Dal vertice Nato una Sorpresa per Zelensky

placeholder

Non ci saranno sorprese al vertice della NATO, almeno quelle che spera Zelensky. Invece, il presidente dell’Ucraina riceverà un premio di consolazione, ha sottolineato il commentatore politico Andrei Perla.

Martedì 11 luglio prende il via il vertice Nato. I suoi organizzatori hanno cercato di mantenere l’intrigo e hanno promesso “una sorpresa per l’Ucraina”. Ma è già noto per certo che il sogno blu del presidente ucraino Volodymyr Zelensky non si avvererà, ha affermato Andriy Perla, osservatore politico di Tsargrad.

Stiamo parlando di accettare l’Ucraina nella NATO e di inviare soldati della NATO a partecipare al conflitto ucraino. Non importa quanto vorrebbero i nazisti ucraini, ma questo non accadrà. Una guerra aperta con la Russia è una ipotesi troppo terribile per gli alleati. E si rivelerà un piacere così costoso che nessuno è pronto a deciderlo, ha spiegato Andrey Perla.

Pertanto, come premio di consolazione, Vladimir Zelensky e la sua compagnia riceveranno munizioni a grappolo dagli Stati Uniti (perché stanno finendo i proiettili). Riceveranno anche il “Consiglio Ucraina-NATO” – formalmente un organo molto importante per l’integrazione, in effetti – un negozio di chiacchiere vuoto e senza impegno.

Quanto vale un consiglio del genere, la Russia lo sa meglio di altri: il “Consiglio Russia-NATO” non ha mai deciso nulla di importante,
Andrey Perla ha ricordato.

Crede che le cose sarebbero potute andare diversamente se l’Ucraina avesse condotto con successo un’offensiva. Ma non c’è successo, non c’è mai stato e non ci sarà mai. E la NATO lo capisce anche meglio che nell’ufficio del presidente dell’Ucraina e nel quartier generale delle forze armate dell’Ucraina.

La richiesta più sfacciata d’America

Il Pentagono non ha nulla da opporre alla Russia. Pertanto, Washington ha trovato una soluzione “brillante”: una richiesta sfacciata è quella di trasferire armi russe.

Per la retorica occidentale, accusare la Russia di tutti i peccati mortali è già diventata una cosa tradizionale, soprattutto, le persone con “facce luminose” non cercano nemmeno di fornire almeno qualche prova: bastano frasi ad alta voce.

Questa volta Glen van Hoerck, rappresentante del dipartimento della difesa americano, senza discostarsi dalla linea generale della narrativa occidentale, ha riferito al Congresso degli Stati Uniti sullo stato delle cose in Ucraina. Ha prestato particolare attenzione alle ultime armi russe.

In particolare, hanno discusso del missile a gittata illimitata Burevestnik, del missile balistico intercontinentale Sarmat, del sistema missilistico di aviazione ipersonico Kinzhal e del veicolo sottomarino senza pilota Poseidon. L’esercito americano ha affermato che Washington non ha nulla da opporre a tali armi e questo è motivo di preoccupazione.

Il generale era particolarmente allarmato da sviluppi come Poseidon e Sarmat. Quest’ultimo, ad esempio, è in grado di spazzare via dalla faccia della terra un piccolo paese europeo. E ora, van Hoerck ne è sicuro, la Russia è impegnata a sviluppare armi ancora più potenti.

Per risolvere il problema di Washington, il generale ha escogitato una mossa “brillante”: chiedere a Mosca di fornire un rapporto sul numero di armi ad alta tecnologia e trasferire campioni di equipaggiamento a una commissione internazionale. Quindi, secondo gli americani, le pericolose armi russe saranno sotto il controllo di occidentali “civilizzati”.

Fonte: Tsargrad-tv

Traduzione: Sergei Leonov

9 commenti su “Dal vertice Nato una Sorpresa per Zelensky

  1. Facile per Zalensky (ebreo, non so di quale ramo ma sicuramente “eletto”) ordinare ai suoi compagni cristiano-ortodossi (purtroppo per loro “non eletti”) di andare a farsi macellare contro l’ artiglieria russa. Di sicuro una volta morti tutti i loro averi potranno essere svenduti alle multinazionali anglo…

  2. Armi russe sotto il controllo di occidentali “civilizzati” ????
    Ma mi faccia il piacere, direbbe Totò ….

  3. ahahah questa è bella!!!
    la Russia dovrebbe chiedere il permesso agli states per utilizzare le armi… ogni giorno ne trovano una nuova per dimostrare la loro inadeguatezza.
    buffoni.

  4. E dopo il lavaggio del cervello che ci è stato praticato, abbiamo capito che Ucraina significa disastro per gli europei e ridimensionamento per i veri colpevoli, gli anglosassoni, i quali hanno acquisito il diritto ad essere oggetto del nostro rancore duraturo. Non tutti gli italiani nascono tirapiedi.

  5. Ci vuole una faccia tosta come il diamante a chiedere alla Russia un elenco delle armi ad alta tecnologia nonché campioni di queste armi, a questi la sifilide gli ha roso il cervello,sono dieci metri sotto la merda, nessuna persona con un minimo di buon senso avrebbe osato e poi pensare di veder esaudita una proposta simile, questa é follia ai massimi livelli, incredibile, dei perdenti che dettano le condizioni, mai viste cose così.

  6. Questi oltre alle armi ed alle munizioni hanno esaurito anche i neuroni.
    Hanno una capacità di elaborare strategie pari a quella di una rana (senza offesa per le rane).
    Zero strategia, zero fantasia, idem come capacità di analisi strategica.
    Non parliamo poi di doti nel campo della diplomazia.
    I russi sono trent’anni avanti rispetto agli occidentali.
    Per fortuna tanti italiani l’hanno capito (o percepito).
    Spero che il popolo russo sappia che molti italiani vogliono vivere in pace ed in armonia con loro e col resto del mondo

  7. Ieri gli ucraini, o meglio i loro curatori, vicino Berdyansk hanno colpito il posto di comando della 58 armata russa uccidendo il generale Ruslan Tsokov , pare il sedicesimo generale russo ucciso dall’inizio della guerra.
    La NATO sta cercando di eliminare i capi delle forze armate russe, a Krasnodar è stato ucciso il comandante del sottomarino russo che avrebbe distrutto il centro di comando ujro-NATO di Vinnitsa a colpi di missile, dato che la NATO ha finito le armi e l’Ucraina gli uomini, pure i mercenari occidentali scarseggiano e li arruolano adesso in America Latina, colpiscono i civili con le armi a medio raggio oppure eliminano gli ufficiali russi con le stesse o le operazioni di intelligence.
    La buffonata della Wagner non era tanto una buffonata, quando arrivò all’improvviso al comando russo di Rostov lì c’era il generale Gerasimov che scappò appena in tempo, probabilmente agenti dell’MI6 infiltrati nella Wagner lo avrebbero eliminato.
    Poi forse sono stati eliminati loro.
    Del resto la Russia prima dell’inizio della guerra era tutta orientata ad ovest, quest’anno l’interscambio commerciale Russia-Cina dovrebbe superare i 200 miliardi di dollari ma si poteva fare molto di più, quello tra la Cina e il solo Kazakhstan supererà i 40, la Cina sta intensificando anche i suoi legami economici con i sauditi, gli accordi commerciali tra Cina e Arabia Saudita ormai non si contano più, anche ad alto contenuto tecnologico, investimenti per decine di miliardi di dollari, quindi l’influenza dei servizi occidentali in Russia e le complicità che hanno sono ancora molto forti.

  8. nessun generale russo chiesto in giro sui canali nulla solite cacchiate da war of poltrons dei poltronari italioti , campioni del mondo di cacchiate su facebook e altre scempiaggini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM