“COVID-19, arma americana o israeliana per danneggiare la Cina e l’Iran”

Il nuovo coronavirus 2019 (COVID-19) potrebbe essere un’arma da guerra biologica predisposta dagli Stati Uniti e da Israele per danneggiare la Cina e l’Iran, lo afferma un ex funzionario della CIA.

Philip Giraldi, ex ufficiale della Central Intelligence Agency (CIA) degli Stati Uniti, sottolinea, in un articolo pubblicato giovedì, che diversi rapporti suggeriscono che i componenti del nuovo virus sono correlati all’HIV (virus dell’immunodeficienza umano), che non può “crearsi” da solo .

Inoltre, ci sono molte prove per dimostrare che COVID-19 non è nato naturalmente, cioè attraverso mutazioni, ma piuttosto è stato coltivato in un laboratorio biologico, probabilmente per essere utilizzato come “agente di guerra biologica”, aggiunge.

L’ex funzionario della CIA non ha escluso che gli Stati Uniti avrebbero potuto “creare” il temuto virus, in collaborazione con Israele , nel tentativo di interrompere la crescita economica e il potere militare della Cina. Inoltre l’ Iran, come il peggior “nemico” degli Stati Uniti e di Israele, è il secondo paese più colpito da COVID-19, deduce Giraldi.

Gli Stati Uniti sono leader nell’uso e nelle indagini sulle armi biologiche ad uso militare.
Giraldi, ha osservato che l’amministrazione americana, presieduta da Donald Trump, ha ripetutamente espresso preoccupazione per il crescente progresso della Cina, in quanto principale rivale statunitense, in campo economico e militare, quindi non può essere una ipotesi lontana dalla realtà il coinvolgimento di Washington in questa malattia espansiva che ha causato una crisi in tutto il mondo.

Ci sono state anche altre affermazioni da parte di esponenti militari dell’Iran che hanno avanzato il medesimo sospetto.
Un generale iraniano, non aveva escluso che COVID-19 sia un’arma biologica statunitense
L’ondata di crisi sul nuovo coronavirus che attraversa il mondo potrebbe essere un’arma di guerra biologica negli Stati Uniti, lo ha affermato un alto comando militare iraniano, Hosein Salami, generale di divisione, in dichiarazioni rilasciate nel corso di una conferenza stampa a Kerman, nel sud dell’Iran. L’Iran sta conducendo indagini, a stretto contatto con gli scienziati cinesi, per risalire alla causa dei contagi. Nulla si può escludere in questa fase.

Disinfezione contro il coronavirus

Sebbene resti “difficile da credere” in una tale imprudenza dell’amministrazione USA, l’ex funzionario della CIA ricorda che entrambi, gli Stati Uniti come anche Israele, hanno una lunga storia nell’uso “clandestino” di armi non convenzionali contro altri, come ad esempio accadde per il virus Stuxnet che aveva contaminato le strutture nucleari dell’Iran nel 2010.

Sulla possibile collaborazione di Israele nella diffusione di COVID-19, l’ex funzionario della CIA ha sostenuto che, poche settimane dopo lo scoppio del virus mortale, gli scienziati israeliani avevano annunciato che avrebbero presentato un vaccino entro 90 giorni; che mentre il processo di fabbricazione e il test di un nuovo farmaco richiedono più di un anno.

Giraldi osserva che, nonostante i rapporti che insistono sulla storia fantasiosa che il coronavirus sia derivato da un microrganismo trovato in un tipo di pipistrello consumato dai residenti cinesi a Wuhan, ci sono prove per dimostrare che il consumo di quell’animale è più frequente nelle province dove ci sono state meno registrazioni degli effetti di COVID-19.

L’epidemia del nuovo coronavirus ha lasciato, ad oggi, circa 3200 morti nel mondo, di cui circa 3000 corrispondono alla Cina. In Iran si sono verificati almeno 100 decessi.

Philip Giraldi, autore del rapporto

Note su : Philip Giraldi
Philip M. Giraldi è uno specialista che ha operato come former CIA in attività di contro -terrorismo per 19 anni. Specialista in intelligence militare ha prestato servizio in vari paesi fra cui Turchia, Italia, Germania, Spagna. E’ stato nominato Chief della CIA alla base di Barcelona durante i giochi olimpici del 1992 ed è stato uno dei primi funzionari USA ad entrare in Afghanistan nel Dicembre del 2001. Attualmente ricopre la funzione di Executive Director of the Council for the National Interest, con base a Washington e si occupa di analisi geopolitiche e strategiche per conto di vari istituti.

Fonti: Hispan Tv – Strategic Culture https://www.strategic-culture.org/news/2020/03/05/who-made-coronavirus-was-it-us-israel-or-china-itself/

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

13 Commenti

  • mondo falso
    6 Marzo 2020

    E adesso Spero nella vendetta cinese

  • nnicholas
    6 Marzo 2020

    Però , questo virus sta danneggiando tutta l’economia mondiale; compresa quella Usa.
    Sono così sprovveduti gli americani???
    Vedremo cosa accadrà nei prossimi giorni……

  • Mike
    6 Marzo 2020

    Dove si trovava certa gente quando hanno distribuito gratuitamente la materia grigia del nostro cervello? Ditte a questi imbecilli che del Coronavirus sono già affetti molti Israeliani, rischiano la quarantena in 100.000, cosi pure in USA. L’antisemitismo non muore, ma cambia in continuazione la pelle. Altri antisemiti avevano diffuso questa notizia dopo 11 settembre:
    New York, 11 settembre 2001, quattromila ebrei dipendenti di aziende operanti all’interno delle Twin Towers, e nelle zone immediatamente limitrofe, vengono pre-allertati di non presentarsi al lavoro nella data fatidica, e di non rivelare nulla a parenti, amici o alla stampa. Sedici anni più tardi, questa bufala continua a dilagare sui social network e in molti siti antisionisti, pro-palestinesi e complottisti tout court. https://www.affaritaliani.it/cronache/11-settembre-4000-ebrei-pre-avvertiti-complotto-giudaico-bufala-498417.html?fbclid=IwAR2fSrFH_9X5KK9gIyWu_-N1ahCMYTx7vTEsija4Wtf52AvSqKf6O7Jpn5A

    • atlas
      6 Marzo 2020

      egregio, quando Dio vuole sterminare un popolo nessuno può opporvisi. C’hai presente Sodoma e Gomorra ? Erano semiti, ma avevano scelto una strada di perversione, morale e materiale; e Allah li ha puniti lo stesso

      • lele1881
        6 Marzo 2020

        Non c’è bisogno di congetture per essere pro palestina

    • MauBart
      9 Marzo 2020

      Beh, si sono autodistrutti 3 grattacieli uccidendo oltre 3000 persone nel crollo del molte altre in conseguenza delle polveri inalate, vuoi che non siano capaci di subire un po’ di morti americane se possono fare moltissime di più di estere?

  • Eugenio Orso
    6 Marzo 2020

    LA COSA LA DIAMO PER SCONTATATA!
    VERITA’ ASSOLUTA CHE NESSUNO DEVE PERMETTERSI DI NEGARE!

    Ci sarà qualcuno, nell’Italia colpita a morte dai virus (economicamente e socialmente) diffuso dai laborartori criminali usgiudei che finalmente capirà chi è il vero nemico principale dei popoli, delle classi dominate e delle nazioni?

    Cari saluti

    • Alvise
      6 Marzo 2020

      Questo articolo parla dello stato di Israele e di israeliani, non di ebrei o semiti. Lei si inalbera per nulla, coda di paglia?

    • atlas
      6 Marzo 2020

      “sono almeno dieci anni che il pentagono ha ufficializzato la nuova dottrina militare che prevede l’uso di armi atomiche di basso potenziale (1/2 kilotoni), ovvero “tattiche” o “sfonda bunker”, da usare in un conflitto convenzionale “allargato” ad un nucleare specialistico (non cioè la guerra nucleare planetaria). Inutile dire che la nuova dottrina atomica americana è nata in funzione di un attacco all’ Iran, il cui territorio montuoso richiede di distruggere i siti strategici in un colpo solo

      i missili nucleari menzionati stanno già affluendo nella base americana in Qatar (Al Udeid Air Base) per essere impiegati nell’attacco pianificato per maggio/giugno di quest’anno”

      sarà vero ?

  • Anonimo
    8 Marzo 2020

    Ma il virus stuxnet della centrale nucleare iraniana era di tipo informatico, questo è biologico e non riconosce i confini di Stato

  • MauBart
    9 Marzo 2020

    Beh, si sono autodistrutti 3 grattacieli uccidendo oltre 3000 persone nel crollo del molte altre in conseguenza delle polveri inalate, vuoi che non siano capaci di subire un po’ di morti americane se possono fare moltissime di più di estere?

  • Krepinevich
    12 Marzo 2020

    Noi europei non facciamo testo. Veniamo da decenni di lavaggio del cervello, non riusciamo a vedere nulla. Se vedessimo, vedremmo che esiste uno stato con il più grande arsenale (di gran lunga) del mondo, che porta guerre in giro per il mondo preoccupandosi di mascherarle ora umanitarie ora di risposta ecc….con armi convenzionali non convenzionali e di distruzione di massa. Ma i cattivi sono altri…..poi vedi le loro dottrine e scopri, altroché difesa, hanno piani per la conquista del mondo, fin dal secondo dopoguerra. Nell’ office of the net assessment, in seno al pentagono, già dagli anni 70 si parla di hertland da conquistare. Leggasi continente asiatico.
    Se poi pensiamo che le armi di distruzione di massa le hanno finora usate solo loro….di che stiamo a parlare??

  • Adriano
    29 Marzo 2020

    Non so se sia veramente un’arma biologica creata dagli americani per distruggere Cina ed Europa
    ma vi sono a quanto pare parecchie coincidenze strane; due coincidenze costituiscono una prova;
    la Cina da molto fastidio agli USA perche’ gli ha fatto le scarpe e l’ EU lo stesso la temono commercialmente,
    il mondo deve indagare su quanto sta succedendo,
    I nostri politici ? sono solo capaci di dire che ” la collocazione geopolitica dell’Italia non e’ in discussione” la traduzione dal politichese la lascio a voi
    altro esempio di distruzione dell’ Eu mai compreso:creare un amassa di guerre con conseguenti milioni di migranti vicino a casa nostra non cero a casa loro: quindi di guerre di distruzione economica non c’e’ solo il coronavirus
    dimeticavo: anche vi fossero 100000 morti a New York per il coronavirus a qualcuno potrebbe non interessare
    un cittadino stanco stanco di fake news ma anche di frottole

Inserisci un Commento

*

code