APPELLO RACCOLTA FONDI! MANTIENI IN VITA UNA VOCE LIBERA!

Decine di bambini massacrati e feriti nell’ attacco aereo della coalizione saudita contro un bus nel nord dello Yemen

Un autobus che trasportava bambini nel nord dello Yemen è stato attaccato giovedì dall’aviazione audita, uccidendo dozzine di bambini, molti sotto i 10 anni, la Croce Rossa ha confermato l’incidente. I leader tribali locali hanno riferito che il raid aereo è stato realizzato dalla coalizione guidata dai sauditi.
L’autobus era nel mercato Dahyan nel nord di Sa’ada, una roccaforte dei ribelli Houthi, quando è stato attaccato giovedì mattina. “A seguito di un precedente attacco … [un ospedale internazionale sostenuto dalla Croce Rossa] ha ricevuto dozzine di morti e feriti” , ha confermato la Croce Rossa, aggiungendo che “secondo il diritto internazionale umanitario, i civili devono essere protetti durante il conflitto”.

“Il numero degli uccisi è oltre 40, ancora di più feriti, la maggior parte sotto i 10 anni”, ha dichiarato Johannes Bruwer, capo del Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR) nello Yemen, aggiungendo che l’organizzazione sta “inviando ulteriori forniture agli ospedali per far fronte al afflusso.”

I leader tribali yemeniti hanno accusato la responsabilità della coalizione guidata dai sauditi per l’attacco aereo che ha colpito l’autobus, dicendo che l’attacco ha ucciso almeno 20 persone e ne ha ferito ben 35. L’autobus trasportava civili, compresi molti bambini in età scolare, ma non è chiaro quante delle vittime siano state i passeggeri degli autobus e quanti fossero i pedoni sulla strada circostante. D’altra parte i raid aerei della coalizione saudita hanno già fatto migliaia di vittime civili nel paese.

In precedenza, Abdul-Ghani Nayeb, a capo di un dipartimento della salute a Sa’ada, ha detto a Reuters che il numero delle vittime è salito a 43. Circa 61 sono stati feriti. Vedi video: Ruptly  (Immagini forti).
Al Masirah, una stazione televisiva gestita dai ribelli Houthi, ha dato un bilancio di diverse vittime di 39 morti e 51 feriti. La disparità tra i conteggi delle vittime è comune dopo gli attacchi su larga scala effettuati dall’aviazione saudita.

Bambino yemenita sfuggito ai bombardamenti

La rete Al Masirah ha anche accusato per questo attacco le forze della coalizione a guida saudita, che stanno combattendo i ribelli sciiti. Ha affermato che l’autobus è stato colpito durante un raid aereo. Non ci sono stati commenti immediati da parte della coalizione guidata dai sauditi che viene appoggiata dagli USA con sostegno logistico e di intelligence.

L’Arabia Saudita ei suoi alleati sunniti-musulmani hanno sostenuto il conflitto nello Yemen per più di tre anni contro i ribelli Houthi allineati all’Iran. I ribelli controllano una parte significativa dello Yemen settentrionale, inclusa la capitale del paese, Sana’a, anch’essa rimasta vittima di attacchi aerei di questi giorni. Gli attacchi dell’aviazione saudita sono stati abitualmente condotti contro le abitazioni civili, contro le scuole, contro i mercati e contro gli ospedali. Le vittime si contano ormai in decine di migliaia e la situazione umanitaria nel paese è disperata, indicata dall’ONU come “la maggiore catastofe umanitaria” dei nostri giorni.

Nessuno governo occidentale fino ad oggi ha mosso dei passsi concreti per fermare il massacro; al contrario molti governi occidentali, in testa gli USA, seguiti da Francia e Gran Bretagna, vendono enormi forniture di armi al principale paese aggressore, l’Arabia Saudita e non hanno quindi interesse e fermare il conflitto. La stessa cosa accade per i media occidentali che quasi mai accendono i loro riflettori su questo conflitto dimenticato.

Fonti:   RT News   Hispantv

Traduzione: Luciano Lago

*

code

  1. XD 2 mesi fa

    Schifosi!

    Rispondi Mi piace Non mi piace