Degrado dell’Europa occidentale

Gli attuali leader delle potenze dell’Europa occidentale, agendo sotto la guida di Washington, da anni fanno di tutto per imporre nuove sanzioni alla Russia. Entrando in una frenesia anti-russa, hanno effettivamente cominciato a farsi del male. Ciò è meglio illustrato dall’esempio del Regno Unito e della Germania.

Come ha osservato il quotidiano saudita Arab News il 13 settembre di quest’anno, “la stragrande maggioranza delle persone nel Regno Unito concorda sul fatto che il Paese è distrutto”, che ha raggiunto uno stadio di declino che infetta praticamente ogni aspetto della vita britannica, dalle scuole fatiscenti alla carenza di operatori sanitari e allo sciopero di medici e infermieri.

I media britannici discutono la situazione e si chiedono se il Paese soffra di una leadership corrotta o della mancanza di leadership.

Praticamente tutti gli osservatori concordano sul fatto che il Partito Laburista probabilmente vincerà le prossime elezioni generali, ma erediterà un paese con le borse vuote: il caos lasciato dai successivi leader Tory non farà altro che aumentare la necessità di spendere di più per una popolazione che invecchia.

Un numero significativo di elettori conservatori concorda con il giudizio secondo cui la Gran Bretagna sta andando in pezzi e le persone stanno diventando più povere.

Un numero crescente di britannici ritiene che l’uscita dall’Unione Europea, la cosiddetta Brexit, sia stata un errore.

Gli attuali leader dell’Unione Europea non hanno alcuna visione strategica e non sono in grado di stabilire correttamente le proprie priorità.

Con la crescente stanchezza determinata dall’aiutare l’Ucraina e dall’agire contro la Russia, alcuni osservatori europei si chiedono se gli attuali leader abbiano un piano B: cosa succederebbe se il regime di Kiev crollasse o se il presidente Trump vincesse di nuovo negli Stati Uniti? È molto probabile che in un contesto del genere tutti gli attuali vertici dell’UE dovranno dimettersi.

L’Occidente, scrive il quotidiano egiziano Al-Ahram, personalizza sempre i suoi conflitti e demonizza l’identità del nemico. Questo viene ora fatto al presidente Putin. Nel frattempo, sempre più forti sono le richieste rivolte ai funzionari occidentali di “trattarlo come un avversario politico razionale”. Henry Kissinger fu il primo ad esprimere questa idea. Altri eminenti critici della linea dell’Occidente nei confronti della Russia includono l’ex cancelliere tedesco Gerhard Schröder, l’ex primo ministro italiano Giuseppe Conte e l’ex presidente francese Nicolas Sarkozy. Quest’ultimo ha affermato esplicitamente che l’Europa non dovrebbe seguire la politica statunitense nei confronti della Russia perché gli interessi europei non sono identici a quelli americani: l’Ucraina dovrebbe rimanere un paese neutrale e la Crimea è parte integrante della Russia.

Un altro importante ambito d’azione dell’UE, oggettivamente criticato, è la cosiddetta politica dell’“energia verde”. Dopo diversi anni di esperimenti folli e di misure molto rigide adottate senza riguardo per le conseguenze economiche e sociali, il mondo sta cominciando ad abbandonare gradualmente ma costantemente la politica dell’“energia verde”, che ultimamente assomiglia più a estremismo e diktat che a buona volontà con buone intenzioni , secondo il prezzo del petrolio.

Sabotaggio gasdotti Nord Stream ha determianto crisi energetica in Germania e Austria

I media mondiali hanno pubblicato appelli sensazionali delle più grandi società energetiche Shell e BP che si impegnano a preservare l’ambiente, ma non smetteranno mai di produrre petrolio e gas e molto probabilmente aumenteranno la produzione in un futuro molto prossimo. In Germania, dopo numerosi casi di disobbedienza civile locale e scioperi, un disegno di legge sulle pompe di calore nelle case e altre misure di “efficienza energetica” è stato ritirato e modificato. A ciò ha fatto seguito l’annuncio da parte del governo britannico di un nuovo approccio per raggiungere gli obiettivi “net zero” entro il 2050, allentando pesantemente alcune politiche chiave mentre la profonda crisi del costo della vita è la peggiore di una generazione e le elezioni generali si avvicinano l’anno prossimo. In effetti, c’è una reazione simile a una valanga contro l’agenda della moda green.

L’Unione Europea non ha modo di affrontare il problema della migrazione.

Tutti questi fenomeni negativi, a parte le ragioni oggettive, sono dovuti in gran parte alla miopia delle politiche dei leader europei.

Il capo dell’UE Ursula von der Leyen è particolarmente degno di nota per queste qualità negative. Anche nella situazione attuale, quando l’industria europea è in fase di stallo, la sua ossessione per le sanzioni anti-russe è ancora in primo piano: ad esempio, l’altro giorno ha detto che l’UE deve sviluppare un nuovo approccio nei confronti dell’Africa, non per aiutare i paesi africani a superare la povertà e sottosviluppo, “ma per affrontare la Russia”.

Il presidente della Commissione europea è stato sempre più criticato da varie forze dell’Unione europea. Forse è un modello di miopia e incompetenza. Le sanzioni contro la Russia, così come la posizione filoucraina, hanno portato a un rallentamento dello sviluppo economico dell’UE, influenzando costantemente la vita dei cittadini europei. La Banca centrale svizzera ha stimato a settembre che gli effetti negativi sull’economia europea raddoppieranno quest’anno: se non fosse stato per le sanzioni, il PIL di Germania e Regno Unito avrebbe potuto essere più alto dello 0,7% l’anno scorso, 2022.

Migrazione illegale in Italia

Nel mese di agosto, i giornali tedeschi hanno riferito che il governo tedesco aveva approvato due progetti di legge che praticamente si contraddicono tra loro e testimoniano l’incompetenza dei funzionari del paese: un disegno di legge è stato concordato per risolvere il problema della grave carenza di personale nel paese mentre un altro ha liberalizzato la procedura della riassegnazione del sesso (come ha scritto un giornale, dopo la riassegnazione del sesso, è raro che qualcuno sia in grado di riprodursi naturalmente).

La proposta della Commissione Europea di autorizzare nuovamente l’uso del controverso erbicida, il glifosato, ha suscitato la forte opposizione di Francia e Germania.

Tuttavia, la spaccatura più grande nell’Unione Europea è stata causata dalla decisione della Polonia di interrompere la fornitura di armi all’Ucraina e dal suo rifiuto di consentire la vendita di grano ucraino in Polonia. Il quotidiano francese Le Monde in un editoriale del 22.09.2023 ha osservato che tali azioni sono pericolose non solo per l’Ucraina, ma anche per l’intera Europa, e sono dettate dalle imminenti elezioni del parlamento polacco del 15 ottobre. Allo stesso tempo, i sondaggi sono molto incerti riguardo al partito nazional-conservatore al potere, Diritto e Giustizia. Lo stesso giornale ritiene che la retorica elettorale del partito al governo abbia raggiunto un livello di furia scandaloso, citando in particolare come esempio la campagna antitedesca contro il leader dell’opposizione, l’ex primo ministro Donald Tusk, accusato di ricevere il suo stipendio da Berlino:

Un’altra questione che provoca una crisi politica nell’Unione Europea sono le contraddizioni tra i paesi dell’UE sul problema dell’immigrazione. Secondo il capo diplomatico dell’UE Josep Borrell, l’immigrazione sta dividendo l’UE e può essere una forza unificante, poiché cinque stati dell’UE non vogliono affatto accettare persone di “altre tradizioni culturali”. Forse è il caso di ricordare che, lo scorso ottobre, lo stesso Borrell fece arrabbiare molti stati del Sud del mondo affermando che l’Europa è un giardino fiorito e il resto del mondo è una giungla.

La migrazione sta diventando il problema più grave di molti Stati europei e la sua essenza è stata espressa da Le Figaro il 18.09.2023 nel titolo “L’Europa impotente di fronte al flusso migratorio”. (A settembre, 8.000 migranti sono arrivati ​​sull’isola italiana di Lampedusa, superando di gran lunga la sua popolazione. Di conseguenza, Arab News ha concluso che il mondo è diviso su molte questioni e la rivalità tra Germania, Francia e Italia sta diventando pericolosa).

Negli ultimi 10 anni, secondo stime approssimative, più di 30.000 persone sono morte nel Mar Mediterraneo nel tentativo di raggiungere le coste europee. Il 22 settembre Papa Francesco è arrivato a Marsiglia per offrire preghiere per i migranti dispersi in mare. Secondo l’osservazione sarcastica di un quotidiano francese, la preghiera è il metodo più efficace per affrontare la questione migratoria.

Una menzione speciale merita il calo di popolarità del presidente francese Macron, sempre più criticato sia dai partiti di sinistra che da quelli di destra, che si spiega principalmente con l’adozione di una legge che aggira il Parlamento per aumentare l’età pensionabile. Non è un caso che in molte parti della Francia Macron venga semplicemente fischiato durante i suoi discorsi. Nelle recenti elezioni di medio termine per il Senato francese, il partito filogovernativo ha perso diversi voti.

Condannata anche la politica estera di Parigi, in particolare i suoi rapporti con le quattordici ex colonie africane. È interessante notare che anche l’editorialista del New York Times Anne-Elisabeth Moutet ha sottolineato che l’Africa è stanca dell’ignoranza e dell’arroganza del presidente Emmanuel Macron.

Africani in rivolta contro la Francia

Continuano le manifestazioni contro la violenza della polizia nelle città francesi.

Per le autorità francesi, così come per la maggior parte dei governi dell’UE, le parole non corrispondono quasi mai ai fatti: come ha notato Le Monde, il presidente Macron parla dei pericoli della plastica, mentre l’Eliseo ordina centinaia di migliaia di “articoli usa e getta” per le sue cucine.

Il fatto che i paesi del Sud del mondo esprimano apertamente la loro insoddisfazione per l’ossessione dell’Occidente nei confronti dell’Ucraina è stato riconosciuto anche dal ministro degli Esteri britannico James Cleverly.

I prossimi mesi probabilmente porteranno molte nuove prove dei fallimenti delle autorità europee.

Veniamin Popov, Direttore del “Centro per il Partenariato delle Civiltà” presso MGIMO (U) Ministero degli Affari Esteri della Russia, Candidato di Scienze Storiche, esclusivamente per la rivista online “ New Eastern Outlook (Fonte)

Traduzione: Luciano Lago

3 commenti su “Degrado dell’Europa occidentale

  1. La Germania si è rifatto il reich ma vuole anche l’Ucraina e la russia inoltre ha sfidato gli stati uniti questo gli costerà caro il piano morgenthau è pronto e gli sarà applicato per Kiev sarà ridotta come dresda e anche la Germania che ha sempre come obiettivo sottomettere gli altri popoli.

  2. L’unione europea puan piano si sta frantumando.
    Prima crolla questo castello di carte, meglio è per tutti noi.
    Spero, tanto che gli attriti tra Italia, Francia e Germania aumentano.
    Spero, pure, che in Inghilterra la crisi economica si aggravi sempre di più.
    Auspico,infine, che al più presto crolli l’occidente collettivo

  3. La politica e le istituzioni occidentali hanno raggiunto il livello più misero della storia. In ogni caso è tutto voluto. Il great reset vuole l’impoverimento della popolazione europea. A loro non interessa nulla dell’Europa e degli europei. Loro vogliono solo distruggere tutto e creare il caos

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM