Crimea: la Russia può creare facilmente una no-fly zone

In Ucraina, hanno apertamente affermato che lo spazio aereo sopra la penisola di Crimea “appartiene all’Ucraina”. Per di più, non molto tempo fa, Kiev ha invitato l’aviazione della NATO “a compiere voli nella regione della Crimea” sulla zona di manovra d’interazione tra il blocco militare e gli alleati a cui l’Ucraina fa riferimento. Kiev aggrava la situazione e concentra forze e mezzi nelle aree confinanti con la Crimea, nelle regioni di Kherson e Nikolaev.

Probabilmente, gli ucraini ritengono che la comparsa di aerei da combattimento della NATO nell’area delle frontiere aeree della Crimea “dimostrerà alla Russia la gravità della situazione”. Tuttavia, diventa chiaro che il blocco Nord Atlantico non scatenerà una guerra per l’Ucraina, ma potrebbero prendere parte a tale provocazione. E se si considera che gli inviti ucraini sono volti a “volare nella regione della Crimea”, la provocazione potrebbe facilmente riguardare il contesto aereo.

Missili Pantsir S-1

Kiev sta dimenticando che in caso di ulteriore escalation nella regione e coi tentativi di coinvolgere gli aerei militari della NATO, la Russia potrà trasformare lo spazio aereo sulla regione a Nord del Mar Nero come pure sulla parte settentrionale del Mar Nero in una no-fly zone. Ne ha i mezzi e le possibilità.

Raggio d’azione dei missili russi

In Crimea è di stanza una divisione di difesa antiaerea (“Protivovozdushnaja Oborona”) riarmata con sistemi missilistici antiaerei S-400 “Triumph” . Inoltre, la difesa dello spazio aereo, comprese le strutture d’importanza strategica presenti sulla penisola, è fornita da altri sistemi di difesa antiaerea, come ad esempio il “Pantsir-S1” (sistema di cannoni missilistici antiaerei – “Zenitnyj Raketno-Pushechnyj Kompleks”).
Le funzioni di monitoraggio e protezione dello spazio aereo sulla regione settentrionale del Mar Nero sono assegnate a unità dotate di sistemi di guerra elettronica e di relative contromisure.

Per creare una no-fly zone, il comando delle forze può anche includere gli aerei della Flotta del Mar Nero e della Marina Militare russa, compresi i caccia Su-30SM. Pertanto, di fatto, su questa direzione la Russia è pronta a qualsiasi provocazione.

Fonte: https://avia.pro/news/ukraina-rossiya-mozhet-legko-sozdat-bespolyotnuyu-zonu-gde-ugodno

Traduzione di Eliseo Bertolasi

6 Commenti
  • Mario
    Inserito alle 11:00h, 11 Aprile Rispondi

    W RUSSIA W CINA ULTIMA SPERANZA di
    LIBERTÀ CONTRO L ‘IMPERO DEL MALE
    EBREO SIONISTA —– AMERICANO

    • Anonimo
      Inserito alle 21:09h, 13 Aprile Rispondi

      sei fuori come un balcone, la cina speranza di libertà ”’

  • RM
    Inserito alle 12:33h, 11 Aprile Rispondi

    Il complesso di inferiorità russo sta scivolando lentamente in depressione. Che fine da zitella acida che sta facendo la Russia, tutti i vicini la detestano e se ne vogliono liberare, e Putin sfrutta questa antipatia che in alcuni casi è proprio odio per mantenere e consolidare il suo potere. Mostra i muscoli col duplice intento di apparire pericoloso sia per gli stati confinanti che per il popolo russo.

  • Ilija kostic
    Inserito alle 13:26h, 11 Aprile Rispondi

    Vedo che non sai proprio niente di storia ,ti consiglio leggere cosa e scritto generale inglese Montgomeri riguardo a provare fare guerra a Russia

  • Leo
    Inserito alle 15:33h, 11 Aprile Rispondi

    Il complesso di inferiorità degli europei vorrai dire che ubbediamo come cagnolini agli americani facciamo pena e schifo

  • Gio
    Inserito alle 21:35h, 11 Aprile Rispondi

    Putin ancora nn ha capito che deve intervenire immediatamente e incenerimento l ucraina,altrimenti continua a perdere le guerre come successo fino adesso in siria Libia e Armenia x via di una misera Turchia,io amo putin e la Russia,xo la vedo in troppo fumo e niente arrosto,si fa mettere i piedi in testa da tutti,e poi mi domando ,l esercitazioni che fanno ogni anno insieme a cina e Iran dove stanno adesso?nn si aiutano mai

Inserisci un Commento