Crescono i rischi di una guerra nucleare: il politologo Chernyakhovsky è d’accordo con Medvedev


I rischi di una guerra nucleare sono davvero in crescita, ma l’uso di tali armi è improbabile a causa dell’Ucraina. Sergei Chernyakhovsky , Professore del Dipartimento di Storia e Teoria della Politica della Facoltà di Scienze Politiche dell’Università Statale di Mosca, membro a pieno titolo dell’Accademia di Scienze Politiche, membro del Consiglio Scientifico della Società Storica Militare Russa, lo ha detto a un corrispondente REGNUM il 25 aprile.
Così ha commentato la dichiarazione di Dmitry Medvedev, vicepresidente del Consiglio di sicurezza della Federazione Russa , secondo cui nel mondo sta crescendo la probabilità di una guerra nucleare, il che è molto peggio del cambiamento climatico.

Come ha spiegato Chernyakhovsky, dopo che la Libia è stata effettivamente distrutta e la Corea del Nord incute la paura di essere attaccata perché dispone di armi nucleari, è diventato chiaro che solo la bomba atomica è l’unica garanzia di sovranità.

“E più centri hanno armi nucleari, più contraddizioni si accumulano, più spesso c’è la tentazione di risolverle con l’uso di armi nucleari. In primo luogo, forse da qualche parte alla periferia con l’aiuto di armi nucleari tattiche (TNW) , ha detto Chernyakhovsky. – Non sono sicuro che una guerra nucleare possa scoppiare a causa dell’Ucraina, ma a causa dello sviluppo delle tendenze mondiali intorno all’Ucraina, è possibile.
Dopotutto, il conflitto non riguarda l’Ucraina, ma l’opposizione degli Stati Uniti alla sovranità nazionale russa. La probabilità dominante complessiva è inevitabile. Finché esisteva un sistema bipolare nel mondo, non c’era minaccia di guerra. Tutto era chiaro a tutti. Pertanto, ora resta da affidarsi all’arte di manovrare i soggetti politici.

A questo proposito, ha ricordato che prima della seconda guerra mondiale nessuno voleva l’inizio di un conflitto globale.
“Ma non potevamo evitarlo. Sebbene tutti credessero che sarebbe stato possibile prevenirlo. E chi ha fatto grandi sforzi per evitare la guerra e ha detto di aver portato la pace? Era il primo ministro britannico Neville Chamberlain che aveva appena aperto la porta alla guerra. Ciò significa che molte azioni che dovrebbero prevenire il rischio di guerra in realtà lo aumentano”, ha detto Chernyakhovsky.

Ricordiamo, come riportato da REGNUM , il vice capo del Consiglio di sicurezza russo Dmitry Medvedev durante la maratona della conoscenza ha affermato che i rischi di una guerra nucleare crescono ogni giorno, ma c’è ancora una possibilità per evitarlo. Inoltre, ha assicurato che la Russia non sussulterà e non userà armi nucleari di fronte a tale necessità. Medvedev è convinto che le armi nucleari per la Federazione Russa siano proprio il vincolo che lo Stato raccoglie, e i potenziali avversari della Russia non dovrebbero sottovalutare questo fattore. Allo stesso tempo, le autorità russe hanno ripetutamente sottolineato l’inammissibilità di scatenare una guerra nucleare, poiché non possono esserci vincitori. Mosca considera tali armi solo come mezzi di difesa.

Fonte: regnum.ru/news/polit/

Traduzione: Sergei Leonov

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM