Crocevia pericoloso: preparano una guerra nucleare in Ucraina?


di Eric Margolis

Quanti soldati americani moriranno nella battaglia per Luhansk? O Kerch? Non 1 su 1.000 americani è riuscito a trovare queste squallide città industriali ucraine (ex russe) su una mappa.

Quanti americani sanno che un’unità della Guardia Nazionale della Florida è di stanza nell’Ucraina occidentale , tra tutti i posti? È solo una missione di addestramento, dice il Pentagono. Destra. Formazione su come raccogliere le arance. Questo dall’esercito americano “invincibile” (io ne ero un membro) che si è fatto frustare il sedere in Vietnam, Iraq e ora in Afghanistan.

Non importa. Gli Stati Uniti, afferma il presidente Biden, sono preparati per una grande battaglia in questa oscura regione mineraria dell’ex Unione Sovietica. Le navi e gli aerei della Marina degli Stati Uniti ora sfidano i confini russi del Mar Nero e del Mar d’Azov. Unità della NATO sondano i confini aerei e terrestri dell’Ucraina.

Poseidon aereo spia US Navy sul Mar Nero

Washington avverte Mosca di non reagire alle intrusioni militari statunitensi. E, soprattutto, non invadere l’Ucraina – che faceva parte della storica Russia e dell’Unione Sovietica fino a quando l’URSS non è crollata dopo un colpo di stato progettato dagli Stati Uniti a Kiev che ha creato l’Ucraina orientata all’occidente. Oggi, l’Ucraina è governata da un ex comico televisivo la cui carriera è stata finanziata da loschi oligarchi e interessi occidentali.

Il presidente Biden ha quasi minacciato la guerra contro la Russia se Vlad Putin manterrà le minacce di attaccare l’Ucraina. Putin mette in guardia gli Stati Uniti dal suo nuovo arsenale di armi strepitose, molte delle quali nucleari. Questo mi ricorda la brillante battuta di un diplomatico italiano sul conflitto regionale su una sterile regione di confine eritrea: “due uomini calvi che litigano per un pettine”.

L’Ucraina è un buco nero economico, con un enorme inquinamento industriale, debiti titanici, furti sfrenati e una corruzione sconcertante.
Per la Russia, l’Ucraina era il suo ex cuore industriale e agricolo e componente chiave dello stato russo. Pensa all’Ohio improvvisamente staccato dall’America dai ribelli pro-Trump o alla Flotta Rossa che attraversa i Grandi Laghi.

Mosca non ha alcun dubbio che l’obiettivo strategico di Washington sia completare l’amputazione dell’Ucraina dalla Russia e poi continuare ad abbattere ciò che resta dell’attuale Federazione Russa. L’estremo oriente russo sarebbe un obiettivo chiave. Non c’è da stupirsi che Putin continui a lanciare avvertimenti sempre più terribili. Lui sa che la disgregazione della Russia è l’obiettivo numero uno dell’Occidente.
Siete pronti in Occidente per la guerra nucleare in Ucraina?
Sì, vero che Mosca ha spostato circa 80.000 soldati al “confine della NATO”. Ma questo confine è anche il confine esterno della Russia. Mosca ha tutto il diritto di farlo.
Putin non è un angelo (vedi la sua repressione dei ceceni) ma ha ragione quando dice che l’Occidente ha pugnalato alle spalle la Russia quando ha promesso oralmente di non espandere la NATO ad est in cambio dell’accordo di Gorbaciov alla riunificazione della Germania e alla sua inclusione nella NATO.

Oggi la NATO si è spinta nell’ex cortile di Mosca.

All’avanguardia della NATO ci sono la Polonia, i tre Stati baltici e l’Ungheria, (che odiano la Russia per motivi storici N.d.R.), e tutti hanno molte ragioni per temere e diffidare della Russia. Tutti sarebbero felici di vedere gli Stati Uniti entrare in guerra con la Russia.
Ma gli Stati Uniti non hanno obiettivi strategici né obiettivi logici di guerra nella Russia meridionale/Ucraina. Un ponte troppo lontano, come si dimostrò per la Germania negli anni ’40, una delle campagne più dure combattute da uno dei massimi generali tedeschi, Erich von Manstein.

È molto improbabile che Joe Biden o Vlad Putin vogliano una vera guerra calda in Ucraina. Vediamo un sacco di percosse ma nessuna vera azione militare, finora. Quello che nessuna delle parti ammetterà è che entrambe hanno una grave carenza di munizioni, pezzi di ricambio, carburante, veicoli di recupero e missili guidati. Né Kiev né Mosca possono permettersi di sostituire le armi perse anche in una guerra breve. L’America in bancarotta non è nella posizione di combattere per l’Ucraina. Gli altri alleati della NATO sono tigri di carta. La cosa più importante è che la Germania non ha alcun desiderio di combattere la Russia.
A differenza dei ringhiosi repubblicani al Congresso degli Stati Uniti, gli europei non vogliono nuove guerre. I loro ragazzi non sono pronti a morire per Luhansk.

Tuttavia un conflitto accidentale è sempre vicino e sempre più probabile.

Fonte: https://www.unz.com/emargolis/nuclear-war-over-ukraine/

Traduzione: Luciano Lago

17 Commenti
  • FRANCO
    Inserito alle 22:28h, 05 Gennaio Rispondi

    Spero vivamente che qualcosa si muova, senza che succeda niente di grave, almeno si smetterà di parlare di Covid e si tornerà alla quasi normalità.

    • atlas
      Inserito alle 02:12h, 06 Gennaio Rispondi

      prego tutti i giorni Iddio per una guerra atomica, nucleare, che distrugga tutto. Di Fascismo sociale non è rimasto nulla, i democratici si sono impossessati di tutto. E quelli come me li verranno a cercare. Io li ho evitati sino ad ora, disprezzati e schifati, ma loro mi verranno lo stesso a cercare

  • Valerio T
    Inserito alle 23:39h, 05 Gennaio Rispondi

    Come si fa a osservare i fatti che coinvolgono la Russia senza tener minimamente conto del contesto generale in cui si muove la classe dirigente russa. Sono decenni che basano esclusivamente la loro strategia sull’imposizione della loro dottrina, in Cecenia, Georgia, Ucraina e Bielorussia e ora Finlandia e Kazakistan senza contare gli ex stati dell’URSS, hanno riversato le loro pretese senza mai aver cercato un atteggiamento coinvolgente, mai una esitazione, mai un approccio diverso, solo bastoni o ricatti, metodi usati senza tener conto che una politica del genere porta contrapposizioni e voglia di rivalsa sino all’inevitabile distacco. Capire che se hai solo nemici quelli che bussano alla tua porta non potranno essere che nemici non dovrebbe essere difficile. Oggi quei nemici dimostrano di essere stanchi di una politica isolazionista e Putin invece di avviare una politica più inclusiva cosa fa? Insiste nell’alimentare le divisioni col risultato di rendere ancora più instabile il ruolo della Russia non tra i suoi antagonisti, ma bensì tra quelli che lei definisce “partner”. Non vi sembra che sia giunto il momento di pensare ad una nuova classe politica?

    • Stefano
      Inserito alle 23:55h, 05 Gennaio Rispondi

      Abbiamo capito che non condividi l’impostazione di questo sito, Per tutti noi sei solo un fastidio, sei pregato d’andartene. Grazie

      • Renato 21
        Inserito alle 00:35h, 06 Gennaio Rispondi

        Certe teste da caz-o , capre ignoranti Non meritano nemmeno risposta trascorrono la maggior parte della loro esistenza a rompere i testicoli a chiunque per un po’ di notorietà mentre avrebbero bisogno di uno Bravo per salvare il salvabile quindi è consigliabile lasciar sguazzare quel paio di neuroni di cui dispongono in quella discarica che hanno al posto del cervello . Ossequi

      • Valerio T
        Inserito alle 10:32h, 06 Gennaio Rispondi

        Vedi Stefano io non sto qui con la pretesa di convincere qualche filorusso a cambiare opinione, io sto qui per conoscere il nostro nemico, solo così è possibile vincere le guerre. Io ho studiato l’arte della guerra di Sun Tzu,, studiato non letto, e se lo facessi anche tu capiresti che conoscere il tuo nemico è fondamentale. Sino al 2014 vi avevamo sottovalutati o meglio, non sospettavamo che foste degli infami, ma dopo quello che avete combinato in Ucraina le cose sono cambiate. Siete stati scoperti e siamo lentamente corsi ai ripari. Il 14 novembre 2017 Theresa May (Premier Britannico) in un incontro ufficiale rivolgendosi a Putin disse: “sappiamo cosa stai facendo e non te lo permetteremo” si riferiva alle trame che tessevano i russi per destabilizzare l’UE, e da allora, lentamente, vi abbiamo restituito tutto quello che stavate architettando per noi. Capisci ora? Siete come l’AIDS “se lo conosci lo eviti”. Saluti

        • Stefano
          Inserito alle 13:33h, 06 Gennaio Rispondi

          Quello che hai scritto è semplicemente delirante.

          • Valerio T.
            Inserito alle 16:42h, 06 Gennaio

            Delirante? Vai in Kazakistan a sfogarti.

          • Valerio T.
            Inserito alle 16:49h, 06 Gennaio

            E aggiungo: Finlandia, Repubbliche Baltiche, Bielorussia, Ucraina, Georgia, Cecenia Kazakistan……… tra i vostri confinanti, vi odiano tutti, bella soddisfazione.

    • LN 2
      Inserito alle 00:39h, 06 Gennaio Rispondi

      Perchè insisti con queste palesi falsità? Se tu odi la Russia è un problema tuo ma non puoi pretendere che gli altri si debbano conformare ai tuoi deliri.

      • Valerio T
        Inserito alle 10:37h, 06 Gennaio Rispondi

        Anche a te, ti rimando alla risposta che ho dato a Stefano.

      • Valerio T.
        Inserito alle 16:52h, 06 Gennaio Rispondi

        Gli altri? Vi odiano tutti, ma proprio tutti, non perché siete russi, ma perché siete infami.

    • Hannibal7
      Inserito alle 01:01h, 07 Gennaio Rispondi

      Tu non stai mica bene sai?…..
      Tu non hai le fette di salame sugli occhi…ce le hai proprio DENTRO gli occhi e ciò ti impedisce di vedere come stanno le cose
      Putin negli ultimi mesi si sta prodigando per scongiurare un conflitto dagli esiti catastrofici mentre dall’altra parte dell’oceano quei maiali fanno buon viso a cattivo gioco
      Tutti i santi giorni aerei USA e Nato volano sfiorando,fino a 10 km l’ultimo volo,i confini russi e Putin ha avuto ancora la pazienza di sopportare
      Ti rendi conto che USA e Russia (prima URSS) sono due blocchi militari contrapposti fortemente armati di ordigni nucleari???
      Riesci a capire che la presenza americana ai confini russi è, prima di tutto provocatoria e in secondo luogo non meno importante è fortemente destabilizzante???
      Mi sembra che i russi stiano lavorato molto per arrivare ad un compromesso di pace
      E mi sembra anche che sia arrivato ora il momento per te di cambiare aria…o per lo meno di evitare di scrivere
      Ps: e non credo nemmeno che abiti davvero in Ucraina come hai scritto qualche giorno fa, sarà una delle castronerie che hai avuto il coraggio di scrivere fin’ora
      Dasvidania yankee

  • Padova
    Inserito alle 01:18h, 06 Gennaio Rispondi

    Forse in passato al tempo dell’Urss magari il Sig Valerio aveva qualche ragione, ma da almeno 20 anni la Russia ha cercato di sopra vivere e poco più. Cosa doveva fare Putin? Abdicare a favore di un nuovo Eltsin che avrebbe demolito la federazione Russa vedendola a pezzi agli occidentali? Doveva strisciare come un verme ai piedi degli USA? Doveva abbandonare la Crimea da due secoli Russa e con essa perdere tutto il mar Nero? Doveva diventare un membro della Nato ed adottare l’inglese come lingua ed il dollaro come moneta? E’ lecito che il signor Valerio sia così lusingato dalle ” bellezze” del sistema turbo capitalista americano e dalle insignificante europee, ma non può pretendere che tutto il mondo la pensi come lui.

  • atlas
    Inserito alle 02:07h, 06 Gennaio Rispondi

    la maggior parte di tutti questi nuovi nomignoli che leggo nei commenti agli articoli ci giurerei che appartengono tutti allo stesso troll democratico. Ma i fatti sono altri. Nell’articolo seguente, quello sul Generale Suleimani, si dà spazio a un’agente del regime dell’italia democratica, almeno lo era sino a qualche mese fa. Sì lo sono stato anch’io, più di 35 anni fa però, quando non si era in una galera a cielo aperto. Ora quì si scrive di uno che è stato in Vietnam, in Iraq e in Afghanistan, e non ci è morto. MA KE KAZZO è diventato questo sito. Cosa c’è più di contro, l’ardito di destra ? Ma forse è anche vero che c’è Paolo Berlusconi dietro …

    • Arditi, a difesa del confine
      Inserito alle 12:30h, 06 Gennaio Rispondi

      Abbiamo capito che non condividi l’impostazione di questo sito, Per tutti noi sei solo un fastidio, sei pregato d’andartene. Grazie (cit.)

      • atlas
        Inserito alle 19:51h, 06 Gennaio Rispondi

        l’abbiamo capito da tempo che sei una bestia introdottasi per non stare ad annoiarsi su una panchina dei giardinetti pubblici perchè nemmeno nipoti hai. E nemmeno sei in grado di scrivere un qualcosa di decente. Copia, incolla e prenditelo a casa

Inserisci un Commento