Der Spiegel: L’Occidente ha rifiutato la Russia e ora ne dovrà pagare le conseguenze


Franziska Augstein, editorialista della rivista tedesca Der Spiegel, ha accusato l’Occidente di alienarsi la Russia e di permetterle di avvicinarsi alla Cina.

L’analista ha svergognato i leader dei paesi europei per aver criticato la situazione dei diritti umani in Russia. Ha citato come esempio l’Arabia Saudita, l’amicizia che l’Occidente ha fortemente apprezzato nonostante la tortura, l’omicidio e altre violazioni. Una amicizia consolidatasi in nome del business a scapito dei diritti umani e dei crimini commessi da quel regime. Non ha senso continuare con la stanca retorica in cui insiste Biden con i “diritti umani” che gli USA sono i primi a non aver rispettato.

“Per quanto riguarda la Russia, dato il livello di propaganda dell’Occidente, non è difficile immaginare che la Guerra Fredda continui nella mente delle persone”, ha scritto.

La Augstein ha definito il presidente Vladimir Putin un uomo di tradizioni occidentali e ha notato il suo contributo alla restaurazione della Russia. La giornalista ha anche ricordato il discorso del capo di Stato russo al Bundestag nel 2001.
“Allora lui aveva proposto di creare una zona di libero scambio da Vladivostok a Lisbona. E anche di ammettere la Russia nella NATO. I membri del parlamento avevano applaudito, saltando in piedi dai loro posti”, ha scritto.

L’analista ha notato che da allora nulla è cambiato in meglio, questo perché l’Occidente stava ancora affilando i denti sulla Russia.

La Augstein ha sottolineato che, durante il suo discorso a Monaco nel 2007, il presidente russo aveva fatto un altro tentativo di ragionare con l’Occidente. Putin ha avvertito che la continuazione della politica anti-russa, così come gli interventi non approvati dal Consiglio di sicurezza dell’ONU, come nel 1999 in Kosovo, avrebbero causato enormi danni al mondo. Putin si era offerto di collaborare con l’Occidente, ma non ha ricevuto risposta, dice l’articolo.

Secondo la giornalista, nel 2011 il Cremlino si è sentito ingannato quando ha acconsentito alla creazione di una no-fly zone in Libia, cosa che in seguito ha portato al rovesciamento di Muammar Gheddafi e alla perdita della statualità di quel paese.

“La Russia non dimentica le guerre insensate che sono state combattute in nome della democrazia in Afghanistan e in Iraq. La presenza a lungo termine della NATO in Afghanistan ha portato scarsi risultati. L’Iraq è diventato incontrollabile dopo il rovesciamento del dittatore Saddam Hussein”, ha continuato l’autore.

Allo stesso tempo, l’Occidente continua a condannare la Russia per aver combattuto i terroristi in Cecenia, ha aggiunto l’osservatore.
Augstein ha citato un esperto dell’Europa orientale, Wilfried Jilge, che ha accusato la Russia di “avvicinarsi pericolosamente ai confini della NATO con le sue truppe e le sue esercitazioni militari”.
“Queste cose possono essere prese solo come uno scherzo. Dopotutto, la situazione è esattamente l’opposto: la NATO, accettando nuovi membri, si avvicina sempre di più ai confini della Russia”, ha ricordato l’autore dell’articolo.
Secondo lei, Mosca non attaccherà gli Stati baltici o la Polonia, ma l’Occidente si rifiuta di crederci.
“Negli ultimi anni e fino ai giorni nostri, la Russia è stata costantemente impegnata con iniziative, proposte all’Occidente. Non c’è stata alcuna reazione e quindi Putin ha iniziato a stabilire contatti in un’altra regione, con la Cina”, ha scritto il giornalista.

Premier cinese con premier russo

Ha notato che l’Occidente percepisce Pechino come una minaccia molto grande e ha previsto conseguenze negative per Mosca. Augstein ha aggiunto che la NATO comprende che la Russia non minaccia l’organizzazione, ma continua comunque ad armarsi.
“Da un lato, alla Russia viene detto che è solo una potenza “regionale”, come ha fatto a suo tempo l’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama. D’altra parte, viene denominta come “aggressiva”.
L’Occidente, con la sua visione miope, ha creato un grosso problema con la Russia ed adesso dovrà pagarne le conseguenze.

Fonti: Der Spiegel – New Front

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

12 Commenti
  • Mauro
    Inserito alle 19:23h, 23 Giugno Rispondi

    pienamente d’accordo con l’articolo. A volte ho la sensazione che nella “testa” dei leader Europei ci sia tutto, tranne il cervello

  • ARMIN
    Inserito alle 20:03h, 23 Giugno Rispondi

    Le “élite” disumane e i loro lacché geniali, mi pare che sono molto FRUSTRATI, insistono da dilettanti con le loro tattiche e strategie, già sperimentate e di grande INSUCCESSO e FALLIMENTO. HA HA HA HA HA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Vietnam, Saigon …………………………………… dal 1975 i padroni del vapore, sempre più disperati, sono istupiditi dalla
    SCONFITTA COLOSSALE GIGANTESCA subita in Indocina.
    Le perdite dichiarate sono ridicole, le perdite reali di mezzi e militari sono ASTRONOMICHE.!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Patrioti Americani sostengono che è andato tutto in malora. Il colpo è stato mortale. Nulla è come prima.
    Grazie, Vietnam!

    I padroni del vapore non sono più gli stessi dal 1975 ……………………………………………………
    e appunto mi pare che la freschezza e l’entusiasmo antichi ostentati dalla categoria siano andati persi…………………………………………….
    Fare Fiasco non è molto corroborante!
    Auguri.

  • atlas
    Inserito alle 21:19h, 23 Giugno Rispondi

    OTTIMA la situazione sui doveri degli omofili in Russia. E anche in Ungheria. Questa è la strada legislativa da seguire per le Nazioni d’Europa. Tutto inutile per quei regimi democratici che vogliono terrorizzare le genti sane e religiose con regole che prevedono la galera per chi vede solo un tipo di Famiglia, fondata su una mamma donna e un papà Uomo. Fa venire la pelle d’oca e rabbrividire che ancora oggi, nel 2021, vi sia anche su questo sito chi inneggia con violenza a rinchiudere chi semplicemente segue le Leggi naturali di Dio Onnipotente

    • ARMIN
      Inserito alle 22:40h, 23 Giugno Rispondi

      Atlas, benissimo; tu confermi che l’Oriente è sano, mentre i padroni del vapore sono insani di mente.
      Essendo un piccolo gruppo, anche con i lacché, ciò non li rassicura, e l’incertezza e l’insicurezza aumentano.
      Tutto quello che scaturisce da codesti disumani è negativo e nocivo. E si illudono di corrompere e pervertire, ma invano
      neanche nel ridotto occidente ……………………………. neanche negli Stati Uniti la maggioranza è ipnotizzata dalle loro pazzie.
      Sono BLASFEMI. Sono condannati a morte.
      Auguri.

      • atlas
        Inserito alle 22:54h, 23 Giugno Rispondi

        vero Armin, caro amico. Stringiamoci forte siam pronti alla morte. Ho cambiato idea non sono più per il dialogo, pena di morte e basta. Per impalamento

        • atlas
          Inserito alle 02:43h, 24 Giugno Rispondi

          e ricordiamoci sempre di chi non è più quì a commentare, io non tradisco e non dimentico mai gli amici. Anche se ha sbagliato, spesso, non me la sento di condannarlo. Anzi, vista questa degenerazione nei commenti aveva ragione, per me è stato un’eroe, che si è sacrificato per tutti noi, quelli che gli erano vicino, e che sanno di chi scrivo. E oggi non si può scrivere neanche il suo nome in un commento perchè è censurato a vita. Ma Onore a un cristiano vero, tradizionalista. Amici, proporrei di ricordarlo spesso nei nostri commenti, così, nel caso ci legga, saprà che noi gli vogliamo bene e non ci dimenticheremo mai di lui e delle battaglie che ha combattuto con noi su questo sito ora invaso da troie da tastiera. Ciao Carminiello (Venerdì sarò a Napoli, se vuole Dio, presso il Graziani Bistrot, già dalle 11, piazza Dante, per la presentazione alla stampa del Comitato di Liberazione Nazionale delle Due Sicilie, se vorrai e leggerai in tempo, ci incontreremo)

          • claris
            Inserito alle 14:09h, 24 Giugno

            non preoccuparti se non fai l omofobo nessuno ti banna^^”

          • atlas
            Inserito alle 16:30h, 24 Giugno

            pensa per te, credo ti si metta male in un prossimo vicino futuro, non ci okkupiamo di leggi Zan quì, le consideriamo imposizioni democratiche alla quale siamo estranei. E tu continui a divergere per cui credo che la redazione forse non ti darà più possibilità di commentare. Te la sei voluta

          • claris
            Inserito alle 22:35h, 24 Giugno

            ti ricordo che siamo in uno stato democratico che segue legge democratiche per nostra fortuna
            Quindi estranei a cosa?
            Ok guarda fa nulla,continua pure a dirti da solo che hai sbagliato spesso ma il problema e’ che continui a sbagliare^^”.

          • atlas
            Inserito alle 01:08h, 25 Giugno

            non devo ricordare nulla a chi non capisce nemmeno dove si trova: questo sito è ‘contro’, lo vuoi capire o non lo vuoi capire. Come hanno cancellato il mio Amico cristiano dovranno cancellare te ateo dichiarato. Già il bresci ano non c’è più. Sapete solo insultare con ‘troglodita’ e ‘animale’. Imparerete a rispettare le persone, ma fuori da quì. Noi non siamo una scuola. E nemmeno un asilo …

  • Paolo
    Inserito alle 01:01h, 24 Giugno Rispondi

    Incredibile. Sono già scattati sull’attenti. Dopo il vertice Putin-Biden si era capito che la politica Usa bei confronti della Russia è cambiata (vedremo quanto), ed immediatamente uno dei giornali più propagandistici ed anti russi degli ultimi dieci anni, fino al parossismo, ha tirato fuori un articolo che fino ad una settimana fa sarebbe stato addirittura impensabile. L’articolo non contiene che una serie di ovvietà, ma dire queste verità palesi ed elementari nella stampa propagandistica occidentale negli ultimi anni è stata cosa assolutamente proibita. Ho letto articoli sulla stampa tedesca che si arrampicavano letteralmente sugli specchi per negare l’evidenza delle ragioni russe, ed ora improvvisamente a questi giornalisti bandieruole pare sia stata concessa la possibilità di un uso minimale della ragione, per poter scrivere cose che anche un bambino delle elementari avrebbe capito e magari scritto enza difficoltà. Per esempio, che non è la Russia che si sta avvicinando alla Nato ma è ovviamente l’inverso.

    • Arditi, a difesa del confine
      Inserito alle 09:56h, 24 Giugno Rispondi

      direi che è corretto, la Russia si sta avvicinando alla nato
      o meglio, le sue truppe e mezzi d’assalto 😀

Inserisci un Commento