Di fronte alle manovre degli Stati Uniti, la Russia minaccia di lasciare l’ONU per creare un’organizzazione parallela

di Ndam Njoya Nzomene .

Triste prospettiva: Mosca potrebbe considerare “ la creazione di una struttura diversa dall’ONU per dirimere le controversie internazionali in conformità con il diritto internazionale”, una logica conseguenza delle presunte frustrazioni subite dalla Russia. Frustrazioni che vanno dai negoziati della diplomazia americana per ottenere la revoca del diritto di veto alla Russia, a una riforma dello statuto dell’istituzione che porti all’esclusione della Russia . »

È una possibilità che fa venire i brividi lungo la schiena: la Russia si è spinta ai margini del concerto delle nazioni e assume logicamente la guida di un’altra organizzazione internazionale che dovrebbe logicamente riunire Stati che denunciano regolarmente il suprematismo americano o occidentale (Cina, Corea del Nord, Bielorussia , Venezuela, Cuba, Nicaragua, Salvador, Iran, Siria, Mali, ecc.…) e desiderosi di vivere una sovranità liberata dai tweet sullo sfondo dei diktat dei cantori del rispetto dei diritti umani e di altre condanne della cosiddetta “comunità internazionale”. In altre parole, un altro “concerto delle nazioni” capace di fissare la sua parte della “linea rossa” che l’altra, rimasta sotto il seno dell’ONU, non dovrebbe attraversare a rischio di far precipitare l’umanità in questa fatale Terza Guerra Mondiale. Una ipotesi che tenta tutti i paesi che si sentono attaccati dalle politiche sanzionatorie degli USA e dell’Occidente e che aderiscono ad organizzazioni come il BRICS o l’accordo di Shangai.

Eppure è un’idea formidabile che si dovrebbe far credere al mondo se la Russia metterà in atto la sua minaccia di trarre definitivamente conclusioni dalle frustrazioni a cui sono sottoposti i suoi diplomatici negli Stati Uniti, sede dell’Organizzazione delle Nazioni Unite.

Assemblea ONU

Infatti, in una lettera ” indirizzata ai 195 Stati membri delle Nazioni Unite in cui descriveva le sue difficoltà nell’ottenere i visti per i suoi diplomatici all’Onu ” a cui ha fatto eco il nostro collega Voltaire Net all’inizio di novembre, il Paese dello zar Pierre Le Grand riferisce delle manovre di Washington volta a impedire a molti dei suoi diplomatici di prendere parte ai lavori dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite e ai lavori di alcune commissioni, nonostante una risoluzione (76/122 del 6 dicembre 2021) dell’Assemblea generale sugli obblighi degli Stati Uniti in questo riguardo.

Mosca ritiene che sia in violazione dei testi dell’organizzazione, in particolare quelli sull’accordo sulla sede, che Washington stia prendendo provvedimenti volti a limitare il numero dei diplomatici russi ai vari cenacoli dell’Onu.

A queste frustrazioni, a cui si aggiungono gli osservatori, l’espulsione dal territorio degli Stati Uniti, a fine febbraio-inizio marzo, di 12 diplomatici russi (membri della missione diplomatica russa presso l’ONU), nonché i negoziati – a l’iniziativa della diplomazia americana – ottenere dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il voto di una riforma della Carta dell’istituzione che porti all’esclusione della Russia o alla revoca del suo diritto di veto avrebbe indotto Mosca a considerare, secondo Voltaire Net, ” per creare una struttura diversa dall’ONU per la risoluzione delle controversie internazionali in conformità con il diritto internazionale “.

Fonte: Voltairenet.org

Traduzione: Gerard Trousson

12 Commenti
  • artemisia m.
    Inserito alle 18:29h, 14 Novembre Rispondi

    Gli stati uniti, che credono di poter isolare la Russia, si ritroveranno isolati dal resto del mondo, soprattutto se insistono in una politica sporca e ambigua, di pura propaganda, che regge soltanto grazie ai media pagati dal deep state., e ai brogli delle elezioni proprie e di altri paesi satelliti. Mi auguro che effettivamente ci sia una frattura in questo gioco perverso che Nato e Usa si ostinano a giocare ormai da troppi decenni, grazie alla connivenza di politici corrotti..

  • antonio
    Inserito alle 18:44h, 14 Novembre Rispondi

    l’ ONU è una pedina in mano ai Goldfingers della Finanza Atlantica – in tutti i massacri e genocidi non ha mai preso parte attiva per fermarli o censurare le nazioni implicate
    – Cile – Pinochet – Argentina Videla – Iraq – Palestina – Gaza – Ruanda – Yugoslavia – Libia – Siria – Ucraina – etc etc etc

  • antonio
    Inserito alle 18:48h, 14 Novembre Rispondi

    l’ ONU così in casa dei Terroristi Atlantici non va bene – deve tornara ad essere almeno più ad est a Vienna o Budapest

  • Vitruvio
    Inserito alle 18:58h, 14 Novembre Rispondi

    Di paesi in un organizzazione alternativa
    Ce ne sarebbero tanti,gli usa-sion sono sempre più isolati,la maggioranza delle Nazioni non è più con loro

  • Giovanni
    Inserito alle 19:37h, 14 Novembre Rispondi

    Beh, certo le idee non mancano.

  • EnriqueLosRoques
    Inserito alle 19:45h, 14 Novembre Rispondi

    E che aspettano a creare un’altra istituzione?? L’ONU non vale nulla. Comandano gli USA … Non ha alcun senso restare dentro un’istituzione del genere. Anzi non ha proprio senso che esista. Abbattere tutte queste istituzioni globaliste sotto l’egida degli usa e dell’occidente.

  • andrearossidevrgnano
    Inserito alle 19:46h, 14 Novembre Rispondi

    rif.ARTEMISIA M. pianetax.wordpress.com “”La Grande Repubblica”” -> “”referendum istituzionale del 2 giugno 1946 [REFERENDUM SULLA FORMA ISTITUZ. DELLO STATO Referendum über die Staatsform].Si disse che il referendum fu truccato. Gli americani occupavano interamente l’Italia”” // Russia, Cina, Corea del Nord, Bielorussia, Venezuela, Cuba, Nicaragua, Salvador, Iran, Siria e Mali… facciamo formino pure organizzazione alt. all’ONU così’ aumentando anche il distacco polit. dall’Italia, e nn credo che mi dispiacerebbe troppo. in Polonia la russofobia sarebbe tale che addirittura (molte?) persone farebbero finta d nn conoscere lìngua russa (e infatti nelle statistiche delle lingue parlate in Polonia… la% d parlanti del russo sarebbe sottostimata). puo’ essere che quello che lessi fü falso (e magari i tempi e i popoli sn molto cambiati), ma cio’ che lessi fu che, durante guerra mondiale, in rif. a inglesi russi tedeschi : i tedeschi furono coloro che trattarono meglio i prigionieri, e i rüssi furono coloro che trattarono peggio i prigionieri. i nomi dei villaggi della provBG avrebbero derivaz. latina(tanti) e o cèltica e o germanica e o ligure(pochi), forse un villaggio avrebbe origine nome (anche) albanese, di slavo(=? che deriva da schiàvio) mi risulta niente. l’ünico vocabolo (magari ce ne sarànn tanti altri) che ho presente nella mente, di derivaz. probab. slava(slovena), nel dialetto bergamasco, è grebegn(+-=abisso). se penso al casino che hann fatto negli anni90 in Jugoslavia è allucinante, allora anche: tra München/Mìnga e Dresda in Germania, tra Veneto e 2Sicilie/Ausonia in Italia, tra FranciaNord e FranciaSud in F… c sarebbero differenze (magari diff.+GRANDI d come fu in Iugoslavia e) da grebegn abissali, ma nn si è arrivati a terribile guerra ciṿ. come fu in Iugoslavia! x cercare di creare distensione tra FrànciaNord e FranciaSud tirarono fuori la storièlla FranciaNord=PANE FranciaSud=VINO , ad es. . quindi, nn muoio dalla voglia che l’Italia câmbi alleato da USA a Russia (=?rUSsiA), anche se magari sarebbe meglio

    • artemisia m.
      Inserito alle 08:13h, 15 Novembre Rispondi

      perché, è scritto nel DNA dell’italia che se non è serva degli USA dev’essere serva della Russia? esiste ancora la neutralità pacifica con cui il nostro paese nacque e con lui la sua carta costituzionale? Tra l’altro alla Russia, a differenza degli USA non interessa sottomettere e rendere satellite nessuno. E Putin questo lo ha detto chiaro e tondo.

      Tralascio il resto, perché siamo immersi in una propaganda che è come fango e melma, da cui è impossibile scorgere qualche verità persino storica a meno di non essere superesperti.

  • Sarabanda 82
    Inserito alle 20:42h, 14 Novembre Rispondi

    Ma sono proprio comunisti quando qualcosa non va o non si controlla più ci si divide e si forma qualcosa di satellite la sinistra italiana insegna e dai primi del novecento che non fa che dividersi con risultati disastrosi. I Russi e i loro alleati si dovevano contrapporre agli Usa e Co. Con i fatti concreti non a parole.

  • Tacabanda1964
    Inserito alle 21:30h, 14 Novembre Rispondi

    Fin da quando ero un bambino che andava ancora in prima elementare già avevo capito che l” ONU era una organizzazione criminale controllata è gestita dagli USA che la usavano come copertura politica per poter INVADERE ED OCCUPARE NAZIONI LIBERE OPPURE PER MINACCIARLE !
    Era il 1970-71 quando andavo in prima elementare e mi chiedevo il perché l” URSS e la CINA COMUNISTA non creassero un nuovo ONU libero e parallelo fuori dal controllo mafioso USA !
    Dal 1980 l” ONU FILO-USA giustifica ed avvalla tutti gli atti Terroristici-Guerre -Invasioni-Genocidi-Crimini di guerra -assassini politici -colpi di Stato-violazioni terroristiche o militari internazionali compiute da parte di : USA-UK-UE-ISRAELE .
    Poiché anno dopo anno l” ONU è sempre meno indipendente anche di facciata sarebbe un bene ELIMINARE L” ONU oppure creare un secondo ONU INDIPENDENTE !

  • Vito Ernesto Baggi
    Inserito alle 21:35h, 14 Novembre Rispondi

    Caro Sarabanda, quanto hai scritto lo troverai sin dagli antipodi della storia umana. Magari comincia dai Sumeri in avanti e vedrai che è sempre stato così. E i comunisti erano bel lungi da venire…

  • giuliano
    Inserito alle 21:36h, 14 Novembre Rispondi

    ONU cosa significa ?
    Organizzazione =Naturalmente .= USA !

Inserisci un Commento