Cresce la fuga da Forza Italia: ultima transfuga Renata Polverini

di Luciano Lago

Come ci si poteva aspettare aumenta il numero degli esponenti di Forza Italia che prendono la via di fuga dal Partito di Berlusconi e si dirigono verso “altri lidi”.
Questo è il caso della Renata Polverini che si è dichiarata risentita per aver subito, secondo le sue dichiarazioni, “un grave atto di ostruzionismo da parte del capogruppo di Forza Italia, Sisto, che non ha consentito, con una banale scusa che nasconde una evidente ostilità verso l’iniziativa, l’abbinamento d’ufficio, come sempre accaduto, della mia proposta di legge sullo ius-culturae a quella dell’onorevole Boldrini sullo ius-soli”. La stessa Polverini ha annunciato di essersi sospesa dal gruppo di FI.
La Polverini promuove lo “Ius Culturae” che è una forma più morbida dello Jus Soli ma alla fine si concretizza comunque nel riconoscimento della cittadinanza ai migranti che abbiano concluso un ciclo di studi nel nostro paese.

Il “sempre verde” Berlusconi

Una convergenza di fatto con la proposta della sinistra. Una proposta che vede invece l’ostilità delle formazioni di destra, a partire dalla Lega e Fratelli d’Italia ma includendo anche buona parte di Forza Italia.
Secondo una indiscrezione trapelata dal quotidiano Il Secolo d’Italia, in realtà la Polverini, che è stata leader della formazione sindacale, Unione Generale del Lavoro, sembra sia stata indotta nella sua decisione da una vicinanza manifestatasi con il nuovo partito di Matteo Renzi, “Italia Viva”.
La stessa Polverini, non più tardi di qualche settimana fa, si prodigava a dare consigli a Matteo Salvini, dichiarando che il Centro Destra per essere vincente, secondo lei , dovrebbe “essere vincente se liberale, europeista ed atlantista”.
Questo programma, a nostro modesto avviso, si dimostra esattamente l’opposto di quanto una vera forza di opposizione al regime dovrebbe manifestare, casomai un programma alternativo, ovvero dovrebbe essere sovranista, anti oligarchico (anti-Bruxelles), anticapitalista, identitario, contro la NATO e la dominazione anglo USA.
La conseguenza di queste posizioni sarebbe quella di opporsi alla dominazione delle oligarchie di Bruxelles ed alla finanza predatrice che ha ingabbiato l’Italia nell’euro e nel sistema dell’usura.
Questo tuttavia è un programma che non appartiene a nessuno dei partiti dell’attuale schieramento parlamentare. Aumenteranno i passaggi da un partito all’altro ma i programmi rimangono tutti similari.

8 Commenti

  • Monk
    3 Ottobre 2019

    Una vera controinformazione sarebbe quella di descrivere bene, con analisi approfondite, la creatura della massoneria giudaica: il sistema della partitocrazia con le urne elettorali. Basterebbe capire una volta per tutte l’enorme presa in giro di questo perfetto meccanismo che vede ingranaggi di tutti i colori di partito con un loro preciso movimento meccanico che mette in moto la pagliacciata che attanaglia miliardi di individui convinti di dare un serio contributo alla società, inserendo su una misera scheda elettorale un segno come fanno gli analfabeti. La storia insegna l’inutilità di questa droga sociale, fin dai tempi di Giordano Bruno quando disse ‘Chiedere al potere di riformare il potere…che ingenuità!’. Poi Twain e tanti altri, ma nulla da fare, il gregge ha bisogno del cane, di un pastore e di comode stalle convinto che il giorno dopo può pascolare tranquillamente, senza pensare che l’ora del sacrificio è arrivata.

    • eusebio
      6 Ottobre 2019

      Il concetto di massoneria giudaica va tradotto con mossad, Soros, come Attali, come Lexy, come Cohen Bendit, come Gysi, come era Mark Wolf, sono agenti del mossad.
      Era un agente del mossad quella falsa imprenditrice russa che incastrò in un video il capo della FPO austriaca facendo cadere il governo sovranista, probabilmente è un infiltrato del mossad quel dirigente PD toscano vicino a Renzi che riprese l’audio al Metropole in cui hanno incastrato Savoini, probabilmente era un’infiltrata del mossad pure la modella che ha incastrato con l’accusa di stupro collettivo il figlio di Grillo, era un agente del mossad Epstein che ha incastrato mezza classe dirigente occidentale come pure l’ebreo maltese Mifsud che ha incastrato Papadopulos per sabotare Trump (e forse Trump per vendicarsi sta cercando di far finire in carcere il ragno al centro della tela Netanyahu) ed è un agente del mossad Adam Schiff, il cognato di un figlio di Soros che ha promosso l’impeachment a Trump, reo di non aver voluto bombardare l’Iran,
      Trump rappresenta gli americani che hanno speso trilioni di dollari e perso migliaia di vite nelle guerre promosse dal mossad e sono disposti a mollare l’entità sionista al suo tristissimo destino.
      La comunità ebraica americana sta perdendo potere a livello globale con la supremazia economico-militare russo-cinese, è mescolata per due terzi con le altre etnie sopratutto europee e non comprende il nazionalismo messianico di uno staterello sempre più simile ai suoi alleati locali wahabiti, sempre più vicini alla scomparsa.

  • giuseppe sartori
    4 Ottobre 2019

    a lago e monk va la mia stima ; si trovano poche voci che parlino chiaro.
    si potrebbe aprire un dibattito su cosa intendiamo per politica i programmi e le doti che un politico dovrebbe avere; il sistema attuale può solo essere definito PEGGIOCRAZIA.

    • Monk
      4 Ottobre 2019

      Grazie, esimio Giuseppe, rimane solo il mantra che non mi stancherò mai di enunciare: se permettiamo a 2/3 dei cittadini di stare almeno decentemente, essi si attaccheranno come sanguisughe al loro stile di vita, e li avremo sempre dalla parte del potere centrale, anche nella cabina elettorale dei massoni. Obbediranno a tutto pur di non perdere anche il minimo agio. Fine delle lotte sociali. Il rimanente 1/3 può crepare, non servono a nulla

  • Sed Vaste
    4 Ottobre 2019

    Ma figuriamoci se questa gente che si crede ” eletta” scende dal piedistallo per confrontarsi e risolvere insieme al popolino I problemi che lo attanaglia, LA giudaglieria e I massoni lavorano e trescano di nascosto sanno di essere da forca region per cui non vorranno mai apparire e confrontarsi con il popolo , tutti I partiti servono solo ed esclusivamente gli interessi Della Massoneria e degli Ebrei altrimenti non si spiega xche’ ora facciano entrare tutti sti delinquenti illegali che I’ll popolo Italiano non Vuole NeL modo piu assoluto

  • Eugenio Orso
    4 Ottobre 2019

    Preciso che il centro destra, così come si ripropone stancamente ad ogni elezione, è comunque ed è sempre stato liberale, europeista ed atlantista …
    Berlusconi si riempiva la bocca della parola(ccia) “liberale”, Salvini stesso è filo-usatlentista e filo-sionista, la Meloni credo che si adegui all’andazzo.
    Per quanto riguarda Polverini, direi che è una squallida figura di opportunista poltica e potrà cambiare casacca ancora.
    Ricordo che anni fa, quando si operò, le riservarono un’intera ala di ospedale, buttando fuori gli altri pazienti …
    Per cui, dopo forca italia bene italia viva (o morta!) di Renzi, dopo l’identitarismo va bene anche lo ius culturae.
    In fondo, per questi vermi, vale solo il Franza o Spagna purché se magna, come disse (forse che forse) il Guicciardini!

    Cari saluti

    • atlas
      5 Ottobre 2019

      ma mi meraviglio di te

      ma anche tu commenti sotto questo genere di pseudo-art.li (?)

      Polverini … è sempre stata insignificante anche per sua madre che l’ha partorita

      ma che scrivano di Marcello Dell’Utri e di massoneria siciliana piuttosto…se vogliono fare vera controinformazione

      e se no andate su TGcom24 che non c’è differenza

  • Max Tuanton
    4 Ottobre 2019

    Digitate” News n218 politiche giovanili la meloni” Sta Donna e’ LA piu vile di Tutti altro che di destra I fascisti si rigirano nelle tombe a vedere sta Donna serva di Sion pure lei filoisraeliana e pro cioccolatini con tutti gli italiani laureati ha messo uno a capo dell ‘him migrations che se va via Luce si vedono solo I Denti tale Paolo Diop

Inserisci un Commento

*

code