Culto del sionismo: genera Indignazione il commento controverso della leader europea von der Leyen


Avete letteralmente fatto fiorire il deserto”, ha detto la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen in un videomessaggio pubblicato su Twitter, elogiando l’entità sionista come una “vivace democrazia”.

Di Syed Zafar Mehdi*

Il messaggio è stato postato su Twitter dall’ambasciata dell’Unione Europea a Tel Aviv, quando l’ente illegittimo di occupazione ricorre il 75° anniversario della sua esistenza, detto anche Nakba o catastrofe.

Nakba è sinonimo dell’indicibile persecuzione e sfollamento dei palestinesi, così come della pulizia etnica di centinaia di paesi e città palestinesi attuato con l’obiettivo di avviare un’entità ebraica come immaginato da Theodor Herzl, l’architetto del sionismo moderno, nel suo libro Der Judenstaat .

Secondo stime approssimative, più di 800.000 palestinesi furono stati uccisi, espropriati o cacciati dalle loro case dai sionisti durante la Nakba, che continua con crescente ferocia.
“Oggi celebriamo 75 anni di vibrante democrazia nel cuore del Medio Oriente”, ha detto il politico tedesco diventato famosa per aver coperto l’apartheid del regime israeliano.

Anche lei lo ha proclamato prima. Dopo aver ricevuto un dottorato honoris causa dall’Università Ben-Gurion nel giugno 2022, von der Leyen ha sottolineato che “l’Europa non è l’Europa senza ebrei europei”.
“Ho messo la lotta all’antisemitismo e la promozione della vita ebraica in Europa al centro dell’agenda della Commissione europea. La nostra democrazia fiorisce se fiorisce la vita ebraica in Europa”, disse all’epoca, nel disperato tentativo di placare i suoi ospiti e le lobby sioniste.

Alla fine di dicembre, il capo dell’Unione Europea è stato tra i primi leader mondiali a congratularsi con Benjamin Netanyahu per il suo ritorno al potere alla guida del gabinetto più di estrema destra nella storia del regime.
“Non vedo l’ora di lavorare per rafforzare la nostra partnership, promuovere la pace in Medio Oriente e affrontare le onde d’urto della guerra della Russia contro l’Ucraina”, aveva scritto in un tweet all’epoca .

Mentre le inclinazioni filo-sioniste di von der Leyen sono state a lungo sotto esame, i suoi ultimi commenti hanno sollevato un vespaio, scatenando la rabbia e l’indignazione dei difensori dei palestinesi in tutto il mondo.

Gruppi politici e attivisti in Palestina hanno criticato il capo dell’UE per aver affermato che il regime sostenuto dall’Occidente a Tel Aviv, già alle prese con una crisi esistenziale, ha fatto “fiorire” il deserto.

Il ministero degli Esteri dell’Autorità palestinese, in una dichiarazione di giovedì, ha definito i suoi commenti “discorso di propaganda” che “disumanizza e cancella il popolo palestinese”.
Una tale narrazione perpetua l’attuale negazione razzista della Nakba e copre l’occupazione illegale e il regime di apartheid di Israele”, si legge nella dichiarazione, definendola un “tradimento del popolo europeo che non approva una tale cancellazione razzista del popolo palestinese”.

Anche gli utenti dei social media hanno espresso la loro rabbia per i commenti “vergognosi” e “razzisti” del capo della Commissione europea.

“Non importa quanto cambi l’opinione pubblica sulla Palestina e quante prove vengano fornite che Israele è uno stato di apartheid, l’Occidente non smetterà mai palesemente di soddisfare il culto del sionismo”, ha scritto in un tweet la giornalista di Beirut Farah-Silvana Kanaan. .


Sami Hamdi, commentatore degli affari dell’Asia occidentale, ha “tradotto” le osservazioni di von der Leyen con queste parole: “Oggi celebriamo la violenta occupazione delle case palestinesi, la brutalità con cui sono stati espulsi dalla loro terra e trasformati in profughi, il successo israeliano la resistenza a tutti i tentativi di restituzione e la perseveranza dell’apartheid”.
Tariq Kenney-Shawa, uno scrittore palestinese-americano, ha scritto che il mito secondo cui il regime israeliano “ha fatto fiorire il deserto” è stato “completamente sfatato”.

“Ma quello che è più importante è che, anche se Israele dovesse pavimentare d’oro le strade della Palestina, ciò non giustificherebbe la pulizia etnica di centinaia di migliaia di palestinesi e l’occupazione che ne è seguita”.
Jehad Abusalim, direttore esecutivo del Jerusalem Fund con sede a Washington, ha descritto i commenti del leader europeo come “retorica coloniale”, “come se parlasse lo stesso Lord Balfour”.

“L’atteggiamento dell’Europa nei confronti dell’“Oriente” resta immutato. Anche gli storici israeliani hanno smascherato questi miti, ma il potere del razzismo prevale”, ha scritto in una serie di tweet.
“Ursula von der Leyen parla della ‘terra promessa’ come se fosse un affare immobiliare. Quando gli europei hanno ricominciato a credere nelle favole? Ci hanno detto che gli europei erano tutti incentrati sulla ragione e sulla razionalità. Ma suppongo che se sono coinvolti il ​​colonialismo e l’imperialismo, qualsiasi scusa andrà bene”.

Abusalim disse che ciò che accadde nel 1948, contrariamente alle illusioni del capo della Commissione Europea, fu una “deliberata campagna di pulizia etnica e sfollamento dei palestinesi, con l’obiettivo di rimodellare la demografia e la geografia della Palestina da una nazione a maggioranza araba”, in uno stato a maggioranza ebraica”.
“Una vergognosa mentalità coloniale che ripete a pappagallo la propaganda sionista per far fiorire il deserto”, ha scritto Chris Doyle, direttore del Council for British-Arab Understanding. “I palestinesi lo stavano facendo fiorire molto prima che esistesse Israele e i nabatei lo stavano facendo migliaia di anni fa”.
Anche il famoso politico, legislatore e attivista palestinese Hanan Ashrawi si è rivolto a Twitter per criticare von der Leyen, definendo le sue osservazioni “assolutamente vergognose”.

“Ci si aspetta che il presidente della Commissione europea abbia più conoscenza, integrità e responsabilità che sputare fuori questo vuoto rigurgito di vecchi cliché sionisti e miti razzisti anti-palestinesi che cancellano la nostra stessa esistenza. Degrading love party”, ha scritto in un tweet.
I commenti del leader dell’UE sono arrivati ​​poche settimane dopo che il capo della politica estera del blocco, Josep Borrell, aveva scioccato Tel Aviv con il suo articolo in cui criticava la violenza dei coloni israeliani nella Cisgiordania occupata che “minaccia sempre più le vite e i mezzi di sussistenza dei palestinesi” con l’impunità.

Il ministro degli Esteri del regime israeliano non ha preso alla leggera i commenti, con alcuni rapporti che suggerivano addirittura che a Borrell fosse impedito di visitare Tel Aviv.

*Articolo tratto dalla pubblicazione originale su: www.presstv.com

Fonte: Hispan Tv

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM