DAL CAMPUS AMERICANO AL BAHREIN, LA GUERRA A GAZA STA ASSUMENDO CONNOTATI INTERNAZIONALI

Scritto da Damir Nazarov

Sono passati sei mesi dall’inizio dell’aggressione sionista contro la Striscia di Gaza, più di 34.000 palestinesi sono stati uccisi, i funzionari delle Nazioni Unite chiamano apertamente genocidio ciò che sta accadendo, ma nonostante tutta l’enormità di quanto sta accadendo a Gaza, le masse arabe sono in uno stato di sonnolenza e solo pochi attivisti si limitano alle manifestazioni.

Mentre gli arabi aspettano la seconda fase del genocidio di Gaza (la distruzione di Rafah), studenti , insegnanti e professori coraggiosi della comunità occidentale stanno sfidando il sistema feroce della lobby sionista. L’intifada studentesca ha stabilito una nuova tendenza nell’attività politica dagli Stati Uniti e dall’Europa verso i paesi dell’Asia e dell’America Latina, ora è ovvio che anche un cessate il fuoco a Gaza e persino l’eventuale emissione di un mandato da parte della Corte penale internazionale contro la cricca sionista al potere non fermerà l’ondata filo-palestinese in Occidente.
La tendenza è stata lanciata e acquisirà uno slancio senza precedenti nel tempo. Le autorità punitive delle cosiddette “comunità democratiche” non hanno fatto altro che aggravare la situazione, perché ora negli Stati Uniti si sono svolte accese discussioni sulla moderna libertà di parola. I crimini degli israeliani non sono più un argomento tabù per i media locali e la società civile.

Anche i cani del sionismo, integrati negli Stati Uniti, non se ne stavano lontani. In primo luogo, il terrorista Trump ha elogiato il terrorismo della polizia contro gli studenti, poi gli agenti sionisti hanno lanciato raid contro gli attivisti filo-palestinesi locali. I sionisti non vogliono ammettere di essere gli aggressori e i mandanti del genocidio , il falso ruolo di “vittima” che tentano da ottant’anni non produce più l’effetto di “pietà” nemmeno per il laico occidentale.

Nel frattempo, il Medio Oriente non è meno caldo dei campus delle università americane. Alla fine di aprile, il cosiddetto ministro della sicurezza nazionale dei sionisti, Ben-Gvir, ha avuto un incidente. Questo è un caso piuttosto interessante, perché questo incidente ha dato origine a molte teorie. I teorici della cospirazione sionista sui social media hanno iniziato a diffondere varie versioni di quanto accaduto. Alcuni erano isterici riguardo alle capacità dell’intelligence iraniana, riferendosi al video invernale degli iraniani in cui eliminano facilmente il terrorista Netanyahu. Altri suggeriscono che l’insoddisfazione* di Biden nei confronti dell’ala destra dei sionisti stia cominciando a manifestarsi sotto forma di tali “incidenti stradali”. In ogni caso, non ci sono stati incidenti nella storia del settario psicopatico Ben-Gwir.

Considerando la crisi all’interno del governo della colonia sionista, è impossibile non menzionare la situazione degli ebrei ortodossi, che, dopo le parole di Netanyahu sulla mobilitazione generale, hanno lanciato manifestazioni contro l’adozione di una nuova legge militare che consente la coscrizione degli “Haredim” per il servizio militare. Sullo sfondo dell’attivismo di Lapid, anche il fattore degli ebrei ortodossi è diventato un forte ostacolo all’ulteriore premiership di Netanyahu.

Mentre la crisi politica infuria all’interno della colonia sionista, Hamas inizia i preparativi per il secondo round della battaglia contro l’alluvione di al-Aqsa. Così, il portavoce delle Brigate al-Qassam, Abu Ubaida, ha lanciato un nuovo messaggio al popolo giordano, che è servito da segnale per la continuazione delle proteste antisioniste da parte dei giordani. Inoltre, un membro del politburo di Hamas, Musa abu Marzouk, in un’intervista al canale iraniano, ha sottolineato che “nel caso di lasciare il Qatar, Hamas andrà in Giordania, perché molti membri del movimento hanno la cittadinanza di questo paese”. Pertanto, il principale partito palestinese lascia intendere di essere pronto a correre un certo rischio politico (l’autocrazia hashemita tradizionalmente odia tutte le organizzazioni islamiche in Palestina) per attuare la prossima fase della liberazione della Terra Santa e del terzo luogo più sacro dell’Islam. . Esprimerò un’opinione banale, Hamas sta scegliendo il momento opportuno per dichiarare una rivoluzione in Giordania, che diventerà un “incubo” per gli occupanti.

In conclusione, menzionerò la buona notizia sul fronte antisionista: fazioni del Bahrein si sono unite alla resistenza. Saraya al-Ashtar, a sostegno della Palestina, ha annunciato un attacco con droni sulla umm al-Rashrash occupata. Il fronte della lotta si sta espandendo e il numero dei sostenitori della causa palestinese non potrà che aumentare.

*- L’interesse di Washington è facile da comprendere, i sionisti sono diventati un vero peso, soprattutto alla luce della situazione nell’Europa orientale. Oltre alla vecchia faida tra democratici e repubblicani, ognuno dei quali ha la propria visione di cosa dovrebbe essere “Israele”. Per i democratici tutti i sionisti di destra sono considerati figure inaccettabili a causa della loro ideologia personale.

N.B. Le opinioni espresse nel’articolo sono esclusivamente quelle dell’autore.

Fonte: South Front

Traduzione: Luciano Lago

5 commenti su “DAL CAMPUS AMERICANO AL BAHREIN, LA GUERRA A GAZA STA ASSUMENDO CONNOTATI INTERNAZIONALI

  1. Le guerre che si prolungano sono un brutto segno per l’occidente.
    I padroni contano su guerre rapide, ma bisogna dire che, rapide o lunghe, le perdono. Le contestazioni all’interno sono pericolose, come in passato,
    quelle contro la Guerra del Vietnam hanno allarmato e spaventato l’establishment in America.
    Dal Mar Rosso si sono ritirate 10 navi da guerra americane e 8 europee …………………. Ieri il portavoce delle Forze Armate Yemenite – il generale Sari – ha detto che da adesso attaccheranno pure NEL MEDITERRANEO ! E hanno poi la opzione di bloccare tutte le navi, indipendentemente dalla proprietà, che dirigono ai porti israeliani.

  2. Da sempre il feroce regime Capitalista , finto democratico e dittatoriale USA reprime le pacifiche manifestazioni popolari in un bagno di sangue con soldati che sparano sui civili oppure con linciaggi e numerosi di arresti !
    Sono ormai 200 anni che la “democratica” America usa questi sistemi per reprimere le proteste dei cittadini USA contro le guerre oppure contro il sistema Capitalista selvaggio e criminale USA !
    Sicuramente è certamente non avete MAI aperto un libro di storia nella vostra vita né avete letto qualche giornale o visto documentari televisivi ?

  3. L’ errore storico, e genetico data la loro natura di nazisionisti strozzini finanziari, delle cosiddette democrazie occidentali capitanate dagl’ Usa non sono “solo” le guerre estere. Ma il totale distacco dalla realtà sociale ed il dissenso che creano all’ interno delle loro stesse popolazioni, specie tra i più giovani ma non solo. L’ occidente atlantista è MALATO DENTRO, quindi destinato a deevolversi ed implodere!

  4. Lo ribadisco di nuovo, prima o poi tutte le persone di fede islamica si uniranno contro Israele.
    Gli ebrei, qualche giorno saranno costretti ad andare via ed a cercarsi una nuova terra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM