Di fronte al coronavirus, gli spagnoli hanno scelto “il buonismo “e hanno deciso di lasciarsi uccidere


di Carlos Arturo Calderón Muñoz.-

Nel 2018, l’OMS aveva pubblicato un rapporto sull’efficienza dei sistemi sanitari in 190 paesi. Tra gli indicatori utilizzati per creare la tabella, c’era la facilità di accesso alla salute; La Spagna ha ottenuto la settima posizione, con un eccellente punteggio di 0,972 su 1.

Nel 2019 le cose sono migliorate. L’indice di competitività globale, creato dal World Economic Forum, ha determinato che quattro paesi avevano ottenuto un punteggio perfetto nella salute. Erano Singapore, Hong Kong, Giappone e Spagna. Da parte sua, l’indice del paese più salutare di Bloomberg ha valutato la Spagna come il paese più sano del mondo. Grazie alla sua dieta mediterranea, eccellente sistema sanitario e alta aspettativa di vita. Spero che entro il 2040 sarà il più alto del mondo, secondo uno studio dell’Università di Washington.

Senza dubbio, la Spagna ha un eccellente sistema sanitario che ha tutti gli strumenti per affrontare i problemi medici del mondo moderno.

I rapporti del New England Journal of Medicine indicano che nella prima metà di dicembre le autorità cinesi erano a conoscenza di un nuovo virus. Tuttavia, è stato solo fino al 31 di quel mese che il governo asiatico ha riferito i casi simil-influenzali all’Organizzazione mondiale della sanità a Wuhan. A causa di questa pratica di comunicazione non molto trasparente, il 5 gennaio l’OMS ha rilasciato una dichiarazione in cui affermava che non era necessario applicare restrizioni ai voli dalla Cina, poiché non c’erano abbastanza informazioni per ordinare un blocco.

Il 7 gennaio, la Cina ha rivelato che il ritrovamento apparteneva alla famiglia dei coronavirus, lo stesso di SARS e MERS. Il 9 gennaio, il CDC ha rivelato il genoma del virus e lo ha lasciato diffondere nel mondo. Era troppo tardi, il carnevale funebre era già iniziato. L’11 gennaio, la prima vittima è caduta in Cina; il 13, il virus è stato confermato in Tailandia e il 15 in Giappone. Mentre continuava la sua avanzata attraverso l’Asia, il 21 gennaio il virus ha raggiunto luoghi lontani come gli Stati Uniti d’America e l’Australia.

In quei giorni la Cina è entrata in modalità Mao, chiudendo 60 milioni di persone. A sua volta, il 24 gennaio il virus ha raggiunto la Francia. A partire da quel giorno, la Cina aveva 850 casi confermati e 95 pazienti in condizioni critiche. Il 28 gennaio, in Germania, il primo caso fu trasmesso tra europei; il giorno successivo la Cina ha confermato 132 morti. Alla fine del mese, la Russia ha chiuso il suo confine, Spagna, Italia e Inghilterra hanno avuto i loro primi casi e il bilancio delle vittime ha raggiunto il 213.

Con quello armato in Asia, i governi di diversi paesi con i migliori sistemi sanitari del mondo e dipendenti dalla donazione di denaro agli invasori, come Francia, Germania, Italia e Spagna, hanno preso il comando della lotta contro la futura pandemia. Disposti a dimostrare a quei comunisti disgustati che non ci vuole il totalitarismo per contenere una semplice influenza, Si, come no.

In generale, queste gloriose nazioni hanno lasciato aperti i loro confini, perché siamo tutti uguali e ciò che deve essere fatto è celebrare la diversità dei genomi inter-specie per integrarli in una singola società multi-regno della vita. Il risultato è che, entro il 18 marzo di quest’anno, l’Italia ha avuto più di 35.713 infetti e 2.978 morti; Spagna 14.746 infetti e 638 morti; Germania 12.327 infetti e 28 morti e Francia 9.134 infetti e 264 morti.

Nella provincia di Hubei, il punto zero dell’infezione, il tasso di mortalità ha raggiunto il 3,4%. Con sistemi sanitari straordinariamente superiori, territori fino a 20 volte più piccoli, una popolazione combinata che rappresenta un quinto di quella cinese e con un mese di preavviso, i tassi di mortalità di questi paesi sono: Italia 8,3%, Spagna 4,3 %, Germania 0,22% · e Francia 2,89%. L’attuale tasso di mortalità in Italia e Spagna è scandaloso; Sebbene i numeri per Germania e Francia siano migliori, questi paesi sono anche quelli che sono riusciti a recuperare il minor numero di test del virus. Mentre in Italia hanno recuperato test di 4.025 persone e in Spagna 1.081, in Germania appena 105 hanno recuperato e in Francia 602. È molto probabile che il blocco gallo-germanico causerà molte più morti nei prossimi giorni.

Questo significa che dobbiamo abbandonare le nostre libertà individuali e arrenderci ai governi draconiani? NO!

Queste potenze europee hanno sistemi sanitari invidiabili che possono, senza grossi problemi, soddisfare le esigenze delle loro popolazioni. I dati presentati all’inizio di questo articolo, nel caso particolare della Spagna, mostrano che le capacità sanitarie degli iberici superano anche il mitico Giappone. Il potenziale tecnico della Spagna non è stato il problema. Il crimine non è stato quello di utilizzare gli strumenti ispanici per la funzione creata.

Per tutto il mese di febbraio, i governi spagnoli 18 + 2 hanno deciso di ignorare la crisi. Al giorno 9, il virus aveva già infettato più di 37.000 persone e ucciso 813, rendendolo una malattia più mortale della SARS. Forse il fatto che 811 dei morti fossero cinesi ha indotto il premier, Pedro Sánchez, e i suoi quattro vicepresidenti a pensare che questa merda, come un agente arancione, ha ucciso solo i gialli. Ma il giorno seguente è arrivata una campana di Londra: il Regno Unito dichiarava il virus una minaccia imminente per la salute del Brexiteros.

Già innamorato della nostra nuova creatura, l’11 febbraio l’OMS lo ha chiamato Covid-19. La piccola creatura rispose all’affetto, portando i morti a 1.018 e gli infetti a 42.638. Nonostante il coordinatore di Health Alerts Emergencies, Fernando Simón, abbia dichiarato che: “Alla Spagna non verrà diagnosticato più di un caso” e che Quim Torra ha ritenuto intoccabile (come se le leggi naturali fossero le stesse dello stato spagnolo ), il 12 febbraio, in un atto sensato, gli organizzatori del Mobile World Congress, il più grande evento del suo genere sul pianeta, hanno deciso di annullare l’edizione di quest’anno, che si sarebbe tenuta a Barcellona.

Il 22 febbraio, con 2.360 morti e 77.659 infetti, l’Italia ha riportato la sua prima perdita. Nel frattempo, gli agenti di Sánchez hanno affermato che non vi era alcun rischio di contagio in Spagna. Febbraio termina con 85.000 infetti e 2.900 morti; di questi vi furono 1.000 infetti e 29 morirono in Italia; in Francia c’erano 100 infetti e uno morto. Tuttavia, Sánchez era impegnato a dare a Torra il capo del governo statale e colpire gli agricoltori.

Con il nuovo mese e la prossima festa della donna, con le rispettive marce femministe, le organizzazioni sanitarie europee e alcuni esperti nazionali hanno raccomandato che fosse meglio non fare congregazioni di massa. Il governo spagnolo non ha prestato attenzione, il fatto che entro il 7 marzo ci fossero 10 morti e 430 infetti, non era un motivo per prendere sul serio la salute. Era più importante combattere i cambiamenti climatici e promuovere le marce 8M.

Venne così l’8 marzo, con 3.600 morti, di cui 366 in Italia, 120.000 persone furono autorizzate a marciare nella capitale; tra cui il ministro dell’uguaglianza, un vicepresidente, la moglie di Pedrito, ecc. In nome di “non uno in meno” hanno messo a rischio di morte milioni di donne spagnole (e uomini spagnoli, ma se muoiono, nessuno esce).

Nell’ultima crisi dell’Ebola, quando un cane ha dovuto essere sacrificato a causa del rischio di contagio e nessuno spagnolo è morto, la sinistra, con gli animalisti come punta di diamante, ha portato Madrid a chiedere le dimissioni del ministro della sanità. Che cosa ha fatto il diritto all’irresponsabilità di consentire alla 8M di marciare? Bene … l’8 marzo, Vox ha indetto un evento presso il palazzo Vistalegre, con oltre 9.000 partecipanti, per controbilanciare le femministe. L’intero staff dei verdi era presente dando abbracci, baci e fanfara; sicuramente gridare “Lunga vita alla Spagna!” ti rende immune ai virus cinesi. La PP? Bene grazie e quelli di Ciudadanos stanno cambiando i loro principi nel caso in cui non ci piaccia quello che hanno adesso.

Il risultato fu come previsto, dopo aver gradito coloro che lo mantenevano al potere, Pedro Sánchez ricordò che era presidente e dal 9 marzo iniziò a prendere misure per salvaguardare la patria. Un po ‘in ritardo, perché, come ho detto prima, ci sono più di 14.000 infetti e più di 600 morti. Sicuramente quando leggerai queste righe le cifre saranno già ben al di sopra. Ovviamente, tra gli infetti ci sono gli intoccabili di tutto lo spettro politico: Irene, Carmen, Santi, Torra, Ortega …

Le misure draconiane sono ora in fase di attuazione per contenere il virus. A causa del successo cinese, che, nonostante la morte di 3.100 morti, è riuscito a contenere l’avanzata di Covid-19 e sta riattivando tutte le sue città, gli spagnoli hanno accettato le restrizioni alla loro libertà come desiderabili.

Perché non c’è altro modo per contenere la punizione divina / arma biologica. Sebbene queste misure siano necessarie in caso di grave necessità, gli eventi recenti dimostrano che questo dispiegamento di forze non è mai stato richiesto. La malattia è stata vista venire, il suo potenziale e il modo in cui dovrebbe essere contenuto erano noti. E cosa non indovini? C’era un modo migliore per fermarlo.
El Salvador è uno dei nostri paesi fratelli; un piccolo territorio di 21.000 km quadrati.

Nella classifica mondiale del PIL è al 102 ° posto, in HDI è 124, in efficienza del suo sistema sanitario è 115 e ha un tasso di omicidi di 35,8 per 100.000 abitanti. Nonostante sia un paese di poco più di 6,3 milioni di persone, l’Aeroporto Internazionale di El Salvador ha mobilitato 3,4 milioni di passeggeri l’anno scorso. Questo perché è il principale centro operativo dell’America Centrale, fondamentalmente perché serve da scalo tra Nord e Sud America. Nonostante tutto quanto sopra, a partire dal 18 marzo di quest’anno, El Salvador non ha un singolo caso di Covid-19.

Come hai fatto? Con la bontà europea? Con il totalitarismo asiatico? No, con buon senso. Il presidente Nayib Bukele ha adottato una forte politica di divieti e restrizioni. Con il progredire della crisi, l’ingresso di passeggeri provenienti da Cina, Francia, Germania, Italia, Corea del Sud, Iran, Spagna e qualsiasi paese che è al centro del rischio è stato vietato. Tutti i salvadoregni che ritornano nel paese sono messi in quarantena, compresi i membri dell’alto governo. Michelle Sol, il ministro degli alloggi, è stato collocato in un centro di contenimento dopo aver partecipato a una riunione dell’OAS in Messico. Inoltre, le strutture aeroportuali vengono disinfettate quotidianamente.

Il sistema, semplice ma efficace, è già stato emulato dal Guatemala, che con 6 infetti e vedendo il successo del modello salvadoregno, è stato isolato dal resto del mondo, via area, dal 17 marzo. Il blocco non è perfetto, qualcuno potrebbe essere infettato, ma è più facile curare una persona malata di centinaia di migliaia. E quella bassa trasmissione è assicurata dalle politiche di Bukele.

Nell’Europa civile, la chiusura dei confini era inconcepibile fino a pochi giorni fa, ma funziona. Una nazione messa alle strette dalle bande riesce a farlo funzionare – non dovrebbe essere un problema per le potenze occidentali. Se devono espellere le persone, le espellono. In Colombia stiamo buttando fuori francesi, gringos, spagnoli e molti altri, che non rispettano gli standard sanitari.

Psicosi virus in Spagna

Differisco con gli altri collaboratori di questo mezzo. Il Covid-19 non è una punizione divina, non è colpa di Dio che, avendo il miglior sistema sanitario al mondo, gli spagnoli abbiano deciso di non proteggersi. Né è una benedizione, Dio non ricompenserà tale pigrizia. In una situazione noiosamente normale, di fronte a un virus derivato da ceppi che conosciamo da più di 70 anni, gli europei in generale e gli spagnoli in particolare, hanno scelto di lasciarsi uccidere. Se leggi la Bibbia, ti accorgerai che Dio fa tutto alla grande. Punisci distruggendo gli imperi o ricompensa dando la vita eterna. La diffusione di questa pandemia in tutta Europa è stata un semplice processo di interazione tra specie, qualcosa che accade ogni giorno da quando è esistita la vita. Non attribuiamo gli interventi divini alla pigrizia umana.

Ciò che è accaduto in Spagna è irresponsabilità burocratica pura e fisica. Miliardi di migliaia di politici e funzionari pubblici non sono stati in grado di agire contro un cugino dell’influenza. La sinistra, preoccupata di dividere la torta del governo, si abbandonava alle follie di femministe, separatiste e simili. L’ala destra è stata in gran parte silenziosa e quando ha deciso di dimostrare, era di diffondere il virus alla bestia.

In ogni caso, è ancora un virus molto debole, la Spagna ha enormi problemi da affrontare e il Covid-19 non avrebbe mai dovuto essere più di una procedura amministrativa. L’inefficienza del governo, di fronte a un problema così piccolo, dovrebbe indurli a ripensare il modello politico che li governa. Non semplicemente criticare il PSOE, perché in molti settori il PP è stato altrettanto inutile. Per il bene della Spagna, è necessario creare un nuovo stato.

  • Dalla Colombia
  • Fonte: Alerta Digital www.alertadigital.com/2020/03/20/ante-el-coronavirus-los-espanoles-escogieron-el-buenismo-y-decidieron-dejarse-matar/
  • Traduzione: Lisandro Alvarado

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus