele depravazione paragonabile alla barbarie della Germania nazista. In modo disgustoso, il regime israeliano che commette questi crimini di guerra ha l’ardire di invocare la memoria dell’Olocausto nazista come scusa per le sue azioni. Gli ebrei rispettabili e i sopravvissuti all’Olocausto di tutto il mondo sono indignati e si vergognano dell’atteggiamento ripugnante degli inviati israeliani che indossano stelle gialle sui loro abiti alle Nazioni Unite.

Il diabolico doppio pensiero è reso possibile dall’indulgenza politica e diplomatica concessa dagli stati occidentali.

Non c’è altro modo di considerare gli omicidi di massa come qualcosa di diverso dal genocidio. Il capo dell’ufficio per i diritti umani delle Nazioni Unite, Craig Mokhiber, questa settimana si è dimesso disgustato per il continuo genocidio di cui, secondo lui, gli Stati Uniti e l’Unione Europea sono complici.

Il disprezzo sfrenato del diritto internazionale da parte del regime israeliano è scioccante. Questa settimana il campo profughi di Jabaliya a Gaza è stato bombardato per tre giorni consecutivi uccidendo centinaia di civili. Secondo le Nazioni Unite, più del 70% delle vittime a Gaza sono donne e bambini.

Ospedali, scuole e altri rifugi per civili terrorizzati sono stati deliberatamente presi di mira dagli aerei da guerra israeliani che hanno sganciato bombe da una tonnellata fornite dagli Stati Uniti. Il Pentagono ha annunciato insensibilmente che gli Stati Uniti non avevano imposto alcuna limitazione alle forze israeliane nell’uso delle armi americane.

Washington e i suoi alleati europei ripetono il mantra menzognero secondo cui Israele ha diritto all’autodifesa. Questo è il via libera al genocidio dei palestinesi. Ma è un abominio.

Benjamin Netanyahu and Joe Biden in Jerusalem,

L’ambasciatore russo presso le Nazioni Unite, Vassily Nebenzia, questa settimana ha confutato questo presunto “diritto all’autodifesa” definendolo una vile distorsione. L’inviato russo ha sottolineato che lo Stato israeliano è una potenza occupante che da anni viola gravemente innumerevoli leggi internazionali e le restrizioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. In quanto potenza occupante illegale, Israele ha rinunciato a qualsiasi legittima pretesa di autodifesa.

Sostenere una richiesta di legittima difesa significa capovolgere la realtà per cui un aggressore viene presentato come una vittima. (Un’affermazione simile e falsa viene fatta per il regime di Kiev in Ucraina, sostenuto dalla NATO, che per otto anni ha attaccato la popolazione di etnia russa nel Donbass fino a quando le forze russe non sono intervenute in loro difesa nel febbraio 2022, dopodiché il regime nazista di Kiev afferma di essere un vittima.)

Lo Stato israeliano ha il diritto alla sicurezza e alla difesa dei suoi cittadini entro i suoi confini riconosciuti a livello internazionale secondo i confini designati dalle Nazioni Unite nel 1967 con i Territori palestinesi. Ma questo diritto, che è normale per tutti gli Stati, non è il diritto all’offesa e all’aggressione, come è avvenuto dopo gli attentati del 7 ottobre da parte del gruppo militante Hamas.

Le uccisioni di massa da parte di Hamas, che hanno visto morire oltre 1.400 israeliani e più di 220 presi in ostaggio, non giustificano neanche lontanamente la successiva punizione collettiva e il genocidio contro i palestinesi a Gaza e in Cisgiordania.

Invocando continuamente il falso diritto di Israele all’autodifesa, i governi degli Stati Uniti e dell’Europa stanno pervertendo il diritto internazionale e dando a Israele una licenza per aggressioni e atrocità sempre più atroci.

Nazioni Unite

La posizione di Israele e dei suoi sostenitori occidentali è ripudiata dalla stragrande maggioranza dei membri delle Nazioni Unite. La maggior parte delle nazioni chiedono l’immediata cessazione della violenza e la revoca dell’assedio su Gaza per consentire forniture di emergenza di cibo, acqua, carburante e cure mediche per i 2,3 milioni di abitanti.

L’amministrazione statunitense Biden ha respinto le richieste internazionali di porre fine alla violenza. Il presidente Joe Biden e i suoi collaboratori più anziani si nascondono dietro la falsa logica del “diritto all’autodifesa” di Israele.

Questo odioso doppio pensiero di sostenere e facilitare il genocidio e allo stesso tempo esprimere apparentemente preoccupazione per le vittime civili sta esponendo gli Stati Uniti e altri stati occidentali all’ostentazione di un’ipocrisia di rango.

Il mondo è giustamente indignato e disgustato dall’orgia di omicidi di massa a Gaza.

Le enormi proteste pubbliche che si stanno svolgendo in Nord America ed Europa, condannando il genocidio di Israele e chiedendo un cessate il fuoco immediato, mostrano quanto i governanti occidentali d’élite siano disconnessi dalle preoccupazioni morali e democratiche di base.

Gli Stati Uniti hanno posto il veto ai progetti di risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per un armistizio.

Tuttavia, ci sono segnali che l’amministrazione Biden stia lentamente diventando consapevole di come i suoi spregevoli doppi standard stiano infiammando l’opinione mondiale. Washington si sta alienando i governi arabi e facendo infuriare il sentimento popolare. Anche le organizzazioni ebraiche del Nord America condannano la politica di sostegno al genocidio.

Il segretario di Stato americano Antony Blinken è volato in Israele questo fine settimana – il suo terzo viaggio in tre settimane – per fare pressioni sul “gabinetto di guerra” di Benjamin Netanyahu affinché consenta almeno “pause umanitarie” nell’assalto a Gaza.

Carri armati israeliani

Le forze israeliane hanno circondato Gaza City ed è in corso un’invasione di terra. Netanyahu ha escluso qualsiasi cessate il fuoco e il suo gabinetto di guerra ha giurato di distruggere i combattenti di Hamas. Dato che i politici israeliani hanno apertamente etichettato tutti i palestinesi come equivalenti ad Hamas, i prossimi giorni e settimane possono solo significare che il triste bilancio delle vittime tra i civili aumenterà.

La tardiva e melliflua preoccupazione dell’amministrazione Biden e di altri governi occidentali sulla “limitazione delle vittime civili” è una parodia nauseante.

Washington si prepara a concedere ulteriori 14 miliardi di dollari in aiuti militari a Israele. Nell’ultimo mese centinaia di aerei cargo militari sono arrivati ​​a Tel Aviv con più di 3.000 tonnellate di armi.

Gli Stati Uniti e gli stati occidentali sono complici del genocidio contro i palestinesi grazie al loro incrollabile sostegno di fronte ad uno spaventoso massacro di innocenti.

Il requisito minimo è chiedere un cessate il fuoco incondizionato. Riusciranno i leader occidentali a mostrare un briciolo di fibra morale?

Editoriale

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

9 commenti su “Diabolico doppio pensiero… Washington pubblicizza il genocidio israeliano dei palestinesi come autodifesa

  1. La tradizione ebraica non ammette giustizia senza misericordia. La politica israeliana va contro questa tradizione per ottenere i vantaggi dell’asservimento agli USA e attira l’esecrazione dei popoli per l’ebraismo. La cricca al governo israeliano è la fonte principale dell’antisemitismo.

  2. Non è un doppio pensiero. E’ molto più semplice la linearità…Washington non considera i palestinesi ESSERI UMANI! Quindi nessun genocidio in corso.

  3. L’articolo si conclude chiedendosi se “i leader occidentali” riusciranno a mostrare un briciolo di fibra morale per chiedere un cessato il fuoco incondizionato. Coloro che l’articolo definisce “leader occidentali” in realtà non sono altro che delle marionette, dei fantocci senza arte ne’ parte piazzati ai posti di comando delle varie nazioni occidentali dalle potentissime lobby degli armamenti, del petrolio, della ricostruzione, dell’industria farmaceutica, dell’industria alimentare, ecc. Essendo null’altro che burattini, e’ inutile sperare in un loro sussulto di umanità, a meno che non si faccia finta di credere alla favoletta di Pinocchio. L’Occidente ormai non ha più “leader” ma dispone solo più di un’accozzaglia di fantocci, ed e’ proprio questo che lo portera’ irreparabilmente alla deriva.

  4. Risposta alla domanda nell’ultimo rigo dell’articolo: i leader occidentali rinsaviranno solo quando si prenderanno una pioggia di Kinzhal addosso !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM