Dai loro frutti li riconoscerete… Biden chiede più guerra, Putin chiede un mondo pacifico

Editoriale

L’egemonia distruttiva e guerrafondaia del dominio imperialista occidentale della élite è un mondo che non è più sostenibile né tollerabile.
Questa settimana il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha lanciato appelli disperati per ottenere più fondi per alimentare l’inutile e atroce guerra in Ucraina. Al contrario, il presidente russo Vladimir Putin ha tenuto un discorso programmatico chiedendo un mondo basato sull’uguaglianza e sulla pace.

Confrontare la sostanza dei due è istruttivo. Biden divaga con frammenti scritti di stereotipi ideologici e belligeranza che suonano sempre più come sciocchezze. Al contrario, Putin ha offerto un’indagine intellettualmente appassionata ed eloquente della storia mondiale davanti a un pubblico di studiosi internazionali e pensatori seri. Putin ha riassunto il suo discorso con un sincero appello alla pace e alla buona volontà verso tutta l’umanità.

Non è possibile immaginare che Biden o qualsiasi altro cosiddetto leader occidentale abbia la capacità intellettuale o la fibra morale per articolare un discorso comparabile che promuova la pace e il progresso nel mondo.

Se disilludiamo le percezioni e i pregiudizi creati dai media occidentali, diventa chiaro a qualsiasi persona obiettiva che il leader americano è un dinosauro guerrafondaio, mentre il leader russo è uno statista mondiale lungimirante e di principi.

Biden, il fragile ottuagenario e un politico autoesaltante, incarna un mondo del passato in cui il conflitto e la violenza erano fin troppo deplorevolmente comuni. Questo tipo di mondo è concomitante al dominio elitario e allo sfruttamento sistematico degli altri. Per cinque secoli, il colonialismo europeo e, più tardi, il neocolonialismo occidentale hanno dominato, distorto e demonizzato le relazioni internazionali. Naturalmente, la realtà grottesca è sempre stata oscurata dal costante lavaggio del cervello da parte dei media occidentali utilizzando eufemismi orwelliani su “democrazia”, “diritti umani” e “ordine basato su regole”.

Soldati USA in Afghanistan

Nel frattempo, le potenze occidentali elitarie si scatenavano in guerre illegali, saccheggi di risorse e saccheggi finanziari. Cinicamente, gli imperialisti occidentali e i loro mezzi di informazione propagandistici avrebbero adempiuto formalmente ai principi della democrazia e alla Carta delle Nazioni Unite, mentre in pratica si sarebbero palesemente fatti beffe della presunta etica. Gli Stati Uniti, la CIA e la NATO per procura, sono stati la più grande organizzazione terroristica mondiale dai tempi della Germania nazista.

Joe Biden, di fronte al caos disfunzionale del sistema politico americano, non ha nulla da offrire alla sua nazione, né agli alleati degli Stati Uniti, né al mondo – tranne altra guerra. Il collasso del potere globale degli Stati Uniti, come sempre, sta proiettando all’esterno i propri fallimenti interni fomentando il conflitto internazionale, principalmente contro la Russia in una guerra per procura in Ucraina, ma anche contro la Cina per una serie di affermazioni inventate.

Biden sta implorando i legislatori democratici e repubblicani di fermare i litigi e le lotte intestine – non per il bene del popolo americano – ma per l’ulteriore rilascio di decine di miliardi di dollari in più per sponsorizzare un regime neonazista a Kiev incaricato di condurre la guerra. Guerra imperialista per procura americano-NATO contro la Russia.

Le istituzioni politiche americane ed europee non possono concepire un mondo diverso da quello basato su conflitti e guerre incessanti. Questo è il motivo per cui gli ultimi secoli non hanno visto fine alle guerre imperialiste e allo sfruttamento del resto del mondo da parte di questa minoranza globale. Guerra, povertà, fame, malattie, morte e sottosviluppo cronico sono le odiose manifestazioni dell’“ordine” capitalista occidentale.

Base USA in Siria

Il cosiddetto Occidente collettivo deve continuamente seminare divisioni e conflitti nel mondo per il proprio vantaggio egemonico. Questo è ciò che è stato la Guerra Fredda (1945-90) e il motivo per cui le potenze occidentali non sono mai state in grado di fare veramente la pace quando la Guerra Fredda si era presumibilmente conclusa più di tre decenni fa in seguito alla dissoluzione dell’Unione Sovietica nel 1991. La Guerra Fredda è più dilagante e avvincente che mai. Non è mai finita perché la malattia occidentale sottostante non si è mai fermata.
Le potenze imperialiste occidentali – in primis gli Stati Uniti – furono costrette dalla loro egemonia economica e politica a continuare ad espandersi sotto la maschera del blocco militare della NATO e di innumerevoli pretesti sul mantenimento della sicurezza e, assurdamente, sulla “guerra al terrore” e sulla “costruzione della nazione”. .

Il massacro dell’Ucraina è il culmine di questo storico processo distruttivo. L’associazione tra le autoproclamate “democrazie” occidentali e un regime neonazista corrotto a Kiev è il risultato finale e organico del fascismo che è al centro dell’imperialismo occidentale, con il suo volto pseudo-liberale.

L’attuale conflitto in Ucraina è la nemesi storica del potere imperialista occidentale. La Seconda Guerra Mondiale non fu altro che un segno di punteggiatura che sfociò nella Guerra Fredda e infine nella sua rinascita, alla quale il mondo è ora nuovamente sottoposto.

Questa settimana il presidente Putin ha presentato una visione positiva e piena di speranza del mondo durante un discorso tenuto al Valdai Discussion Club di Sochi. Ha rappresentato la “coesistenza armoniosa” e la pace basata sui principi di uguaglianza e giustizia tra le nazioni. A questo proposito, Putin ha ribadito la visione fondatrice delle Nazioni Unite stabilita nel 1945 in seguito alla devastazione della Seconda Guerra Mondiale.

“La crisi ucraina non è un conflitto territoriale”, ha detto Putin. “La questione è molto più ampia e fondamentale e riguarda i principi alla base del nuovo ordine internazionale”.
Biden, i suoi vassalli occidentali e i loro mendaci media continuano a ripetere la menzogna infondata secondo cui l’intervento militare della Russia in Ucraina è una “aggressione non provocata”. Questa narrazione è una sfacciata negazione della storia del colpo di stato sostenuto dalla CIA a Kiev nel 2014 e dell’utilizzo militare da parte della NATO di un regime neonazista che per nove anni ha ucciso i russi nell’ex Ucraina.

Il regime di Kiev – guidato da un presidente fantoccio ebreo che saluta i nazisti – ha commesso atrocità dopo atrocità per diffamare la Russia, grazie all’indulgenza dei media di propaganda occidentali. Il massacro di Bucha nel marzo 2022, gli attacchi missilistici su Kramatorsk nell’aprile 2022, sulla Polonia nel novembre 2022 e a Konstantinovka il mese scorso. Questa settimana si è verificato un massacro di 51 persone nel villaggio di Hroza, nella regione di Kharkov, di cui è stata immediatamente attribuita la colpa alla Russia, ma che ha i tratti distintivi di un’altra provocazione false flag di Kiev. Questo è il tipo di regime sporco e diabolico che incarna la macchina da guerra della NATO guidata dagli Stati Uniti.

Putin ha spiegato chiaramente come si possa raggiungere un ordine internazionale pacifico ripudiando le “associazioni geopolitiche artificiali” e i “blocchi” in stile Guerra Fredda “imposti nel mondo con la forza”.

“Una pace duratura sarà possibile solo quando tutti si sentiranno sicuri e protetti, capiranno che le loro opinioni sono rispettate e che esiste un equilibrio nel mondo in cui nessuno può forzare o costringere unilateralmente gli altri a vivere o a comportarsi come piace a un egemone, anche quando è in contraddizione con la sovranità, gli interessi genuini, le tradizioni o i costumi dei popoli e dei paesi”, ha affermato il presidente russo.

Putin ha aggiunto: “La Russia era, è e sarà uno dei fondamenti di questo nuovo sistema mondiale, pronta per un’interazione costruttiva con tutti coloro che lottano per la pace e la prosperità, ma pronta per una dura opposizione contro coloro che professano i principi della dittatura e della violenza. Crediamo che il pragmatismo e il buon senso prevarranno e si creerà un mondo multipolare”.

Il mondo sta letteralmente cambiando davanti ai nostri occhi e per mano nostra, come ha notato anche Putin. L’emergere di un mondo multipolare, il G20, i BRICS+ e così via, sono la realizzazione di una visione internazionale di pace, giustizia, sovranità, uguaglianza e sviluppo.
L’egemonia distruttiva e guerrafondaia del dominio imperialista occidentale d’élite è un mondo che non è più sostenibile né tollerabile.
Biden e i suoi simili occidentali sono letteralmente i portavoce di un mondo artificiale senza uscita. Al contrario, il presidente russo Vladimir Putin parla con la saggezza e l’importanza di un mondo così come deve essere.

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

6 commenti su “Dai loro frutti li riconoscerete… Biden chiede più guerra, Putin chiede un mondo pacifico

  1. Vi ricordate la divulgazione di documenti riguardanti la guerra in Vietnam il Washington post lo fece oggi giornali e tutti i media cosa fanno pubblicano solo gli ordini dei politici e dei militari e nessuno crede più a loro il risultato è che non abbiamo bisogno di tali giornalisti.

  2. La 7 sta diffondendo l’ipotesi che il gasdotto vicino alla Finlandia sia stata la Russia: questa ipotesi è condivisa dalla nato associando ridicole minacce. Evidentemente non avendo alcuna prova per questi bastardi vale il principio che prima di tutto c’è l’odio.

  3. Nessun progetto propulsivo, ma arroccamento a difesa dei privilegi di pochi : questo è diventato l’Occidente collettivo. Guerre, paura ,miseria, morte lo connotano insieme a una propaganda asfissiante :
    balle, balle, balle.
    E gli ebrei sono passati dal ghetto di Varsavia a quello di Gaza : quanta strada in discesa,un precipizio

  4. La nostra speranza rimane Putin, ottima analisi, seppur sempre troppa leggerezza quando si usa epiteti come “fascista”, “nazista” etc..
    I false flage sono tattiche classiche delle organizzazioni anglo americo sioniste, dunque perché il parallelo con la Germania Nazional Socialista?
    Cosa aveva di terrorista la Germania di allora?
    Vabbè, ripeto, ottima analisi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM