Cosa può dirci la teoria dei giochi sulla guerra in Ucraina

DI Declan Hayes

Anche se la pace arriverà in Ucraina, sarà pace con giustizia e dignità per i russofoni del paese, indipendentemente dai sogni ad occhi aperti del LA Times e degli altri suonatori di organi della NATO.

Ciò che la teoria dei giochi può dirci sulla guerra in Ucraina , un recente editoriale del Times di due accademici americani, deve essere la peggiore esposizione della teoria dei giochi in tempo di guerra che si sia mai vista in pergamena da quando Tucidide ha discusso del Dialogo di Melian 2.500 anni fa nella sua Storia delle guerre del Peloponneso di cui abbiamo discusso in precedenza .

Quando gli inviati ateniesi spiegano educatamente ai Meliani perché loro, un’isola neutrale, dovrebbero sottomettersi, i Meliani ugualmente gentilmente respingono le loro argomentazioni, dopodiché gli Ateniesi massacrano i loro uomini, schiavizzano le loro donne e colonizzano l’isola. I Meliani ovviamente sbagliarono i calcoli, così come forse fecero gli Ateniesi che alla fine dovettero cedere Melos a Sparta.

Avanti veloce verso l’Ucraina e il Times vede una scacchiera unidimensionale eccessivamente semplificata. Tutto ciò che la NATO deve fare è guardare alla gamma limitata di mosse finali della Russia e lavorare a ritroso lungo un albero binomiale per vedere cosa deve fare la NATO ora per contrastare i malvagi Rooskies. La soluzione, le industrie degli armamenti della NATO saranno felici di sentire, è di pompare sempre più volumi di armi avanzate in Ucraina “per far credere a [Putin] che non c’è modo che possa vincere sei mesi lungo la strada”. Una volta che la NATO metterà in atto una forza schiacciante e una determinazione d’acciaio, la determinazione russa crollerà.

Se la NATO non alza la posta ora, potrebbe dover inviare truppe più tardi quando gli ucraini saranno una forza esaurita, quando la NATO avrà letteralmente combattuto fino all’ultimo ucraino e le cose allora si intensificherebbero rapidamente, forse in una guerra nucleare. Inoltre, se “Putin” conquista l’Ucraina, le chiavi di Vienna, Vilnius e Venezia saranno tutte sue e sarà come se l’Orda d’Oro fosse tornata. La prova di tutto questo è che la piccola Lituania è stata costretta ad attrezzarsi, tutta con denaro preso in prestito e che dovrà restituire in futuro.
Dato che l’Ucraina è solo la prima di una linea di domino che cadrà sulla Russia in questi “scenari da incubo …. l’alleanza [NATO] deve agire ora per rafforzare la difesa dell’Ucraina. Solo quando Putin non avrà speranza di vittoria in Ucraina, la pace in Europa sarà più sicura.

Dal punto di vista militare, questa analisi infantile presume che l’artiglieria russa non possa ridurre in polvere tutto ciò che c’è in Ucraina. Finché la guerra sarà confinata in Ucraina, la Russia non può perdere, nonostante le distrazioni militari di Kaliningrad e della Transnistria e le acrobazie di pubbliche relazioni del co-fondatore di Azov Giorgi Kufarashvili e del Principe Clown Zelensky al mondo.

Teoricamente, il pezzo del Times è un caos in quanto un gioco, per essere completamente definito, deve specificare le parti in gioco, le informazioni e le azioni a disposizione di ciascun giocatore in ogni punto decisionale e le vincite per ogni risultato. La teoria dei giochi in genere utilizza questi elementi, insieme a un concetto di soluzione per dedurre le migliori serie di risultati possibili per i giocatori, che sono stati precedentemente definiti.

I protagonisti di questo gioco sono ovviamente la Russia ei suoi alleati da una parte e gli Stati Uniti e le sue satrapie dall’altra. La giunta Zelensky non è più indipendente di una scimmia dal suo suonatore d’organo. Non passa giorno ma questi sboccati stanno facendo le loro routine Oliver Twist, alla ricerca di più, sempre più soldi, uomini e materiale.

Purtroppo, l’unico modo per guardare agli ucraini ordinari è come Hitler considerava i soldati e i civili del suo Reich, come gettoni consumabili privi di valore intrinseco nel più grande gioco della NATO. Questo è di per sé un crimine mostruoso di cui Zelensky e gli altri compari della NATO devono rispondere pienamente.

La Russia, a torto oa ragione, ora si trova intrappolata accanto ai russofoni dell’Ucraina orientale e meridionale, che stanno combattendo per la propria vita proprio come lo erano i vietcong contro gli invasori americani circa 50 anni fa. Mentre la NATO vede l’Ucraina come gli yankee vedevano il Vietnam, come uno spuntino succoso da divorare, il popolo del Donbas, come i vietnamiti prima di loro, vede necessariamente le cose in modo diverso. Non solo non stanno giocando lo stesso gioco, ma per i residenti dell’Ucraina orientale, questo non è il gioco di società Junior Common Room del il Times, ma una questione di vita o di morte.

Quando consideriamo le informazioni e le azioni disponibili per entrambi i gruppi di giocatori, entriamo rapidamente in acque molto fangose. La giunta Zelensky vuole chiaramente estorcere il più possibile sia all’Ucraina che ai suoi sponsor della NATO prima che finiscano. I russi, come nei primi giorni della loro campagna siriana, inviano messaggi contrastanti, alcuni missili balistici oggi, un attacco aereo domani e un’avanzata di terra il giorno dopo. Dato che si lasciano indovinare le strategie e le tattiche di Mosca, i russi hanno chiaramente le scelte maggiori e quindi il vantaggio; La Russia sta letteralmente chiamando i colpi e impostando il gioco, come dicono gli americani.

Questo ci porta ai pay off, le mosse finali dei vari giocatori invischiati in questo gioco mortale. I russi, dopo aver attraversato il Rubicone, possono accontentarsi nientemeno che di pace con giustizia per i russofoni ucraini e per le altre minoranze vulnerabili dell’Ucraina. La NATO dovrà conviverci e quegli ucraini usati e maltrattati dalla NATO dovranno andare avanti con le loro vite nel miglior modo possibile.

Sebbene James Fearon abbia esaminato il finale di partita in modo più dettagliato , fa due punti molto pertinenti, che possono essere applicati alla campagna ucraina della Russia. Innanzitutto, la Russia non sta commettendo l’errore del culto dell’offensiva, che costò tante vite nella Grande Guerra. Lento e costante è il loro motto contro i nazisti di Zelensky che, a Mariupol e altrove, seguirono il disastroso ordine di Hold Fast di Hitler quasi alla lettera, quando sarebbero stati meglio serviti ritirandosi.

In secondo luogo, ci deve essere un resoconto finale realistico, un trattato in cui il vincitore ottiene il bottino e il perdente riceve, nella migliore delle ipotesi, premi di consolazione. Questo fu il caso del 7 maggio 1945 quando il signore della guerra americano Bill Clinton ha imposto il suo accordo di pace del Venerdì Santo sull’Irlanda e il suo vertice di Camp David sui palestinesi.

Non così in Ucraina, dove la giunta ha assassinato il negoziatore ucraino Denis Kireev e dove Boris Johnson, capo dei malfattori dell’MI5, faceva regolarmente il pendolare a Kiev per assicurarsi che Zelensky e gli altri burattini pagati della NATO rifiutassero tutte le proposte di pace.

Ma la pace, a un prezzo, arriverà in Ucraina quando suonatori di organi come Johnson e le sue scimmie sovrapagate a Kiev saranno rimossi dalla scacchiera. Zelensky, eletto su false promesse di pace con Mosca, deve andarsene e così anche il sogno degli Azov di un Intermarium , che è irrealistico e irraggiungibile come il sogno di Mussolini di un Mare Nostrum italiano, o il sogno di Hitler di un 1000 anni Reich.

Le guerre ei trattati di pace che le pongono fine riguardano l’arte del possibile, non le divagazioni dei nazisti Azov o degli accademici americani. Anche se la pace arriverà in Ucraina, sarà pace con giustizia e dignità per i russofoni del paese, indipendentemente dai sogni ad occhi aperti del Times e degli altri suonatori di organi della NATO.

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

20 Commenti
  • Valerio T
    Inserito alle 23:19h, 01 Agosto Rispondi

    Appare quantomeno ridicolo che si possa ritenere vincente un esercito fatto di buriachi, ceceni, mercenari e galeotti. Tuttalpiù potrà saccheggiare, stuprare e radere al suolo il terreno che calpestano, ma certamente non sono in grado di sottometterlo. Fatevene una ragione i russi, in fatto di civiltà, non hanno nulla da esportare.

    • Repubblica Marinara
      Inserito alle 23:50h, 01 Agosto Rispondi

      Le tue solite cretinate rerali.

    • Stefano
      Inserito alle 08:49h, 02 Agosto Rispondi

      E” l’esercito che ha asfaltato ka Germania e vinto la seconda guerra mondiale. E’ sul fronte orientale che la Germania ha perso, Il fronte occidentale a confronto fu poca cosa.. Studia!

      • Valerio T
        Inserito alle 15:01h, 02 Agosto Rispondi

        Studia? Ma cosa scrivi. I soldati russi oggi, come nella II GM, servono per dare al dittatore russo di turno la possibilità di dimostrare la sua potenza, niente di più. Lo sai cosa disse Stalin dei soldati russi che mandavano a correre nei campi minati dei tedeschi? Zucca, nella II GM sono morti 25 milioni di russi, la maggior parte ammazzati da Stalin. Zucca!

    • valerie
      Inserito alle 11:18h, 02 Agosto Rispondi

      Appare alquanto ridicolo che uno che non sa dire altro che ‘fatevene una ragione’, con evidente intento autoipnotico, si metta a parlare di cose di cui non capisce una mazza (quasi tutto, per la verità), quando probabilmente l’unica cosa che conosce è la trama del Trono di Spade e forse il nome dell’ultimo fidanzato delle Kardashian.

      • Valerio T
        Inserito alle 15:15h, 02 Agosto Rispondi

        Fatevene una ragione è un modo di dire per “guarda la realtà”. Sono passati 5 mesi e la guerra lampo di Putin è ancora lì, anzi arranca, il mondo occidentale è tutto contro la Russia di Putin, le armate ucraine vengono rifornite e infliggono perdite all’esercito russo, il Governo ucraino è sempre solidamente al potere, Svezia e Finlandia hanno chiesto di aderire alla NATO, Putin va a chiedere armi agli iraniani, dopo 5 mesi Putin si è ritirato dal nord dell’Ucraina e al Sud l’avanzata si è fermata, a est l’esaltata armata è ferma, si parla di 41000 morti tra l’esercito russo di cui 945 ufficiali, insomma ……. stanno ridimensionando la vostra convinzione di invincibilità!

    • Woland
      Inserito alle 11:40h, 02 Agosto Rispondi

      Sbagli diverse cose.
      1) bisogna capire in cosa consiste la vittoria per le parti in causa.
      per la Russia vincere significa disarmare l’Ucraina, per la NATO vincere significa disarmare la Russia.
      decidi tu quale sia l’obiettivo più realistico.
      2) l’efficienza tecnica dell’azione bellica non dipende dal grado di cultura dei soldati ma dalla loro determinazione e dalle loro motivazioni.
      L’esercito USA infatti da almeno 50 anni seleziona o crea (tramite distribuzione di droghe, chiamate psicofarmaci) soldati psicopatici. Il problema risiede nelle motivazioni e nella controllabilità degli psicopatici che senza obiettivi chiari degradano nel sadismo e nell’autodistruzione (torture e suicidi a bizzeffe).
      Al contrario i Russi sanno che hanno dovuto intraprendere una lotta per la propria esistenza, agiscono non come chi conquista, ma come chi sta difendendo i propri confini.
      3) I Russi non stanno esportando un bel niente, quella è la motivazione ipocrita della compagnia delle Indie orientali,
      Una volta si parlava di esportazione della civiltò (il fardello dell’uomo bianco) più recentemente di esportazione della democrazia.
      Tutta ipocrisia per coprire goffamente i programmi dei mercanti di schiavi, oggi come ieri, solo con forme diverse.
      La compagnia delle indie orientali non era altro che un complesso plutocratico e giudaico alleato alle corrote dinastie imperiali anglosassoni, che ancora oggi controlla i politici, le classi dirigenti e i mezzi di informazione che indottrinano le teste vuote come la tua.

  • Pippo
    Inserito alle 00:30h, 02 Agosto Rispondi

    Le solite insulsaggini dell’anglofono di turno, col suo ciarlare a vuoto e soprattutto incavolato nero col mondo, perchè la sua Union Jack è sprofondata per sempre nella decadenza, nella pattumiera della storia, in un sonno profondo che equivale alla morte. Finalmente è il caso di dire, dopo 400 anni di crimini perpetrati in ogni angolo del globo da parte di questi insulari arroganti, prepotenti e razzisti. By..by.. british e buona permanenza agli Inferi!

  • natalino
    Inserito alle 00:37h, 02 Agosto Rispondi

    Il fatto é che eticamente l’occidente non ha piú nulla da custodire.
    Si puó fare tranquillamente un parallelismo con la fine dell’impero romano d’occidente dove popolazioni considerate arretrate e rozze hanno avuto il sopravvento sulla civilissima Roma.
    Non mi spingo a fare parallelismi con “l’orda d’oro” dei mongoli, ma molti russi ne sono discendenti.

    • francesco
      Inserito alle 01:18h, 02 Agosto Rispondi

      Gengis Kan seguiva alla lettera gli insegnamenti del militare Javeh della Bibbia, pur non conoscendolo, ma non si sa mai!

  • andrearossidevrgnano
    Inserito alle 00:54h, 02 Agosto Rispondi

    cio’ che ha scritto VALERIO T potrebbe essere un pochino vero. qualche settimana fa una ucraina mi spiego’ di soldati russi (in Ucraina) che in Russia vivrebbero in boschi e nn conoscerebbero un minimo la civilta’ e sarebbero crudeli anche con le bambine ucraine. a parte il fatto che magari l’ucraina potrebbe avermi raccontato falsita’, gli analisi potrebbero ignorare l’esistenza di armì segrete delle nazioni! e qualcuno è convinto che siano i tedeschi ad avere le segrete armì maggiormente distruttive (la Germania sarebbe anche l’unica nazione europea con bilancia commerciale attiva nei confronti della Cina), quindi alcuni ritengono che in futuro il governo mondiale sara’ gestito dalla Germania alleata con la Francia

    • natalino
      Inserito alle 01:51h, 02 Agosto Rispondi

      Tutto é possibile, ma mi torna abbastanza strano che la CERMANIA abbia le armi maggiormente distruttive.
      Sarebbe come dire che l’Italia ha un’industria bellica sovrana e libera dal controllo degli eroici boys.
      Allo stato attuale sia l’Italia che la CERMANIA sono sotto accupazione USA e NATO per cui tutta la materia bellica é strettamente controllata dagli USA.

  • Gabriella
    Inserito alle 06:12h, 02 Agosto Rispondi

    In fatto di civiltà i Russi hanno già esportato moltissimo. Cultura autentica, non la sottocultura americana di cui siamo imbevuti e che stiamo sostituendo ormai da troppo tempo alla nostra millenaria e altissima civiltà

  • Aplu
    Inserito alle 11:01h, 02 Agosto Rispondi

    Non hanno imparato nulla: quelli che causano tutti questi problemi sono quei giovani che vivevano al tempo dei figli dei fiori, dell’isola di Wight, che si ribellavano a parole ai “matusa” definiti meschini e ottusi e guerrafondai. Oggi mostrano di aver fatto una semplice moda della protesta e del”prato verde ove nascono speranze che si chiamano ragazzi” di allora. Dimostrano che i padri di allora continuano ad ispirarli perché sono ed erano tutti della casta dei miliardari, e così sono “rinsaviti” al profumo dei soldi, e non hanno mai avuto ideali se non per gioco o per moda. Sono loro, divenuti anche peggio dei genitori, spietati e col cervello fuori posto, che parlano bancariamente e militarmente dai vari pulpiti dell’Occidente in piena decadenza morale finale.

  • vincenzo
    Inserito alle 16:37h, 02 Agosto Rispondi

    senti valerio t, stronzo di un ucraino!… l’altra volta ti ho spiegato perché gli ucraini di allora diedero manforte ai tedeschi nella loro avanzata verso mosca. ma tu non vuoi capire, perché sei uno che sta qua in mezzo per rompere i bottoni. stalin era un comunista e nemmeno era russo! tra quei 25 milioni di morti ci sono anche sodati ucraini…comunisti che combattevano per il comunismo, non per la Russia! dove vivono i russi non frega un bel niente a nessuno! ciò non toglie che l’ucraina da quando si è fatta ingroppare dagli yenkis è peggiorata enormemente sotto qualsiasi aspetto. la popolazione ucraina è oggi una popolazione di ignoranti e morti di fame contenti di esserlo perchè sono cosi imbecilli che si sono bevute tutte le stronzate che gli hanno raccontato gli americani. in pratica si sono autoproclamati feccia della società umana.
    parli di quanti soldati hanno perso i russi …perchè non dici quanti ne ha persi l’ucraina. io ritengo che tra pochissimo dovranno imbracciare il fucile ( rigorosamente straniero) i bambini e i vecchi . se non fosse per i mercenari pagati da zelenski in migliaia di dollari al mese, già da tempo non sentiremmo parlare ne della guerra in ucraina ….ne dell’ucraina stessa . e siccome penso che sei un ucraino che è fuggito per non combattere, sei energicamente pregato din toglierti dalle palle e tornartene a casa tua a combattere. Mi hai capito?…pezzo di materia puzzolente!

  • vincenzo
    Inserito alle 16:41h, 02 Agosto Rispondi

    senti valerio t, CILINDRO MOLLE MARRONE di un ucraino!… l’altra volta ti ho spiegato perché gli ucraini di allora diedero manforte ai tedeschi nella loro avanzata verso mosca. ma tu non vuoi capire, perché sei uno che sta qua in mezzo per rompere i bottoni. stalin era un comunista e nemmeno era russo! tra quei 25 milioni di morti ci sono anche sodati ucraini…comunisti che combattevano per il comunismo, non per la Russia! dove vivono i russi non frega un bel niente a nessuno! ciò non toglie che l’ucraina da quando si è fatta ingroppare dagli yenkis è peggiorata enormemente sotto qualsiasi aspetto. la popolazione ucraina è oggi una popolazione di ignoranti e morti di fame contenti di esserlo perchè sono cosi imbecilli che si sono bevute tutte le stronzate che gli hanno raccontato gli americani. in pratica si sono autoproclamati feccia della società umana.
    parli di quanti soldati hanno perso i russi …perchè non dici quanti ne ha persi l’ucraina. io ritengo che tra pochissimo dovranno imbracciare il fucile ( rigorosamente straniero) i bambini e i vecchi . se non fosse per i mercenari pagati da zelenski in migliaia di dollari al mese, già da tempo non sentiremmo parlare ne della guerra in ucraina ….ne dell’ucraina stessa . e siccome penso che sei un ucraino che è fuggito per non combattere, sei energicamente pregato din toglierti dalle palle e tornartene a casa tua a combattere. Mi hai capito?…pezzo di materia puzzolente!

  • Sarabanda 82
    Inserito alle 19:04h, 02 Agosto Rispondi

    Scusate ma non condivido il frasario becero arrogante, offensivo è solo maleducazione, alle idee si contrappongono altre idee migliori se possibile per convincere chi la pensa diversamente, non crocifiggerlo con ingiurie ed offese. Un po’ di decoro e civiltà per favore.

  • Gabriella
    Inserito alle 19:13h, 02 Agosto Rispondi

    Però anche parlare di buriachi (penso volesse dire buriati) e ceceni con quel tono spregiativo mi sembra un discorso razzista, e quanto a mercenari e galeotti… di cosa crede che sia composto l'”esercito” degli Stati Uniti (oltre a neri, ispanici, asiatici, italiani e irlandesi)?

  • andrearossidevrgnano
    Inserito alle 19:50h, 02 Agosto Rispondi

    facendo collegamento col commento di NATALINO, anche a me sembra poco probablile che laGermania possa avere le armì segrete maggiormente distruttive. resta il fatto che +- girerebbe voce di assai discutibili teorie cospirazioniste che arrivera’ il momento (+- dopo il 2040?) che: l’Africa risolvera’ i problemi interni quando sara’ gestita dalla Germania; banche europee salveranno banche statunitensi in dissesto; futuro nuovo ordine mondiale avente guida francese e soprattutto tedesca (magari tramite presa di comando degli Illuminati di Baviera). a volte mi sembrerebbe maggiormente probabile che la Cina (e nn la Germania) diverra’ prossimamente unica potenza mondiale egemone. infatti potrebbe essere vero cio’ che è scritto su disinformazione.it in ” Coronavirus e vaccinazioni: effetti sù anima e spirito in vita e nel post mortem. Attivazioni autodifese spirituali ” marceellopamio 14 Dicembre 2021 “il vaccino usato in Cina ha molti meno problemi rispetto ai nostri!”.

  • zagar
    Inserito alle 20:25h, 02 Agosto Rispondi

    Perchè nessuno ricorda che tre mesi or sono la moglie di un compare di Zelenskij venne fermata dai doganieri ungheresi con 28 milioni di dollari in contanti stipati nelle valigie mentre tentava di espatriare? Evidentemente faceva il corriere di valuta per la cricca, mentre il suo capo, il cosiddetto democratico e libertario Zelenskij, insiste nel far massacrare esseri umani di entrambe le parti. Beh lui e moglie sono molto occupati nel pavoneggiarsi in servizi fotografici sulle riviste glamour.

Inserisci un Commento