Decine di persone uccise nel centro di Gaza mentre Israele martella i campi profughi stracolmi

Mentre infuriano le battaglie a Gaza, i funzionari di Hamas affermano che la proposta israeliana di cessate il fuoco presentata dalla Casa Bianca non richiede la cessazione delle ostilità

Almeno 75 palestinesi sono stati uccisi nelle ultime 24 ore nei campi profughi densamente popolati di Bureij e Maghazi, nel villaggio di Al-Masdar e nella città di Deir al-Balah, nel centro di Gaza.

Secondo resoconti locali, l’esercito israeliano ha condotto indiscriminati raid aerei e terrestri nella zona.

I sopravvissuti agli attacchi vengono trasferiti all’ospedale dei martiri di Al-Aqsa, l’unica struttura sanitaria funzionante nell’area, che secondo i funzionari non può far fronte al volume di vittime che affluiscono.

Fonti mediche a Deir al-Balah hanno confermato ad Al Jazeera che gli obitori sono completamente pieni e che l’ospedale sta lavorando tre volte la sua capacità.

Secondo l’ esercito israeliano , l’offensiva nel centro di Gaza è portata avanti dalla 98a divisione dell’esercito, che fino a poco tempo fa combatteva la resistenza palestinese nel campo profughi di Jabalia, nel nord di Gaza.

Tel Aviv sostiene che la loro operazione si basa su “intelligence su operatori e infrastrutture appartenenti a gruppi terroristici sopra e sotto terra nell’area”.

La Brigata dei Martiri di Al-Aqsa, il braccio armato del movimento Fatah, ha confermato mercoledì mattina di aver affrontato l’esercito invasore con raffiche di razzi e colpi di mortaio.

Gli scontri hanno continuato a infuriare anche vicino al corridoio Netzarim e nella città più meridionale di Rafah, dove più di un milione di sfollati palestinesi sono stati recentemente costretti a fuggire.

La campagna di genocidio di Israele ha ucciso più di 36.000 palestinesi in quella che gli esperti considerano da tempo la più grande prigione a cielo aperto del mondo. Altre migliaia restano sepolte sotto le macerie.

Gli ultimi massacri di civili palestinesi avvengono mentre i funzionari statunitensi continuano a perseguire l’ attuazione di una proposta israeliana di cessate il fuoco che è stata rinnegata da Tel Aviv ed è stata pesantemente criticata dai funzionari di Hamas.

“L’entità sionista non ha presentato una proposta, ma piuttosto ha presentato un’obiezione alla proposta dei mediatori… L’occupazione vuole solo una fase in cui fa prigionieri e poi riprende la guerra”, ha detto martedì il leader di Hamas Osama Hamdan.

“Senza una posizione chiara da parte di Israele per preparare la cessazione permanente della guerra e il ritiro da Gaza, non ci sarà alcun accordo”, ha aggiunto.

Fonte: The Cradle

Traduzione: Luciano Lago

2 commenti su “Decine di persone uccise nel centro di Gaza mentre Israele martella i campi profughi stracolmi

  1. Cosa ottengono gli israeliani niente, sono marchiati dalla storia come criminali il guaio che anche i bambini domani saranno trattati come criminali e razzisti questo è un crimine commesso dai dirigenti dello stato ebraico contro le loro future generazioni e contro i palestinesi alla fine tutte le guerre finiscono con la pace prima la fanno meglio è per tutti.

    1. Ciao Benedetto, hai perfettamente ragione. Nei prossimi anni, forse decenni diŕe: sono israeliano sara’ come era nel dopo guerra dire: sono nazista. Quello di cui si e’ macchiato il governo sionista di Netanyahu e’ un crimine indelebile che si riversera’ su tutto il popolo, e forse proprio questo e’ stato il piano iniziale del sionismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM