Daily Mail (Regno Unito): Putin afferma che la futura alleanza militare Russia-Cina sarà ancora più potente degli Stati Uniti

I lettori di tutto il mondo che compongono il pubblico del British Daily Mail sono rimasti affascinati dalla loro domanda sportiva preferita: chi è più forte? L’alleanza emergente della Russia con la Cina, o questa volta l’occidente che si trova veramente in decadenza, guidato dagli Stati Uniti? Scoprendo che le colonie questa volta non aiuteranno, poiché sono già state acquistate dalla Cina, molti lettori anglosassoni hanno scelto l’opzione “non scherzare”.

La Russia dovrebbe essere trasformata in un potenziale nemico?

di Chris Jewers
Nel suo articolo, il Daily Mail nota le parole del presidente russo Putin sulla possibilità di una nuova alleanza militare tra Russia e Cina e afferma quanto segue: “L’alleanza dei due paesi con il secondo e il terzo più grande esercito del mondo potrebbe essere più forte dell’esercito statunitense in un certo numero di aree”.

È vero, Putin ha osservato che “ora la Russia non sente il bisogno di una simile alleanza, ma teoricamente una tale alleanza è facile da immaginare”.

A causa delle loro popolazioni, Russia e Cina potrebbero schierare più forze armate di brigata in termini di numero di truppe, osserva l’edizione di Londra.

Forze russe in Crimea

Quanto alle armi di distruzione di massa, il rapporto delle cariche nucleari, secondo il Daily Mail, è a favore dell’asse Mosca-Pechino. “La Russia possiede già il più grande arsenale al mondo di testate nucleari, che conta circa 6.375”. Il giornale suggerisce di aggiungere qui 290 testate cinesi. E poi “l’arsenale dell’alleanza ammonterà a 6.665 testate, 865 in più degli Stati Uniti con le sue modeste 5.800 testate. È vero, gli Stati Uniti spendono molto di più per la difesa rispetto a una potenziale alleanza russo-cinese, almeno se si tiene conto dei costi aperti al pubblico. Gli Stati Uniti spendono 732 milioni di sterline (in denaro britannico), la Cina 237 milioni di sterline e la Russia 65 milioni di sterline.

La prospettiva di un simile equilibrio di potere in un futuro confronto ha provocato una vivace controversia tra i lettori del Daily Mail.

Commenti dei lettori

Fairlightfil, Sydney- La Russia deve stare molto attenta prima di provare a fare amicizia con la Cina. L’obiettivo di Xi Jinping è il dominio del mondo. Può accettare l’alleanza della Russia a parole e poi cercare di dominare in Russia. Ma Putin non è certo un sempliciotto a crederci.

Forze cinesi

Candiru, Stati Uniti – Se questo dovesse mai accadere, questo è il confronto tra gli Stati Uniti e l’alleanza russo-cinese descritto nell’articolo, quindi non ci saranno vincitori. E forse nessuno sopravviverà.

Old Robert, Regno Unito – Putin sa per certo che non ci si può fidare di lui in Cina, così come non ci si può fidare della Russia e dell’Unione Europea. Sia i cinesi che gli europei vogliono cogliere le risorse naturali scoperte improvvisamente della Russia.

Fonte: Daily Mail

Traduzione: Gerard Trousson

26 Commenti

  • antonio
    24 Ottobre 2020

    Prestuplenie i nakazanie

    • rossi
      24 Ottobre 2020

      Fedor Dostoevskij disse che “il popolo russo è maledetto perchè costretto dal fato, per posizione geografica, per costituzione, per spirito a soffrire per aiutare gli altri popoli a lottare contro gli usurpatori…. ” così si guadagnano il paradiso, e il rispetto su questa terra da parte di chi sa discernere tra il bene e il male, e si procurano tanti nemici ( gli usurpatori e gli amici degli usurpatori), ma chi non ha nemici in questo mondo non è un uomo

  • atlas
    24 Ottobre 2020

    meglio l’atomica nell’aria che questo falso covid, almeno esiste

    • antonio
      24 Ottobre 2020

      se gli europei prendono coscienza e si ribellano, possono fermare la aggressione ad est della NATO e il rischio plutonio caldo, la futura guerra coinvolgerebbe direttamente i cieli europei

      • atlas
        25 Ottobre 2020

        sì, solo che gli europei essendo stati ‘in vasi’, cioè chiusi suinocraticamente dai suinocrati ameri cani sulla tazza del cesso (e continua eh) per molto tempo, sono diventati una massa di democratici. Brutta gente, pericolosa, cattiva, criminale, ora danno la colpa di tutto a Roberto Fiore col suo 0,000000000000000001%; ce ne sono anche tanti che scrivono su questo sito …

        a dare del democratico a uno si rischia la querela ? No, un colpo di mazza da baseball

        • atlas
          25 Ottobre 2020

          tutti rinchiusi, non se ne può più di questa democrazia. Democrazia per democrazia preferisco quella tunisina. Lì almeno la merda è di meno, molto di meno. Meno soffocante, meno nauseante

  • rossi
    24 Ottobre 2020

    Difatti la Russia coltiva l’amicizia su più fronti: India, Iran, Corea del Nord e Cina, per citare solo i più muscolosi…. a mio parere l’India diverrà col tempo l’alleato di ferro della Russia e ciò, oltre a garantire la continuità della civiltà Russa, contribuirà a creare stabilità e crescita per tutta l’Eurasia.

    • atlas
      25 Ottobre 2020

      il BRICS c’è. Ma capisci bene che se in Brasile i nemici democratici riescono a mettere uno come Bolsonaro le cose si fanno più complicate. O come in Argentina con Macrì. Poi è ritornato Fernandez. Non si gioca a ping pong, non sono tempi in cui si può scherzare, ogni sbaglio o errore di calcolo lo paghi, amaramente. Ecco perchè la Russia DEVE operare per mettere al potere nelle Nazioni alleate persone profondamente e convintamente antidemocratiche, è vitale; che reprimono il dissenso democratico con la pena di morte, che tutelino la razza e il Nazionalismo, che Nazionalizzano tutte le forze prospere dello Stato, senza crepe. Guarda al Venezuela, ogni crepa è un coltello nel cuore del Socialismo. Ogni falsa umanità nell’indugio a comminare la morte dei democratici è una crepa, un serpente velenoso che ti tieni in casa. Non ce lo si può permettere, non ora. L’esempio più fulgido e limpido è l’impermeabilità della Korea del nord. Da seguire, assolutamente

  • Gio
    25 Ottobre 2020

    ROSSI, MA COME FA LA RUSSIA A DI ENTARE ALKETATA DELLA RUSSIA, QUANDO, L INDIA TIRA PIU CERAO GLI USA E È RIVALE DELLA CINA E DEL PAKISTAN, MA CHE VIVI SULLA LUNA? L UNICO ASSE PERFETTO È RUSSIA, CINA E IRAN, MA DEVONO FARE COME L ARTICOLO 5 DELL ALLEANZA ATLANTICA, DOVE SE UN ALLEATO VIENE ATTACCATO, TUTTE LE ALTRE DI CORSA A DIFENDERE.

    • rossi
      25 Ottobre 2020

      già una volta la Cina pugnalò alla schiena la Russia… e questo i Russi non lo dimenticano… ben venga il triunvirato Russia, Iran, Cina…. l’India costituirà l’asso nella manica del cremlino…. gli indiani devono solo sbarazzarsi dei decisionmakers filoammericani e poi l’alleanza più proficua di tutti i tempi sarà realtà…. chi vivrà vedrà

  • Fatima
    25 Ottobre 2020

    Ma la vuoi finire con questa storia dell’atomica? Dio non lascerà distruggere il mondo che ha creato.

    • atlas
      26 Ottobre 2020

      criticate pure me, ingiuriatemi anche con le peggiori parole ma leggete Eusebio. MAI l’ho letto che anche solo nomina il termine ‘democrazia’, MAI

  • giorgio
    25 Ottobre 2020

    ATLAS il tuo commento merita di essere ribadito nuovamente:

    “Guarda al Venezuela, ogni crepa è un coltello nel cuore del Socialismo. Ogni falsa umanità nell’indugio a comminare la morte dei democratici è una crepa, un serpente velenoso che ti tieni in casa. Non ce lo si può permettere, non ora. L’esempio più fulgido e limpido è l’impermeabilità della Korea del nord. Da seguire, assolutamente” ….. Perfetto !

    • atlas
      25 Ottobre 2020

      tu la pensi come me, tanti altri no, la massa balbuziente latina-democratica di merda. Per cui Renzi e Berlusconi continuano respirare aria fritta e a non essere condannati

      quì comanda il conte ugolino

      • atlas
        25 Ottobre 2020

        Conte che dal balcone ha appena terminato il suo proclama/messaggio delirante agli ebeti: secondo lui e il PD di rainews24 ci sono solo criminali e professionisti del disordine a infiltrarsi, con ” l’estrema destra “. E a Torino la digos indaga su accordi fra la gente tramite i social per scendere in piazza sfidando il coprifuoco. Dal sottosegretario agli interni si promette ‘risposta ferma’

        i professionisti sono quelli mandati da lui. L’unica è rimanere fermi sulle proprie posizioni di ‘libertà’ togliendo le mascherine e stando in strada a divertirsi tutti insieme, creando una milizia popolare un pò tipo quella del ‘servizio d’ordine’ del PC di 45 anni fa per escludere i petardari e quelli che appositamente fanno fumo, ci si riuscirà ?

        Quanto sta accadendo è cmq una strategia ad opera della massoneria internazionale, riguarda la maggior parte di tutte le genti

        quando non mi leggerete più vuol dire che mi hanno arrestato

  • atlas
    25 Ottobre 2020

    Il 15 luglio 1944 la situazione per il Giappone degenerò: l’importante base giapponese di Saipan venne occupata dalle forze alleate. Ciò rese possibile l’uso dei bombardieri a lungo raggio B-29 Superfortress per colpire direttamente il Giappone.
    Difendere il Giappone ormai sembrava totalmente impossibile. Il comandante della Prima Forza Aerea, il viceammiraglio Takijirō Ōnishi decise di formare una “Forza d’Attacco Speciale Kamikaze” (Kamikaze, cioè vento divino) e Onishi divenne il “padre dei kamikaze”. Onishi suggerì: «Non penso che ci sia un’altra maniera di eseguire l’operazione che mettere una bomba da 250 kg su uno Zero e farlo sbattere contro una portaerei per metterla fuori combattimento per una settimana.»
    Il comandante Asaiki Tamai chiese a un gruppo di abili studenti di volo che aveva personalmente addestrato di unirsi alla forza di attacco speciale. Tutti i piloti alzarono entrambe le mani, dando pertanto l’assenso a unirsi all’operazione. Più tardi Asaiki Tamai chiese al tenente Yukio Seki di comandare la forza di attacco speciale.
    Si dice che Seki Yukio abbia chiuso gli occhi ed abbassato la testa per dieci secondi prima di chiedere: «La prego di lasciarmelo fare».
    Yukio Seki divenne pertanto il 24° pilota kamikaze ad essere scelto.

    ” Alla fine della seconda guerra mondiale il servizio aeronautico della marina giapponese aveva sacrificato 2.526 piloti kamikaze, mentre quello dell’esercito ne aveva sacrificati 1.387. Secondo un dato ufficiale, di fonte giapponese, le missioni affondarono 81 navi e ne danneggiarono 195, ammontando (rispetto al conteggio giapponese dei danni inflitti) all’80% delle perdite USA durante le fasi finali della guerra nel Pacifico. Secondo una fonte delle forze aeree americane:
    Approssimativamente 2.800 attaccanti kamikaze affondarono 34 navi della marina, ne danneggiarono altre 368, uccisero 4.900 marinai e ne ferirono oltre 4.800. Nonostante l’allarme dei radar, l’intercettazione in volo ed un massiccio fuoco antiaereo il 14% degli attacchi Kamikaze giungeva fino all’impatto contro una nave; circa l’8,5% delle navi colpite dagli attacchi kamikaze affondò. ”

    e chi non ha le orecchie tappate dalla merda televisiva se vuole intendere intenda

    • Arditi, a difesa del confine
      25 Ottobre 2020

      cosa c’è da intendere ?
      nemmeno 6 mesi dopo il giappone chiedeva agli stati uniti di trattare la resa, furono fatte diversi tentativi, ma tutti andarono a vuoto, perchè lo yankee stava sviluppando la bomba nucleare e doveva farla vedere all’amico stalin

      gli attacchi kamikaze furono inutili, con la marina distrutta, far sparire pure l’aviazione fu un errore mortale, chi dice che le due bombe furono necessarie per evitare il protarsi della guerra si beve le storielle raccontate dagli yankee, il giappone era ormai conscio della sconfitta, non avrebbe combattutto nessuno casa per casa in quanto stavano morendo di fame, Tokyo era stata distrutta peggio di Dresda, ma l’americano doveva sfoggiare la super arma per gonfiare i muscoli contro “l’alleato” comunista.
      poi magari viene pure qui l’idiota che va a raccontare che la bomba nucleare non esiste…

      l’errore FONDAMENTALE dei giapponesi fu quello di non aprire il fronte orientale russo mentre i tedeschi combattevano a Stalingrado, anzi a dispetto della triplice firmarono un patto di non belligeranza coi comunisti salvo poi vedersi pugnalati alle spalle dalla dichiarazione di guerra sovietica a cavallo delle due bombe atomiche.

      e se fosse caduta l’unione sovietica a parte i milioni di morti in meno che ci sarebbero stati a causa del comunismo ora non ci sarebbe uno staterello in mezzo ai paesi arabi che ha rovinato il mondo…

      • atlas
        25 Ottobre 2020

        per i ‘senza onore’ tutto è inutile

  • giulio
    25 Ottobre 2020

    Se vogliono sopravvivere entrambe, Russia e cina non hanno altra scelta che allearsi (ammesso che già non lo siano)…idem vale per l’Iran!
    Solo questi paesi possono preservare un minimo di libertà nel mondo e contrastare i programmi globalisti imperiali sia di Trump che di Biden.
    Quanto alle proposte di scendere in piazza senza mascherine la considero giustissima!
    Qualcuno ha scritto che no, le mascherine bisogna indossarle per non essere riconosciuti!
    Non sono d’accordo! togliere le mascherine ha un fortissimo significato di rivolta …100 volte più forte di qualsiasi petardo o roba simile!
    Se davvero si riuscisse a fare manifestazioni del genere, i servili conte e compagnia medica, sarebbero letteralmente terrorizzati!
    Il problema principale è che tutta la cosiddetta destra attuale non è assolutamente in grado di organizzare niente di simile perchè sono anch’essi tutti interni al sistema criminale attuale!

    • atlas
      25 Ottobre 2020

      i sinistri invece ?

      • giulio
        27 Ottobre 2020

        ma tu sei proprio un provocatore imbecille…oltre che uno psicopatico! Ti sembra che io sia di “sinistra” anche se parlo di rivolte contro questo governo?
        Sei proprio bacato e puttaniere?

    • Arditi, a difesa del confine
      26 Ottobre 2020

      la cina che “preserva la libertà”
      AHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA

      • giulio
        27 Ottobre 2020

        eccone un altro pagato per distorcere quello che legge e per creare rumore

  • eusebio
    25 Ottobre 2020

    Dopo le elezioni americane la situazione geopolitica globale potrebbe avere un’accelerazione, la Cina è messa sotto pressione dagli USA i quali stanno schierando due squadroni di F-35 dei marines nella base giapponese di Iwakuni, stanno mandando un’altra portaerei nel Mar Cinese meridionale, stanno vendendo armi a Taiwan per oltre un miliardo di dollari, sostengono il governo tibetano in esilio, hanno sostenuto rivoluzioni colorate ad Hong Kong per staccarla dalla Cina e in Kirghisistan per usarlo come base per infiltrare terroristi uiguri nello Xinijiang, insomma gli USA stanno aggredendo la Cina da tutte le parti, probabilmente nelle basi americane di Futenma e Kadena ad Okinawa ci sono anche armi nucleari pronte ad essere lanciate su Pechino, come ne metteranno presto in Ucraina per lanciarle su Mosca, nonostante che gli USA siano sull’orlo di pesanti sconvolgimenti interni i neocons stanno preparando la guerra sia contro la Russia che contro la Cina.
    I cinesi dovrebbero approfittare del marasma che seguirà le elezioni presidenziali per occupare Taiwan prima che si riarmi troppo, il colpo potrebbe destabilizzare gli USA e portarli al crollo del fronte interno, permettendo alla Cina di assumere il controllo del sud est asiatico, alla Russia di rovesciare il presidente ebreo dell’Ucraina alleato di Erdogan e agli europei di liberarsi di UE e NATO, revocando le sanzioni verso Russia e Iran rivolgendosi ad est, verso le fonti energetiche di Russia e Iran e verso i loro mercati, oltre quello cinese.
    I legami dell’Europa verso il resto dell’Eurasia sono fortissimi, un blocco europeo-cristiano dominato dalla Russia e uno asiatico-buddista egemonizzato dalla Cina dominerebbero il mondo.

    • giulio
      27 Ottobre 2020

      “un blocco europeo-cristiano dominato dalla Russia e uno asiatico-buddista egemonizzato dalla Cina dominerebbero il mondo.”

      io avrei scritto; “un blocco europeo-cristiano dominato dalla Russia e uno asiatico-buddista egemonizzato dalla Cina LIBEREREBBE il mondo dall’unico imperialismo oggi esistente: quello americano”

    • giulio
      27 Ottobre 2020

      “Kirghisistan per usarlo come base per infiltrare terroristi uiguri nello Xinijiang,”

      Hai ragione ma penso che i Kirghizistan avrà una funzione anche contro la russia stessa e per contagiare altri “stan” vicini.

Inserisci un Commento

*

code