Covid: il delitto perfetto

di Antonio Di Siena

1 – In nome dell’Europa e dei conti in ordine fanno tagli selvaggi alla sanità e alla ricerca pubblica per dieci anni.
2 – La drastica riduzione della spesa determina la chiusura di numerosi ospedali, smantellamento di interi reparti e presidi territoriali e la pericolosa riduzione dei posti letto, pneumologia e terapia intensiva comprese.
3 – Il nuovo servizio sanitario nazionale “efficientato”, per funzionare, ha bisogno di molti meno medici, infermieri e ricercatori. I più giovani vanno a specializzarsi all’estero e restano lì a lavorare.
4 – Scoppia una pandemia e il governo, colposamente impreparato, si ritrova a gestirla con una sanità a pezzi e grandemente sottodimensionata. Posti letto e personale sanitario sono pochissimi rispetto alla necessità, la gente viene lasciata morire in corsia o a casa.


5 – Per risolvere il problema bisognerebbe, nell’immediato, investire una montagna di denaro per riportare stabilmente ospedali e posti letto entro numeri e dotazioni adeguate (anche richiamando i medici emigrati), riparando i danni prodotti in passato. Nel medio periodo programmare migliaia di nuove assunzioni di personale sanitario. Non lo si fa.
6 – Per ovviare vilmente a questa macroscopica contraddizione e contemporaneamente scongiurare altre migliaia di morti assolutamente evitabili si propende per una campagna di vaccinazione di massa – minori a rischio zero compresi – con un prodotto sperimentale autorizzato in via emergenziale.
7 – Il vaccino anti-covid diventa così la bacchetta magica per risolvere di colpo tutti i problemi della sanità pubblica.
8 – La campagna vaccinale viene affiancata da una gigantesca e martellante macchina di propaganda che polarizza il dibattito e squalifica chiunque ponga domande, anche solo di buonsenso.
9- Chi solleva dubbi o riserve sulla gestione pandemica o sul vaccino viene istantaneamente marginalizzato, ridicolizzato, messo alla gogna e additato come un pericolo pubblico per la buona riuscita dell’operazione di salvezza nazionale.

Passaporto sanitario


10 – Viene istituzionalizzato – e genericamente esteso – il termine “No Vax” che finisce col ricomprendere qualunque persona non si sottoponga alla vaccinazione anti-covid. Anche se in passato ha accettato di buon grado altre profilassi o ha vaccinato i propri figli.
11 – I No Vax diventano così il capro espiatorio perfetto cui addossare tutte le colpe della situazione di emergenza. Al punto che si comincia a definirli “terroristi” e viene proposto che si paghino anche le cure mediche costituzionalmente garantite (e finanziate anche dalle loro stesse tasse).
12 – L’opinione pubblica ha trovato finalmente il colpevole. Le responsabilità della politica, i tagli, il disastroso stato del Servizio Sanitario Nazionale scompaiono completamente dal dibattito.
13 – Su investimenti nella sanità, nuovi ospedali, nuovo personale, finanziamento della ricerca cala definitivamente un inquietante e vergognoso silenzio.

Se non lo capite nemmeno così mi arrendo.

Avvocato, blogger e autore di “Memorandum. Una moderna tragedia greca” (Gruppo L.A.D.)

Fonte: Antonio Di Siena

25 Commenti
  • Hannibal7
    Inserito alle 23:02h, 01 Settembre Rispondi

    ….
    Ora confrontateli con lo stesso giorno dell’anno 2020

    https://www.google.com/amp/s/www.repubblica.it/cronaca/2020/09/01/news/coronavirus_il_bollettino_di_oggi_1_settembre-265964984/amp/
    ….
    E i vaccini l’anno scorso ancora non c’erano ziofà!!!!
    La bacchetta magica di sta minkia!!!

    • atlas
      Inserito alle 08:00h, 02 Settembre Rispondi

      a casa mia senza green pass non entri

      • atlas
        Inserito alle 23:05h, 02 Settembre Rispondi

        hahahahahaha

  • Hannibal7
    Inserito alle 23:06h, 01 Settembre Rispondi

    Come previsto il mio secondo commento è in fase di MODERAZIONE ziofà
    Mi sono lasciato trasportare dall’inczzmento
    Cmq volevo dire…guardate i dati del 1 settembre 2020

    https://www.google.com/amp/s/www.repubblica.it/cronaca/2020/09/01/news/coronavirus_il_bollettino_di_oggi_1_settembre-265964984/amp/
    I vaccini non c’erano ancora ziofà
    Bacchetta magica di sta m….a!!!

  • Hannibal7
    Inserito alle 23:10h, 01 Settembre Rispondi

    Come previsto il mio secondo commento è in fase di MODERAZIONE ziofà
    Mi sono lasciato trasportare dall’inczzmento
    Cmq volevo dire…guardate i dati del 1 settembre 2020

    https://www.google.com/amp/s/www.repubblica.it/cronaca/2020/09/01/news/coronavirus_il_bollettino_di_oggi_1_settembre-265964984/amp/
    I vaccini non c’erano ancora ziofà….la bacchetta magica di sto ……!
    E mi trattengo dalle parolacce solo perché è già la terza volta che il mio commento va in MODERAZIONE….ziofà!!!!!!

  • Hannibal7
    Inserito alle 23:18h, 01 Settembre Rispondi

    Siccome il mio secondo commento va sempre in “attesa di moderazione” e non capisco perché…vi anticipo subito che i nuovi positivi del 1 settembre 2020 erano 978…e i vaccini ancora non c’erano
    La bacchetta magica….

    • atlas
      Inserito alle 05:07h, 02 Settembre Rispondi

      “attesa di moderazione” è una gran rottura di coglioni e Luciano dovrebbe risolvere. Infatti se una persona si vaccina contro la polio non prende la polio (e non ha paura dei non vaccinati).

      Se una persona si vaccina contro il vaiolo non prende il vaiolo (e non ha paura dei non vaccinati).

      Se una persona si vaccina contro il covid:
      – è terrorizzata dai non vaccinati
      – prende comunque il covid
      – trasmette il covid a chi incontra
      – va all’ospedale per covid
      – va in terapia intensiva per covid
      – muore per covid
      – e per autoconvincersi di aver fatto una cosa giusta sfascia i coglioni agli altri perchè si vaccinino anche loro

      • Hannibal7
        Inserito alle 06:49h, 02 Settembre Rispondi

        Infatti,hai detto bene Atlas
        I vaccinati sono super convinti di essere immuni o comunque di prendere il covid in “forma leggera” ma non è così
        E comunque gli scienziati dicono che la loro carica virale è più forte di un non vaccinato
        Si muore anche da vaccinati
        So di un signore che è entrato in ospedale per un intervento, tampone negativo.
        Dopo svariati giorni in ospedale si aggrava ed entra in coma.
        Dall’ospedale San Maurizio di Torino viene trasportato di urgenza al CTO dove gli viene asportato un ematoma cerebrale, motivo del ricovero….
        Riportato al San Maurizio gli comunicano che verrà trasferito per degenza in una struttura sanitaria più piccola e tranquilla
        Gli fanno il tampone…positivo!!!
        I sintomi si aggravano e viene trasportato all’ospedale Amedeo di Savoia
        Dopo circa 3 settimane muore
        84 anni, vaccinato con doppia dose Pfizer.. era il nonno di Matteo, il figlio della mia compagna….
        E quante ne sto sentendo di persone che sono morte o che stanno avendo problemi seri a causa della “vaccinazione democratica”
        ….

  • atlas
    Inserito alle 05:28h, 02 Settembre Rispondi

    molto interessante: Kennedy, società segrete, eurogendfor, e attacco violento alle libertà popolari. Con Stefano Re https://youtu.be/5mI757nUlyc

  • Hannibal7
    Inserito alle 06:51h, 02 Settembre Rispondi

    Ossido di grafene….e non solo
    Buona lettura
    https://www.segnidalcielo.it/scienziati-americani-confermano-ossido-di-grafene-tossico-nelle-iniezioni-del-siero-anti-covid19/
    …e io dovrei farmi iniettare quella roba???
    Piuttosto mi faccio di eroina…

  • atlas
    Inserito alle 07:15h, 02 Settembre Rispondi

    Maurizio Ulisse Murelli

    editoriale alternativo

    **funziona così…**
    e non è una novità, perché il metodo è lo stesso utilizzato nei confronti dei movimenti politici non conformi, dei militanti antagonisti declinati in estremisti e quindi, siccome estremi nelle loro tesi, automaticamente violenti.
    Funziona così: per mesi TUTTI i media bullizzano con articoli e servizi televisivi i “no-vax” e i “no-green pass” senza distinguere tra gli uni e gli altri. Li si fa passare per untori, dementi, antiscientifici, incolti. Si enfatizzano le esternazioni dei “no-vax” truzzi e si fanno passare sotto silenzio le posizioni ben argomentate (anche scientificamente) sia relativamente al vaccino sia relativamente al militare lasciapassare verde (qui quand’anche a prendere posizione culturale e politica scendono in campo i vari Cacciari).
    A questo punto qualche giornalista grintoso va ad affrontare in mostrificati in piazza e punta quelli decisamente più fumini. Li provoca. Il più delle volte va a finire in scambi di insulti pesanti del tipo di quelli che si rilevano tra automobilisti che trascendono nel diverbio, per una precedenza, per un sorpasso azzardato e cose simili. Come nel caso della giornalista di Rainews24 (la seguite la sera la rassegna stampa di Rainews 24 e il linciaggio mediatico cui vengono sottoposti i “no-vax” e i “no-geen pass” ?) subito il diluvio di discutibili insulti viene fatto passare per VIOLENTA aggressione.
    Viene assaltato un gazebo grillino: il gazebo di un movimento politico che fino all’altro ieri era contro l’obbligo vaccinale e poi, come per tutte le altre cose ha fatto inversione a “U” (e dunque scusate se a qualcuno che si è sentito preso in giro ruotano i sacramenti). Nessun militante grillino aggredito. Ma i media a dar giù: “INAUDITA violenza”. Come sarebbe stato definito l’episodio se un militante grillino fosse stato preso a scudisciate ?
    Arriva l’audace giornalista di Repubblica e palesemente provoca e molesta un manifestante che gli dice che non vuole essere ripreso, che non vuole rilasciare dichiarazioni, di spegnere la telecamera e andarsene da un’altra parte. L’audace giornalista insiste e aumenta il livello di provocazione. Il focoso manifestante perde le staffe come in una situazione simile le perderebbe un’automobilista inviperito e fa partire una cinquina.
    Bassetti che con insulti ai no-vax non si è mai risparmiato (sorpreso con le dita nel vasetto della marmellata, cioè la sponsorizzazione di 190.000 euro di una farmaceutica produttrice di vax) viene insultato a sua volta sui social e anche sotto casa. Da subito i media partono lancia in resta con le dichiarazioni di politici (da Sassoli in giù), editoriali da proclami di guerra con improbabili “duri e puri” dalla penna avvelenata.
    In un’epoca il cui conflitto sociale tra classi e ideologie contrapposte perde quota, oggi ne viene lanciato uno nuovo, quello tra chi è pro e chi contro la soluzione istituzionale all’ “emergenza sanitaria”. Il sociologo Gumlpowicz ha ben spiegato (cfr. “la lotta delle razze”) l’esigenza del moderno Stato (o potere, o sistema … come vi garba) di mantenere uno stato perenne di labile conflitto sociale tra parti contrapposte e che il conflitto sociale non è dunque condizione “anormale” ma “più che normale”: bisogna mantenerlo, animarlo e controllarlo. Così facendo si neutralizzano le istanze rivoluzionarie.
    Quindi si guardi la cosa in prospettiva. La questione non è se hanno ragione i “sì-vax” o i “no-vax”: la questione è mantenere il conflitto e il conflitto è sulla questione “emergenza sanitaria” esasperando una parte perché diventi aggressiva di modo che la parte contrapposta a sua volta si esasperi e diventi egualmente aggressiva … nei limiti, ovviamente, senza che la temperatura salga troppo e poi sfugga di mano. Il livello massimo consentito è quello che si è palesato negli “anni di piombo” che per quanto sanguinosi non idonei a destabilizzare il sistema e a porlo in crisi. Anzi, gli ha fornito l’alibi per leggi emergenziali repressive e l’instaurazione di metodi detentivi (41bis e via elencando) che restano in vigore anche a sopravvenuta “pacificazione”.
    Sorvolo sul inquadrare tutta questa faccenda dentro il contesto geopolitico, associarlo all’anomalia di un governo arlecchino presieduto da un banchiere, e a tirar dentro la questione immigrazione e quant’altro, tutte cose sulle quali ci sarebbe da dire e ridire mettendole in logica conseguenza. Per ora, sappiate che funziona così … come vi ho descritto e non da oggi. Opporre gli estremismi e fomentarli, favorire l’istituzionalizzazione di fedi centrare sul dogma ideologico. E come sempre, come ai tempi delle contestazioni studentesche, operaie, sindacali, politiche etc. i pennivendoli sono in prima linea ad aizzare per poi lamentarsi delle discutibili reazioni tacciandole come assalto alla libertà quando loro, notte per notte, giorno per giorno la libertà la uccidono quanto meno con la reticenza e la mistificazione

    • Nevio
      Inserito alle 09:37h, 02 Settembre Rispondi

      Forse è tempo di cambiare musica, forse i bastardi andrebbero in confusione
      se combattessimo per il ” libero vaccino “. Esistono da tempo vaccini russi, giapponesi, indiani,
      cinesi, cubani ect., ebbene vogliamo che ognuno possa scegliere liberamente così la finirebbero con l’obbligo dei vaccini NATOed in particolare quelli mRNA ( i più pericolosi ).
      Secondo me andrebbero in confusione e ci sarebbe da divertirsi. Cosa ne pensi?

      • atlas
        Inserito alle 12:20h, 02 Settembre Rispondi

        guarda, hai presente una scatola di tonno quando la apri ? Tieni presente sempre però che dopo la repressione ti aspetta al varco. Non tutti sono disposti, non tutti resistono. Io ti consiglio di vaccinarti …… io ho un sangue particolare, un pò una rarità

  • Mario
    Inserito alle 07:23h, 02 Settembre Rispondi

    APPENA I MORTI DEI VACCINATI AUMENTERANNO A DISMISURA
    COMINCERÀ LA CACCIA ALL’ EBREO
    COME NEGLI ANNI 30
    CI STANNO AMMAZZANDO TUTTI IN SILENZIO……
    CANCELLARE QUESTA RAZZA MALEFICA E ASSASSINA E UN DOVERE DI TUTTA L’UMANITÀ

    • Sandro
      Inserito alle 10:24h, 02 Settembre Rispondi

      per MARIO

      “APPENA I MORTI DEI VACCINATI AUMENTERANNO A DISMISURA
      COMINCERÀ LA CACCIA……….” a chi non ha ancora effettuato il quindicesimo/ventesimo ecc. vaccino.

  • atlas
    Inserito alle 07:27h, 02 Settembre Rispondi

    se girasse un virus contagiosissimo e molto letale le maschere usate si dovrebbero gettare qui, e chi le butta per terra verrebbe arrestato

    https://twitter.com/ismaylyusuf/status/1433299167867281415

  • atlas
    Inserito alle 07:35h, 02 Settembre Rispondi

    Green Pass atto politico, PAOLO BORGOGNONE, scrittore

    https://www.youtube.com/watch?v=y_Ln29VIwgU

  • Sandro
    Inserito alle 11:04h, 02 Settembre Rispondi

    L’avvocato Antonio Di Siena, che invito nonostante tutto a non arrendersi, ha dimenticato, nelle incongruenze tipicamente italiane ricordate in merito al viroletto che ha “ucciso” solo persone non trattate prontamente, di citare anche la violazione da parte del governo dell’art. 42 3° capoverso* della NOSTRA Carta Costituzionale ( in merito agli ospedali e cliniche private- nosocomi numerosissimi ) capoverso che, in ottemperanza al medesimo si sarebbero potute salvare numerosissime vite.
    *”La proprietà privata può essere, nei casi preveduti dalla legge, e salvo indennizzo, espropriata per motivi di interesse generale”
    Es. si espropriano interi edifici privati e , dunque da famiglie, solo perché sarebbero di ostacolo alla passaggio di una strada.
    Gradirei una risposta dalla redazione.

    • Giorgio
      Inserito alle 12:42h, 02 Settembre Rispondi

      Nazionalizzare la sanità privata ….. fucilare chi specula sulla salute ….
      un punto importante di un futuro (ideale) governo popolare …..

  • giovanni
    Inserito alle 15:24h, 02 Settembre Rispondi

    Egregio Avvocato, una persona con un minimo di raziocinio non puo’ che concordare con Lei per la perfetta anamnesi del disastro attuale. A me risultano tagliati, da vari governi di ogni colore, oltre settantamila posti letto. Una cifra monumentale che da sola rende chiaro lo stato attuale della sanita’ pubblica. Questo e’ stato fatto in previsione dei problemi attuali ? Non si sa’, ma c’e chi sospetta. Se mi consente */ non si arrenda qualcuno che capisce c’e, mai perdere la speranza.

  • atlas
    Inserito alle 15:59h, 02 Settembre Rispondi

    OTTIMO Carlo Viganò (perchè fra i musulmani più autorevoli non c’è un KAZZO di nessuno che dice o scrive queste cose …)

    https://www.youtube.com/watch?v=qlzNdL-Splk

Inserisci un Commento