CRONACA DEI TEMPI NUOVI

di Guillaume Le Carbonel

Il 2020 sarà probabilmente ricordato come l’anno di grandi cambiamenti. Tutti hanno la sensazione di vivere in un periodo di fine postmodernità senza precedenti da più di 8 mesi. Ogni giorno che passa ha la sua parte di angoscia, restrizione e follia. Chi avrebbe potuto prevedere una tale accelerazione della storia, una simile parodia di fantascienza, un simile pastiche del peggior film di Holywood ?

Maschere, divieti, controlli, numeri, curve, disastri economici, paura, propaganda e sottomissione sono diventati la nostra vita quotidiana più oscura. Come possiamo mantenere la calma in queste circostanze? È molto difficile separare il vero dal falso tra alti e bassi di informazioni guidate e manipolate.

Di fronte a tutto questo, in questo momento, però, è possibile estrarre alcuni elementi indiscutibili di cui bisogna tenere conto:

1- Il controllo delle popolazioni tramite la paura è un importante fenomeno psicologico.

2 – Il potere dei media ufficiali non ha eguali. Ci hanno venduto per anni la morte della televisione e dei suoi padroni. Ovviamente non era vero.

3- La presentazione del maggior numero è una realtà. Ometterlo o negarlo sarebbe un tragico errore.

4- Le società europee sono più frammentate che mai. L’egoismo regna sovrano. Attualmente non esiste nulla che consenta la coagulazione attorno a un elemento catalizzatore.

5 – Lo Stato blocca meticolosamente discussioni e viaggi. La polizia e l’esercito sono più obbedienti che mai, avviene in Francia, come in Germania, in Italia, ecc..

Lotta di Popolo

6- Il gioco politico democratico e parlamentare è appena crollato quasi dappertutto. Non c’è vera opposizione da nessun partito. Gli ultimi gogo (creduloni) che potevano ancora credere che ci fosse la possibilità che un partito di massa emergesse hanno solo gli occhi per piangere.

7- Siamo noi l’obiettivo. Lo stato non ha alcun desiderio di combattere l’islamismo radicale o l’ultraviolenza nelle periferie. Sono i piccoli bianchi delle classi medie che devono scomparire, quelli dei giubbotti gialli originali.

Detto questo, cosa resta? La disperazione in politica è un’assurdità assoluta , scriveva Charles Maurras.

Stiamo giocando a un nuovo gioco. Naturalmente, le regole sono cambiate radicalmente. Questa è nuova. Ma il gioco continua. Dovremo semplicemente inventare nuove forme di azione.

I tempi sono eccitanti, assicuriamolo. Tutti possono vedere che il caos è alle nostre porte. Il terrorismo, la criminalità ultraviolenta, le restrizioni alle libertà si accumulano. Questi successivi e diversi scontri possono costituire, se ne siamo consapevoli, il famoso imprevisto della storia , amato da Dominique Venner.

Proteste del popolo contro l’Europa della finanza

Manteniamo la calma e la lucidità. In questo momento non abbiamo le carte giuste in mano. Siamo pazienti. Nella nuova situazione, il gioco potrebbe cambiare. Allora sarà il momento di smontare il nostro gioco e sconfiggere il nostro avversario.

Fonte: http://rebellion-sre.fr/chronique-des-temps-nouveaux-1/

Traduzione: Gerard Trousson

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM