Darmanin (ministro degli Interni francese) chiede lo scioglimento della “Génération Identitaire” per sciogliere meglio la Francia

di Karine Bechet-Golovko

Chiedendo lo scioglimento della “Génération Identitaire”, per avere questa organizzazione osato lottare contro l’immigrazione clandestina, il GovernoFrancese lancia un messaggio chiaro al popolo francese: è il suo scioglimento che si richiede, in nome del culto del multiculturalismo, che non è altro che una negazione della diversità, un rifiuto di se stessi. La Francia sta sicuramente prendendo una svolta pericolosa, dalla quale non potrà necessariamente salvare la propria cultura: scegliendo la “Black African Defense League” che legittima la francofobia e il contrasto con i valori europei. Si nega l’identità francese.

Il 13 febbraio Gérard Darmanin, ministro dell’Interno, ha preso una decisione importante: avviare la procedura per lo scioglimento dell’associazione “Génération identitaire.” È stufo, Darmanin, è davvero stufo ha dichiarato e i media pubblici hanno dato il tono :

” Le parole e soprattutto le azioni che non si tollerano più. Il ministro degli Interni, Gérard Darmanin , annunciato il Sabato 13 febbraio che aveva avviato una procedura per lo scioglimento della Generazione Identità, dopo diverse operazioni contro i migranti effettuate in Francia, che potrebbero aumentare , secondo il Codice di sicurezza interna (CSI), di ” incitamento alla discriminazione, all’odio o alla violenza contro una persona o un gruppo di persone a causa della loro origine”.

Questa “provocazione” è molto semplice: posizionarsi ai confini del Paese e con la sua presenza impedire l’ingresso di immigrati clandestini. Azioni, che si sono svolte più volte e nonostante le pressioni del governo per condannarli, i tribunali li hanno rilasciati per operazioni effettuate nel 2018 nei valichi delle Alpi. Insomma, non essendoci basi legali per condannarli in tribunale, tanto vale chiuderli … per ragioni ideologiche.

In questo mondo, non tocchiamo i “migranti” (che hanno sostituito il termine “immigrati”, termine troppo negativo), questi eroi dei tempi moderni, la cui gloria principale è fuggire, rifiutarsi di combattere per il loro paese, e ” utilizzare strutture di trasporto finanziate dalle ONG (i nuovi contrabbandieri) e far esplodere con la loro massa la stabilità socio-economica dei paesi di arrivo. Insomma, sono molto utili nel mondo globale. E Darmanin e il governo francese stanno difendendo anima e corpo (ce ne deve essere uno …) questo mondo globale – contro la Francia, contro l’Europa.

Offensiva contro i patrioti francesi


Pertanto, nella logica di questo governo neo-trotskista, interrogare gli immigrati illegali e consegnarli alle autorità statali, senza maltrattarli, è una pubblica provocazione all’odio razziale. Motivo per cui è stato necessario sequestrare le sezioni specializzate, cosa che obbediente ha fatto il procuratore di Saint-Godens:

” Ho contattato la divisione per il controllo dei crimini ispirati dall’odio dell’Ufficio centrale per la lotta contro i crimini contro l’umanità, genocidio e crimini di guerra (OCLCH) che lavorerà in co-referral con la brigata di ricerca della gendarmeria di Saint-Gaudens “, ha aggiunto Christophe Amunzateguy. Il rinvio a questo ufficio specializzato consentirà di condurre udienze su tutto il territorio nazionale e di effettuare “ approfondimenti ”, secondo il magistrato.

Perché questi giovani, fin troppo bianchi, sono assolutamente rari e le loro osservazioni inammissibili. Chiaramente a differenza di La “Ligue de Défense Noire Africaine”, che tratta la Francia come un Paese terrorista ed è indignata per un controllo d’identità del suo portavoce, durato poche decine di minuti … Ma chi, loro, non sono troppo neri. Perché in definitiva, questa distruttiva politica della porta aperta ci ha portato a questo paradigma sociale.
Senza tornare molto indietro sulla loro pagina Twitter, c’è anche un raffronto dell’esercito francese con Daesh o lo Stato islamico. Ma rigorosamente nessuna azione legale, nessuna reazione, niente. Inoltre, nemmeno Twitter, così veloce nel chiudere gli account, non tocca questi apologeti del terrorismo …

Queste parole non possono essere contestate, perché le persone che le hanno pronunciate sono nere? È davvero una lotta che viene intrapresa, una lotta per o contro la nostra civiltà. Questi movimenti vogliono distruggere la storia dei paesi occidentali e assumere il multiculturalismo come dogma.

Migranti in Libia in attesa

E questo arriva al punto di essere ridicolo, quando un’attrice nera deve interpretare la Queen Anne Boleyne in una serie britannica .

Ma ovviamente il pericolo arriva dalla Génération Identitaire, associazione qualificata da tutti i media di estrema destra. La nozione di estremo qui dipende dal punto di riferimento: con un governo neo-trotskista e con i media in pieno svolgimento, diventa facile essere “estremi” a di destra. D’altra parte, mi chiedo cosa ci vuole oggi per chiamarsi “estrema sinistra”?

Fonte: Russie Politics

Traduzione: Gerard Trousson

1 Commento
  • atlas
    Inserito alle 00:43h, 17 Febbraio Rispondi

    sì ma … attenzione a ‘generazione identitaria’ … sono degli ‘eletti’, gli stessi dei nazi-ukraini, occidentalisti

    e questo al di là di ciò che proclamano. Un pò come il ‘manente’ di turno: uno che a me appare come il classico in divisa che ferma la gente e gli sviolina cretinate democratiche e occidentali, da massone, l’americ ano di destra, alla Trump … e dev’essere un gran terrone pure, un gran traditore della terra di cui è originario. Un PUFF, un pallone gonfiato, basta uno spillo