Crisi nei rapporti tra Israele e Russia

Il ministero degli Esteri russo ha denunciato i bombardamenti israeliani in Siria e ne ha chiesto la fine immediata senza condizioni.

Il Ministero della Giustizia russo ha scritto al governo israeliano chiedendo l’immediata cessazione delle attività dell’Agenzia Ebraica nel suo territorio1 .
Opinione analisti arabi: Israele usa la guerra Russia-Ucraina a proprio vantaggio contro i palestinesi.

Come ha di recente scritto la dr. Marwa El-Shinawy, in un sua analisi:
“Israele ha intensificato i suoi attacchi contro i palestinesi dall’inizio della guerra in Ucraina”, riportato anche dal primo ministro palestinese, Mohammad Shtayyeh. È chiaro che l’attuale governo israeliano sta usando la guerra russo-ucraina a proprio vantaggio il più possibile per servire i suoi interessi a livello locale e globale.

La prima strategia è accelerare il ritmo degli insediamenti e cambiare la realtà sul campo, soprattutto a Gerusalemme e nella moschea di Al-Aqsa (Gerusalemme), per rafforzare la politica di “riduzione del conflitto” adottata dal governo Bennett-Lapid, per indebolire in modo decisivo le due -soluzione statali. Ad esempio, non appena sono iniziati gli scontri militari, il ministro israeliano dell’Immigrazione Pnina Tamano Shata ha annunciato che Israele era pronta a ricevere migliaia di immigrati “ebrei” dall’Ucraina.

Oltre a questo, le autorità israeliane hanno indicato che “Israele” aveva informato gli ebrei dell’Ucraina già da prima di prepararsi a emigrare in caso di conflitto armato. Alcuni immigrati hanno già iniziato ad arrivare in Israele, sia dall’Ucraina che dalla Russia. L’Institute for Jewish Policy Research stima che il numero di ebrei in Ucraina che possono beneficiare della legge israeliana sul ritorno e immigrare in “Israele” dall’Ucraina è di circa 200.000, concentrati a Kiev, Dnipropetrovsk, Kharkiv e Odessa.
La divisione degli insediamenti israeliani dell’Organizzazione sionista mondiale ha anche annunciato l’inizio di una mossa per creare 1.000 nuove unità abitative degli insediamenti per accogliere gli ebrei in fuga dall’Ucraina. Questi edifici saranno eretti in aree vicino al confine settentrionale del Negev, Wadi Araba, Wadi Springs vicino a Beisan e nella Valle del Giordano. Anche il ministro dell’Interno israeliano Ayelet Shaked ha descritto questa nuova immigrazione, dicendo, secondo Jewish Channel 7: “Penso che sia un lavoro importante e necessario per rafforzare il vertice del Negev”.

Insediamenti israeliani sulle terre palestinesi


La seconda strategia è il tentativo di Israele di mediare il conflitto tra Russia e Ucraina per impiantare l’idea di “Contributo israeliano alla pace mondiale” e migliorare l’immagine diplomatica di Israele. (….).
La terza strategia su cui Israele fa affidamento è la pressione economica sui palestinesi, poiché l’Unione Europea, nel marzo 2022, ha “rinviato” la consegna degli aiuti dell’Unione all’Autorità Palestinese (del valore di 235 milioni di dollari) a causa di ciò che l’Ungheria considerava un “anti -Tendenza semitica nei curricoli educativi palestinesi”. Inoltre, l’Unione, dopo l’onere dell’affrontare la crisi ucraina e le conseguenze dell’assedio alla Russia, può ridurre i suoi aiuti, sia all’Autorità palestinese che alle organizzazioni della società civile palestinese. (…..).

Tuttavia, nonostante la desolazione della scena, la guerra russo-ucraina offre opportunità per cambiamenti politici, economici e geopolitici internazionali che possono riflettersi positivamente nella questione palestinese, poiché l’aumento dell’influenza russa nel quadro del riequilibrio del sistema internazionale, se la Russia raggiungerà i suoi obiettivi nella guerra, questo rappresenterà un fattore importante nell’interesse della causa palestinese e un’opportunità che può essere sfruttata. Ciò soprattutto perché con la continuazione della guerra in Ucraina, “Israele” assumerà necessariamente posizioni più sbilanciate nei confronti degli Stati Uniti, che rifletteranno sulle sue relazioni con la Russia.
Per questo motivo, sostiene la dr. Marwa El-Shinawy, tutte le parti palestinesi in conflitto devono utilizzare questi eventi per porre fine alla divisione e concordare un programma nazionale di liberazione e lavorare per impedire che la questione regredisca a livello globale e trovare un discorso palestinese sviluppato commisurato agli sviluppi degli eventi nel mondo.

Ma la cosa più importante è attivare pressioni basate sul confronto, il caso palestinese contro il caso ucraino, soprattutto alla luce di quanto hanno rivelato la guerra in Ucraina e le severe sanzioni internazionali alla Russia della duplicità nell’applicazione del diritto internazionale e dell’esclusione di Israele dalle sanzioni, nonostante rappresenti una minaccia esistenziale per il popolo palestinese e la sua persistenza in violazione del diritto internazionale.


Dr. Marwa El-Shinawy : Assistant Prof. presso l’International American University for Specialized Studies (IAUS)

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM