Crimine e impunità… Un anno di bugie sul terrorismo Nord Stream della NATO a guida statunitense genera altra guerra


Editoriale
Il fatto che a Biden e agli Stati Uniti sia stato permesso di farla franca con l’oltraggio del terrorismo al Nord Stream è il motivo per cui Washington e i suoi accoliti della NATO hanno continuamente intensificato la guerra per procura in Ucraina contro la Russia nell’ultimo anno.
L’impunità assoluta per l’esplosione dei gasdotti Nord Stream offre uno scenario spaventoso dell’illegalità e della barbarie nel mondo di oggi.

Gli Stati Uniti e i loro complici della NATO stanno spingendo incautamente e insensibilmente una guerra in Ucraina contro la Russia che ha visto massacrare fino a mezzo milione di soldati ucraini e sta mettendo il mondo a rischio di una conflagrazione nucleare. La follia criminale deriva dalla mancanza di qualsiasi responsabilità legale per gli Stati Uniti, che grottescamente si dichiarano custodi dell’”ordine basato sulle regole”.

Un anno fa, questa settimana, è stato commesso un crimine oltraggioso contro la pace internazionale, eppure i governi e i media occidentali si comportano come le proverbiali scimmie che incredibilmente si rifiutano di vedere, sentire o parlare di qualsiasi male.

Le profonde sfide morali e filosofiche meritano di essere esplorate in un romanzo epico simile al classico Delitto e castigo di Dostoevskij.
Ma questa non è finzione. Sono fatti freddi della vita reale.
La spiegazione di gran lunga più credibile per la distruzione dei gasdotti Nord Stream è fornita dai rapporti investigativi del veterano giornalista americano Seymour Hersh.

Molti altri osservatori indipendenti concordano con il resoconto di Hersh secondo cui i gasdotti sotto il Mar Baltico furono fatti saltare in aria da un’operazione militare segreta degli Stati Uniti in collusione con altre forze della NATO.
Secondo Hersh, il sabotaggio è stato ordinato dal presidente Joe Biden e dai suoi massimi collaboratori della Casa Bianca.

L’infrastruttura destinata a pompare gas naturale dalla Russia alla Germania era di proprietà di queste due nazioni così come di numerose altre società europee. La sua costruzione è costata almeno 20 miliardi di dollari in un decennio. Il 26 settembre 2022 i tubi furono resi inutilizzabili da una serie di esplosioni sottomarine.

Biden aveva esplicitamente minacciato nel febbraio 2022 di eliminare i tubi del gas durante una conferenza stampa alla Casa Bianca accompagnato dal cancelliere tedesco Olaf Scholz.

Lo scopo degli americani era quello di tagliare fuori l’Europa e la Germania, in particolare, dal combustibile energetico russo, che doveva essere sostituito dalle esportazioni statunitensi di gas naturale liquefatto, molto più costose. Ottimo per le imprese americane, assolutamente dannoso per l’Europa, come ora testimoniano le economie europee colpite dalla recessione.
Il motivo e i mezzi per eseguire il crimine sono stati accuratamente descritti da Hersh e altri.

Eppure, in un audace atto di negazione collettiva, i governi e i media occidentali si rifiutano di indagare su questo crimine monumentale. I rapporti ufficiali sull’incidente condotti da Danimarca, Germania e Svezia sono stati soppressi senza che siano state pubblicate conclusioni sull’identità dell’autore del reato.

Alla Russia è stato rifiutato il permesso da parte degli stati europei di partecipare ad un’indagine penale congiunta.

Questa settimana Mosca ha nuovamente invitato il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite a condannare il sabotaggio e ad avviare un’indagine imparziale sulla straordinaria violazione del diritto internazionale. I precedenti appelli della Russia al Consiglio di Sicurezza sono stati respinti dalle potenze occidentali.

Ridicolmente, i media occidentali hanno finto un agnosticismo riguardo alle “misteriose esplosioni”. Tali media si sono lasciati andare ad una palese disinformazione diversiva, ad esempio, inizialmente sostenendo che la Russia aveva compiuto un auto-sabotaggio, e poi sostenendo che l’operazione militare sofisticata e altamente complessa era stata l’impresa di “militanti filo-ucraini” che lavoravano su uno yacht.

C’è una ragione preminente per il silenzio occidentale. Cioè, per evitare il proverbiale elefante nella stanza che si tratti di un crimine terroristico commesso dagli Stati Uniti su ordine del suo presidente.
Riconoscere questo fatto porterebbe naturalmente gli Stati Uniti ad un fatale discredito. Sarebbe visto più che mai come uno stato terroristico canaglia che presume di essere al di sopra della legge.

Gli interessi imperialisti di Washington di dominare l’Europa e di sostituire la Russia come fornitore di energia sono centrali nella ragione della guerra in Ucraina. Questo programma egoistico e criminale diventa evidente se l’atto terroristico Nord Stream viene riconosciuto e adeguatamente compreso. L’opinione pubblica occidentale si scatenerebbe per la falsa propaganda sulla guerra in Ucraina e per la presunta “difesa della democrazia”.

Non solo, ma gli Stati europei e quelli della NATO sarebbero visti come complici criminali e patetici vassalli quali sono. Gli Stati Uniti sabotano le infrastrutture civili europee e le economie dei loro presunti alleati – eppure questi alleati non pronunciano una parola di protesta. In effetti, hanno partecipato volontariamente e docilmente al loro autolesionismo.

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz e gli altri leader europei dovrebbero essere perseguiti per complicità nel terrorismo internazionale e tradimento contro i loro interessi nazionali.

Per ironia della sorte, questa settimana, Joe Biden, mentre era in Arizona, ha osato dire agli elettori americani che si troveranno di fronte a una scelta difficile nelle elezioni presidenziali del prossimo anno. Biden ha affermato che la scelta dei cittadini statunitensi spetterebbe a “sostenere la democrazia” sotto la sua continua leadership o “eleggere l’estremismo” sotto Donald Trump o qualche altro candidato repubblicano.

Cosa potrebbe esserci di più estremo dell’ordine di Biden alle sue agenzie militari di far saltare i gasdotti di proprietà della Russia e di altri stati europei?
Il fatto che a Biden e agli Stati Uniti sia stato permesso di farla franca dopo l’indignazione del terrorismo Nord Stream è il motivo per cui Washington e i suoi accoliti della NATO hanno continuamente intensificato la guerra per procura in Ucraina contro la Russia nell’ultimo anno.

La sorprendente impunità concessa agli Stati Uniti e ai suoi complici della NATO sull’incidente del Nord Stream è coerente con il modo in cui queste stesse potenze imperialiste se la sono cavata con omicidi di massa e conducendo guerre criminali per decenni senza alcun procedimento giudiziario. L’establishment statunitense e le sue agenzie clandestine sono un sindacato criminale che soffre anche di manie di virtù.

L’impunità genera altra criminalità. Gli Stati Uniti e i suoi partner occidentali raramente, se non mai, sono stati chiamati a rispondere dei loro crimini storici contro il resto del mondo. Quando un atto di terrorismo così trasparente e sfrontato viene perpetrato come nel sabotaggio del Nord Stream e viene ignorato, allora il mondo è passato a una situazione ancora più pericolosa in cui i crimini non hanno punizione e possono essere commessi crimini ancora più grandi e nefasti.

Gli Stati Uniti e i loro scagnozzi della NATO, in particolare la Gran Bretagna, stanno armando il regime nazista a Kiev con carri armati, bombe a grappolo, proiettili all’uranio impoverito e missili a lungo raggio per colpire la Russia. L’impunità che gli americani e i loro partner credono di aver acquisito è scioccante e orribile. Non c’è restrizione.

Per anni, l’asse NATO ha armato e addestrato battaglioni nazisti in Ucraina per portare cinicamente una guerra imperialista alle porte della Russia. La scandalosa adulazione del Canada nei confronti di un criminale di guerra nazista nel suo parlamento la scorsa settimana è un segno dei tempi depravati in cui viviamo. Ma siamo arrivati ​​a questa degenerazione perché, come illustra l’incidente del Nord Stream, le potenze occidentali, in primo luogo il potere esecutivo americano, sentono non solo sono al di sopra della legge, ma hanno anche il diritto di infrangere la legge per qualunque obiettivo ritengano desiderabile.

Quando coloro che professano di sostenere la legge la infrangono, allora non esiste legge. Questo è il mondo spaventosamente barbaro in cui viviamo oggi.
Biden ha messo in guardia questa settimana dal fascismo che si sta insinuando negli Stati Uniti sotto forma di rivali politici interni. La realtà è che il fascismo, l’illegalità imperialista e la barbarie sono già ben radicati in questa Casa Bianca.

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

8 commenti su “Crimine e impunità… Un anno di bugie sul terrorismo Nord Stream della NATO a guida statunitense genera altra guerra

  1. La Russia deve smetterla di lamentarsi perché gli USA & i paesi NATO con un atto TERRORISTICO gli hanno fatto saltare in aria i suoi Gasdotti internazionali !
    Era logico che gli USA e i suoi paesi satelliti la facessero FRANCA !
    Se controlli l” ONU e se nessun paese libero protesta e non esiste un blocco politico-militare-finanziario internazionale che si opponga agli USA e ai paesi NATO è logico che USA & NATO facciano ciò che vogliono !
    P.S.
    La Russia con relativa facilità avrebbe potuto far saltare in aria per rappresaglia Gasdotti -Navi Gasiere -Rigassificatori -Oleodotti-Piattaforme petrolifere -cavi internazionali di fibra ottica USA e dei paesi NATO !
    Se non ha fatto la Russia nessuna rappresaglia vuol dire che i danni subiti dalla Russia a seguito del” interruzione Terroristica dei gasdotti Russi del Mar Baltico fatti saltare in aria sono stati irrisori o contenuti ! Se la Russia vende ai paesi UE una cifra irrisoria di gas metano Russo che però lo pagano il triplo alla fine ci ha pure guadagnato la Russia !

  2. Mi sembra che l’attitudine degli USA in questo conflitto e nella politica interna ed internazionale sia assai scomposta .non rispettano più nulla nemmeno i loro stessi valori e le regole che si sono dati.

  3. Ripetitivo, articolo già letto e riletto , un reimpasto del vecchio … sempre
    La solita menata , abbiamo capito tutti chi ha fatto esplodere sto’ gasdotto di merda … stai diventando come un disco che salta …

  4. Lo sanno tutti quelli che lo vogliono sapere, che quel vecchio con chiari problemi neurologici che occupa la Casa Bianca, è in mano alla finanza e all’apparato industrial-militare, e quindi è un terrorista e una canaglia.

  5. dove sono i ragazzi del ’67, tutti in piazza “GIU’ LE MANI DAL VIETNAM”? I nipoti, nativi digitali, passano la vita a strisciare il dito per sterili sfoghi virtuali. Nulla più ci commuove, continuamente bombardati di sensazioni fasulle. Che dire? Grandi professionisti della distruzione. Disse Bush dell’Iraq: “facciamo prima tabula rasa”.

  6. i 68ini ora fanno gli stalker sulle piattaforme digitali del mainstream , ci rompono i maroni con la balla delle “fake news” , si sono alleati coi ragazzini smanettoni per dominare le piattaforme social , il web , google , amazon , netflix , yahoo : sfido chiunque a trovare un posto nel digitale internet non tossico di propaganda .

  7. Nel mondo della propaganda direzionata dagli oligarchi è chiaro ed evidente che i tubi sono scoppiati da soli per sovrapressione. Nel mondo degli eletti e dei gentili funziona così. Difetto di progettazione. La Russia dovrebbe sedersi sulla sedia degli imputati ed essere chiamata a rispondere dei danni ambientali causati.

  8. Scusate, ma dopo c’ ho che abbiamo visto l’ 11 settembre 2001 quando WTC7 (grattacelo di 115 metri) “implode” a causa di “vibrazioni e spostamento d’ aria…”!? La realtà è che siamo governati a livello mondiale da una classe dirigente CRIMINALE i quali godono del controllo di POLITICA, Magistratura, Media, Esercito. TUTTO! Delinquenti comuni ubriaconi da osteria supportata da convinzioni messianiche-religiose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM